cultura barocca
LE SECOLARI DISCUSSIONI SU USURA E "LECITO PRESTITO" L'INTERPRETAZIONE ECCLESIASTICA DI AVARIZIA ED USURA

IL "TURPE GUADAGNO" DELLA SENSUALITA' COATTA, ABUSATA O VENDUTA ATTRAVERSO I MILLENNI: E NON SOLO COME SI PENSA ATTRAVERSO IL MERCIMONIO E LA PROSTITUZIONE

Molte pagine redasse contro l'"Idra" della FRODE NEI SUOI MOLTEPLICI ASPETTI in tutti i suoi aspetti non esclusi quelli della "Frode Mistica" contro i cui perpetratori anche perché giudice ecclesiastico dovette talora impegnarsi l'erudito ventimigliese Angelico Aprosio ma particolare acredine dimostrò sempre contro Usura e contro l'Avarizia (vedi qui Miniatura genovese dell'usura): contro quest'ultima dopo aver composto già il Capitolo XV della sua Grillaia (qui digitalizzato) riprese il tema in un'opera rimasta inedita e specificatamente nel qui proposto "Cap. XV dello Scudo di Rinaldo II dedicato a F. Nomi sviluppò diverse e nuove tematiche = sui religiosi avari, sull'episodio di un Frate avarissimo o "Crematofilo" ma anche "Filocremato" icona dell'avarizia in una vivace descrizione ambientata a S. Stefano presso Taggia - un' epocale riprovevole costumanza del tempo quale l'uso praticato anche da religiosi di portarsi l'oro nella tomba, anche, per sfuggire ad eventuali eredi, facendosi tagliare il cadavere per inserirvi nascostamente le proprie monete d'oro

LA DRAMMATICA CONDIZIONE DEGLI EBREI NON SOLO IN MERITO ALLA PRATICA DI USURA GIUDICATA ILLECITA MA PURE LA LORO EMARGINAZIONE E LE ORIGINI DELL''ANTISEMITISMO

[VEDI INVECE QUI IL "LECITO IMPIEGO DEL DENARO SECONDO L'AUTORITA' DELLA CHIESA"]

VEDI QUINDI NELL'INTERPRETAZIONE DELLO STATO: " LA CONDANNA DELL' USURA "

PROVVEDIMENTI DI STATO E DI CHIESA CONTRO LA PRATICA DELL'USURA = "I MONTI DI PIETA'"

RIPRODUZIONE DURANTE DA ORIGINALE