cultura barocca
GENOVA MERCANTILE E MONUMENTALE

GENOVA MERCANTILE E MONUMENTALE IN UN ROMANZO DEL '600

INDICE ALFABETICO-TEMATICO

***********************************************************************************************************

A-UN ROMANZIERE GENOVESE ED UN SUO LIBRO: LA "GRANDEZZA DELLA REPUBBLICA NEL '600"

B-UN ROMANZIERE GENOVESE ED UN SUO LIBRO: A "TAGGIA" LA "CONVERSIONE" D'UN CALVINISTA INGLESE, A "VENTIMIGLIA" IL SUO "ATTO DI FEDE"

*********************************************************************************************************

1-IL ROMANZIERE: BERNARDO MORANDO
2-IL ROMANZO: "DELLA ROSALINDA" (LEGGILO QUI DIGITALIZZATO CON INDICI MODERNI)
3-IL ROMANZO E LA SUA TRAMA
4-NEL ROMANZO L'ESALTAZIONE DI "GENOVA MERCANTILE E MARINARA"
5-SCONTRI DI PENSIERO ECONOMICO: DIFFERENZA FRA "NEGOZIAZIONE" E "MERCATURA" (I "GRANDI LIGURI" QUALI "NEGOZIATORI" E NON QUALI "MERCANTI")
6-SPLENDORE DI GENOVA E DEL DOMINIO LIGURE NELLE PAGINE DEL ROMANZO
7-SPLENDORE DI GENOVA MONUMENTALE: LE "GRANDI MURA NUOVE"
8-SPLENDORE MORALE DEI GENOVESI E DEI LIGURI
9-SPUNTI DEL DIBATTITO POLITICO-ECONOMICO GENOVESE TRA "GIOVANI" E "VECCHI"

**********************************************************************************************************

1-LA CONVERSIONE D'UN CALVINISTA INGLESE MATURATA A TAGGIA
2-LA CONVERSIONE D'UN CALVINISTA INGLESE VIENE SANCITA DA UN "ATTO DI FEDE" E DA UN'"ABIURA" ORCHESTRATA DA ANGELICO APROSIO NELLA CATTEDRALE DI VENTIMIGLIA
3-ANGELICO APROSIO, VICARIO VENTIMIGLIESE DELL'INQUISIZIONE, ORCHESTRA UN ATTO DI FEDE

**************************************************************************************************************

La ROSALINDA [ La Rosalinda, in Opere del Conte Bernardo Morando, IV, Barochi, Piacenza, 1662] del genovese BERNARDO MORANDO (Sestri Ponente 1589 - Piacenza 1656), con cui Angelico Aprosio ebbe lunghissima corrispondenza, è oggi un romanzo senza lettori e i pochi esemplari superstiti sono quasi pezzi da museo.
La sua fortuna nasce e tramonta nel '600, epoca in cui vive splendori di effimera celebrità una tradizione romanzesca i cui prodotti, respinti dalla posteriore critica letteraria, sono ormai difficilmente reperibili, costringendo il bibliofilo ad autentiche indagini tra i meandri di biblioteche, scaffali, cataloghi d'antiquariato e no [D. BIANCHI, B. Morando prosatore. B. Morando verseggiatore, in Atti dell' Accademia Ligure di Scienze e Lettere, 1959, pp. 110-22 - E. CREMONA, Bernardo Morando, poeta lirico drammatico e romanziere del Seicento, Piacenza, 1960 - D. CONRIERI, Il romanzo ligure dell' età barocca, in Annali di Sc. Norm. Sup. di Pisa, IV, 3, 1974, pp. 1074-88 - Romanzieri del Seicento, a. c. di M. CAPUCCI Torino, 1974, pp. 44-48, 529-572].
L'autore è nel suo secolo, una figura letteraria e sociale di un certo rilievo. Di origini mercantili si trasferisce a Piacenza nel 1612 per sbrigare alcuni oneri commerciali della famiglia; il soggiorno diviene col tempo stabile residenza nella città che, con Parma, costituisce il ducato dei Farnese.
l meriti mercantili, politici e soprattutto letterari lo rendono gradito ai duchi Odoardo (1622-1646) e Ranuccio II (1646-1694) che lo gratificano nel '49 dell'ascrizione alla nobiltà locale, investendolo nel 1652 del feudo di Montechiaro.
La Rosalinda non è l'unico lavoro di Bernardo Morando ma è certamente il più noto e, per alcuni versi, quello che meglio riflette la collocazione ideologica dell'autore.
Il racconto, tra instancabili digressioni moralistiche, narra le peripezie di due giovani cattolici, Rosalinda figlia di Sinibaldo, mercante genovese trapiantatosi a Londra, e Lealdo, che fuggono dall'lnghilterra antipapista dove, dopo il sovvertimento delle istituzioni religiose, si sta concretizzando anche quello dei valori etico-sociali attraverso la condanna legale del re Carlo I: logicamente la narrazione filocattolica è ad una sola direzione, non vi è traccia nel romanzo del "cammino alla rovescia", quello dei pur non numerosi cattolici che lasciatasi alle spalle l'Italia e la Chiesa romana cercano una terra ospitale per le loro nuove idee riformate (per esempio fu il caso del letterato Giovan Francesco Biondi).
L'urto colle brutture di una storia alterata dalle violenze umane porta i due giovani, dopo innumerevoli avventure, separazioni e ricongiungimenti, a rifiutare il disordine morale di un mondo che non comprendono ed a cercare la quiete dell'animo nella pace dei silenzi claustrali.
Indubbiamente il cattolicesimo e il connotatore primario delI'opera, ma non sotto la specie di un fideismo dinamico, di matrice controriformista, che presuppone autentiche crociate contro l'"idra protestante".
Di tale religione il Morando recupera piuttosto la funzione consolatrice, la capacità cioè di portare un'anima sgomenta, attraverso una lenta meditazione, alla quiete spirituale o, nei casi estremi, a quella felicità tutta interiore ed individuale che offre la vita del convento.
Ma è soprattutto assente nel romanzo lo spagnolesco ribrezzo di casta, non raro tra gli intellettuali del tempo, per il mondo operoso dell'alta e media borghesia; anzi, secondo il Morando, la sublimazione sociale consiste in una nobiltà che sappia mantenersi vitale attraverso attività commerciali di vasta portata.
In un dialogo tra il barone Crisauro ed il conte Edemondo l'autore codifica la condizione esistenziale dei Genovesi come teorici di attività commerciali planetarie sui parametri del concetto di Negoziazione che ben distingue da quello, spesso confuso col primo, dalla Mercatura.
Quest'ultima è arte bassa in quanto viene esercitata da chi compra nella sua patria quelle merci ch'ivi ritrova, con disegno di rivenderle a maggior prezzo, il che ridonda solamente in beneficio particolare, senza utile alcuno anzi molte volte con assai danno del pubblico.
La prima è al contrario arte nobilissima in quanto chi la esercita, commerciando con ogni angolo del mondo, arricchisce le città e i popoli, dà lavoro a cantieri e e porti, veicola cultura e religione ma soprattutto svolge una funzione mirabile poiché "unisce le più distanti Provincie e tramandando all'una parte del Mondo ciò che all'altra è soverchio, si rende, con vicendevole beneficio, benemerito al Mondo tutto".
Una nobiltà dalle connotazioni alto borghesi è quindi per il Morando l'unica vera nobiltà, allusivamente contrapposta nel romanzo alla "fumosa e mal nodrita Nobiltà" che, priva di potere economico, I'autore stesso vede illanguidirsi nel mondo, astratto dalla storia, della corte dei Farnese.
Questo peculiare status sociale di Negoziante aggiunge l'autore viene esercitato da nobilissimi personaggi in Genova... senza scapito della piu fina Nobiltà e senza esclusione dal governo".
La città di Genova è l'autentico nodo del romanzo; tutto si muove ad essa, ogni situazione la presuppone nella sua inalterabilità in quanto solo in essa si può realizzare l'ideale esistenziale dei personaggi, che è poi la coscienza stessa del Morando.
La Repubblica è l'oasi di pace in cui l'animo tormentato si rasserena, è il simbolo monumentale della libertà oltre che dell'ordine sociale e religioso, e la testimonianza dei successi di una classe dirigente che ha reso grande la città attraverso l'esercizio della .Negoziazione.
Lo stesso viaggio dei protagonisti verso Genova si snoda attraverso località che costituiscono tappe storiche per i traffici della Repubblica: Inghilterra, Portogallo, Spagna, Majorca, Sicilia, Candia, Rodi, Costantinopoli, Africa settentrionale.
La geografia del romanzo è morale; il territorio della Repubblica è infatti il luogo ideale in cui tutti i valori si ricompongono nel loro ordine naturale.
Solo dopo una visita alle chiese di Genova il calvinista Edemondo (nel romanzo) trova la forza di meditare criticamente sulle sue scelte religiose.
Edemondo, dopo un naufragio sul LIDO di TAGGIA, viene soccorso dal buon frate cappuccino Egidio che lo cura, senza prevenzioni, nel fisico e nello spirito, portandolo ad una conversione, la cui apoteosi si concretizza nella Cattedrale di Ventimiglia e quindi sempre in territorio genovese.
Nel cap.VI del romanzo, nel corso della dolorosa convalescenza di Edemondo e quando ormai il calvinista inglese ha maturato la scelta di una riconversione alla fede cattolica-romana si legge:"...Queste ed altre sì fatte cose, con somiglianti e più efficaci parole [poco prima il Morando ha trascritto una serie di esempi di pura spiritualità cattolica fatti pronunciare dal padre Egidio] corroborò il padre Egidio con tali ragioni, autorità ed esempi, che ne rimase Edemondo persuaso del tutto, ed uscito dall'intricato labirinto di mille dubbi, aprì gli occhi, con la Grazia Divina, al chiaro lume della verità della fede, risuolutissimo di abiurare gli errori dell'eresia e ricovrarsi nel grembo amico e sicuro della Chiesa Romana. E per dare il primo saggio di questa generosa risoluzione, dopo fatti i convenevoli preparamenti, procurò con una generale Confessione d'ogni sua colpa scancellare le macchie della passata sua vita.
Con giubilo inesplicabile trionfò il P.Egidio della vittoria, premio della quale era un'anima, ch'assai più vale d'un regno, e fu il trionfo un devotissimo rendimento di grazie, unitamente con gli altri Padri, alla divina bontà d'acquisto così pregiabile
Per l'esecuzione del proponimento del convertito Edemondo si discorse tra quei divoti religiosi [di Taggia] del luogo, del tempo e del modo.
Il luogo (per la CONVERSIONE) fu destinato nella Cattedrale di Ventimiglia, città indi poco discosta, il tempo, torto che Edemondo fosse in termine per consiglio del medico di licenziarsi dal letto, il che speravasi fra pochi giorni: e il modo con quella maggiore solennità che per loro possibile fosse.
Volle il P. Egidio prender egli stesso di ciò l'assunto. Licenziatosi pertanto con teneri abbracciamenti dal figliolo nuovamente da lui con lo spirito generato, e raccomandato a quei padri particolarmente alla continua assistenza del P. Raffaele, andò a prendere quanto era d'uopo. Si trasferì a REZZO luogo non molto quindi lontano ove trovavasi come in proprio suo Feudo il Marchese Nicolò suo fratello: ivi da Genova egli poco prima s'era ridotto, per ischermirsi dagli estivi colpi, in quel luogo che situato sopra di un colle può godere i freschi fiati di Zefiro lusinghiero, anche sotto noiosi latrati di Sirio ardente. Informatolo del successo [la conversione di Edemondo] lo pregò ad onorare quella funzione [un ATTO DI FEDE ed un'ABIURA] con la sua presenza, non solo, ma insieme con la sua liberalità, onde più splendida e più solenne ne apparisse. Quel Signore, che alle nobilissime prerogative del sangue accoppiava la nobiltà e la generosità dell'animo, più promise di ciò che fosse richiesto e più mantenne che non promise. Si trasferirono ambidue Vintimiglia, ed ivi concertato il tutto col Vescovo di quell'antica città, prelato, e per pietà di costumi e per grandezza di meriti, degno d'eterni encomi, fecero apparare superbamente la Chiesa, preparare solenne musica e disporre molte altre cose, a rendere più ragguardevole fa festa.
Fu forse favorevole che si trovasse allora in quella città, ch'è sua patria, il Padre Angelico Aprosi, accademico eruditissimo, predicatore insigne, scrittore di libri famosi, soggetto per eccellenza di dottrina, per soavità di costumi, e per cento altri titoli, uno dei più ragguardevoli di cui si vanti oggidì la nobilissima religione agostiniana, il quale agli inviti del Padre Egidio accettò di buona voglia il carico di accompagnare con una sua predica adattata al soggetto la solennità di quel giorno.....
I Romanzi del '600 eleborano intrecci a dismisura affrontando temi diversi; qui nel caso de LA ROSALINDA il momento della CONVERSIONE AL CATTOLICESIMO DEL CALVINISTA EDEMONDO finisce addirittura per trasformarsi in uno SPACCATO DI STORIA CIVILE E RELIGIOSA NON FACILMENTE RECUPERABILE DELL'ETA' INTERMEDIA.
E finalmente quel giorno giunse; Bernardo Morando ne scrive al cap.VII del romanzo:
":...L'accompagnarono (Edemondo ormai guarito) alla città di Ventimiglia, ove il medesimo Padre Egidio col fratello e con altri Signori lietamente l'accolse. La mattina, che all'arrivo di lui successe, riempitasi di spettatori la Cattedra [la CATTEDRALE della DIOCESI INTEMELIA ], e tappezzata [all'uso imposto e poi vieppiù ratificato di adornare chiese, conventi, santuari, luoghi sacri ecc. in occasione delle cerimonie importanti: contestualmente all'esterno si provvedeva alla pulizia delle strade e delle piazze in genere abbastanza trascurate -Aprosio scrisse in merito a Ventimiglia ma il discorso valeva per tutte le città d'Europa- a causa dell'epocale scarsa cura dell'igiene pubblica (ma anche privata): con gravi conseguenze per la
sanità
con alta mortalità ed una serie di patologie e morbi contro cui nulla o quasi potevano
la medicina ed i medici dell'epoca:
e quindi, con giovamento per tutti, nell'occasione di processioni e festività -come si legge in questa "normativa per le processioni" del seicentesco intemelio Vescovo Mauro Promontorio- le vie erano pulite, infiorate ed adornate, anche con tralci di olivo e palme, anche lavorate usate all'epoca in molte festivita religiose e non ancora ristrette a commemorare la sola Domenica delle Palme o Seconda Domenica di Passione] di finissimi arazzi e risonante di musicali concerti, il conte Edemondo, prostrato sopra un tappeto a terra, davanti il Vescovo, ABIURO' con alta e chiara voce tutti gli errori di Calvino e recitato poi il simbolo degli Apostoli e la parafrasi sopra di quello di Atanasio Santo fece solenne profession della fede.
Indi ergendosi in piedi, con atto magnanimo e risoluto, pose la destra sul pomo della sua spada e giurò di mantenere e col ferro e col sangue, se d'uopo fosse, la verità infallibile della Fede, sotto l'obbedienza di Santa Chiesa Romana. Ciò finito si sentì risonare a piena musica il Rendimento delle grazie secondato dall'applauso e dal giubilo dei Circostanti, ma piu dagli affetti del Convertito.
Indi il Padre Angelico Aprosio con Elegantissima orazione, esaltando la Fede, abbattendo l'eresia e lodando il candidato suggellò quella nobilissima azione... [pare quasi scontato che nel romanzo di Bernardo Morando l'erudito Aprosio sanzioni con un'orazione l'abiura da tenersi nella chiesa cattedrale della città, atteso che ricopriva la carica di Vicario dell'Inquisizione (Bibliot. Apros., p. 268, III) nella Diocesi intemelia = ed in questa constatazione finale paiono davvero concentrarsi tutte le contraddizioni di un'epoca in cui da un lato la Chiesa occupava un ruolo temporale importante e spesso prepotente ma nella quale contestualmente non mancava di segnalarsi anche positivamente per un assistenzialismo ai ceti meno abbienti in cui non di rado latitavano gli "Stati Laici"].

Ed è ancora un cittadino di Genova (che comunque vien preso ad ESEMPIO DELLA PIETA' RELIGIOSA E DELLA FEDE DEI GENOVESI di nome Aurelio... ricco assai dei beni di fortuna e non meno ricco di quei dell'animo che, con religioso zelo ed umana pietà, accoglie a Loano il povero Lealdo, ferito dopo uno scontro navale coi Barbareschi.
Ma è soprattutto in Genova che Rosalinda, finalmente salva dalle persecuzioni, ritrova la serenità e matura la scelta del convento.
L'amore del Morando per Genova traspare continuamente e le pagine che dedica alla città sono piene di ammirazione; anche quando si volge al presente l'autore scarta dalla medietà e si fa trasportare dall'entusiasmo, formulando un disegno idilliaco e metastorico ma sicuramente affascinante proprio per quel tanto di fazioso ed allusivo che egli spruzza qua e là con compiaciuta e patriottica partigianeria.
La narrazione è collocata nel IV libro o capitolo e si presenta (dopo una celere vista dal mare dei centri della Liguria Occidentale) come una sorta di viaggio turistico attraverso la città del buon conte Edemondo, coraggioso difensore dei protagonisti:
"Ora con dominio più ristretto, ma gloriosa non meno, stende dal fiume Varo alla Macra i confini che formano il Ligustico Regno. Regno cotanto unito che abbracciando sette città e grandissimo numero di castella e di terre e d'abitazioni, che si dan mano l'una con l'altra, sembra una sola città continuata e lunga duecento miglia; sì popolato che può armare quando il bisogno richieda settantamila e più combattenti, sì bellicoso che già fu corte magnanima ad aguzzar il valor dei Romani ed ora a propugnacolo invitto alla fronte d'ltalia contro le invasioni dei Barbari.
Al Regno della Liguria, ch'ella domina in terra, s'aggiunge il mare quel della Corsica, isola, che allontanandosi da Genova verso il Porto di Venere sessanta miglia ne circonda di giro più di trecento. Richiude questa nel seno cinque città e moltissime altre popolazioni a segno tale che da questo solo Regno può estrarre a suo pro la Repubblica ben altri ventimila feroci e valorosi soldati.
Stende fra terra i termini al suo dominio di là dai giochi dall'Appennino e dilata nel Mondo i confini al suo nome di là dal termine dell'oblio doviziosa d'oro, d'armi e di genti, Madre ed altrice d'Eroi non men di prima e signora assoluta di due floridi Regni.
Ma il più bel Regno ch'ella possiede è la sua libertà sostenuta con tanta rettitudine e prudenza, con tal pietà e valore, che in vano han tentato più volte con machine infernali alcuni dei suoi concittadini, fattisi suoi ribelli non che inimici aperti, di scuoterla, d'abbatterla, di conculcarla, posciachè sempre e dalle insidie interne e dagli insulti stranieri con evidentissimo patrocinio fu preservata e garantita dal Cielo.
Onde ora in mezzo delle tempeste, tra quali ondeggia fluttuante l'Europa, ella mantiensi quieta e fiorida, quanto mai fosse, col corpo della dovizia colmo in tra le braccia e con gli ulivi della Pace verdeggianti alle tempie.
Tutte queste ed altre più distinte informazioni gli amici Inglesi, informati appieno di Genova, ove già da molti anni erano abitatori, andavano a Conte Edemondo giornalmente partecipando.
Lo condussero a vedere le Nuove Mura della città, che possono adeguare le più gran moli e più antiche di Roma. Mura così ampie ch'abbraccian in fra terra diece miglia di giro, cosi artificiose che passando su per la schiena di monti alpestri possono servir dilizia a i corsieri ove prima servian di balza alle fere, forti e munite così che si rendono inaccessibili quasi a gli augelli per aria, non ch'ai nemici per terra, e fabbricate con tale facilità e prestezza che non sarebbe credibile, se fabbricate non fossero a giorni nostri e alla nostra veduta.
Osservò poi il nuovo Molo, che già nell'entrare in Porto avea veduto. Stupì quanto intese esser opera di pochissimi anni quella gran machina, che altre volte sarebbe stata fabbricata di più di un secolo: quella machina, che fondata su la rena e fabbricata nell'acqua, è però così stabile e forte che mette freno all'ire più orgogliose del mare e impone legge alle furie più impetuose dei venti.
Lo condussero a vedere quelle nuove strade formate da numero innumerabile di palagi. Ouei palagi che sembrano tante Reggie, ove i marmi che gli adornan di fuori, tolgon il pregio a quei di Paro, ove negli arazzi che di dentro li vestono, cadono all'opra le sete e gli ori, e ove le suppellettili preziose e i gran vasi d'oro e d'argento possono adeguarsi a gran tesori.
Ammirò Edemondo sì gran dovizia e gli parve che fossero le miniere dell'India traslate in Genova.
Lo guidarono altresì nelle chiese principali ed osservò non tanto la superbia incomparabile dei marmi, delle pitture e degli ori quanto la frequenza numerosa del popolo, il concorso nobile dei cittadini, la pietà esemplarissima delle donne, la qualità incredibile che intese farsi delle elemosine, la purità dell'ecclesiastico culto e la maestà degli uffici divini.
Di tutto ciò rimase sì edificato, che cominciò in se stesso a credere più altamente della cattolica romana fede e concepir qualche seme d'inclinazione a ridurvisi in grembo.
Da poi che gli ebbero fato goder le vedute della città, vollero partecipargli quelle ancor delle ville, se ville possono dirsi quelle a cui cedono di superbia, d'abitazioni e di numero d'abiatori molte città.
Vide San Pier d'Arena e Cornigliano da Ponente; Albaro e Marassi da Levante e tante altre deliziosissime ville in ogni parte d'intorno che, gareggiando l'una con l'altra, gareggiano tutte insieme con gli Orti favolosi delle Esperidi e portano un certo che di sembianza del Paradiso Terrestre.
Ammirò la sontuosità dei palagi, le Galerie ornatissime di famose pitture e di statue. Vagheggiò con meraviglia l'amenità dei giardini, I'ampiezza dei laghi, i giuochi delle fontane, l'artificio delle uccelliere, i boschi amenissimi di cipressi e di lauri, la fragranza degli aranci e dei cedri in copia tale che se ne formano selve non che spalliere, la perpetuità dei fiori che, a dispetto del Verno, formano in molti di quei luoghi una continua Primavera, I'esquisitezza dei frutti così vari e tanti che, precorrendo e seguitando la consueta stagione e spuntando l'uno quando lìaltro matura, formano un'Autunno perpetuo.
Così dan quivi e palagi e piante e fiori e frutti a vedere ed a toccar con mano in effetto quelle magiche meraviglie, che dei Giardini d'Armida favolosamente descrisse quel gran Poeta [Torquato Tasso].
Vide in ristretto ed ammirò Edemondo in quei luogi quanto di vago, di giocondo e d'ameno può nell'ldea l'umano desiderio formarsi di villerecce delizie
".
Queste pagine non sono però solo il risultato di un nostalgico amore; esse risentono anche di ulteriori interferenze.
La scrittura del Morando implica infatti delle meditazioni connesse sia a precisi codici ed istituti letterari che alla Weltanschauung storica dell'autore.
L'ideologia che guida la Rosalinda risulta organizzata secondo un sistema di valori riconducibile ad una particolare visione filosofico-politica della serie storica cui appartiene il letterato genovese. Dalle sequenze narrative esaminate si possono enuciare alcuni concetti chiave, sublimati a livello di assiomi: nobiltà delle grandi operazioni commerciali, tranquillità, unità e compattezza del territorio repubblicano, potenza e libertà dello Stato, suo splendore architettonico e monumentalità delle opere pubbliche.
A ben guardare l'IDEA POLITICA DELLA MODERNA REPUBBLICA DI GENOVA cui allude il Morando, comporta la ripresa del programma politico di rinnovamento portato avanti in Genova da un gruppo di aristocratici innovatori, i GIOVANI, e così riassunto dal loro capo carismatico Anton Giulio Brignole Sale: "vincere le aperte invasioni di Regii eserciti, troncare i capi congiunti d'interne vipere, provar i cittadini tanto liberali in dar il loro per formar diademi di muraglie invitte alla libertà... difendere possessi antichi, assumere dignita nuove".
La sfortunata guerra del 1625 contro i franco-piemontesi, il graduale abbandono dal '27 dell'alleanza spagnuola, la congiura di G.C.Vachero del '28 pongono la Repubblica nella necessità di trovare una nuova linea politico-economica e di difendere una difficile neutralità.
Contro i .Vecchi, la parte aristocratica meno propensa a rinnovare, i Giovani, intraprendono una battaglia propagandistica volta a ridare credibilità alle istituzioni dello Stato, anche attraverso la realizzazione di grandi opere pubbliche. In particolare l'invito a superare i vieti particolarismi equivale al tentativo di organizzare uno Stato compatto e pacifico, diretto da una classe dirigente capace di opporsi, con mezzi e fermezza, alle violenze dei potentati europei [C. COSTANTINI, La Repubblica di Genova nell'età moderna, in Storia d'Italia, Torino 1978,IX, pp. 265-295 (G.B. VENEROSO, Genio Ligure risvegliato, Peri, Genova, 1650)].
II richiamo antiquario alla ripresa dell'attività mercantile e marinaresca, trascurata in seguito ai vantaggiosi legami con la Spagna, è egualmente un proclama di emancipazione da ogni pericolosa tentazione per ulteriori parassitismi economici; secondo il Brignole Sale, "ora che quei nuovi modi di ricchezza son venuti meno, non rimane che ..richiamare l'antica professione la seconda volta, mentre son tornati quei bisogni che c'indussero la primiera ad esercitarla".
Il centro di questo dibattito politico è, in Genova, l'Accademia degli Addormentati che, grazie ai legami con altri nuclei culturali quali l'Accademia veneziana degli Incogniti, veicola nel mondo degli intellettuali italiani le idee dei Giovani. sotto forma di libelli.
II Morando, a stretto contatto con gli Incogniti, non ha evidentemente difficoltà a fruire di tali documenti; date le origini mercantili egli fa proprie con entusiasmo quelle ipotesi di lavoro e le trasferisce nel romanzo.
Anzi, valendosi delle peculiarità delI'istituto letterario di cui dispone e dell'effetto di straniamento proprio della funzione poetica del linguaggio, egli dà alla teoria politica una sistemazione pratica all'interno del romanzo ed offre al lettore lo spettacolo smagliante di una Repubblica nuova in cui è restaurata la concordia socio-economica e la forza politica si esprime esteticamente attraverso la serenità del paesaggio e l'emblematicità di una monumentale architettura pubblica e privata.
Sotto questa prospettiva di indagine il dialogo del libro II, sulla Mercatura di due sorti.., tra il barone Crisauro ed il conte Edemondo diviene esemplare e si rivela, a livello connotativo, come la riproduzione di un dibattito possibile in Genova tra un Vecchio, ottuso difensore di superati previlegi, ed un Giovane teso a convincerlo dell'unica coscienza esistenziale (quella del commercio su vasta scala) che possiede le latenti energie di rifare grande la Repubblica.
Nel romanzo la condanna morale di Crisauro, il perfido pretendente di Rosalinda che aspira più alle ricchezze del padre che alle bellezze della figlia, è la condanna di quella nobiltà illanguidita ed economicamente impotente che, per conservarsi un ruolo di fittizia dignità, non esita a piegarsi ad ogni sorta di ripieghi e di riprovevoli espedienti .
Le MURA
(in ogni epoca sorvegliate dalle truppe della Repubblica) cui allude il Morando nella Rosalinda sono un ampliamento e potenziamento del circuito murario di cui parlano gli Statuti criminali del 1556 al CAPITOLO 90 .
Le MURA CINQUECENTESCHE son indicate in una carta di A. Lefréry, Disegno della nobilissima città di Genova (1581, "Romae, Claudi Ducheti formis"): nela carta si riconoscono alcuni punti chiave del potente sistema difensivo genovese come il Castellazzo, La Bastia di Parado, Le Forche.
Per i pericoli di un'aggressione dall'oltregiogo vennero istituite le NUOVE GRANDI MURA DEL '600
sotto la direzione tecnica di G.B. Baliani e A. De Mari. L'originario progetto del '26 fu ampliato dal 1630; la nuova cinta era colossale e presupponeva, in casi di assedio, da dieci a tredicimila difensori. Secondo le fonti ufficiali furono erette a baluardo della cattolicissima Repubblica contro l'eretico Gustavo Adolfo, in realtà dovevano tutelarla dai nemici piu vicini e pericolosi: i Savoia.
Vi è però chi avanza la fondata ipotesi che valessero da protezione dei cittadini contro possibili sollevazioni degli abitanti della montagna di Fascia e delle valli del Polcevera e del Bisagno.
Scrive G.A. Ansaldi: "sotto pretesto di diffendere e cuoprire la città contro gli attacchi dei nemici, ma in effetti per impedire che li popoli delle valli vicine non si sollevassero come piu volte han fatto.. "(cfr. G.A. ANSALDI, Verità esaminata a favor del popolo ecc., s.l., 1628, Orazione dimostrativa e persuasiva ecc., Cfr. A.S.C.G., m.s. 58, Delle forze di Genova, c.153).
Comunque le mura, l'acquedotto e il molo nuovo, come tutte le opere pubbliche e private del tempo, sono il simbolo monumentale di un nuovo corso politico volto a ridare lustro allo Stato, anche attraverso le grandi iniziative urbanistiche ed architettoniche.