cultura barocca
NOTA IMPORTANTE DA LEGGERE = SI PRECISA CHE LA LETTURA OTTIMALE DATA LA LUNGA STORIA DI CULTURA-BAROCCA AVVIENE TRAMITE INTERNET EXPLORER 11 (WINDOWS) PROPRIO DEI COMPUTER, FISSI O PORTATILI = CON I NUOVI BROWSER, OTTIMI PERALTRO, POSSONO VERIFICARSI, PER MODERNE SCELTE TECNOLOGICHE, PROBLEMI NELLA VISURA DI ALCUNI LINK PUR PROCEDENDOSI GRADUALMENTE AL LORO ADEGUAMENTO
Vita e opere di A. G. Brignole Sale Marchese di Groppoli Principe dell'Accademia degli Addormentati di Genova e contestualmente vedi - con altre correzioni- da p. 490 a p. 491 de La Biblioteca Aprosiana del 1673 gli interrogativi aprosiani avverso M. Giustiniani su una supposta stampa milanese della Vita di Sant'Alessio del Brignole Sale
L' Accademismo italiano nei suoi rapporti con l' Accademismo ligure (una seicentesca "fuga dei Cervelli": l'assenza di una Università a Genova e il ruolo importante ma non esaustivo del Collegio dei Gesuiti (vedi anche nel Ponente il Collegio dei Gesuiti di Sanremo")] = analizza inoltre le Accademie del Levante Ligustico e quindi le Accademie liguri da Savona ad Albenga ai "Vagabondi" di Taggia sin a Ventimiglia = anche nei rapporti con quelle pedemontane) - Approfondisci qui l'Accademia genovese degli Addormentati (dibatti accademici tra Brignole Sale e P.F. Minozzi di M. S. Savino): vedi poi Anton Giulio Brignole Sale "Principe degli Addormentati" di Genova nel giudizio contenuto entro il repertorio biblioteconomico dell'erudito ventimigliese Angelico Aprosio di cui fu amico e "Fautore" (pag. 487, n. LVI).

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE LA DIGITALIZZAZIONE INTEGRALE DEL ROMANZO
"L' Historia Spagnuola overo il Celimauro del Sig. Marchese Antongiulio Brignole Sale. In questa nuova impressione accresciuta e ricorretta, in Venetia, per il Tomasini, 1656"

[ALTERNATIVAMENTE PUOI ACCEDERE AGLI INDICI MODERNI QUI PREDISPOSTI]
L'opera è molto rara (nella sua vita seicentesca di autori liguri il Soprani dopo aver menzionata una "Historia Spagnuola" in quattro libri una cita l'opera completa in 10 libri datandola al 1656 (vedi qui il frontespizio, sempre dell'editore Tomasini, l'edizione del 1656 e la posteriore edizione del 1666 (entrambe le edizioni non sono citate come possedute da Aprosio che altre opere indica al modo che qui si vede sotto nome ANTON GIULIO BRIGNOLE SALE, LVI, pagine 487 e seguenti entro la "Biblioteca Aprosiana del 1673" = tutte le parole sottolineate in rosso sono attive e multimediali) : l'edizione del 1656 fu poi citata dal Mazzucchelli ne Gli Scrittori d'Italia cioè Notizie Storiche, e Critiche intorno alle Vite, e agli scritti dei Letterati Italiani, del conte Giammaria Mazzucchelli bresciano, volume II, Parte IV, Presso a Giambattista Rossini, in Brescia, 1763 = vedi quanto l'autore scrive del Brignole Sale e la sua citazione dell'opera del Tomasini da lui datata al 1656 e data come completa di tutti i suoi 10 libri a fronte di edizioni precedenti
* - [Frontespizio]
* - "A chi legge"
* - Libro Primo
* - Libro Secondo
* - Libro Terzo
* - Libro Quarto
* - Libro Quinto
* - Libro Sesto
* - Libro Settimo
* - Libro Ottavo
* - Libro Nono
* - Libro Decimo


CLICCA QUI PER RITORNARE ALLA VOCE "ANTICHITA' LETTERARIE" E ALLE RIFLESSIONI SULL'ACCADEMISMO LIGURE E NON



CLICCA QUI PER RITORNARE ALLA VOCE "HOME PAGE" DI CULTURA-BAROCCA