cultura barocca
IN VERDE O IN NERO (CON DIDASCALIE) IL TESTO ANTIQUARIO IN ROSSO LE INTEGRAZIONI MODERNE Frontespizio volume a grandezza naturale = vedi poi referenze bibliografiche con indicazioni sull'autore = NOTA BENE: SE SI INTENDE LEGGERE SCORREVOLMENTE IL TESTO SENZA MODERNI APPROFONDIMENTI CRITICI CLICCARE QUI

INDICE DELL'OPERA

[ Frontespizio del I volume ]

Al Benigno Lettore

- [ Dall'opera del Bertolotti utilizzata dal Ricca, vedi qui la parte concernente con moderni contributi la città di Genova e le sue celebri dipendenze]

Lettera I "Descrizione del Porto di Genova - La Lanterna - Sampier d'Arena - Il Santuario di N. S. della Guardia - La Polcevera - Cornegliano - Sestri"

- [ I provvedimenti di profilassi, igiene e "cura" in tutto l'arco ligure contro le grandi pandemie, specie peste e poi di colera = la differenza tra tra la Peste del 1579/'80 e quella del 1656/'57 analizzata nello specifico attraverso il caso drammatico di Sestri Ponente ]

Lettera II "Pegli - Un antico Castello - Villa Pallavicini _ Villa Doria - Prà - Voltri Suoi Uomini illustri - Suo Cantiere - Il Santuario della Madonna dell'Acqua Santa - Virtù medicinali dell'acqua"

[ Non tanto nella descrizione di Genova peraltro concentrata sul porto e sul suo fervore mercantile (ove molto spazio è dedicato alla celebre Lanterna) ma specie in quella delle dipendenze di Sampierdarena, Cornigliano, Sestri, Pegli, Pra, Voltri come qui di seguito si legge, dalla Lettera I alla II, il Ricca oltre che quello del Bertolotti pare sentire l'influsso de La Rosalinda del seicentesco Bernardo Morando rappresentandole qual luoghi ameni, idonei alla villeggiatura, adornati da splendide ville]

[ Da Voltri, cui giungeva già dal 1856, il treno potè raggiungere la qui effigiata Savona, essendo finalizzata per questa tratta la linea ferroviaria solo il 19 maggio 1868 come si vede in questa litografia del Gozo = i lavori comunque presero a procedere sempre più velocemente e tra il 1865 ed il 1875 Domenico Cambiaso disegnò la crescente linea ferroviaria come si vede in merito a Porto Maurizio ed ancora qui in relazione all'areale di Bordighera = l'arrivo della linea ferroviaria a Ventimiglia nel 1871 costituì un evento epocale, anche se molto restava da fare, anche in relazione, oltre che per il crescente turismo, per lo sviluppo dei commerci, in forza dei moderni sistemi di trasporto tra grande via litoranea e strada ferrata, per i nuovi prodotti agronomici da trasportare in piazze mercantili sempre più lontane ]

Lettera III "Arenzano - Cogoleto - Ivrea - Varazze"

- [ A Varazze esistevano cantieri nel XIX secolo (vedine qui una stampa antiquaria) e con scali ben più importanti, da Genova a Savona, la località, in merito all'emigrazione, era uno dei "porti della speranza" per una vita migliore oltreoceano]

Lettera IV "Celle - Albissola - I due Sommi Pontefici Sisto IV e Giulio II - Fabbriche di Stoviglie"

- [ Dall'opera del Bertolotti utilizzata dal Ricca, vedi qui la parte concernente con moderni contributi la città di Savona e il suo areale]

Lettera V "Savona"

Lettera VI "Ancora di Savona e suoi dintorni"

- [ Il Ricca visita le eccellenze delle scuole superiori di Savona ma espone i suoi giudizi sul fatto che la città abbia più bisogno di imprenditori, industriali e mercanti dato il suo potenziale che di medici, avvocati, ingegneri, soprattutto aspiranti a pubblici uffici (come nel caso di insegnanti = (in questo altro contesto sotto forma di epitalamio o "poesia per nozze" -scritta e fatta stampare da un anonimo Professore Precario ad un amico Professore Titolare coniugatosi con una Maestra- si analizza la peculiare questione della scarsa retribuzione degli insegnanti di maniera che pur se titolare e coniugato con una Maestra il docente precario all'amico, nel caso i figli, a venire lo inducano pensare di volersi dedicare all'insegnamento, in chiusa dell'epitalamio o "Scherzo Poetico" dice = "Fammi, in grazia, un tal piacere / Dagli un calcio nel sedere")]

Lettera VII "Vado - Suo Porto - Legni che vi gettarono le ancore - Bergeggi - Sua isola e grotta - Memorie storiche - Spotorno"

-[Una lunghissima disputa entro una storia millenaria: da Vado a Savona = nell'interpretazione di G. B. Spotorno = Publio Elvio Pertinace e il luogo della sua nascita che fu non a Vado ma ad Alba Pompeia pur se il futuro imperatore romano a Vado aveva importanti interessi industriali e commerciali: analizza anche dalla Liguria antica al Piemonte: la Via Postumia]

Lettera VIII "Noli"

Lettera IX "Il Capo Noli - Varigoti - Finalpia - Finalmarina e Finalborgo"

Lettera X "Galleria di Finale - Borgio - Pietra e Loano"

Lettera XI "Borghetto - Toirano - La grotta di S. Lucia - Il Monte Varatella - Monastero dei Benedettini - Ceriale"

Lettera XII "Albenga"

- [Albenga detta anche, secondo il Ricca, da uno storico la "Roma Ligure" specie per il "Ponte Lungo" realizzato dall'Imperatore Costanzo = vedi, a differenza che nell'aea intemelia, la sopravvivenza di ponti romani nell'ingauna e di altri reperti di romanità menzionati dallo stesso Luigi Ricca]

Lettera XIII "Ancora d'Albenga - Il fiume Centa - Le rovine di due antichissimi monasteri - Il sepolcro di s. Calocero"

Lettera XIV " S. Fedele - Lusignano - Villanova - Garlenda "

Lettera XV " Una gita all'Isola Gallinaria "

[ Isola della Gallinara o Gallinaria = leggi approfondimenti critici moderni]

Lettera XVI " Alassio - Il santuario di N. S. della Guardia - Una Zingara - Lingueglia "

Lettera XVII " Il Capo Mela - Il Faro - Il Castello d'Andora - Una dimostrazione a due sposi - Il Cervo "

[VALLE DEL MERULA]

- [ Folkore Ligure (clicca e leggi lo schema generale) = qui sotto e nelle pagine seguenti il Ricca rammenta l'esempio di un "chiarivari" cui assistette ad Andora: esso avveniva sotto le finestre della casa di un vedovo passato a seconde nozze (non a caso quindi nel Ponente ligustico è nota ed apprezzata la commedia dialettale di "Gin de Stefani" emblematicamente intitolata il "Ciaravuiu") = anche se come qui si vede la descrizione più celebre letterariamente fu quella di Giovanni Ruffini nel suo "Lorenzo Benoni" ]

Lettera XVIII " Diano Marina - Diano Castello - Diano s. Pietro - Diano Calderina "

"VALLI DI DIANO"

Lettera XIX " Oneglia "

VALLE DI ONEGLIA 1 (BASSA VALLE DI ONEGLIA)

VALLE DI ONEGLIA 2 (ALTA VALLE DI ONEGLIA: SUOI COLLEGAMENTI CON LA VALLE DELL'ARROSCIA)

-VALLE ARROSCIA 1 (AREA OCCIDENTALE)

-VALLE ARROSCIA 2 (AREA ORIENTALE)

VALLE DEL MARO

[ Il torrente Impero come "antemurale" tra Oneglia e Porto Maurizio e la prima soluzione ottocentesca di questo problema con il ponte ligneo ottocentesco ]

Lettera XX " Porto Maurizio "

VALLE DI PORTO MAURIZIO (VALLE DEL PRINO)

VALLE DI CARAMAGNA

VALLE DEL PRINO [MONTE CALVARIO]: SANTUARIO DI SANTA CROCE

Lettera XX " Ancòra di Porto Maurizio "

"Nozioni su l'albero d'ulivo (estrapolate dal volume del Ricca) "

"Indice del Primo Volume"

[ Fontespizio del II volume ]

- [ Dall'opera del Bertolotti utilizzata dal Ricca, vedi qui la parte concernente con moderni contributi i vari centri della Provincia di Imperia]

Lettera I " Valle del Prino - Piani - Torrassa - Dolcedo "

Lettera II " Valle di Prelà - Villatalla - Tavole - Pantasina - Vasia - Valloria - Moltedo - Montegrosso - Artallo "

Lettera III " La valle di Civezza detta anche del Prino "

VALLE DI CIVEZZA

Lettera IV " Civezza antica "

- [ Una moderata notazione critica di Luigi Ricca al Bertolotti che nel suo libro non parlò della Valle di Civezza detta anche del Prino (vedi qui carta multimediale) cui il Ricco, essendo nativo di Civezza, risulta assai legato ]

Lettera V " Pietrabruna - Boscomare - Costarainera - Lingeglietta - Montegrande - Carpasio - Montalto "

Lettera VI " Molini - Triora - Santuario di Nostra Signora di Loreto "

- [ Triora e la "foresta dello Zeppo", come scrive il Ricca qui sotto, estesa sì che i lupi" - come scrive il Ricca - han preso ivi il proprio covile" ed in effetti i lupi ma non solo, anche i lupi cervieri (la lince), gli orsi costituirono a lungo un problema per la civiltà rustica, talora spingendosi sin alla riva del mare: sì da rendere necessarie talora battute di cacciatori destinati a ricevere, in caso di successo, un compenso ad opera delle Comunità ]

Lettera VII " Badalucco e le rovine di Campo Marzio "

- [ Utilizzando la Cartografia attiva del Castello o Rocca di Campomarzio si studi dalla stampa digitalizzata e dalle didascalie e piedi della stessa la storia dell'urto tra Barbari e Bizantini]

Lettera VIII " Taggia - Case religiose - Castellaro - Santuario di N. S. di Lampedusa"

VALLE ARGENTINA (BASSA E MEDIA VALLE)

VALLE ARGENTINA (ALTA VALLE)

VALLE DEL S.LORENZO (CENTRI DI CONVALLI TRA ARMA DI TAGGIA E S.LORENZO)

[VAL VERDEGGIA - VALLE VERDEGGIA : ALTA VALLE ARGENTINA ]

FOLKLORE DI LIGURIA OCCIDENTALE = In LIGURIA OCCIDENTALE, è interessante in merito ad un possibile retaggio di CULTURA SCIAMANICA una festa che ha luogo in valle Oxentina, nel territorio di Taggia, presso il SANTUARIO DI S. MARIA MADDALENA DEL BOSCO. Qui, ogni anno, verso la fine di luglio, ha luogo il così detto BALLO DELLA MORTE, di cui sono protagonisti due giovani: il MASCHIO e la LENA (diminutivo di Maddalena), che interpretano un duetto amoroso, al momento culminante del quale la donna si accascia a terra. L' UOMO si dispera, ma la gente raccolta intorno intona una canzone per annunciare come la RAGAZZA NON SIA MORTA, MA SOLTANTO ASSOPITA. Infatti, nel momento in cui le viene accostato al volto un RAMO DI LAVANDA, si riprende e si lancia in un ballo vorticoso, imitata dagli astanti. Alla luce di quanto abbiamo visto, verrebbe da congetturare dietro una simile tradizione (che ha senz'altro subito molti aggiustamenti nel corso dei secoli) una ORIGINARIA ESIBIZIONE ESTATICA, del tipo delle immaginarie discese al regno dei morti]

- [ Dal Ms. Borea qui digitalizzato e soprattutto integrato da collegamenti multimediali si legge qui descritto il terremoto del 1831 e i centri colpiti drammatica anteprima dello spaventoso cataclisma tellurico del 1887 = i danni seri non mancarono nemmeno nel 1831 e qui si possono vedere ruderi causati dal sisma a Pompeiana - località Costa Panera ]

- [ Luigi Ricca e il Santuario di N. S. di Lampedusa]

- [ Alarico aveva mosso le armate profittando dell' inverno contro le trepidanti città liguri e poi il tempo, con i ruderi, cancellò anche ogni notizia sui ponti distrutti dai Barbari nella Liguria ponentina ai confini tra Italia e Gallie, mentre è noto che si salvarono e vennero anche restaurati ad opera di Flavio Costanzo i ponti romani nell'ingaunia e nell'agro savonese. I disagi sulla litoranea nel Ponente Ligure furono durevoli nei secoli e solo con la napoleonica "Strada della Cornice" poi caduta in degrado fin ai restauri sabaudi, i tragitti nel Ponente divennero praticabili in carrozza ma ardui specie per la carenza di ponti adeguati al viaggio. Per esempio, benché celebre, non era carrozzabile il Ponte medievale sull'Argentina di Taggia donde il "Dottor Antonio" nell'omonimo romanzo di G. Ruffini mostrò a Lucy Davenne il borgo di Castellaro nel corso del viaggio al Santuario di N. S. di Lampedusa = lo si può analizzare qui in un contesto, anche iconografico, più esteso e per via di ragionamenti distinti valutando quanto si adoprò il deputato sabaudo Fruttuoso Biancheri avvocato di Camporosso per la realizzazione del nuovo ponte carrozzabile ad Arma sull'Argentina nel piano del perfezionamento della strada litoranea ligure (il Ricca ama molto Taggia che definisce culla di uomini illustri ma la celebra anche per la storia e la natura, specie della sua pianura ove sorgono a guisa di bosco, fichi, pesche, mandorli, peri, ciriegi, aranci, melogranati, abbelliti da rigogliose viti a festoni, che fanno incurvare i loro rami fino a terra, e sopra tutto ulivi giganteschi, che formano una variazione piacevole: l'autore rammenta però pure un suo dispiacere e cioè che al pari di altri casi e di altri stranieri gli Inglesi, a suo parere, si siano in qualche modo "impadroniti" della figura di Giovanni Ruffini e delle sue opere ) = contestualmente Luigi Ricca analizza anche la vasta trattazione condotta dallo stesso deputato relativa al territorio intemelio concernente in particolare il Ponte carrozzabile alla foce del Nervia e ...come pure di variare e rimediare la pericolosa discesa che esiste nella città di Ventimiglia, dalla parte di levante... ]

Lettera IX " S. Lorenzo - Cipressa - Santo Stefano - Riva - Arma - Pompeiana - Bussana - Poggio - Ceriana e Costabalene "

[ Capo Don - Capo Don: dal romano al paleocristiano (ritrovamenti archeologici: Complessi basilicali - Necropoli paleocristiane)

- [ La stazione stradale romana di "COSTA BALENA (anche BELENI, BALENAE)" = vedi qui i rinvenimenti in forza dei lavori della moderna strada litoranea = visualizza specificatamente la "RELAZIONE STORICA ARCHEOLOGICA DEL CANONICO V. LOTTI ma dopo le sue postulazioni leggi anche la posteriore RELAZIONE DI F. MOLON] ]

- [ Del CENOBIO BENEDETTINO DI VILLAREGIA il Ricca ha varie nozioni pur non sapendo spiegarsi il toponimo = egli cita qui la rilevanza del recupero agronomico dei Benedettini con il sistema colturale della GRANGIA caratterizzato da una variegata tecnica di terrazzamenti ed irrigamenti (con tecniche poi riprese da coloni laici) resi possibili da condotti interrati quanto da PONTI CANALI (ACQUEDOTTI) COME QUESTO i cui reperti si riscontrano tuttora a Pompeiana vale a dire una delle terre su cui i monaci esercitarono notevole influenza ]

- [ Il cenobio benedettino di VILLAREGIA di cui si parla anche nelle pagine precedenti: vedi poi nel IX secolo le devastazioni dei Saraceni prima della loro sconfitta. Il Ricca continua ad usare l'espressione Saraceni per gli invasori della flotta turchesca in tutto il Ponente Ligure nel cui contesto si affermò il valore di Taggia vittoriosa sugli invasori tanto che il successo venne celebrato con un poemetto di "Nofaste Sorsi". Per un quadro generale sulla ripetute invascioni turchesche o barbaresche, ma ancora denominate saracene dal popolo e non solo, vedi qui = * - FRANCESCO I, CARLO V, SOLIMANO IL MAGNIFICO = L'ASSEDIO DI NIZZA SABAUDA = 1 - LA "SERENISSIMA REPUBBLICA DI GENOVA" e in dettaglio vedi qui un percorso multimediale tra le FORZE ARMATE che contrapponeva agli invasori tra XVI e XVIII secolo (analizza qui l'importanza della milizia nazionale non retribuita, dei " militi villani, scelti ed ordinari ", che spesso si rese più efficiente delle truppe mercenarie o stipendiate = vedi il caso esemplificativo di Vallebona) - 2 - LA FLOTTA IMPERIALE TURCA D'OCCIDENTE, I BARBARESCHI, IL SISTEMA DIFENSIVO DELLE TORRI - 3 - "INVASIONI BARBARESCHE IN LIGURIA" (XVI SEC. invasioni da San Remo e Taggia sul litorale e non sino a San Lorenzo = cartografia interattiva) - 4 - ANDREA DORIA "PADRE DELLA PATRIA" E L'AMMIRAGLIO TURCHESCO "BARBAROSSA" = LE "VIE DELLA GUERRA E DELLA DIPLOMAZIA IN MERITO AGLI ASSALTI TURCHESCHI AL PONENTE DI LIGURIA" - 5 - ANDREA DORIA = LE AMBIGUITA' DI UN "PADRE DELLA PATRIA" A FAVORE DEL POTENZIAMENTO DEL PROPRIO CASATO E LE OSCURITA' DI UN DELITTO DI STATO COINVOLGENTE I GRIMALDI DI MONACO E I DORIA DI DOLCEACQUA

Lettera X " Capo Verde ed il Santuario di Nostra Signora della Guardia - Sanremo - Il Santuario di Nostra Signore della Costa - Il Leprosaio - Un antico cenobio de' Benedettini "

[ Sanremo ed il Santuario della Costa vedi quindi il Lebbrosario fatto edificare da Carlo Alberto il solitario antico Cenobio attribuito ai Benedettini ove si recò come si legge qui nell'opera di Luigi Ricca il conte e patriota veneziano Vincenzo Toffétti che fece edificare, nelle vicinanze dell'antico cenobio, due edifici ed una piccola chiesa per condurre nel luogo solitario una vita solitaria, lontano dagli intrighi della vita politica e di relazione.]

VALLE - VALLI (DA SANREMO AL TERRITORIO DI DIANO)

- [ Qui riprende il Ricca un luogo letterario -in effetti cita il Giustiniani- che fu di Angelico Aprosio in merito ai moscati di Taggia e di Ventimiglia = leggi qui le considerazioni di moderni specialisti sulla crisi ma anche sul lento recupro attuale di questi vini divenuti come suol dirsi "di nicchia"]

- [ Manoscritto Borea = "Cronache di Sanremo e della Liguria Occidentale" (integralmente digitalizzato e reso multimediale da Cultura-Barocca) ]

Lettera XI " La Città di Sanremo - Ospedaletti - La Madonna della Ruota - La pesca del Corallo - La Baia - Acque termali - Bordighera - Un antico cenobio de' Benedettini - S. Ampeglio "

VALLE (-I) DI BORDIGHERA

VALLE ARMEA: E LA LINEA DI COSTA TRA OSPEDALETTI E ARMA DI TAGGIA

- [ Il terrore storico della lebbra ed il Lebbrosario (Leprosaio) di Sanremo (trattato dalla pagina qui sotto in poi) ma anche i provvedimenti di profilassi, igiene e "cura" in tutto l'arco ligure contro le grandi pandemie, specie peste e poi di colera = la differenza tra la Peste del 1579/'80 e quella del 1656/'57 ]

- [In questa e nelle pagine seguenti = la Madonna della Ruota e la pesca del corallo ma anche la sorgente solforosa del Montenero ]

- [ Lasciando Bordighera il Ricca viene ragguagliato come si legge a fondo di questa pagina del rientro a Roma dalla "cattività francese" voluta da Napoleone da un contadino che gli mostra una lapide che ne rammenta sosta e passaggio = sull'evento però dati molto estesi riguardano la sosta e il passaggio del Sommo Pontefice in San Remo/Sanremo come si evince dal manoscritto Borea ]

- [Dalla letteratura del '600 al Dottor Antonio di G. Ruffini una tradizione latteraria e non solo che ha conferito a Bordighera la nomea di "città più inglese d'Italia" = vedi la Strada della Cornice ed il "Grand Tour" e quindi da una Carta settecentesca di queste contrade procedi sin a Nizza e Monaco nel XIX secolo]

Lettera XII " Seborca - Perinaldo - S. Biagio - Sasso - Vallebona - Vallecrosia - Pigna - Rocchetta - Apricale - Isolabona - Acque termali di Pigna - Dolceacqua - Camporosso - San Rocco "

VALLE DI VALLEBONA O DEL RIO BATALLO

VALLE DEL CROSA O VERBONE (VALLE DI VALLECROSIA)

[CONSIDERAZIONE SULL'IDRONIMO VERVONE = I TOPONIMI VERNONE - VERVONE]

VALLE DEL CROSA O VERBONE (VALLE DI VALLECROSIA): PROBLEMI DI APPROVVIGIONAMENTO IDRICO

[ Il Ricca dopo aver citato ad Isolabona presso il Castello una sorgente solforosa a suo giudizio citata anche da alcuni studiosi risale in alta val Nervia a Pigna dedicando da qui, come sotto si legge, molta attenzione ad una sorgente termale da identificare con quella di Lago Pigo di cui parla poi diffusamente anche auspicandone una valorizzazione = a sua differenza il Bertolotti nel proprio libro sulla "Liguria Marittima delle 8 Province invece citò in questo areale due sole sorgenti termali vale a dire quella di Pigna ed ancora quella del Montenero interagente con la Madonna dalla Ruota (scorri le pagine). Il Ricca, che denota (come in occasione della sorgente solforosa presso Genova del Santuario dell'Acquasanta (pagina 25)) un particolare interesse per le acque terapeutiche, visitando i ruderi romani di Nervia e compiangendone la sorte si augura l'arrivo di un ingegnere specialista in archeologia per riesumare le antichità e quindi afferma come al momento probabilmente sui reperti di romanità via sia un raffinato stabilimento balneare di proprietà di un conte (ora scritto Mouchi ora Monchi, per chiaro errore di stampa) in grado di fruire di acque solforose, ferruginose e salse di notevoli proprietà terapeutiche sia in virtù dei bagni che dell'ingestione ]

[ In quella sorta di diario di eventi, personali e non, dello storico locale Girolamo Rossi, intitolato Memoriale Intimo ed edito su iniziativa, nel 1983, della Cumpagnia d’i Ventemigliusi, in collaborazione con l’Istituto Internazionale di Studi Liguri a titolo meramente cronachistico l'autore annota:
"1852 - Oggi viene deliberata al sign. Becchi di San Remo l’impresa di costruire il ponte, ormai irrinunciabile, data anche la realizzazione della nuova litoranea, alla foce del torrente/fiume Nervia" che ai tempi del Bertolotti il quale ne scrive nel 1834, ricorrendosi a perigliose o provvisorie soluzioni per guadarlo, aveva due soli ponti uno a Camporosso ed un secondo, assai più celebre, a Dolceacqua = sembra davvero che le postulazioni e le interpellanze del deputato sabaudo avvocato Fruttuoso Biancheri di Camporosso vadano in porto in merito all'assetto stradale tra Nervia e Ventimiglia (del resto, pur con un accenno a precedenti gravi incidenti, il Ricca ha buon gioco nel suo discorrere sull'opportunità di realizzare ponti ad integrazione della direttrice costiera = da poco era era infatti avvenuto, con una persistente risonanza nell'opinione pubblica, un gravissimo incidente "guadando" una diligenza un corso d'acqua minore tra Diano e Cervo) . Il Ricca, non menziona il ponte sul Nervia [ frazione intemelia che prescindendo dagli scavi archeologici auspicati dal Ricca gradualmente si evolverà in centro importante, specie come nodo viario, ma fa comunque molte citazioni utili tra cui la rattificazione del tratto vallecrosino della romana Iulia Augusta o del suo ormai misero tracciato con la strada fatta dal Governo Francese e in atto di finalizzazione sotto i Savoia (al fine anche di evitare una deviazione, per accedere mancando di ponte il Nervia alla foce, al sito di Camporosso, tramite la "strada di e per Camporosso" e quindi al tragitto di val Nervia oppure proseguendo per la via della Tramontina conducente all'altura delle Maule Maure -San Cristoforo/San Giacomo- donde era fattibile un pur tormentato accesso alla città sempre che non si intendesse aggirare la città procedendo alla volta di Bevera, Latte e quindi dell'areale francese )] come qui e altrove si legge scritto dal Ricca, citando pure l'autore altre imprese pubbliche in corso di finalizzazione (quale il nuovo ponte sul Roia, così come già avenuti, la variazione ed il rimedio di quella pericolosa discesa che esiste nella città di Ventimiglia come ancora reiteratamente chiese nelle sue pregresse interpellanze parlamentari F. Biancheri ipotizzando con una battuta al vetriolo che il mancato intervento ministeriale per la risoluzione di quel problema viario per tutti periglioso fosse dovuto all'intenzione governativa di non creare problemi al Giardino delle Abbadesse di Sant'Antonio e al libero passaggio della retroporta del Palazzo Vescovile) o in essere e progettate e comuque di prossima realizzazione a Ventimiglia compresi, alla maniera che scrive e qui si può leggere, i lavori per la "strada rotabile, che fra non molto si collegherà colla corriera di Breglio per il Piemonte e fra breve si darà opera ad altro nuovo ponte in ghisa per la strada ferrata "]

Lettera XIII " Avanzi dell'antica città Nervina - Nuovo stabilimento balneario - Chiesuola sacra a S. Secondo - Il nuovo Ponte "

VALLE DEL NERVIA 1 (ALTA VALLE): VAL NERVIA - VALLE NERVIA - VALLE NERVINA

VALLE DEL NERVIA 2 (BASSA E MEDIA VALLE): VAL NERVIA - VALLE NERVIA - VALLE NERVINA

VALLE DEL NERVIA - VAL NERVIA (ESPERIMENTO DI VIAGGIO MULTIMEDIALE - INTERATTIVO)

- [Il Ricca cita l'antichità di Ventimiglia ma i grandi rinvenimenti archeologici non sono ancora evidenti dipendendo dalle ricerche di Girolamo Rossi posteriori al suo viaggio (tuttavia pare strana questa non conoscenza dell'attività del Rossi -Ventimiglia, 4 novembre 1831/Ventimiglia, 6 marzo 1914- archeologo, storico, numismatico, farmacista e insegnante di italiano tra altre cose, al tempo del viaggio del Ricca, già autore della Storia della città di Ventimiglia : dalle sue origini ai nostri tempi, Torino, Tip. economica, 1857 ed ancora della Storia della città di Ventimiglia : dalle sue origini sino ai nostri tempi scritta da Girolamo Rossi provveditore agli studii nel collegio di detta città Torino, Tipografia Cerutti, Derossi e Dusso, 1859 pur se l'opera definitiva del Rossi sulla "Storia intemelia compresa la romanità con relative scoperte" dati del 1886 per l'eidtore Ghilini di Imperia ): per questo misconoscenza(?) l'autore di Civezza preferisce non addentrarsi troppo in una materia che definisce "spinosa" dando quasi l'impressione di non volersi non mettersi in urto sia con i sostenitori del centro demico romano principale a Ventimiglia alta o sia con i teorici del principale complesso romano a Nervia (anche se il Rossi stava già conducendo a Nervia peraltro visitata dal Ricca con registrazione di dati poi comunicati dal Rossi entro questa lettera al Mommsen in cui attribuisce all'Aprosio l'individuazione del sito originario della città romana di Ventimiglia) = egli visita comunque, come qui sotto si legge, la cattedrale ove si trova un importante reperto romano come la lapide a Giunone Regina e del pari la chiesa di San Michele = qui poi, senza che il Ricca si soffermi sul tema, vale la pena con questa occasione di rammentare la peculiarità della Diocesi di Ventimiglia nota altresì come Diocesi di Frontiera o Diocesi Usbergo alla maniera che scrisse il Valsecchi e quindi la sua singolarità a fronte delle altre Diocesi di Liguria]

Lettera XIV " Ventimiglia "

-VALLE - VALLI (DA VENTIMIGLIA A SANREMO)

[Ben informato su varie cose di Ventimiglia tra cui i lavori per il complesso viario e il facimento del ponte nuovo sul Roia il Ricca dimostra a differenza del Navone di non aver visitata la Biblioteca Aprosiana rifacendosi ad un giudizio oltremodo pessimistico del Tiraboschi (pagina 109, nota 1) ed oltre a ciò risulta abbastanza disinformato su Angelico Aprosio -anche per i dati biografici- citando solo due fra le tante opere da lui scritte, e nemmeno le più importanti, ed attribuendogli, certo per una svista, il "Trattato sulle macchie solari" opera invece di Galileo tuttora custodita alla Biblioteca Aprosiana-Fondo Antico]

Lettera XV " Escursione nella valle del Roia - Bevera - Airole - La Rocca della Piena "

VALLE DEL ROIA (SOLO LA BASSA VALLE ITALIANA)

VALLE DEL BEVERA E AREE CIRCONVICINE

[Mulini e Bedali ma anche Segherie e fluitazione di tronchi di legno trasportati dal Roia]

Lettera XVI " Festa della società degli Operai - Latte - Pesca delle acciughe - Il Ponte di s. Luigi - Limite del Regno d'Italia "

- [ A - Latte, la villeggiatura per eccellenza dei facoltosi di Ventimiglia ma non solo: anche da lontano ci si recava a Latte per resirarne l'aria buona e goderne il mare vedasi il caso della poetessa Camilla Bertelli ne' Martini di Nizza e di suo figlio, amici stretti di Angelico Aprosio ]

- [ B - Il vescovo intemelio Mascardi (1710-1731) riducendo le prebende di Nervia e di S. Vincenzo diede grande impulso a quella di LATTE ove fece costruire un palazzo vescovile per la villeggiatura nel 1720 facendo apporre nella scala della bella costruzione l'iscrizione "Carlo Maria Mascardi/ Vescovo intemelio/ a sue spese questa casa nel 1719/ fece erigere dalle fondamenta/ e la ralizzò compiutamente nell'anno 1720/ per maggior gloria di Dio/ e comodità dei suoi successori" ]

- [ C - Sulle supposte "ville romane di Latte" giunge ora una necessaria integrazione atteso il fatto che, per tradizione popolare e culturale, in un suo podere di Latte sarebbe stata uccisa in forza della guerra dei tre imperatori del 68-69 Iulia Procilla madre di Iulio Agricola generalissimo di Vespasiano e conquistatore della Britannia ]

- [Luigi Ricca ( clicca eventualmente qui, sul volume "Viaggio da Genova a Mentone" del Ricca, per scegliere una digitalizzazione più snella senza aggiunte critiche moderne) parla qui del nuovo limite d'Italia rispetto alla Francia con nuova frontiera (vedi immagini) e pur garbatamente dimostra dolore per la cessione di Nizza alla Francia di Napoleone III in forza degli accordi di Plombiers (vedi documenti d'epoca) per l'intervento dell'Imperatore dei Francesi a fianco di Vittorio Emanuele II nella Seconda Guerra di Indipendenza contro l'Austria = l'autore continua comunque il suo viaggio, osservando con malinconia località che appartenevano alla Liguria delle Otto Province (descritta dal Bertolotti) entro lo Stato Sabaudo dopo i deliberati del Congresso di Vienna. Alcune notazioni sottolineano siffatto rammarico tra cui l'insistenza sulla storica italianità di Nizza e sulla difficoltà dei Francesi nel trasformare nella loro lingua tanta onomastica nizzarda di assoluta antichissima ascendenza italiana]

- [ Procedendo, con una pausa a LA TURBIE, da NIZZA a MONACO sin a raggiungere MENTONE e quindi proseguire in direzione dell' ITALIA: VEDI IL PONTE S. LUIGI ED IL SUO AREALE]

- [LUIGI RICCA esterna il suo dolore per la perdita di Nizza e del suo vasto areale = quasi subito cita il CLIMA DI MENTONE come espressione dello splendido e salutifero clima della Riviera ligure che lui reputa nostalgicamente ancora italiana sin a Nizza e cita un PERIODICO DI MENTONE in cui sono registrate le ESALTAZIONI DI TANTI STRANIERI A VANTAGGIO DEI PREGI CURATIVI DI SIFFATTO CLIMA ma nemmeno manca di lanciarsi in una polemica, a lui non solo nota, con il letterato francese JOSEPH MERY REO DI AVER DEFINITO L'TALIA UN OSPEDALE ]

- [ Carta multimediale del territorio otre il confine italiano in cui tutte le voci sono attive comprese le località dell'areale nemmeno escluso il Principato di Monaco (basta cliccarvi sopra)]

Lettera XVII " Le tre vallicelle di Gorbio - Boirigo - Carey - Capo Martino - Monaco"

-(LA) VALLE DELLE MERAVIGLIE E IL MONTE BEGO: LE INCISIONI RUPESTRI E I CULTI PREISTORICI CON RIFERIENTO AL SITO DEI BALZI ROSSI ANCORA SOTTO GIURISDIZIONE ITALIANA

- [ A: Botanica = il recupero agronomico dei Benedettini dopo le devastazioni saracene con il sistema Colturale della GRANGIA passato poi ad agricoltori non religiosi in forza dei MURI A SECCO e dei TERRAZZAMENTI

- [ B: Botanica = Luigi Ricca incontra due botanici che acclarano l'importanza e rarità vegetale di questo ambiente rurale: cosa peraltro già testimoniata da autori cinque-seicenteschi (di cui in didascalia si propongono digitalizzate le opere)]

Lettera XVIII " Cenni storici sul Principato di Monaco "

Lettera XIX " Turbia e il Monumento di Cesare Augusto "

- [ Come appare oggi il grande mausoleo di Augusto e, per i danni del tempo ma anche per le esigenze dei vari tempi, le ipotesi delle sue trasformazioni attraverso i secoli ]

Lettera XX " Il Santuario di Nostra Signora del Laghetto - Storia e vicenda del sacro luogo "

-[ I tempi cambiano od almeno cominciano a cambiare...per uomini ma anche per donne = l' immagine dei primi '900 raffigura un gruppo di allieve dell' Istituto femminile di Maria Ausiliatrice della cittadina ligure di Vallecrosia (vedi cartografia digitale dell'areale tra i cardini di Vallecrosia Moderna, Bordighera, Seborga, Perinaldo) in occasione (sfruttando la nuova Strada Costiera, la "Strada della Cornice" iniziata da Napoleone I, quindi potenziata e finalizzata dal Regno Sabaudo fin a diventare una strada di primaria importanza per tutto l'arco ligure ed oltre sin in Francia) di un viaggio [ su "piccola" ma importante parte della linea turistica fascinosa di quel Grand Tour scoperto per primi dagli stranieri, Inglesi in primis sospeso in particolare tra Provenza, Alpi Marittime e Riviera di Ponente cui molto dopo lo scrittore A. Aniante sublimò in un suo libro per i tanti artisti suoi sodali da Matisse a Picasso e via dicendo che avrebbe attratto ] al "Santuario di N. S. del Laghetto (Notre Dame du Laghet) " bella e spirituale località sita nel retroterra transalpino alle spalle di Monaco e La Turbie come qui si vede in cartografia multimediale (Archivio dell' Istituto = imm. edita come le restanti nel volume a più mani Vallecrosia...., anno 1984 )]

Lettera XXI " Esa - Villafranca - Nizza "

Nella stampa ( clicca eventualmente qui, sul volume "Viaggio da Genova a Mentone" del Ricca, per scegliere una digitalizzazione più snella senza aggiunte critiche moderne) da incisione anonima (mm.560 x 588) su disegno di Giovanni Tommaso Borgonio del 1675 [tratta dal "Theatrum Sabaudiae"] si nota il NUCLEO DEMICO DI NIZZA che costituiva un'importantissima base marittima sabauda sul Mediterraneo

- [ Esa - Villafranca - Nizza: carta multimediale in cui tutte le voci sono attive comprese altre località dell'areale nemmeno escluso il Principato di Monaco (basta cliccarvi sopra)]

- [ Nizza, importante base portuale sabauda = vedi la sua storia lunga e complessa ]
- [ Il Ricca cita qui la straordinaria produzione agronomica del nizzardo elencando viti, ulivi, aranci, palme, mandorli, cedri, fichi, granati, pistacchi, giuggioli, capperi ]

- [ Ma il vero tesoro agronomico del nizzardo nell'epoca è l'olio = nel contesto di un progetto genovese di commercializzazione con l'Australia Nino Bixio in merito, in una lettera del 1856, scrisse = "L’olio di Lucca in fiaschi non è noto e non si guadagna: quello di Nizza piace, ma disgraziatamente non è il momento migliore, è una merce che si vende benissimo in primavera ed estate e non in autunno" ]

- [ Il Varo (Var) nella romanità e non solo storico discriminante tra Italia e Gallie (Francia) ]

Lettera XXII " Cimella - L'anfiteatro e il tempio d'Apollo"

Per la lunga dominazione sabauda Cimiez era giudicata italica, come da opinione tra molti eruditi, anche ai tempi dell'Impero di Roma essendo invece nella complessa configurazione amministrayiva della Gallia il "corridoio" tra la Turbia ed il Varo incluso nella Provincia delle Alpi Marittime con capitale appunto Cemenelum che, governata da un prefetto, poi procuratore, di nomina imperiale, svolse il duplice scopo di fungere da cuscinetto strategico tra Gallie ed Italia e di romanizzare le popolazioni da poco vinte argomento su cui risulta ben informato come qui si legge il Ricca

- [Collezionismo antiquario = Luigi Ricca dimostra come anche a Cimiez si pratica il collezionismo antiquario non legale alla stregua di quanto, benché già esperito, dopo gli scavi di Ventimiglia Romana ad opera di G. Rossi diverrà frequente nell'italica città frontaliera]

Lettera XXIII " Piazza e Convento dei Francescani - il Cimitero"

Nella sua visita alla città di "Cimella" (la romana Cemenelum: vedi cartografia interattiva dell'areale) dopo essersi recato ad un Convento di Francescani ed aver passeggiato entro l'annesso cimitero Luigi Ricca narra di esser stato condotto dalla sua guida presso un convento di Cappuccini intitolato a S. Bartolomeo e da lì poi accompagnato, per un percorso di pochi chilometri, ad una "valle oscura", pure nominata "valle del Tempio, o dei Templari" ove, come scrive, vide "...la fontana del tempio, ove i Templari ebbero la residenza di che veggonsi ancora i resti..." mentre all'intorno erano solo rovine, fatta eccezione per la presenza nel chiostro di un sarcofago ed una lapide = in nota precisa poi come la loro presenza fu anche rammentata poeticamente ne "La Valle dei Templari" di cui qui si propone la digitalizzazione da testo antiquario ( da Poesie postume di Diodata Saluzzo contessa Roero di Revello..., Torino, Tipografia Chirio e Mina. 1843) ad opera, come suggerisce il titolo conferito alla raccolta poetica, della letterata Diodata Saluzzo Roero autrice legata alla poesia delle rovine, ma anche lugubre e sepolcrale, che fu di molti all'epoca, tra cui l'allora celebre letterato Luigi Biamonti di San Biagio della Cima (vedine qui varia documentazione compresa la lapide celebrativa della morte riportata dal Bertolotti) che indubbiamente influenzò
Ugo Foscolo per la stesura del "Dei Sepolcri"
Cemenelum era una splendida città romana, con attestati di sofisticata vita romana come questo svanita nell'oblio dei secoli dopo i danni dei barbari e quindi dopo la distruzioni causate dalle invasioni saracene, seppur in seguito alla sconfitta di questi ultimi divenne in qualche modo con la vicina Nizza, uno dei primi punti di riferimento per il I tragitto, provenendo da Ventimiglia, verso il Santuario per Santiago di Compostela. Della sua grandezza ai tempi di Roma imperiale si riconoscono ancora vari reperti di romanità tra cui resti delle terme e del decumano ma di cui rinvenendosi sepolcri Diodata Roero Saluzzo compose questa altra lirica ispirata al tema delle rovine e della dispersa grandezza

" Conclusione "

"Io vi ho descritto questa riviera occidentale come un piccolo mondo in miniatura favorito dalla natura, con i suoi monti tagliati in forma di terrazzo, sistemati da muri a secco, ove il fico, il pesco, il mandorlo abbelliscono questi pensili orti, e la vite vi stende le sue allegre ghirlande e l’ulivo si inchina sotto il peso delle pingui sue frutta
(pag. 186, vol. II)]

" Indice del secondo volume "


Informatizzazione di B. E. Durante per il sito informatico Cultura-Barocca

CLICCA QUI SULLE FRECCE PER RITORNARE AL FRONTESPIZIO A DIMENSIONE NATURALE E ALLE REFERENZE BIBLIOGRAFICHE