cultura barocca
L'ARGUZIA FEMMINILE NEL CONTESTO DI UN'ORIGINALE STORIA DELL'ADULTERIO

IL MATRIMONIO DI INTERESSE E SENZA AMORE E LA SOLUZIONE COMPENSATORIA, IN TEORIA SENZA COMPLICAZIONI SESSUALI E/O SENTIMENTALI, DEL CICISBEO [VEDI QUI LA DOPPIA MORALE E IL RUOLO DEL CICISBEO QUAL ACCOMPAGNATORE A FESTE E TEATRO DI DAME: SEMBRA STRANO MA IL CICISBEO (IN SUA ASSENZA UN AMICO FIDATO SE NON UN SERVITORE) RISPONDEVA ANCHE ALL'ESIGENZA PRATICA DI SORREGGERE LE DONNE (LEGGI, FACENDO SCORRERE DALL'ALTO AL BASSO PER CONSULTARE GLI APPROFONDIMENTI FUORI TESTO, OGNI PAGINA DI TUTTO IL CAPITOLO) CHE CAMMINAVANO SU SCARPE ALTISSIME PER SALVAGUARDARSI NEI MOVIMENTI ALL'ESTERNO IN STRADE FREQUENTEMENTE IMPALUDATE PER ASSENZA DI MANUTENZIONE E SCARICHI FOGNARI].
CONTESTUALMENTE A FIANCO DI QUESTA DOPPIA MORALE CHE MASCHERA CON AFFETTAZIONE L'ESIGENZA DI UNA DOPPIA MORALE A LIVELLO SESSUALE MA NON SOLO RESASI QUASI INEVITABILE PER I CONNOTATI ASSAI FORMALI DELL'EPOCA ESISTEVANO LATI OSCURI DI INGANNI CRIMINOSI (DI CUI L'ADULTERIO ERA SOLO UNA COMPONENTE) PERPETRATI SI' DALLE DONNE MA PARIMENTI DAGLI UOMINI E SPECIALMENTE DA QUESTI MASCHERATI SOTTO LA VOCE DI "DELITTI D'ONORE" = DALLA VECCHIA LETTERATURA O PROTOCRONACA NERA VEDI CASI DIVERSI DI VIOLENZE, MOSTRUOSITA', TRADIMENTI, ADULTERI, VIOLENZE DI FAMIGLIA ECC. NEL XVIII SEC. SI RICAVANO CASI ESEMPLIFICATIVI COME QUESTO IN MERITO A PERSONE DEL CETO MEDIO - ABBIENTE DOVE SI DICHIARA APERTAMENTE L'ASSASSINIO DI UN MARITO VECCHIO AD OPERA DI UNA MOGLIE GIOVANE, DEL SUO AMANTE E DI UNA COMPLICE (E NON SI GIUDICHI UN CINQUANTENNE DEL '700 NEMMENO PARAGONABILE PER STATO FISICO AD UN COETANEO DELL'OGGI) E QUINDI SU SCALA ASCENSIONALE DAL LATO SOCIALE IN MERITO AD UN PROCESSO CLAMOROSO DA "GOSSIP" DIREMMO ORA CONNESSO AL TEMA, PUR NEL CONTESTO DI UN MATRIMONIO COMBINATO TRA CASATE IMPORTANTI, DELLE "VIOLENZE DOMESTICHE PER GELOSIA" VEDI QUI IL CASO DEL NOBILE E LETTERATO LUDOVICO ADIMARI CHE TRADIVA LA MOGLIE MA, RITENENDO D'ESSER A SUA VOLTA TRADITO, CERCO' D'UCCIDERLA DOPO VARIE VIOLENZE DOMESTICHE SIN AD ESSER INCARCERATO E PROCESSATO - PER APPROFONDIRE LEGGI ANCORA DI FESTE, BANCHETTI, DANZE, RICEVIMENTI MA SOPRATTUTTO PER INQUADRARE LE TEMATICHE NEL LORO COMPLESSO SOCIO-ESISTENZIALE VISUALIZZA QUI =
********************************MODA, ABBIGLIAMENTO, ACCONCIATURE, COSMESI********************************
MA PURE
******************************** COSTUME, SOCIETA'...ADDIRITTURA SESSUALITA', CONTRACCEZIONE ECC. ECC.********************************

NEL SEICENTESCO APROSIANO
SCUDO DI RINALDO O SPECCHIO DEL DISINGANNO
QUI DIGITALIZZATO (LE VOCI EVIDENZIATE IN ROSSO NEL TESTO ANTICO SONO ATTIVE) ED ALTRESI' QUI INTEGRATO DELLA GIA' CENSURATA SUA
PARTE SECONDA RIMASTA PER SECOLI INEDITA

VEDI LE CONSIDERAZIONI SU QUESTE TEMATICHE NELLA PIU' TARDA GRILLAIA CON UNA MODERNA CHIAVE DI LETTURA DI QUESTO SEICENTESCO TESTO DI COSTUME

DALLA "SCARPA DEL DIAVOLO" O "SCARPA DELLA STREGA" AL "GUARDINFANTE"
"I TANTI ESPEDIENTI DELLA MODA PER CONCEDERE ALLE DONNE DI POTERSI DIVERTIRE E PECCARE"

LE DISCUSSIONI QUI LEGGIBILI SONO ENFATIZZATE DA GIOCHI LINGUISTICI BAROCCHI E TORMENTATE OLTRE CHE ALTERATE NELLA SOSTANZA DA UN'EVIDENTE POSTAZIONE MASCHILISTA AVVERSO LE DONNE MA FINISCONO PER COSTITUIRE PUR SEMPRE UN DOCUMENTO INTERESSANTE PER INTENDERE UN CERTO METRO DI VALUTAZIONE DEGLI ABITI DELLA FEMMINILITA' BAROCCA E PER ENTRARE UN PO' PIU' DIRETTAMENTE NEL VARIEGATO MONDO DI CERTE ESASPERAZIONI ESTETIZZANTI DELL'EPOCA (COME NELL'IMMAGINE PROPOSTA DEL GUARDINFANTE O INTELAIATURA DI LEGNO SU CUI POGGIAVANO LE AMPIE GONNE DEI VESTITI ALLA MODA: IL NOME DERIVAVA DALL'ORIGINARIA IDEAZIONE DI PERMETTERE ALLE DONNE, ANCHE IN AVANZATO STATO DI GRAVIDANZA, DI PARTECIPARE SENZA DAR SCANDALO ALLA VITA PUBBLICA, CONTESTUALMENTE PROTEGGENDO LA VITA CHE CRESCEVA LORO IN SENO = APPUNTO GUARDA= "PROTEGGI" L'INFANTE, NEL SENSO DI "FETO") [Nē Inventario 1518 della "FUNDACION LAZARO GALDIANO" - di Juan Carreņo de Miranda -"Ritratto di donna de Doņa Inés de Zúņiga, Contessa de Monterrey" - XVII (Ca.1660-1670) - la dama indossa un vestito (appunto il GUARDINFANTE) che si sorregge su una intelaiatura analoga a quella descritta nel testo aprosiano]


CLICCA QUI PER RITORNARE ALLA HOME PAGE