cultura barocca

CREDITI 22

Cotta Sismondi, Domenico Antonio, "Fatto raggionato con le dottrine nella controversia del Territorio di Monaco ... e confini contro l'universita' et huomini della Torbia con le risoluzioni, e risposte alli titoli, che per parte di questa sono stati comunicati in Torino l'anno 1666" / [Domenico Antonio Cotta Sismondo] [1666] 108 p. ; 4°: l'opera si è rinvenuta alla C.B.A. di Ventimiglia, nessuna opera di questo personaggio è stata al momento reperita nelle altre biblioteche italiane.


Livizzani, Giovanni Battista, "Il zimbello ouero la Italia schernita", In San Marino : presso Fillo Etimagoro, 1641 - 183, 1 p. ; 12o - Di Giovanni Battista Livizzani: cfr. Melzi, "Dizionario di opere anonime e pseudonime di scrittori italiani", v. 3, p. 273 - Falsi il luogo di stampa e il tipografo: cfr. Parenti, "Dizionario dei luoghi di stampa falsi, inventati o supposti", pp. 181-182 - Segn.: A-Goo H8 - Impronta - o.a. deta o.le arme (7) 1641 (R) - Paese di pubblicazione: UN - Lingua di pubblicazione: italiano - Localizzazioni: Biblioteca comunale Aurelio Saffi - Forli' - FC - Biblioteca Reale - Torino - Biblioteca della Fondazione Luigi Firpo. Centro di studi sul pensiero politico - Torino


BARTH CASPAR, VON: <1587-1658>, Casp. Barth. adversariorum commentariorum libri 60 quibus ex vniuersa antiquitatis serie omnis generis, ad vicies octies centum, auctorum, plus centum quinquaginta millibus, loci ... Eduntur praeterea ex vetustatis monumentis praeclara hoc opere non pauca, nec visa hactenus, nec videri sperata. Cum undecim indicibus 7. auctorum, 4 rerum & verborum, Francofurti ; typis Wechelianis : apud Danielem & Dauidem Aubrios, & Clementem Schleichium, 1624



Il belga Jan Bernaerts vide la luce a Mechelen nel 1568 ed esercitò la professione di avvocato: fu però influenzato, in direzione degli studi filologici da Justus Lipsius e pubblicò alcune edizioni critiche di autori classici utilizzando secondo le costumanze epocali il nome latinizzato alla maniera umanistica di Bernartius. Si spense nella citta natale di Mechelen il 16 Dicembre 1601.
Vedi: Biographisch woordenboek der Noord- en Zuidnederlandsche letterkunde, a cura di F. Jos. van den Branden en J.G. Frederiks, sotto nome Di lui nelle biblioteche italiane si trovano secondo le indagini al momento condotte dal SBN:
Bernaerts, Jan, Ioh. Bernarti Ad P. Stati Papini, siluarum libros commentarius. In quo cum aliorum scriptorum, tum praecipue antiquorum patrum & iurisconsultorum varij loci illustrantur & explicantur , Antuerpiae : ex officina Plantiniana : apud Ioannem Moretum, 1599 (Antuerpiae : ex officina Plantiniana, 1599) - 2, 130, 10 p. ; 8° - Segn.: [ast!6, A-H8, I6 (I6bianca) - Iniziali e fregi xil - Impronta - c-a, s.n. o-am suse (3) 1599 (R) - Marca editoriale: Compasso, tenuto da mano uscente da nuvola, che traccia un cerchio con motto: labore et constantia Nomi: Bernaerts, Jan <1568-1601> - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale - Firenze - Biblioteca civica - Padova - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma - Biblioteca civica - Padova
Bernaerts, Jan,P. Statii Papinii Opera quae extant, Ioh. Bernartius ad libros veteres recensuit & Scholiis illustrauit, Antuerpiae : ex Officina Plantiniana, Apud Viduam, & Ioannem Moretum, 1595 (Antuerpiae : ex officina Plantiniana, apud viduam & Ioannem Moretum, 1595) - 429, 3 p.; 8o - Segn. A-Z8 a-d8 - Impronta - b-tu asis usa, MaHi (3) 1959 (R) - Marca editoriale: Ricca cornice con figurazioni allegoriche, frutta e cornucopie, all'interno della quale una mano che fuoriesce da nuvole traccia un cerchio con un compasso - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale - Firenze - Biblioteca del Seminario maggiore - Padova - Biblioteca Palatina - Parma
Bernaerts, Jan,Ioh. BernartI Ad P. StatI PapinI Thebaidos et Achilleidos, scholia, ad siluarum libros, notae. In quibus & aliorum scriptorum varij loci illustrantur & explicantur , Antuerpiae : ex officina Plantiniana : apud viduam, & Ioannem Moretum, 1595 - 169, [7] p. ; 8 - Segn.: A-L8 - Ultima p. bianca - Impronta - s,um c.s, emta taad (3) 1595 (R) - Marca editoriale: Mano uscente da nuvola traccia un cerchio con il compasso. In cornice figurata. Motto. - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale - Firenze - Biblioteca Palatina - Parma
Bernaerts, Jan, [2]: Ioh. Bernarti ad P. Stati Papini Thebaidos & Achilleidos, scholia: ad Syluarum libros notae. .. , [Ginevra] :apud Iacubum Chouet, 1605 - 252 p. - Impronta - use- red& S.m. NeIl (3) 1605 (R) - Fa parte di: P. Statij Papinij Opera quae extant, Ioh. Bernatius ad libros veteres recensuit, & scholiis illustrauit - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale - Firenze
Bernaerts, Jan, Ioh. BernartI Ad. P. StatI PapinI Thebaidos & Achilleidos, scholia: ad Syluarum libros notae. In quibus & aliorum scriptorum varij loci illustrantur & explicantur , Ginevra : apud Iacobum Chouet, 1605 - 250 i.e. 252, 4 p. ; 24° - Segn.: A-Q8 - Impronta - use- red& S.m. IaNe (3) 1605 (R) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma
Bernaerts, Jan, Anici Manli Severini Boeti De consolatione philosophiae libri quinque / Ioh. Bernartius recensuit & commentario illustrauit, Antuerpiae : ex officina Plantiniana apud Ioannem Moretum, 1607 - 17, 394, 5 p. ; 8? (17 cm) - Segn.: *8, A-Z8, a-b8 - Ex libris: Biblioth. Naz. ex P. Paulino - Legato con: Isa. Grangaei ... commentarii in Aur. Prudentii Clementis libros duos aduersus Symmachum .. Parisiis : apud Robertum Fouet, 1614 - Localizzazioni: Biblioteca dell'Opera pia collegio Nazareno - Roma
Bernaerts, Jan,P. Statii Papinii opera quae extant, Ioh. Bernartius ad libros veteres recensuit & scholiis illustrauit, [Lione] : Ex typographia Antonij Candidi, 1598 - 576 p. ; 16[. - segn.: a-z8, 2a-2n8 - Impronta - umn- u.s) o.r* OmQu (3) 1598 (R) - Localizzazioni: Biblioteca comunale Labronica Francesco Domenico Guerrazzi - Livorno
Bernaerts, Jan,Iohannis Bernarti De vtilitate legendae historiae libri duo, Antuerpiae : ex officina Plantiniana, apud viduam, & Ioannem Moretum, 1593 (Antuerpiae : ex officina Plantiniana, apud viduam, et Ioannem Moretum, 1593) - 16, 161, 15 p.; 8o - Segn.: \ast!8A-L8 - - Impronta - s,i- t.*, d-i- daco (3) 1593 (R) - Marca editoriale: In cornice figurata: mano uscente da nuvola traccia un cerchio con compasso. Motto: Labore et constantia - Localizzazioni: Biblioteca statale - Cremona - Biblioteca nazionale centrale - Firenze - Biblioteca del Seminario maggiore - Padova - Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma - Biblioteca Casanatense - Roma



Domenico della Chiesa, che Aprosio scrive abitualmente Domenico Chiesa, viene elencato nell'aprosiano repertorio biblioteconomico tra i "Fautori dell'Aprosiana" sotto la lettera D - pagina xxxiii.
All'inizio degli anni '70 del XVII secolo egli ricopre la carica di "auditore nella Ruota di Lucca": per via comparativa con l'analogo meccanismo della Ruota criminale di Genova se ne deduce che il suo stato professionale è quello di uomo di legge e specificatamente di giudice come si evince dall'appellativo di dottore senza altra specificazione, all'uso Aprosiano limitato ai giuristi, mentre per i medici, ad esempio, viene usata la formula dottor medico.
Aprosio ha però conosciuto da tempo il personaggio: per la precisione Domenico Chiesa (come data "post quem", ha avuto un significativo incontro con Aprosio nel 1653 (data dalla quale peraltro inizia una discreta corrispondenza fra i due come si evince dall'epistolario aprosiano] sulla via Piacenza - Genova quando egli vi staziona con peculiare incarico cioè quello di commissario al servizio dei Doria per il controllo dei tragitti.
Da quanto scrive Aprosio stesso in un capitolo della "Grillaia" poi soppresso per ragioni di licenziosità si direbbe che l'incontro sia sa stato abbastanza casuale e suggerito dagli obblighi professionali di Domenico Chiesa magari preposto al comando di un contingente militare nei pressi di un rastello / rastrello nei pressi del paese di Ottone in Alta Val Trebbia. Di origine celto-ligure ma poi divenuto insediamento romano Ottone gode da sempre di una significativa valenza viaria e strategica: nel medioevo rientra tra i possedimenti dell'abbazia di Bobbio. Scemata la potenza dell'Abbazia, Ottone viene ascritto tra i beni territoriali della casata Malaspina che ne viene investita direttamente da Federico Barbarossa nel 1164 amministrare il borgo e naturalmente la vallata sino alle inarrestabili protestazioni dei Comuni e, specificatamente, del potente Comune di Piacenza inteso ad assumere diretto controllo di una via essenziale al fine di un regolare flusso di merci per e dal porto di Genova. E' altresì da notare che nel 1508 il feudo di Ottone risulta esser venduto dai Malaspina ai Fieschi: questi però vengono travolti dal fallimento della congiura da loro ordita contro i Doria sì che vengono depauperati di gran parte dei loro possedimenti proprio a vantaggio dei Doria cui appunto perviene il centro di Ottone su cui a metà '600, quale loro commissario, presta servizio il citato Domenico Chiesa.
L'incontro con Aprosio, che dal 1648 ha fatto ufficiale ritorno al Convento agostiniano di Ventimiglia non deve stupire affatto: proprio nel 1653 Aprosio ricopre l'importantissima carica di Vicario Generale della Congregazione Agostiniana della Liguria, che dismetterà a pro di Ottavio Martini di Oneglia il 25 aprile 1654.
L'iimpegno è gravoso e lo obbliga a frequenti spostamenti come quello che conducendolo nel 1653 a Piacenze gli offre l'opportunità di conoscere Domenico Chiesa.
A questo personaggio, forse per la caratura militare che ha e che ne sottolinea una certa propensione per gli argomenti lubrichi, Aprosio dedica (e la dedica di un proprio lavoro per lui è sempre un atto di stima ed amicizia) il poi censurato e cassato Grillo XVIII dell'ideazione originaria così ben studiato da A. I. Fontana ora titolare della Biblioteca nazionale di Firenze.
Tuttavia non è da escludere che tra i due personaggi sia intercorsa simpatia anche per gli interesse culturali e la bibliofilia, scontati per Aprosio ma generalmente non comuni in un umo d'armi od in un giudice criminale.
Nella Biblioteca Aprosiana di Ventimiglia in effetti si custodiscono alcune pubblicazioni "professionali", di caratura tipicamente giuridica, del Chiesa quali:
1 - "Iura et resolutio motivorum pro haeredibus quandam D. Io. Pauli Avancini contra M. Io. Franciscum saulium actorem ... in causa revisionis a sententia per Magnificam Rotam lata ... scribente Dominicum ab Ecclesia", [16..] [2], 53 p. ; fol.
2 - "Pro D. Paulo Augustino Allegreti super columna locorum 600 instituta per M. Peleagrum Rebuffum. Iuris responsum Dominici ab Ecclesia I.C.", Genuae : typis haeredum Calenzani, 1676 - [2], 14, 17 p. ; fol.
3 - "Pro M. Marco Antonio Sauli super multiplico instituto per M. Peleagrum Rebuffum anno 1505 iuris allegationes ... / [Dominicus ab Ecclesia]", (Genuae : typis haeredum Petri Ioannis Calenzani], 1675 - [2], 20, 20 p. ; fol.
Fuori della sede bibliotecaria ventimigliese si è ritrovata un'altra non dissimile pubblicazione:
"Decisio Dominici ab Ecclesia, auditoris Rotae Lucensis, & iudices delegati. In Lucana Fideicommissi de Trenta die 27. Iunij 1671", Lucae : apud Hyacinthum Pacium, 1672 - 20 p. ; 2o - Segn.: A6B4 - Cornice xil. e stemma n. i. sul front. - Impronta - ine- ++++ ++++ ++++ (3) 1672 (R) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma.
Tuttavia, a testimonianza come sopra scritto di un personaggio di poliedrici interessi culturali e comunque non limitato al settore degli scritti professionali del giusdicente e dell'avvocatura, si è individuata questa pubblicazione, che con altre magari disperse, può esser stata suggerita da Aprosio stesso od averne consigliato una particolare stima per il personaggio in questione:
Chiesa, Domenico : della, " Antrum Bethlemium epigrammata, aliaque carmina Dominici ab Ecclesia ciuis Genuensis. Serenissimo principi Caesari Duratio serenissimae Genuensis Reipublicae duci", Genuae : typis Hieronymi Marini, prope S. Donatum, 1665 (Placentiae : in Ducali typographia Ioannis Bazachij, 1665) - 22, 2, 79, 3 p. ; 8o - Marca (Due leoni rampanti, al centro Cerbero. Motto: "Fida custodia") in fine - Segn.: pA\1", A-E8ch\1 - Impronta - 2.a- *.S; o.us EtEf (7) 1665 (R) - Paese di pubblicazione: IT - Lingua di pubblicazione: latino Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale - Firenze - - Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma













































Torcigliani, Michelangelo <1618-1679>: di lui alla C.B.A." si conservano le seguenti opere:
1 - "Griphus purpuratus ita quam a Michaele Angelo Torciliano ... praecinctus .." (Venetiis : ex aedibus Sarzinianis, 1637) [12], 32, [3] p. : 1 ill.
2 - "L' Aurora fra le nereidi epithalamio di Michel'Angelo Torcigliani nelle nozze degli illustrissimi signori Antonio Laudo et Elisabetta Grumani", In Venetia, 1645 44 p. ; 4°
3- " Echo cortese overo resposte date da più, e diversi signori a Michel Angelo Torcigliani con altre lettere nelle quali vien fatta mentione dell'istesso, aggiuntone in fine alcune di suo publicate da Salvestro Torcigliani suo fratello", In Lucca : per Salvator Marescandol, fratelli, 1680 [23], 396 p. ; 12°
4 - "Le querele d'amore, epitalamio di Michel'Angelo Torcigliani nelle nozze degli Illustriss. Signori Alessandro Passo e Lucretia Adelasia" (In Venetia, 1640) [2], 20 c. : 1 ill.
Nelle altre biblioteche italiane al momento secondo l'SBN si son rinvenute solo esemplari vari dell'opera sua più nota vale a dire l' "Echo cortese":
1 - " Echo cortese parte seconda con l'Iride posthuma o vero varj residui di diversi componimenti di Michel'Angelo Torcigliani publicati da Salvestro Torcigliani suo fratello", In Lucca: Marescandoli, Salvatore & Marescandoli, Giandomenico, 1681
2 - "Echo cortese parte terza con la parte seconda dell'Iride postuma sono nuovi avanzi di altri componimenti di Michel'Angelo Torcigliani publicati da Salvestro Torcigliani publicati da Salvestro Torcigliani suo fratello", In Lucca: Paci, Giacinto, 1683
3 - "Echo cortese o vero resposte date da piu, e diversi signori a Michel'Angelo Torcigliani con altre lettere nelle quali vien' fatta mentione dell'istesso aggiuntone in fine alcune di suo publicate da Salvestro Torcigliani suo fratello", In Lucca: Marescandoli, Salvatore & fratelli, 1680.
Nicola Michelassi (in "L’incognito autore delle “Nozze di Enea con Lavinia" ne Il Saggiatore Musicale - Nono Colloquio di Musicologia 2005: sostanzialmente postula: "Tra coloro che contribuirono alla creazione del nuovo melodramma commerciale veneziano del Seicento, i librettisti appartenenti all’Accademia degli Incogniti rivestirono un ruolo determinante. La loro opera accelerò lo sviluppo del nuovo teatro musicale, ampliò la rosa dei soggetti poetabili rispetto al tradizionale patrimonio favolistico e mitologico per attingere liberamente all’epica e alle fonti storiche romane. La novità letteraria del melodramma veneziano fu rivendicata con orgoglio dai suoi autori, non soltanto a proposito della libertà nella scelta dei soggetti e nell’uso disinvolto della tradizione letteraria, ma anche rispetto all’aperta violazione delle unità pseudoaristoteliche di tempo e di luogo, in nome degli avvenuti mutamenti del gusto nel secolo moderno.
Particolarmente degno di nota è il dibattito teorico che si svolgeva nei paratesti dei libretti d’opera, vero e proprio campo di battaglia privilegiato per le discussioni relative al teatro per musica. Due tra i più noti al riguardo sono la lettera prefatoria dell’anonimo autore delle "Nozze di Enea con Lavinia" del 1641 e quella dell’Incognito Giacomo Badoaro (nominato da Aprosio "Assicurato Accademico Incognito
") al suo "Ulisse errante" del 1644, indirizzata al collega di accademia Michelangelo Torcigliani. Se l’anonimo, pur ammettendo le innovazioni, mostra una tendenza più conciliante con la tradizione aristotelica, Badoaro manifesta una linea intransigente che affida il timone della poetica al gusto del pubblico moderno. Da una lettura comparativa dei due testi teorici e da altri elementi significativi, si può fondare l’ipotesi, ancora non presa in considerazione dagli studiosi, che l’autore delle "Nozze di Enea con Lavinia" sia proprio l’accademico incognito Michelangelo Torcigliani, destinatario della missiva di Badoaro....[...].
Qui non si possiedono le competenze per sostenere o discutere la precedente affermazione; una cosa però è certa, quella che Michelangelo Torcigliani fu persona riservata, restia a scrivere o meglio a "dare alle stampe", come egli stesso sottolinea nella lettera a Gabriello Foschi poi integralmente registrata da Aprosio nel suo "Buratto".
Non è un caso che si sia rinvenuta una sua versione manoscritta di Anacreonte recentamente proposta: MICHELANGELO TORCIGLIANI, "Anacreonte e altre versioni poetiche", Ed. crit. a cura di E. Taddeo e F. Ciccolella, 1996, pp. CXXVII-253, bross. E nemmeno pare un caso che del suo "OCCHIO COMICO" che era tanto atteso (come si legge in una lettera di Gabriello Foschi stampata nell'aprosiano "Buratto") e che certamente circolava manoscritta o per parti in ambito veneziano ed "incognito", tanto che Aprosio ne registra sempre nel "Buratto" una sarcina abbastanza significativa nulla più si sia saputo, come di lavoro, per qualche ragione sottintesa dal suo stesso autore, dai contenuti a rischio".




















































Scrive, tra altre cose, Luigi Torelli nei suoi "Secoli Agostiniani" (tomo V, anno 1282, nn. 26-27) in merito a questo religioso: "Fu dato parimente in quest'anno principio, allo scrivere dall'eruditissimo Errera nel primo Tomo del suo Alfabeto, alla fabrica della Chiesa del nostro Convento di S. Agostino della Città dell'Aquila, la di cui prima Pietra, doppo essere stata con le solite cerimonie benedetta dal Vescovo di quella Nobilissima Patria, fu poi anche solennemente gettata nelli Fondamenti dal medesimo Vescovo a 21 del mese di marzo di quest'anno presente del 1282. Non dice però se prima vi fosse ivi Monistero, e se questa fosse la prima Fondatione; peroché il dire, che fu in quest'anno gettata la prima pietra della fabrica della nuova Chiesa, non toglie il campo di giudicare, che prima, o ivi, o in altro luogo dentro, o fuori havessero dimorato per qualche tempo li nostri Padri, ma come non vi è luce più chiara, così non potiamo arrischiarci a discorrere di vantaggio, per non togliere ad indovinare: Errera nel tomo primo dell'Alfabeto, Panfilo, et altri. Solo qui posso aggiungere, che questo Monistero ha sempre in ogni secolo havuti Religiosi illustri, tanto nella Santità, quanto nella Dottrina, et in altre rare qualità; fra quali li più cospicui e chiari sono stati il B. Antonio della nobilissima Casa Turriani di Milano, il quale però, per longhissimo domicilio fatto da esso in questo Convento, communemente viene chiamato dall'Aquila; morì pieno di meriti grandi l'anno 1482. L'altro fu il Reverendissimo Padre Maestro Giacomo dall'Aquila, il quale essendo Procuratore Generale, fu altresì per i suoi molti meriti promosso al Generalato l'Anno 1470. Et hoggidì vive per la Dio gratia, l'Illustriss. e Reverendiss. Monsig. F. Gioseffo Eusani, pure Aquilano il quale, doppo essere stato Reggente di varj Studj principali della Religione, e poi eletto ancora l'anno 1667, dal Concilio Generale, in sua assenza, Procuratore Generale di tutto l'Ordine, fu poi eletto altresì in fine dalla santa memoria di Clemente IX, Sagrista di Sua Santità, e Vescovo d'Eleonopoli; e dalla Santità parimente di Clemente X, non solo confirmato nell'ufficio di Sagrista, ma di vantaggio promosso al Vescovato più utile ed honorevole di Porfirio; et hoggidì serve puranche nell'istesso Ufficio Innocenzo XI, hora Regnante. A questo gran Prelato poi si confessa in sommo grado obbligatissima tutta la Religione Agostiniana, per haver egli impetrati et ottenuti dalla S. Sede, e dalla somma benignità del Gran Pontefice Clemente X sopramentovato, favori così grandi, beneficj così singolari e gratie così segnalate, che stetti quasi per dire, che dai tempi felici del suo gran Fondatore S. Agostino, non ne ha ricevuti di simil sorte da qualsivoglia altro Soggetto, per grande, che sia stato, laonde dovrebbe ogni Monistero ergere in honore di questo gran Prelato, tanto di tutto l'Ordine benemerito, una statua in segno della dovuta gratitudine. Nei suoi tempi e nei suoi luoghi scriveremo, così di questi, come anco d'altri Soggetti di questa Casa più diffusamente. Fu anche celebrato in questo nobile Convento il Capitolo Generale l'anno di Christo 1440, in cui fu eletto Generale, in luogo del defonto Bartolomeo da Venetia, Maestro Nicola Saracini da Cassia".



Radunare musicisti professionisti “acciò havere filo et unione da non disunirsi e rendere buon suono”. Con questo scopo il nobile Vincenzo Maria Carrati fondò nel 1666 l’Accademia Filarmonica di Bologna, utilizzando come sede il palazzo di famiglia (nei primi secoli al piano terra dell'allora via Cartoleria Nuova, ora in gran parte dello stesso palazzo, nell'attuale via Guerrazzi). Quale patrono fu scelto S. Antonio da Padova, come stemma un organo con il motto "Unitate melos".
L'Accademia si innestava su precedenti esperienze di accademie bolognesi quali quelle dei Floridi, dei Filomusi e dei Filaschisi e assunse fin dall'inizio il profilo di corporazione a salvaguardia del prestigio e della professionalità dei suoi membri. Anche per questo ebbe sempre fra i suoi protettori ufficiali i cardinali di Bologna. Fra i più importanti si segnala Pietro Ottoboni, che, patrono delle arti e della musica, fu ringraziato dagli accademici con solenni cerimonie. Egli si adoperò anche per ottenere l'importante conferma dello statuto accademico da parte del papa Clemente XI, avvenuta nel 1716. L'Accademia esercitò in pratica il controllo sulla musica nelle chiese bolognesi, grazie anche all'estensione del privilegio di autorizzare la professione di maestro di cappella, fino ad allora concesso dal papa solo alla Congregazione dei Musici di S. Cecilia di Roma (breve di Benedetto XIV del 22 febbraio 1749). Il decreto fu accolto da tutti gli Accademici nell’ assemblea del 13 marzo 1749 e festeggiato poi con pubbliche manifestazioni musicali. Dopo l'unità d’Italia, l'Accademia ottenne l'approvazione degli attuali statuti e si trasformò in Regia Accademia Filarmonica di Bologna (R. Decreto 3 febbraio 1881).
Sin dal primo anno di attività aderirono all’Accademia una cinquantina di musicisti, per lo più bolognesi o provenienti dal centro Italia. Tra questi ricordiamo Agostino Filippuzzi, Giulio Cesare Aresti, Giovanni Paolo Colonna, Pietro degli Antoni, Giuseppe Felice Tosi, Giovanni Battista Vitali ossia alcuni tra i più eminenti musicisti del secolo, attivi nella stessa basilica di S. Petronio di Bologna, o presso il duca di Modena. Negli anni immediatamente seguenti vi aderirono altri musicisti, che erano o sarebbero presto divenuti di rinomanza internazionale, come Arcangelo Corelli, Giovanni Battista Bassani, Giuseppe Torelli, Giovanni Bononcini e molti altri.
Gli Accademici, che si distinguevano nelle tre classi di Compositori, Cantanti e Suonatori, si ritrovavano settimanalmente nella Sala Mozart, ora sede della stagione concertistica dell'Accademia. In questa sala, all'epoca di dimensioni più ridotte dell'attuale, si svolgevano anche gli esami per accedere alla classe dei compositori. Le riunioni prevedevano l’esecuzione di brani originali, sui quali si tenevano anche discussioni di ordine teorico. Nella sala si suonavano vari strumenti ad arco ed a fiato, parte dei quali ancora conservati nel Museo dell'Accademia, e un prezioso organo donato dal conte Carrati nel 1673, ancora visibile nella Sala Mozart.



Antonii, Pietro degli: compositore e strumentista (Bologna1639 - ivi1720) fu virtuoso di cornetto oltre che compositore, fu il più importante fra i membri di una famiglia di musicisti.
Membro della cappella di S. Petronio (1653-57), dopo alcuni anni trascorsi per lo più all'estero fu ammesso all'Accademia dei Filaschisi e poi a quella dei
Filarmonici, di cui fu principe per 6 volte.
Fu anche maestro di cappella a Bologna.
La sua musica strumentale presenta caratteri tematici e formali tali da farne, secondo alcuni, un precursore di Corelli, mentre quella vocale denota una ricerca di «affetti» oscuri e malinconici attuata mediante forme di carattere programmatico ("aria flebile, aria posata, aria fiera" ecc.) talvolta non esenti da foschi toni tardo-barocchi. Tra le sue opere si ricordano cantate, oratori e l'opera teatrale "Atide" (1679).



Badoaro, Giacomo [1602-1654] patrizio veneziano, membro dell'Accademia degli Incogniti, fu autore delle seguenti composizioni da rappresentarsi in musica:
1 - "Argomento et scenario delle nozze d'Enea in Lauinia tragedia di lieto fine. Da rappresentarsi in musica", (In Venetia, 1640) - 36 p. ; 12o. - Per il nome dell'A., Giacomo Badoaro, cfr.: C. Sartori, "I libretti italiani a stampa", v. I, p. 265 - Segn.: A88. - Impronta - son- ioe- o-mo netu (3) 1640 (R) Badoaro , Giacomo <1602-1654> - Paese di pubblicazione: IT - Lingua di pubblicazione: italiano - Localizzazioni: Biblioteca nazionale Braidense - Milano
2 - "L' Helena rapita da Theseo dramma musicale da recitarsi nel teatro di S. Gio. e Paolo" - In Venetia : appresso Michiel Miloco, 1653 - 94, [2] p. ; 12o. - A p. 77 inizia: Scenario dell'opera .. - Opera di Giacomo Badoaro (cfr. Michel & Michel, p.328) - Segn.: A-D12. - Impronta - o-r- e;il iail BoAl (3) 1653 (R) - Paese di pubblicazione: IT - Lingua di pubblicazione: italiano - Localizzazioni: Biblioteca nazionale Braidense - Milano - Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma
3 - "L' Vlisse errante opera musicale dell'Assicurato Academico Incognito. Al signor Michel'Angelo Torcigliani", In Venetia : appresso Gio: Pietro Pinelli Stampator Ducale, 1644 - 118, [2] p. ; 12o. - L'Accademico Incognito di Venezia detto l'Assicurato e Giacomo Badoaro (cfr. Michel & Michel, p.328) - Segn.: A-E12. - Impronta - iae- m-i- era, lile (7) 1644 (R) - Paese di pubblicazione: IT - Lingua di pubblicazione: italiano - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma
L'"Assicurato Accademico Incognito" (cui fa riferimento l'Aprosio nello "Scudo di Rinaldo")cioè Giacomo Badoaro) aveva già posto, nel 1644, l'accento sul problema di certi abusi nell'uso musicale dell'epoca; scriveva al proposito in una lettera ad un amico e corrispondente dell'Aprosio Michelangelo Torcigliani stampata come prefazione de "L'Ulisse errante" (la musica fu di Francesco Sacrati - il lavoro venne rappresentato in Venezia al SS. Gio. e Paolo nel 1644): "... niente si cura al presente per accrescer diletto agli spettatori il dar luogo a qualche inverosimile, che non deturpi l’Azione: onde vedemo, che per dar più tempo alle Mutationi delle scene, habbiamo introdotto la musica, nella quale non possiamo fuggire un inverosimile, che gli huomini trattino i loro più importanti negotij cantando; inoltre per godere né Theatri ogni sorta di Musica, si costumano concerti a due, tre, e più dove nasce un altro inverosimile, che essi favellando insieme possano impensatamente incontrarsi a dire le medesime cose. Non è dunque meraviglia, se obbligandoci noi al diletto del genio presente, ci siamo con ragione slontanati dall'antiche regole".



Anacreonte: dalla patria Teo (sulla costa ionica dell'Asia Minore), dove nacque intorno al 570 a. C., fu costretto ad emigrare con i suoi concittadini ad Abdera, sulla costa trace, quando Teo fu conquistata dai persiani. Agli anni di quel soggiorno difficile per le frequenti azioni di guerra contro i traci, appartengono i due bei distici per Agatone morto combattendo eroicamente in difesa della città (fr. 191, ediz. Gentili). Un'eco di quei luoghi e di quella gente rozza e violenta si ode ancora in alcuni frammenti nei quali l'esplicito riferimento alla Tracia è suggerito da motivi allusivi e polemici (frr. 33; 53; 71; 78). Ma non meno vivo doveva essere il ricordo della sua patria, spesso rievocata nel canto, ricordo, forse, a volte, anche doloroso se l'episodio cui accenna il fr. 100 sarà da identificare con la caduta di Teo.
L'ascesa di Policrate al potere nell'isola di Samo (537 o 535 a. C.) determinò una svolta decisiva nel suo iter poetico. Invitato alla corte del tiranno Anacreonte vi rimase sino al 522, quando l'astuzia del satrapo persiano Orete pose fine a un periodo fortunato e felice della storia di Samo. La tradizione colloca qui l'acme del poeta, non a torto, se consideriamo gli impulsi che le vicende politiche dell'isola e le iniziative culturali promosse dal tiranno dovettero imprimere alla sua arte e l'influenza che egli esercitò sulle forme della cultura samia. Un'idea del contenuto politico dei carmi di questo periodo ci è data da un breve frammento (fr. 21) di soli due versi, nei quali Anacreonte accenna con disprezzo e aperta polemica ai "gridazzari", pescatori ribelli che costituivano, come sembra, un partito politico capeggiato da un certo Erostrato e avverso, con gli alleati aristocratici, all'azione riformatrice di Policrate. Allusivo a un momento della politica samia (la vittoria di Policrate sui milesi e sui lesbi) è forse l'aforisma giambico (fr. 53) sulla decadenza del popolo milesio una volta forte e bellicoso. Un'altra conferma della posizione di rilievo e della familiarità di cui Anacreonte godette presso il tiranno, sino al punto da intervenire direttamente negli affari politici del governo, è offerta dalla testimonianza di Erodoto (frr. 3; 121) sulla sua presenza durante un colloquio di Policrate con l'inviato di Orete. Proprio in questo delicato momento politico in cui il satrapo persiano con l'intenzione di eliminare il tiranno aveva iniziato trattative con lui sotto il pretesto di stringere un'alleanza contro il suo re Cambise sembra collocarsi l'inno cletico all'Artemide leucofriene di Magnesia sul Meandro, invocata occasionalmente come protettrice di "uomini coraggiosi e non incivili", cioè protettrice dei persiani che, qualche anno dopo la sottomissione della Lidia, si erano insediati in quella città. Il motivo dell'inno, dunque, non sarebbe stato esclusivamente religioso, ma avrebbe avuto lo scopo di compiacere i persiani, i nuovi cittadini di Magnesia. Non meno significative altre testimonianze sulle peripezie amorose del trace Smerdies, conteso dal poeta e dal tiranno, e sugli esiti poetici della contesa che avrebbe provocato il taglio della chioma del giovinetto (fr. 71). La morte di Policrate portò il poeta a cercare altrove impulsi nuovi alla sua arte: la corte ateniese di Ipparco fu il suo necessario approdo. Non è improbabile però che egli fosse stato ad Atene già prima quando, diretto verso Samo, visitò qui l'amico Santippo, il padre di Pericle. Dei versi superstiti non è sempre possibile dire quali furono composti ad Atene; tentativi in questa direzione sono stati suggeriti nella maggior parte dei casi dalla presenza di parole e locuzioni attiche. Sappiamo che non pochi furono i carmi dedicati agli amici ateniesi Crizia e Santippo e che una delle erme di Ipparco portava un suo epigramma elegiaco (fr. 194). Ma, soprattutto, illustrativo della sua attività ateniese è l'entusiastico elogio che, alcuni decenni dopo, il nipote di Crizia, Crizia il giovane (fr. 181), scrisse di Anacreonte, quando, dopo le guerre persiane, soltanto un lontano ricordo sopravviveva di quella vitale e raffinata spiritualità che aveva animato i simposi dell'Atene di Ipparco. Con la morte di Ipparco (514 a. C.) perdiamo le sue tracce; forse Anacreonte si recò in Tessaglia presso gli Alevadi, come lasciano supporre due epigrammi attribuitigli nell'Anthologia Palatina. Visse sino all'età di 85 anni; quasi certamente morì a Teo, dove era la sua tomba e dove una statua ne celebrava la memoria. Non minori il favore e la popolarità nell'Atene del sec. V, come documentano la statuaria e la ceramica attica raffigurante il poeta e i suoi amici in festose scene di banchetti. La statua che, secondo la testimonianza di Pausania, si ergeva sull'Acropoli accanto a quella dell'amico Santippo e che è stata riprodotta in una copia fedele, l'Anacreonte di Copenaghen, sembra esprimere attraverso l'ebbrezza dionisiaca del comaste e la morbidezza del nudo, che richiama il tipo apollineo, gli spiriti e le forme dell'uomo e del poeta.
Ampio e vario il panorama tematico della sua produzione poetica, ma privilegiato il tema dell'amore. La grazia di Batillo, gli occhi di Cleobulo, la bionda chioma del trace Smerdies, l'indole serena dell'amato Megiste, furono motivi ricorrenti nei carmi amorosi. La grazia suasiva dei modi espressivi fu il segno geniale di questa poesia. Ha quasi il valore di un simbolo la notizia secondo la quale il poeta, interrogato una volta perché scrivesse carmi per i ragazzi e non inni agli dèi, rispose: "perché essi sono i miei dèi". L'amore non conosce la passionalità, la drammaticità, la tensione emotiva, ma si risolve nel parallelismo dell'essere e non essere dell'emozione amorosa nel dominio assoluto del proprio io (fr. 46). Un amore urbano, raffinato, che trasforma la polarità del contrasto in una dimensione emotiva sapiente e sfumata; un amore immaginoso, bizzarro, imprevedibile, come mostrano le simboliche raffigurazioni di Eros (pugile, fabbro, alato, Eros che giuoca agli astragali), riflettenti, ciascuna a suo modo, gli esiti di reali esperienze nei simposi e nei k?moi. Quale sia il senso del simposio anacreontico s'intende da alcuni versi programmatici (fr. 33): non gozzoviglia, non ebbrezza sfrenata di violenti beoni, ma radunanza lieta di amici capaci di esprimere le gioie più intense senza oltrepassare i limiti di una civile urbanità. Un atteggiamento conviviale aperto a una più viva socialità nella quale, come nell'amore efebico e nell'arte, l'idealità aristocratica si contempera con le esigenze della nuova società borghese dei Pisistratidi più irrequieta e moderna. Per intendere nella giusta prospettiva culturale quest'arte anacreontica del tardo arcaismo è necessario considerare un elemento nuovo, l'elemento dionisiaco, dal quale essa trasse nel contenuto e nelle forme nuovo impulso di vita. Dioniso, il dio del vino, dell'istinto vitale e della gioia, che con Pisistrato e i Pisistratidi era ormai stato assunto nell'Olimpo della classe dirigente ateniese, entra trionfalmente nel mondo religioso e artistico del poeta accanto ad Eros e Afrodite (frr. 14; 30; 33; 123). La primitiva irruenza del dionisismo trova nell'ideale della chàris (frr. 22; 23; 120) la sua misura e il suo stile. Questa sana mescolanza di vigore e di equilibrio, di gioia dionisiaca e di limpida saggezza assume la sua intonazione più esplicita nei polemici versi di un'elegia (56) "non mi è caro chi bevendo da un cratere colmo narra le risse e le guerre lagrimevoli, ma solo chi associando i bei doni di Afrodite e delle Muse canta l'amabile gioia". Di qui il valore determinante dell'esperienza dionisiaca: figure femminili e tipi umani di diverso rilievo e diversa indole, caratterizzati sullo sfondo del loro ambiente e del loro costume. Sono etere, flautiste, piccoli borghesi o plebei arricchiti che costituivano nei convivi l'allegro uditorio del poeta: il profumiere Stratti, il calvo Alessi infaticabile pretendente; il farfallino, il marito-moglie, Targelio l'elegante lanciatore del disco, la lavandaia, Artemone il furfante arricchito. Un'arte non propriamente satirica, come è stata definita, ma pervasa da una sottile, arguta ironia; a volte una beffarda icasticità emerge nel linguaggio e nelle metafore che ora si adeguano al tipo umano, ora rilevano per contrasto, attraverso epiteti ed espressioni dell'epica, la comicità delle situazioni e delle persone. Nella "drammatica" ironia di questa arte mimetica si scopre la vocazione di un mestiere di poeta che non respinge, anzi accetta, i contenuti umani di ceti sociali nuovi. Ma all'impegno di farsi interprete della vitalità di quella gente nuova, egli associa il distacco arguto di chi accetta illuminatamente una realtà ancora informe con il fine di conformarla a un ideale di più civile socialità. La poesia di Anacreonte offre sotto il profilo delle strutture linguistiche gli aspetti propri di un fenomeno culturale altamente ritualizzato tipico di una cultura orale: paratassi a livello sintattico e di composizione, metafore, immagini, formule tradizionali dell'epos e della lirica. Nell'ambito di questo linguaggio convenzionale, la cifra del codice poetico anacreontico è nella paratattica struttura trimembre del periodo, nella simmetrica disposizione degli aggettivi, nelle ricorrenti apostrofi e nelle frequenti anafore uditive e visive, nella frequenza di verbi espressivi e di parole del linguaggio conversativo, nella predilezione per metri omoritmici (ionici puri e anaclomeni) fortemente stilizzati e non privi talora di un'accentuata sonorità e, infine, nella multiforme simbologia amorosa che tende a creare l'atmosfera momentanea di una situazione piuttosto che ad esprimere l'intensità di uno stato emotivo. Se escludiamo i papiri di Ossirinco che ci hanno restituito 14 frammenti, l'opera di Anacreonte ci è stata conservata in stato frammentario dalla tradizione medievale attraverso citazioni di scrittori e di grammatici della tarda grecità. Le prime edizioni antiche furono quelle alessandrine di Aristofane di Bisanzio e di Aristarco: la prima ordinata secondo l'affinità del contenuto, la seconda in base a criteri metrici. È molto probabile che l'edizione vulgata sia stata quella aristarchea che doveva contenere da un minimo di 9 a un massimo di 10 libri. [BRUNO GENTILI da "NOVA - UTET"]



Giovanni Francesco Passi (Passo) elencato dall'Aprosio tra i "Fautori" della sua Biblioteca non è indicato come soggetto dotato di titoli particolari ma solo quale cittadino genovese: evidentemente rientrava nella cerchia delle conoscenze maturate dall'agostiniano a Genova ai tempi della sua formazione se non addirittura nel corso dei suoi spostamenti nella capitale ai tempi della sua presa di residenza definitiva in Ventimiglia.



Sacrati Francesco, compositore (Parma, 1602 - Modena, 20 mag. 1650): Non avendo altre notizie, e considerato che la sua attività teatrale conosciuta ebbe luogo principalmente nei Teatri di Venezia, c'è chi ha dedotto che vivesse nella città veneta. Il 3 giu. 1649 fu nominato maestro di cappella del duca di Modena. Fu maestro di canto e tra le sue allieve ebbe le romane Anna Renzi, Caterina Pozzi e Anna Valerio . La sua opera di maggior successo fu la tragicommedia musicale "La finta pazza" che, dopo il debutto veneziano, fu ripresa a Codogno, e fu la prima opera rappresentata a Piacenza (1644) e a Parigi, trasformata in una "comédie à machines" per le meraviglie sceniche allestite da Giovanni Battista Baldi e Jacopo Torelli (1655). Il ritrovamento della partitura ha consentito nel lug. 1987 una ripresa a Venezia.
Compose: "La Delia osia La Sera sposa del Sole", poema drammatico di Giulio Strozzi (Ve, Teatro dei SS Giovanni e Paolo, 1639); "La finta pazza", dramma in 5 atti di G. Strozzi (Ve, inaugurazione del Teatro della Cavallerizza, 1641); "Bellerofonte", dramma musicale in 3 atti di Vincenzo Nolfi (Ve, Teatro della Cavallerizza, 1643); "Venere gelosa", dramma in 3 atti di Niccolò Enea Bartolini (Ve, Teatro della Cavallerizza, 1643); "Ulisse errante", dramma in 5 atti di Giacomo Badoaro (Ve, Teatro di S. Moisè, 1644); "Proserpina rapita", dramma in 3 atti di G. Strozzi (Ve, Teatro di S. Moisè, 1644); "Semiramide in India", dramma in 3 atti di Majolino Bisaccioni (Ve, Teatro Tron di S. Cassiano, 1648); "L'isola d'Alcina", tragedia in 5 atti di F. Testi (Pazzano di Bologna, Villa Malvasia, estate 1648. Nel libretto, che si trova nell'Archivio Bibliografico Musicale di Bo, è scritto che era stata già rappresentata alla corte di Modena).
Nel catalogo della distrutta biblioteca di Lisbona, risultavano "Madrigali a 1, 2, 3, 4, voci. Libro primo". Vedi: Parmenio Bettòli. "La nostra ignoranza", in "Otello", 24 gen. 1895; M.L. Bussi; Manferrari; Pelicelli; M.G. Forlani. "E' rinata dopo tre secoli l'opera rappresentata nel salone del Gotico", in "Libertà lunedì", 21 set. 1987.



Cespedes, Francisco : de : spagnolo nato a Milano e morto a Madrid godette di grande stima per l'ingegno non ordinario. Avendone ricevuto in dono alcune opere per la sua "Libraria" Aprosio ne scrisse "Soggetto dottissimo. Basta dire che era spagnolo" nella parte inedita del suo repertorio: "Bibl. Apros.", ms., parte II, fol. 185, n. XVII.
Scrisse:
Cespedes, Francisco : de, "El soldado cattolico, que mueue dudas a su confessor. Obra sacada por vn capellan militar, de lo que dize el p.d. Francisco de Cespedes Teatino en sus dudas militares escritas en Lattin", En Milan : por Iuan Pedro Cardo, 1649 ",12, 311, 1 p. ; 12o. ", segn.: pgreco6 A-N12", A c. pgreco3r occhietto: 'El soldato cattolico' ", Impronta", oso- osr- sul- opno (3) 1649 (A) ", Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale", Firenze", FI", Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III", Napoli", Biblioteca del Seminario maggiore", Padova
Cespedes, Francisco : de, "Dubia conscientiae militaria a diuersis proposita, & resoluta a P.D. Francisco Cespedes clerico regulari theatino ... ", Mediolani : ex typographia Georgy Rollae, 1643 (Mediolani : ex officina typographica Georgij Rollae, sub signo Sanctae Ceciliae, 1643) ", 8, 199, 1 p. ; 4o", Tit. dell'occhietto: "Dubia militaria" Segn.: p4 A-Y4 Z8 2A4", Front. calcogr. sottoscritto: "Blanchus F", Fregi xilogr.", Impronta", i-i- a-as r,i. opDi (3) 1643 (R) ", Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale", Firenze", Biblioteca statale del Monumento nazionale di Montecassino", Cassino", FR", Biblioteca dell'Istituto di storia del diritto medievale e moderno della Facoltà di giurisprudenza dell'Università degli studi di Milano", Milano", Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II", Roma", Biblioteca Reale", Torino", Biblioteca provinciale dei Frati Minori Cappuccini.
Cespedes, Francisco : de, "Tractatus de exemptione regularium tam ex iure antiquo, quam ex nouo desumptus. In quo omnes fere quaestiones, & controuersiae, quae inter episcopos, & regulares oriri solent, doctorum auctoritate, & rationibus breuiter resoluuntur. Auctore P.D. Francisco Cespedes ... Cum duplici indice ...", Venetiis : apud Paulum Baleonium, 1647 ", [28], 614, [26] p. ; 4o ", Marca (Aquila bicefala) sul front.", Segn.: [pi greco]4 *4 2*6 A-B4 C-2Q8 2R-2V4.", La c. 2*6 bianca", Front. stampato in rosso e nero Numeri: Impronta", i-*- s-5. i-um cono (3) 1647 (R) Localizzazioni: Biblioteca del Seminario vescovile", Acqui Terme", AL", Biblioteca nazionale Sagarriga Visconti-Volpi", Bari", BA", Biblioteca nazionale centrale", Firenze", Biblioteca dell'Istituto di storia del diritto medievale e moderno della Facoltà di giurisprudenza dell'Università degli studi di Milano", Milano", Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III", Napoli", Biblioteca comunale Giosue' Carducci", Citta' di Castello", PG ", Biblioteca Ludovico Jacobilli del Seminario vescovile", Foligno", PG ", Biblioteca comunale Classense", Ravenna", Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II", Roma", Biblioteca universitaria Alessandrina", Roma", Biblioteca provinciale dei Frati Minori Cappuccini", Torino


Campello, Bernardino : di , "Delle historie di Spoleti sopplimento di quelle del regno d'Italia nella parte, che tocca al ducato spoletino, a principi di esso, & alla citta, che ne fu capo. Di Bernardino de' conti di Campello. Tomo primo ...", In Spoleti: Ricci, Giovanni Domenico, 1672
Campello, Bernardino : di ," Delle historie di Spoleti : sopplimento di quelle del Regno d'Italia ... / di Bernardino conte di Campello", Spoleti", 1672
Campello, Bernardino : di ," Relazione della ss. icona della B. Vergine che si venera nella cattedrale di Spoleto tratta dall'Istorie di detta citta. Di Bernardino de' conti di Campello", In Spoleto per Giuseppe Parenti, 1714: Fofi, Francesco, 1772
[Sulle sue opere in C.B.A. clicca qui = nota 7]


Scarselli, Francesco di cui si possono leggere due liriche encomiastiche per la stampa della Biblioteca Aprosiana:
Scarselli, Francesco ," La Talestri opera scenica di Francesco Scarselli bolognese. Dedicata all'illustrissimo, ... Felice Montecuccoli", In Bologna: Pisarri, Antonio
Scarselli, Francesco ," Il secreto alla moda, ouero l'incognita conosciuta in confidenza. Opera scenica del signor dottore Francesco Scarselli. Dedicata al merito impareggiabile dell'illustriss. ... Angelo Gaggi", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1683


Scarlattini, Ottavio, Di lui si può leggere una lirica encomiastica per la stampa della Biblioteca Aprosiana ove dello Scarlattini si conserva il volume: "L'aurora peruana orazione per Santa Rosa di Lima di D. Ottavio Scarlattini ...", In Bologna, per Giacomo Monti, 1671. - 48 p. ; 4°.
Secondo l'SBN nelle biblioteche italiane di questo autore sono reperibili:
Scarlattini, Ottavio," La cetera della chiesa per l'Hinni del Breuiario Romano, parafrasi litterali, e mistiche, d'Ottauio Scarlatini gentilhuomo bolognese Accademico Gelato, & Errante. All'Altezza Serenissima di Alessandro 2. Duca della Mirandola, Principe della Concordia, &c",In Bologna: Monti, Giacomo, 1686
Scarlattini, Ottavio ," Homo et ejus partes figuratus & symbolicus, anatomicus, rationalis, moralis, mysticus, politicus, & legalis, collectus et explicatus cum figuris, symbolis, anatomiis, factis, emblematibus ... reflexionibus et declarationibus tam ex sacris, quam profanis auctoribus desumptis, opera & studio R.D. Octauii Scarlatini ... Tomus primus-[secundus]. Cum additionibus & indicibus copiosissimis; nunc primum ex Italico idiomate Latinitati datum a R. D. Matthia Honcamp ..",Augustae Vindelicorum Dilingae: Bencard, Johann Kaspar, 1695
Scarlattini, Ottavio ,"2: Homo indivisus et integer figuratus & symbolicus, anatomicus, rationalis, moralis, mysticus, politicus, & legalis, collectus et explicatus cum figuris, symbolis, anatomiis, factis, emblematibus ... reflexionibus et declarationibus tam ex sacris, quam profanis auctoribus desumptis, opera & studio R.D. Octauii Scarlatini ... Tomus secundus. Cum additionibus & indicibus copiosissimis;", Augustae Vindelicorum & Dilingae: Bencard, Johann Kaspar, 1695
Scarlattini, Ottavio ," Saeculum Momi, hoc est; in corruptos saeculi mores et animi passiones. Execrationes elogiacae. Scribente Octauio Scarlatino ..", Bononiae: Monti, Giacomo, 1667
Scarlattini, Ottavio ," Analoghe proportioni sopra il non anche risoluto problema d'Euclide per la quadratura del circolo per lo quarto felicissimo ingresso, ... a gonfalonierato di giustizia dell'illustrissimo sig. co. Giuseppe Michele senator Maluasia ... il primo bimestre dell\'anno presente 1691 esposte, e presentate da Ottauio Scarlatini ..",In Bologna: Monti, Pietro Maria, 1690
Scarlattini, OttavioScarlattini, Ottavio ," L' huomo, e sue parti figurato, e simbolico, anatomico, rationale, morale, mistico, politico, e legale, raccolto, e spiegato con figure, simboli ... Opera vtile a' predicatori, oratori, poeti, anatomici ... in due libri distinta ... di Don Ottauio Scarlatini ... con additioni, e tauole copiosissime ..",In Bologna: Monti, Giacomo, 1684
Vergilius Maro, Publius," Publii Virgilii Maronis Opera; ab ipso primum edita. Studiosis lucubrationibus Octavii Scarlatini ... examinata, et exposita cum commentariis, et obseruationibus amplissimis nec non paraphrase italico metro concinnata in duos tomos distincta ad vsum poliantheae ...",Bononiae: Monti, Pier Maria, 1697
Scarlattini, Ottavio ," Dell'Epicuro contro gli epicurei libri quattro di D. Ottauio Scarlattini fra gl'Inabili l'Informe. ..", In Bologna: Monti, Giacomo, 1679
Scarlattini, Ottavio ," Del Dauide musico armato idea dell'ottimo prencipe ecclesiastico, e secolare. Libri quattro. Studij historici, politici, militari, e morali; ... Di D. Ottauio Scarlatini. All\'eminentiss. e reuer. prencipe il sig. Cardinale Sigismondo Ghigi...", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1677


Bonaventura Teoli, OFM Conv., teologo scotista, vissuto principalmente nel XVII secolo (Velletri 1596-1670), autore delle seguenti opere:
"Theologia moralis Scoti, Ea, quae sparsim Subtilis Doctor in suis operibus habet, interrogatorii forma complectens", (Cracow, 1652; Venice, 1652; Venice, 1661; Venice 1705).
"Scotus scripturalis in quo omnes auctoritates ex S. Scriptura decerptae, quae in quatuor Sententiarum et Quodlibetis adnotantur ordinate exacteque iuxta Doctoris vel sensum vel relatum habentur" (Velitris, 1664).
."Decachordum scoticum, sive methodus puritatis SS. Mariae Dei Genitricis probativa immaculata conceptione B.V. Mariae et per Scoti vias ad plausabilem hanc veritatem festiva percurritur" (Velitris, 1673).


Barzini, Francesco, astronomo operante nel XVII secolo, se ne sono rintracciate le seguenti pubblicazioni:
Barzini, Francesco Barzini, FrancescoBarzini, Francesco Barzini, Francesco Barzini, Francesco Barzini, Francesco Barzini, Francesco Barzini, Francesco Barzini, Francesco Barzini, Francesco Barzini, Francesco Barzini, Francesco


Cesari, Domenico di Fossombrone ," Orationes panegyricae sanctorum auctore Dominico Caesario Forosemproniensi I.C. protonotario apostolico, & in Bonon. archigymnasio humaniorum litterarum professore publico. Cum gemino indice, altero orationum, rerum notabilium altero copioso. ..."- Bononiae: Ferroni, Giovanni Battista, 1652
Cesari, Domenico ," Dominici Caesarii Forosemproniensis ... Epistolarum centuria 5. moralis ad amplissimum cardinalem Ludouicum Ludouisium ..", Bononiae typis hered. Bartholomaei Cocchij: Golfarini, PellegrinoCochi, Bartolomeo eredi, 1624
Cesari, Domenico ," Dominici Caesarij ... Epistolarum selectarum centuriae 2. Ad perill et reuerendiss. D. Vincentium de S. Petro ..", Bononiae typis hered. Bartholomaei CocchijBononiae typis haeredum Bartholomaei Cochij: Golfarini, Pellegrino Cochi, Bartolomeo eredi, 1623
Cesari, Domenico ," Dominici Caesarij ... Epistolarum selectarum centuria tertia et quarta ad illustriss. Senatum Bononiae", Bononiae typis hered. Bartholomaei Cocchij, Bononiae typis haeredum Bartholomaei Cochij: Golfarini, PellegrinoCochi, Bartolomeo eredi, 1623
Cesari, Domenico ," Domonici Caesarii ... Epistolarum selectarum centuriae 2. Ad Perill. et reuerendiss. D. Vincentium de S. Petro ..", Bononiae typis Sebastiani Bonomij: Bonomi, SebastianoTamburini, Girolamo, 1621
Cesari, Domenico ," Oratio in funere serenissimi Francisci Mariae 2. Feltrij de Ruuere Vrbini ducis 6. Auctore Dominico Caesario forosemproniense I.C. & prothonot. apostolico. ..", Bononiae: Ferroni, Clemente, 1631
"Applauso delle Muse al felice dottorato dell'vna, e dell'altra legge conferito all'illust.mo e reu.mo signor abbate Carlo Antonio Sampieri con l'interuento degli card.li Falconieri legato di Bologna e Fachenetti", In Bologna: Dozza eredi, 1646
Cesari, Domenico ," Quaresimale di Domenico Cesarii da Fossombrone dottore dell'vna, e dell'altra legge, ... Opera nuoua, vtile, e piena d'eruditione, ... Con tre tauole copiosissime. ..", In Venetia: Giunta, Tommaso <2.> eredi & Baba, Francesco, 1646
Cesari, Domenico ," Orationes selectae ex illis, quae singulis annis ad studiorum auspicia in Bononiensi archigymnasio habitae fuerunt a Dominico Caesario Forosemproniensi I.C. & litteraturae humanioris professores. Ad illustriss. senatum...", Bononiae: Ferroni, Giovanni Battista, 1649
Cesari, Domenico ," Oratio de cura pastorali habita a D. Dominico Caesario Forosemproniensis ... in synodo dioecesana Bonon. 4. Idus Maij 1628. a Io. Baptista Brunello aedis primariae mansionario in lucem edità...", Bononiae: Tebaldini, Nicolo, 1628


Veronese, David ," Prattica d'aritmetica mercantile, di David Veronese nativo di Genova ... Aggiuntoui un Trattato de' Cambij dello stile di Genoua, che contiene tutte le breuita dette ...", In Genova : per Giuseppe Pavoni, 1627 - [8], 440, [16] p. ; 4. - Marca: pavone su una zampa sotto una stella cometa: "tango coelum votis" sul front. - Segn.: [croce]4 A-3I4 a-b4 - Fregi e iniz. xil. - Impronta - toa- 2521 noe- doro (3) 1627 (R) Altre localizzazioni: Biblioteca civica coniugi Marie ed Eraldo Ighina - Ovada - AL - Biblioteca universitaria di Cagliari
Veronese, David ," Aritmetica prattica per principianti composta da Dauid Veronese per auanti stampata sotto titolo d'Abbaco per principianti, & hora di nuouo ristampata, & ampliata d'alcune cose dal medesimo autore", In Genova : per Gio. Maria Farroni, 1644", [8], 129, [7] p. ; 8o. - Segn.: 4A-D8E4F-I8. - Impronta - iala heda men- fitr (3) 1644 (R) -Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma
Veronese, David ," Nuoua pratica d'aritmetica composta da Dauid Veronese. Nella quale con metodo facile, & vtilissimo s'insegna la regola del tre, ... E nel fine la regola del Cattaino semplice, e doppio...", In Genova : per Pier Giouanni Calenzani, 1645 - [10], 131-386, [6] p. ; 8o. - Segn.: A-R8. - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma


Panaroli, Domenico <1587-1657>," L' aria celimontana del signor Domenico Panarolo romano filosofo, e medico", In Roma: Marciani, Domenico, 1642
Panaroli, Domenico <1587-1657>," Apollo Pythius seu Putredo debellata. Dominici Panaroli Romani. ..", Romae: Robletti, Giovanni Battista, 1648
Panaroli, Domenico <1587-1657>," Jatrologismorum, seu Medicinalium observationum pentecostae quinque utilibus praeceptis, singularibus medelis, reconditis speculationibus, portentosiscasibus refertae... Dominici Panaroli ...", Hanoviae: Aubry, Johann <2. ; 1635-1658>Bayer, Johann, anno 1654
Panaroli, Domenico <1587-1657>," Abuso nel gouerno dei putti del signor Domenico Parnarolo romano filosofo, e medico", In Roma", 1642
Panaroli, Domenico <1587-1657>," Museum Barberinum Dominici Panaroli Romani publici almae Urbis Archigymnasio Pharmaciae, & Simplicium primum nunc chirurg. et anatomiae professoris, & archiatri Romani", Romae: Moneta, Francesco, 1656
Panaroli, Domenico <1587-1657>," Il mare essaminato del signor Domenico Panarolo romano filosofo, e medico", In Roma: Moneta, Francesco, 1656
Panaroli, Domenico <1587-1657>," Aerologia cioe discorso dell'aria, trattato vtile per la sanita del signor Domenico Panarolo romano filosofo, e medico", In Roma: Marciani, Domenico
Panaroli, Domenico <1587-1657>," Iatrologismorum, seu medicinalium obseruationum Pentecostae quinque vtilibus praeceptis, ... quibus diuersa, eaque curiosa (prout aduersa pagina indicabit) in calce adduntur opuscula. Opus certe, non tantum physicis dogmatibus redundans, sed multiplici eruditione iucundum, philosophiae, ac medicinae amatissimis, apprime vtile ac necessarium. Dominici Panaroli Romani ..", Romae: Moneta, Francesco, 1652
Panaroli, Domenico <1587-1657>," Dominici Panaroli Romani Iatrologismi siue Medicae obseruationes quibus additus est in fine Plantarum amphitheatralium catalogus", Romae: Marciani, Domenico, 1643


Spinola, Fabio Ambrogio <1593-1671>, "Prediche quadragesimali del padre Fabio Ambrosio Spinola della Compagnia di Giesu", In Genoua : per Benedetto Celle, nella piazza de'Giustiniani ad instanza di Domenico Semino, 1667 - [12], 418 p. ; 4o. - Segn.: pp(-p2) paragrafo6(-paragrafo6) A-3E4 3F6 - Sul front. stemma del dedicatario calcogr. - Testate, fregi e iniz. xilogr. - Testo stampato su due colonne - Impronta - o-te u-he f-da esde (3) 1667 (R) - Localizzazioni: Biblioteca universitaria di Cagliari - Cagliari - Biblioteca statale del Monumento nazionale di Casamari - Veroli - FR - Biblioteca comunale Giosue' Carducci - Citta' di Castello - Biblioteca comunale Augusta - Perugia - Biblioteca della Provincia romana dei Frati dell'Ordine della Mercede - Roma - Biblioteca del Centro teologico - Torino - Biblioteca storica della Provincia di Torino


Morozzo, Luigi Francesco [sec. 17]," Breue racconto della vita, e morte di madama reale Francesca di Borbone, ... dell'abbate Luiggi Francesco Morozzo, ..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1664
Morozzo, Luigi Francesco, "L' elettione reprouata di Saule primo re d'Israelle. Dell'abbate Luiggi Francesco Morozzo ..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1662
Tesauro, Emanuele," Dell'arte delle lettere missiue del conte, e caualier Gran Croce D. Emanuele Tesauro patritio torinese vindicata dall'obliuione, et dedicata al serenissimo principe di di Piemonte dal conte, e caualiere D. Luigi Francesco Morozzo ...", Venetia: Baglioni, Paolo, 1674
Tesauro, Emanuele," Dell'arte delle lettere missiue del conte, e caualier Gran Croce d. Emanuele Tesauro patritio torinese vindicata dall'obliuione, et dedicata al serenissimo principe di di Piemonte dal conte, e caualiere d. Luigi Francesco Morozzo ...", Venetia: Baglioni, Paolo, 1681
Tesauro, Emanuele," Dell'arte delle lettere missiue del conte, e caualier Gran Croce D. Emanuele Tesauro patricio torinese vindicata dall'obliuione e dedicata al serenissimo principe di di Piemonte dal conte, e caualiere D. Luigi Francesco Morozzo ..", In Bologna, & in Parma: Rosati, Galeazzo, 1676
Morozzo, Luigi Francesco," Il ministero salutare di Giuseppe patriarca, e vice-re d'Egitto, descritto , e dedicato all'A.R. di Carlo Emanuele 2. duca di Sauoia, prencipe di Piemonte, re di Cipro, dall'abbate Luigi Francesco Morozzo ..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1672
Morozzo, Luigi Francesco," Roboamo mal consigliato, e Geroboamo mal'auueduto. Dedicati all'A. serenissima di Vittorio Francesco Amedeo prencipe di Piemonte, dall'abbate Luigi Francesco Morozzo..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1668
Tesauro, Emanuele," L' arte delle lettere missiue del conte d. Emanuele Tesauro. Vindicata dall'obliuione, et dedicata al serenissimo principe di Piemonte dal conte, & caualiere d. Luigi Morozzo ..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1674


Mondini, Mattia, " Insinuazioni politicomorali, o sieno affetti ciuili di Mattia Mondini, per chi dal genio e piegato alla Corte ... ", In Bologna : presso gli Hh. di Domenico Barbieri, all'insegna delle due rose - [12], 394, [2] p. ; 12o - La data 1667 è quella della dedica - Segn.: [croce]6 A-Q12 R6 - Impronta - s-ri a:r- e,n- divi (3) 1667 (Q) - Localizzazioni: Biblioteca comunale Classense - Ravenna


Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii De Germaniae laudibus. Prolusio 18", Patauii", 1654
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii Pro Cornelio Tacito apologetica. Prolusio 17", Patauii", 1654
"Glorie funebri composizioni in morte di s.e. il sig. Battista Nani caualiere, e procuratore di San Marco raccolte dal conte Lelio Piovene nob. ven. prencipe dell' Accademia Dodonea", In Venetia: Poletti, Andrea, 1679
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," octauii Ferrarii Athenae Italicae, siue De Patauinae vrbis laudibus. Prolusio 16", Patauii", 1654
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Christina abdicans, Octauii Ferrarii Prolusio vndeuicesima", Patauii", 1654
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Apotheosis Lazari Mocenici Venetae classis imperatoris Prolusio 22. Octauio Ferrario auctore", Patauii: Frambotto, Paolo, 1658
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Ianus Clausus Octauii Ferrarii Prolusio 23", Patauii", 1659
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii Variarum inscriptionum atque elogiorum liber vnus", Patauii: Frambotto, Paolo, 1647
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii Panegyricus Ludouico 14. Francorum regi dictus anno 1666", Venetiis: Combi, Sebastiano & La Nou, Giovanni, 1666
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauij Ferrarij Origines linguae italicae", Patavij: Frambotto, Pietro Maria, 1676
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauij Ferrarij Prolusiones vigintisex. Epistolae. Et Formulae ad capienda doctoris insignia. Item variae inscriptiones", Patauij: Frambotto, Paolo, 1668
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," 2: Octauij Ferrarij Epistolarum item formularum ad capienda doctoris insignia & inscriptionum. Pars altera", Patauij", 1668
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauij Ferrarij Prolusionum & epistolarum pars tertia accessit Panegyricus Ludouico Magno Francorum regi dictus", Patauij: Frambotto, Pietro Maria, 1674
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii De re vestiaria libri septem quatuor postremi nunc primum prodeunt: reliqui emendatiores & auctiores. Adiectis iconibus, quibus res tota oculis subiicitur", Patauii: Frambotto, Pietro Maria, 1685
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauij Ferrarij De re vestiaria libri septem quatuor postremi nunc primum prodeunt: reliqui emendatiores & auctiores. Adiectis iconibus, quibus res tota oculis subiicitur", Patavii: Frambotto, Paolo, 1654
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrari ... De re vestiaria libri septem. Quatuor postremi nunc primum prodeunt: reliqui emendatiores & auctiores. Adiectis iconibus, quibus res tota oculis subiicitur", Patauii", 1654
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii De re vestiaria libri septem. Quatuor postremi nunc primum prodeunt: reliqui emendatiores & auctiores. Adiectis iconibus, quibus res tota oculis subijcitur. Quibus in hac nostra tertia editione accesserunt Analecta de re vestiara, & Dissertatio de veterum lucernis sepulchralibus", Patauii: Frambotto, Pietro Maria, 1685
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Alexander Maximus Octauii Ferrarii prolusio vigesima", Patauii: Frambotto, Paolo, 1655
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii Veneta munificentia prolusio 25", Patauii: Frambotto, Paolo, 1661
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii Musarum secretum prolusio 24", Patauii: Frambotto, Paolo, 1660
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii. Peplus Venetus. Prolusio 26", Patauii: Frambotto, Paolo eredi, 1667
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii Analecta de re vestiaria siue Exercitationes ad Alberti Rubenii Commentarium de re vestiaria, & lato clauo. Accessit Dissertatio de veterum lucernis sepulchralibus", Patauii: Frambotto, Paolo, 1670
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octavii Ferrarii patricii mediolanensis, equitis, ... opera varia prolusiones, epistolas, formulas ad capienda doctoris insignia, & varias inscriptiones complectentia. Omnia illa ex diversis auctoris libris collegit, in ordinem redegit, et singulari studio emendavit Ioannes Fabricius d. & prof. emeritus, ..", Wolffenbuttelii: Freytag, Gothfried, 1711
Ferrari, Ottavio <1602-1682>," Octauii Ferrarii Electorum libri duo accesserunt epistolae & inscriptiones", Patauii: Frambotto, Pietro Maria, 1679


Zehentner, Paul," Vermis malae conscientiae hominis impij domesticus carnifex suis coloribus adumbratus. A Paulo Zehentner Societatis Iesu theologo. Cum triplici indice capitum, paragraphorum, rerum praecipuarum, & concionatorum", Monachij : sumptibus & formis Cornelij Leysserij, electoralis typographi & bibliopolae, 1633 (Monachij : sumptibus & formis Cornelij Leysserij, electoralis typographi & bibliopolae, 1633) - [32], 575, [25] p., [1] c. di tav. : ill. calcogr. e front. calcogr. ; 8o. - Calcogr. incise da Johann Sadeler. - Marca: Uomo in mare : "Emergam". Cornelius Leysserius in fine - Segn.: *-2*8 A-2O8 2P4 - Impronta - ran- l-ut e.i- tese (3) 1633 (R) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma.
Zehentner, Paul, "Promontorium malae spei: impiis periculose navigantibus propositum. Siue, signum & nota reprobationis procrastinatio poenitentiae. Scripta cautelae hominum emendationem vitae cunctantium spe aliquando resipiscendi. Auctore R.P. Paulo Zehentner Soc. Iesu .." , Graecij ; formis Widmanstadianis : sumptibus Sebastiani Haupt ..., 1643 - [44], 752 [i.e. 742, 10] p., [1] c. di tav. : ill. e front. calcogr. ; 4o. - Front. calcogr. inciso da David Tscherning. - Omesse nella numerazione le p. 281-290 - Segn.: 4-44 52 A-5B4 - VD 17 on line, n. 12:108154N - Impronta - s)od o-e- sqm. ledi (3) 1643 (A) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma - Biblioteca universitaria di Cagliari - Cagliari - Biblioteca statale del Monumento nazionale di Montecassino.
- Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma


Mazza, Pio," Ristretto della vita, virtu, e miracoli del beato Pio 5. Sommo, e gloriosiss. pontefice dell'ord. de' predicatori. Dedicato all'altezza serenissima di Cosimo 3. gran duca di Toscana. Dal P. lettor fra Pio Mazza de' predicatori", In Firenze : all'Insegna della Naue, 1672 - 199, [1] p., [1] c. di tav. : ritr. ; 12o. - Fregi xilogr - Ritr. xilogr. di Pio V Segn.: A-Huu I4. - Impronta - e-vn I.M; i.a. maMa (3) 1672 (A) Biblioteca Reale - Torino
Mazza, Pio," Compendio della vita, e miracoli di san Luigi Bertrando dell'Ordine de' predicatori ... / Pio Mazza...", In Firenze : all'ins. della Stella, 1671 - 103 p. ; 12 - Il nome dell'A. a c. A5v - Impronta - a-i- lee- furo truo (3) 1671 (A) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale - Firenze


Antonelli, Tommaso <1598-1649>, " Ragionamento del padre Tomaso Antonelli della Compagnia di Gesu detto in duomo nell'aprirsi de tribunali a 5. di nouembre dell'anno 1647", In Milano : per Filippo Ghisolfi - 22, [2] p. ; 4 - Opera pubblicata a partire dal 1647, data presente nel titolo - Segn.: A4 B8 - Stemma xilogr. sul front. - Iniziali e fregi xilogr. - Impronta - ioo, a-io i-re tevn (3) 1647 (Q) Localizzazioni: Biblioteca pubblica e casa della cultura - Fondazione Achille Marazza - Borgomanero - NO
Antonelli, Tommaso <1598-1649>, " De Christi domini cruciatibus oratio die Parasceues in sacello pont. Vaticano ad S.D.N. Innocentium 10. habita a Thoma Antonello e soc. Iesu...", Romae : typis haeredum Corbelletti, 1645 - 12 p. ; 4. - Emblema dei Gesuiti sul front. - Segn.: A6 - Impronta - emam goba e-o- umte (C) 1645 (A) - Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma


Viviani, Viviano [sec. 17. ; medico]," De peste siue Viuiani Viuiani ciuis Veneti artium et medicinae doctoris apologia. Syllogisticae disputationis editae anno 1633 mense augusti", Venetiis: Sarzina, Giacomo <1.>, 1633
Viviani, Viviano ," Opere di Viuiano Viuiani dottore di filosofia, e medicina. Al Serenissimo Prencipe, et eccellentissimo Senato Veneto consecrate", In Venetia: Salis, Giovanni eredi, 1644
Viviani, Viviano ," Trattato del custodire la sanita', di Viuiano Viuiani filosofo, & medico venetiano. All'Ill.mo ... D. Alessandro cardinale Orsino", In Venezia: Muschio, AndreaPiuti, Girolamo, 1626
Viviani, Viviano," Opere di Viviano Viviani dottore di filosofia, e medicina. Al serenissimo prencipe, et eccellentissimo Senato Veneto consecrate", In Venetia: Salis, Giovanni eredi, 1644


Arminio, Fulgenzio [agostiniano, cui Aprosio dedicò questo Grillo censurato e solo recentemente edito] ," Lettera nella quale si raccontano i prodigii fatti dalla statua di marmo di S. Nicola da Tolentino in Venetia nella chiesa di San Stefano de' PP. Agostiniani / [Fra Arminio d'Auellino maestro agostiniano]. L'anno 1652. Stampata nella stessa citta, ed approuata da i superiori", In Bologna: Monti, Giacomo
Arminio Monforte, Fulgenzio ," Tributi di riuerenza alla serenissima, e sempre gloriosa republica di Venezia. Discorsi predicabili di fra Fulgentio Arminio d'Auellino maestro agostiniano", In Venetia: Surian, Giovanni Battista, 1653
Arminio Monforte, Fulgenzio ," Panegirici sagri discorsi composti, e recitati dal p.f. Fulgenzio Arminio Agostiniano teologo dell'eminentissimo sig. cardinal Colonna ...", In Bologna: Monti, Giacomo, 1651
Arminio Monforte, Fulgenzio," Panegirici sagri discorsi composti, e recitati da monsignore illustrissimo, e reuerendissimo Fulgenzio Arminio Monforte d'Auellino vescouo di Nusco ... da lui accresciuti in questa vltima impressione. ...", In Bologna", 1669
Arminio Monforte, Fulgenzio ," Panegirici del M.R.P.M. F. Fulgenzio Arminio d'Auellino Agostiniano ... alle glorie dell'eminentissimo, ... signor cardinal Rossetti vescouo di Faenza, suo signore", In Napoli per gli heredi di Cauallo: Cavallo, Camillo eredi Capano, 1660
Arminio Monforte, Fulgenzio," Vitae, mortis, et translationis diui Stephani papae, et martyris elogia a d.f. Fulgentio Arminio Monforte ab Auellino Ord. S. Augustini episcopo Nuscano composita ...", Neapoli", 1683
Arminio Monforte, Fulgenzio ," Ambasciata di vbidienza fatta alla S.ta' di Clemente 10. in nome di Carlo secondo il felice re delle Spagne e di Marianna d'Austria la prudente sua madre, regina gouernadrice, da D. Pietro Antonio d\'Aragona ... Scritta da vn diuoto di quella corona. / [Artemino Formoni]", In Roma: Lazzari, Ignazio, 1671 Monforte, Fulgenzio Arminio," Il trionfo del dolore. Funerali per la illustrissima ed eccellentissima signora donna Giovanna di Sangro dei marchesi di S. Lucido principessa di S. Severo ... descritti da D.F. Fulgenzio Arminio Monforte vescouo di Nusco ... l\'anno 1674", In Napoli: Fasulo, Girolamo, 1674
Arminio Monforte, Fulgenzio," Le glorie di san Gio. Batista distinte in otto discorsi, recitati nella ottaua della sua natiuita nel duomo di Firenze. dal p.f. Fulgenzio Arminio di Auellino ...", In Firenze: Stamperia di S.A.S. , 1653
Arminio-Monforte Fr. Fulgentius "[scrive di lui il Perini nella sua silloge sugli agostiniani"] " nobilis Abellinas, S. Theol. Magister, a Mazzuchellio dicitur: "vir eloquentia sacra celebratissimus", qui magno cum zelo, ingentique eruditorum plausu multos annos in praecipuis Italiae urbibus concionatoris munus exercuit. An. 1649 interfuit Capitulo Generali Romano, ac die 5 maii in ecclesia Divi P. Augustini ipse, ut dicitur in actis "magna eruditione" praedicavit. Tunc erat S. Theol. Bacc.; fuit postea anno, scilicet, 1656 Prior Florentiae, ac Magni Etruriae Ducis theologus; deinde qualificator S. Officii in Regno Siciliae, nec non pro-cancellarius Neapolitani theologi collegii. Anno 1669, die 1 aprilis, ad Episcopatum Nusci in Principatu ulteriori fuit evectus. Gratia atque amicitia fragravit apud praecipuos suae aetatis litteratos viros, atque Neapolitano Proregi fuit acceptissimus, qui propterea eum semper penes se habere cupiebat. Ut suae quieti consuleret an. 1680 pastorale pedum sponte deposuit, cum illud per plures annos laudabiliter gestasset. An. 1690 iam e vivis sublatus fuerat. Quae exaravit sunt sequentia:
1. Gli immortali cipressi, descrizione dei funerali di Antonio Carafa duca d'Andria. Trani, 1645, in 4°.
2. Le pompe della morte per la morte di Cornelia Giudici duchessa di Bisaccio. Napoli, 1647, in 4°.
3. La Repubblica, orazione recitata in Genova. Genova, 1650, in 4°.
4. Panegirici sacri, discorsi etc., Bologna, per Giacomo Monti, 1651, in 4°.
5. Lettera nella quale si raccontano i prodigi fatti dalla statua di marmo di S. Nicola da Tolentino in Venetia nella chiesa di S. Stefano dei PP. Agostiniani l'anno 1652, stampata nella stessa città, ed approvata dai superiori. (In fine): di Venetia, li 4 Agosto 1652, Tip. Turrini, in 4°.
6. I tributi di riverenza alla Serenissima e sempre gloriosa Repubblica di Venetia, discorsi predicabili. Venetia, per Gio. Battista Surian, 1652, in 12°.
7. Il libro della grazia. Orazione per lo scioglimento del voto fatto all'Immacolata Concezione pel contagio della passata peste.Napoli, presso Sebastiano Aleccio, 1660, in 12°. Est in Bibliotheca Angelica.
8. Panegirico di S. Petronio Vesc. e protettore di Bologna. Bologna, 1666, in 12°.
9. L'ambasciata d'ubbidienza fatta [Pag. 59] alla Santità di Clemente X in nome di Carlo II il felice Re delle Spagne, e di Marianna d'Austria la prudente sua madre Regina governatrice, da D. Pietro Antonio d'Aragona, Viceré di Napoli, con le notizie delle solennità, con le quali fu eseguita, e del pomposo ricevimento fattogli da Don Antonio Pietro Alvarez Osorio Gomez e Toledo, Marchese d'Atorga ecc. Ambasciatore ordinario in Roma delle medesime maestà, nel mese di gennaio dell'an. 1671. Roma, 1671, in 4°.
10. Il Trionfo del dolore, funerali per D. Giovanna di Sangro Principessa di S. Severo. Napoli, 1674, in 4°.
11. Vitae, mortis et translationis Divi Stephani papae et martyris elogia. Neapoli, 1683, in 4°.
12. Oratio funebris in obitu Philippi IV, Regis Hispaniarum, cuius titulus: L'Eclissi cagionato dalla morte del sole delle grandezze.
13. Le glorie di S. Giovanni Battista. Firenze, 1653, in 12°.
14. Discorso per S. Maria del Soccorso. Bologna, per i Barbieri, 1666, in 12°.
(Cfr. Mazzuchelli, op. cit., Vol. I, Par. I, p. 1167; Toppi, op. cit., p. 10; Ossinger, op. cit., p. 76; Lanteri, "Postr. Saec. Sex Rel. Aug.", VoI. III, p. 52, et in "Erem. Sacr. Aug.", Part. I, p. 127; Giustiniani, "Epist. Memorabilium", Part. III, p. 58; Crescimbeni, "Istoria della volgar Poesia", T. V, p. 181; Moroni, "Dizionario", Vol. 48, p. 178; Riccio Minieri, "Notizie" cit., p. 63 et alios.).


Arpe Fr. Augustinus "[scrive di lui il Perini nella sua silloge sugli agostiniani"] ortum habuit in oppido vulgo Levanto, Provinciae Genuensis, circa an. 1660. Vitam religiosam nostri Ordinis Genuae in conventu S. Mariae de Consolat. an. 1675 professus, studior. curriculum Viterbii ac Neapoli optima fruge complevit. Lector renuntiatus in ipsa Neapol. civitate, a. 1680 Romam missus fuit ac deinceps Mediolanum, Suessam, Messanam, Aquilam, Anconam et Pisas, in quibus laudabiliter ac eruditissime nostram pubem scientias philosophicas ac theologicas docuit. Die 10 maii an. 1697 laurea magistrali decoratus, fuit etiam suae Genuensis Congregationis Vicarius Gen., illius Reipublicae insignis theologus, Ordinis historicus, et Genuae S. Officii consultor. Opera, quae proelo tradidit, testantur insuper ipsum et eximium poetam fuisse, et Augustinianum Ordinem hu1ic viro plurimum debere; nam Eremitanos heroes carminibus celebravit, sanctos ac beatos eiusdem Ordinis piorum imitationi proposuit. E vita migravit, ut videtur, an. 1729. Locubrationes typis ab eo datae sunt
: 1. Memorie dell'Ordine Eremit. di S. Agostino. Bologna, per gli eredi Pisazzi, 1699, in 8°.
2. Memorie dei Beati Agostiniani (s. l. t. et a.). Hoc opus est in Bibl. Angelica Urbis, T. 10, 36.
3. Pantheon Augustinianum, sive, Elogia virorum illustrium Ord. Eremit. S. Augustini (Versibus latinis exaratum). Genuae, typ. Joan. Franchelli, 1709, in 4°.
4. Giornale dei Santi e Beati Agostiniani. Genova, iisdem typis, 1722, Tom. 2, in 16°, et ex Italico idiomate Latinitati donatum a P. Mag. Fr. Benigno Sichorowsky, eiusdem Ord. S. Theol. Doctore, Ex Provinciale, et Assist. Generale emerito. Pragae, typis Wenceslai Urbani Suchy, 1735, I vol, in 12°, pp. 499. [Pag. 60]
5. Summa totius Theologiae Aegidii Columnae Ord. Erem. S. Augustini et S. R. E. Card. ex doctrina eiusdem collecta, in partes V distincta, quarum I in primum Sententiarum, II et III in secundum, IV in tertium, et V in quartum Sentent. Accedunt propositiones ultimo condemnatae a S. Sede ab Augutino et Aegidio praedemnatae. Tomi V in 12°, quorum l.us Bononiae apud Pisazzum, 1700, reliqui Genuae Typ. Antonii Casamarae, 1702, 1704 prodiere.
6. Ex Regesto Rev.mi P. Generalis Fulgentii Bellelli, idem Augustinus Arpe sub die 15 iunii 1728 facultatem ab eodem Generale obtinuit imprimendi librum, cuius titulus: Augustinus Magister morum; an prodierit hoc opus nec ne, nescimus.
(Cfr. Ossinger, op. cit., p. 77; Lanteri, "Postr. Saec. sex Rel. Aug.", T. III, p. 18; Hurter, "Nomenclator Litt.", primae editionis,T. II, p. 651).


Il palermitano Giuseppe Galeano (1605-1675), eminente medico, versato negli studi letterari, nella filosofia e nella teologia, scrisse anche di poesia. Nelle pubblicazioni molto si valse di pseudonimi (come fece notare A. Aprosio nella sua "Pentecoste...") e con lo pseudonimo di Pier Giuseppe Sanclemente firmò l’opera "Le muse siciliane overo Scelta di tutte le Canzoni della Sicilia" in quattro volumi (1645), e fu autore di "Poesie Liriche" (1634), del poema eroico "Pelagio, ossia la Spagna racquistata" (1670), del poema sacro la "Rosalia trionfante" (1632). In campo scientifico eccelse in anatomia, fisiologia, chimica e botanica. Le sue lezioni universitarie furono raccolte sotto il titolo: "Ippocratem redivivum Paraphrasibus illustratum" (1650) e tra le tante pubblicazioni scientifiche va ricordata l’interessante "Epistola medica" (1648). La raccolta delle "Canzoni" (componimenti lirici monostrofici espressi nella forma metrica dell’ottava siciliana) ne comprende oltre quattromila, scritte da una schiera di ben 169 poeti.
Sue pubblicazioni reperite nelle biblioteche italiane:
Galeano, Giuseppe <1605-1675," Ioseph Galeani Petro Castello epistola medica in qua tum de epidemica febre theorice e practice agitur ...", Panormi", 1648
"Le Muse siciliane ouero Scelta di tutte le canzoni della Sicilia, raccolte da Pier Giuseppe Sanclemente parte prima [- quarta] ..", In Palermo: Bua, Nicolo & Portanova, Michele, 1645-1653
"1: Parte prima nella quale si contengono le piu degne de' piu famosi autori antichi. Con vna grammatica siciliana, e con due tauole, la prima delle canzoni, e la seconda delle materie. Al signor D. Ugo Notarbartolo", In Palermo: Bua, Nicolo & Portanova, Michele, 1645
"2.2: Tomo secondo della seconda parte nella quale si contengono le piu degne de' piu famosi autori moderni. All'illustriss. & eccellentiss. sign. il signor D. Luigi Moncata et Aragona", In Palermo: Cirillo, Decio, 1647
"3: Parte terza nella quale si contengono le piu degne fatte in stile burlesco de' piu famosi autori cosi antichi, come moderni con vna dichiaratione de' vocaboli piu proprij, e piu oscuri siciliani riscontrati coi toscani. All\'illust. signore il sign. D. Luigi La Farina", In Palermo per il Bisagni: Mercurio, Rocco Bisagni, Giuseppe, 1651
"4: Le muse siciliane sacre, ouero Scelta di tutte le canzoni della Sicilia raccolte da Piergiuseppe Sanclemente parte quarta nella quale si contengono le piu degne de' piu famosi autori antichi e moderni, per eccitare l\'anime de\' Christiani alla deuotione", In Palermo per Giuseppe Bisagni: Mercurio, RoccoBisagni, Giuseppe, 1653
"Le Muse siciliane, ouero Scelta di tutte le canzoni della Sicilia, raccolte da Pier Giuseppe Sanclemente, et hora da Nicolo Mussuto in questa nuoua impressione accresciute, e riformate. Parte prima [- tomo secondo della seconda parte] ...", In Palermo : per Guseppe Bisagni, 1662", Bisagni, Giuseppe Galeano, Giuseppe <1605-1675," Oratio de medicinae praestantia a philosopho, ac medico Iosepho Galeano habita in noua Panormitana medicorum academia adstante illustrissimo senatu foelicis vrbis Panormi totius Siciliae metropolis. ...", Panormi: Bisagni, Giuseppe, 1649
Galenus, Claudius," Del conseruar la sanita libri sei di Galeno. Compendio, e traduzione del filosofo, e medico Giuseppe Galeano al signor Antonio Brignone", In Palermo: Bua, Niccolo, 1650
Galeano, Giuseppe <1605-1675," Il caffe con piu diligenza esaminato in ordine al conservamento della salute de corpi humani : discorso", Palermo", 1674
Galeano, Giuseppe<1605-1675," Aphorismorum Hippocratis sectiones. Paraphrases Joseph Galeani philosophi, ac medici Siculi Panormitani ... Quibus accedunt singuli aphorismi, ad febres, & morbos cunctos attinentes, selecti, ac rerum notatu dignarum index: studio, ac labore cujusdam A. & M. studiosi", Pan.", 1701
Galeano, Giuseppe <1605-1675," Ioseph Galeani philosophi, ac medici Siculi ... Epistola medica. In qua tum de epidemica febre theorice, & practice agitur, tum controuersiae omnes de diaeta, pharmacia, & chirurgia in malignis febribus enodantur. Ad illustriss. ... Don Didacum Requesenium ..", [Palermo]: Isola, Alfonso dell', 1648
Alla C.B.A di lui si conservano tuttora le seguenti opere:
1 - "La lepra unita col mal francese, o altro contagioso male, in quale degli spedali debba curarsi. Distintioni, e decisioni medicinali del dottor in filosofia, e medicina Giuseppe Galeano", In Palermo : Per Agostino Bossio, 1656. - [6], 50 p. ; 8°.
2 - "Le Muse siciliane overo Scelta di tutte le canzoni della Sicilia, raccolte da Pier Giuseppe Sanclemente. Parte prima, nella quale si contengono le piu' degne de' piu' famosi autori antichi ... - Seconda impressione", In Palermo : per il Bua e Portanuova, 1645. - 332 p. ; 12°. (Contiene composizioni poetiche in dialetto siciliano di Antonio Veneziano ... [et al.])
3 - "Il pelagio overo Spagna racquistata poema heroico del Dottor Giuseppe Galeano, e Sanclemente. Con gli argomenti a ciascun canto di Don Giovan Battista del Giudice" In Palermo : per Diego Bua, e Pietro Camagna, 1670. - [32], 388 p. : 1 ill. ; 8°.
4 - "Poesie liriche di Giuseppe Galeano Accademico Rinfiammato ..." In Palermo : per Alfonzo dell'Isola, 1634. - [12], 113 p. ; 12°.
5 - "Il trionfo di San Casimiro prencipe di Polonia celebrato per otto giorni nella chiesa di San Nicolo da Tolentino delli RR.PP. Scalzi Agostiniani della citta' di Palermo ... / [Giuseppe Sanclemente pseudonimo di Giuseppe Galeano]", In Palermo : per Antonio Martarello, 1636. - [2], 56 p. : 3 ill. ; 8°.
6 - "Vigiliarun medicinalium nocturnae elucubrationes. Partim latio, partim hetrusco sermone conscripte. Tomi 15 ... Auctore Joseph Galeano ... Studio ac labore artium, et Medicine doctoris Isidori Pallesteros et in luce editi", Panorm. : Apud Didacum Bua, 1663. - [2], 565 p. : ill. ; 24°


Nihus, Barthold<1596-1657>," Bartoldi Nihusii Commentarius Logicus Novus, Succinctus Ac Dilucidus De Enunciationibus Et Syllogismis Modalibus",
Nihus, Barthold <1596-1657>," Irnerius. Seu Quaestiones de iurisconsulto illo historicae a iuris pontificii et Caesarei collegiis Bononiensibus excussae quam solidissime, decembri 1641. Bartoldus Nihusius procuravit ediditque; ..", Coloniae Agrippinae: Kinckius, Johann, 1642
Nihus, Barthold <1596-1657>," V. cl. Bartholdi Nihusii, Tractatus chorographicus; de nonnullis Asiae provinciis ad Tigrim, Euphratem, & Mediterraneum ac Rubrum maria", 1658
Allacci, Leone," Leonis Allatii Confutatio fabulae de Ioanna papissa, ex monumentis Graecis. Bartholdus Nihusius recensuit, prologo atque epilogo auxit, nec non Telescopium adjunxit", Coloniae Agrippinae: Blaeu, Joan <1.> & C., 1645
Rossi, Giovanni Vittorio <1577-1647>," Iani Nicii Erythraei Epistolae ad diuersos", Coloniae Vbiorum i.e. Amsterdam: Kalckhoven, Jost & C., 1645-1649
Rossi, Giovanni Vittorio <1577-1647>," Iani Nicii Erythraei Epistolae ad Tyrrhenum", Coloniae Vbiorum \i.e. Amsterdam!: Kalckhoven, Jost & C., 1645-1649
Allacci, Leone," Leoni Allati Confutatio fabulae de Ioanna Papissa ex monumentis Graecis / Bartoldus Nihusius recensuit, prologo atque epilogo auxit, nec non telescopium adjunxit", Coloniae Agrippinae", 1645
Allacci, Leone," *Leonis Allatii De ecclesiae occidentalis atque orientalis perpetua consensione libri tres Ejusdem dissertationes De dominicis et hebdomadibus graecorum, et Demissa praesanctificatorum : Cum Bartoldi Nihusii ad hanc annotationibus, de communione Orientalium specie unica", Coloniae Agrippinae", 1648
Allacci, Leone," Leonis Allatii, De Ecclesiae Occidentalis atque Orientalis perpetua consensione, libri tres: ejusdem dissertationes, de Dominicis et hebdomadibus graecorum, et de Missa praesanctificatorum, cum Bartoli Nihusii ad hanc annotationibus, de Comunione Orientalium sub specie unica", Colonia", 1648
Allacci, Leone," Leonis Allatii, De mensura temporum antiquorum, & praecipue Graecorum, exercitatio", Coloniae Agrippinae i.e. Amsterdam: Blaeu, Joan <1. ; 1632-1673>, 1645
Allacci, Leone," Leonis Allatii Symmikta, siue Opusculorum, gricorum et latinorum, vetustiorum ac recentiorum, libri duo / edente, nonnullis additis, Bartoldo Nihusio. syllabus omnium omnium subjicitur sequenti dedicatoriam prifatiunculi", Colonia", 1653
Bartholin, Thomas <1616-1680>," Thomae Bartholini Casp. F. De cruce Christi. Hypomnemata 4. 1. De Sedili Medio. 2. De Vino Myrrhato. 3. De Corona spinea. 4. De sudore sanguineo", Amstelodami: Frisius, Andreas, 1670
Allacci, Leone," Leonis Allatii De ecclesiae occidentalis atque orientalis perpetua consensione, libri tres. Ejusdem dissertationes, De dominicis et hebdomadibus Graecorum, et De missa praesanctificatorum; cum Bartoldi Nihusii ad hanc annotationibus, de communione orientalium sub specie unica", Coloniae Agrippinae i.e. Amsterdam: Blaeu, Joan <1. ; 1632-1673>, 1648
Rossi, Giovanni Vittorio <1577-1647>," Iani Nicii Erytraei Homiliae", Coloniae Vbiorum: Blaeu, Joan <1. ; 1632-1673>Kalckhoven, Jost & C., 1649
Barthold Nihus: riformato convertito e controversialista, nacque a Holtorf ( Hannover) il 7 febbraio, 1590 (secondo altre fonti in 1584 o in 1589, a Wolpe in Brunswick) morendo ad Erfurt, il 10 marzo, 1657. Veniva da una famiglia protestante povera e ottenuta la sua formazione iniziale a Verden e Goslar, studiò filosofia e medicina all'università di Helmstedt, da dove, a causa delle sue misere condizioni economiche dovette prestarsi ad essere "famulus" di Cornelius Martini, docente riformato di filosofia.
Acquisite grandi competenze in filosofia, dal 1612 le sue inclinazioni allora lo portarono ad approfondire lo studio della teologia protestante.
All'epoca esistevano vari conflitti ideologici e personali fra i professori di Helmstedt sì che il suo soggiorno divenne sgradevole: così due allievi di nobile ed agiata famiglia si trasferirono nel 1616 all'università di Jena, li accompagnò volentieri come "praeceptor".
In un tempo successivo divenne istruttore dei giovani principi di Saxe-Weimar fra cui era il Bernhard successivamente famoso di Saxe-Weimar.
L'incapacità dei theologi protestanti di formulare risposte convincenti per molte domande vitali lo portò quindi a maturare tanti seri dubbi da abbandonare il Protestantismo.
Si recò allora a Colonia (1622) e si ascrisse alla "Camera di Proseliti" fondata dalla "Fratellanza della Traversa Santa": durante lo stesso anno scelse la fede cattolica e, dopo la preparazione dovuta, fu ordinato sacerdote. Divenne quindi direttore scelto della "Camera di Proseliti", prevosto (1627) del convento cisterciense a Althaldensleben vicino a Magdeburg, e due anni più successivamente abbate del monastero del Premonstratensians, donde fu espulso dopo la battaglia di Breitenfeld del 1631. Di là si condusse a Hildesheim e poi in Olanda ove entrò in stretti rapporti con Gerhard Johann Vossius.
Nel 1645 Nihus a Munster entrò nei favori del nunzio papale, Fabio Chigi (fututo Alessandro VII), allora in Munster per assistere al congresso vestfaliano di pace.
Alcuni anni più successivamente fu indotto a recarsi in Mayence da Johann Philip von Schonborn, Arcivescovo di Mayence, per cui inacrico si portò poi ad Ingolstadt nel 1654 al fine di ottenere le informazioni in merito all'attività di di Bartholomew Holzhauser.
Schonborn, nel 1655, lo fece quindi suo vescovo suffragianeo per la Sassonia e Thuringia, con residenza a Erfurt, dove lo colse la morte.
Dopo che la sua conversione Nihus scrisse ai suoi professori, a "Cornelius Calixtus
" ed all' "Hornejus di Helmstedt", una lettera in cui chiarì le ragioni abbracciò il Cattolicismo: il motivo principale era che la chiesa aveva bisogno di un giudice vivente e supremo in grado di spiegare la Bibbia e dirimere le dispute e le difficoltà.
"Calixtus" in particolare prese a contestarlo violentemente nelle sue conferenze e più tardi nelle sue pubblicazioni, sì che prese inizio una polemica amara fra Nihus ed i professori di Helmstedt.
Nihus scrisse molto (e non solo per difendersi) e molto fu aiutato dal grande Leone Allacci, divenuto su caro amico: come peraltro si può riscontrare dalla'nalisi delle opere sopra riportate.


Giovanni Tiboldi, stampatore genovese del XVII secolo = alcune sue pubblicazioni reperite nelle biblioteche italiane:
"Il gran cammino oue il mondo si perde, cioe, la vera conoscenza della strada larga ... Intrate per augustam portam, quia lata porta, & spatiosa via est ... Opera del padre Giuliano Henuue ... tradotta dal francese nell'italiano da Gio: Pietro Spinola", In Genoua: Celle, Benedetto & Tiboldi , Giovanni Battista, 1671
Jose : de Jesus Maria," Salita dell'anima a' Dio, et entrata nel paradiso spirituale, parte seconda. Opera del m.r.p.f. Giuseppe di Giesu Maria, ... Tradotta dal castigliano da f. Luca Francesco di S. Benedetto ..", In Genoua: Tiboldi , Giovanni Battista, 1669
Palombi, Niccolo," La penitenza corteggiata da miracoli panegirico di San Ranieri nobile pisano recitato nel duomo di Pisa alla presenza del serenissimo Cosimo 3 gran duca di Toscana. Dal P. Nicolo Palombi della Compagnia di Giesu", In Genova: Tiboldi , Giovanni Battista & Bottaro, Giuseppe, 1678
Bozomo, Cherubino," Risolutione morale del P. F. Cherubino Bozomo lettor teologo de predicatori nobile Genouese. Dedicata all'illustrissime ... religiose claustrali", In Genova: Tiboldi , Giovanni Battista & Bottaro, Giuseppe, 1674
Serravalle Scrivia," Statuta decreta et ordinationes communis Serrauallis", Genuae: Tiboldi , Giovanni Battista, 1679
Terziari francescani secolari," Regola del terz'ordine de penitenti del serafico p.s. Francesco. Con papa Nicolo 4. da venti pontefici confirmata: con il sommario dell'indulgenze, non riuocate, che ponno guadagnare ogni giorno. Aggiuntoui il modo, col quale deuonsi reggere i fratelli di penitenza: con altre cose spettanti al detto terz'ordine, Raccolte, e corrette dal p. Michel'Angelo di Bogliasco ...", In Genoua: Tiboldi , Giovanni Battista & Bottaro, Giuseppe
Gabriello : della Nunciata," Sacri riti, e cerimonie, che conforme l'ordine Romano si devono vsare da' ministri ecclesiastici nelle messe basse, cantate & episcopali, et anco nella settimana santa cauati dal Missale Romano, & altri graui autori. Per il m.r. padre Gabriello della Nunciata Genouese, de\' chierici regolari poueri della madre di Dio delle scuole pie", In Genoua: Celle, Benedetto & Tiboldi , Giovanni Battista
"L' idea del buon gouerno per i superiori religiosi. Con l'idea del buon superiore in persona di S. Francesco di Sales et aggiunta delle massime per bene gouernare raccolte dalle opere del medesimo santo da un religioso della Madre di Dio", In Genoua: Bottaro, Giuseppe & Tiboldi , Giovanni Battista, 1676
Dezza, Massimiliano<1628-1704>," Orationi del padre Massimiliano Deza lucchese. Della congregatione della Santissima Madre di Dio. Parte prima [-seconda]", In Genoua: Tiboldi , Giovanni Battista & Bottaro, Giuseppe, 1675
Dezza, Massimiliano<1628-1704>," 1: Orationi del padre Massimiliano Deza lucchese. Della congregazione della Santissima Madre di Dio. ...", In Genoua: Tiboldi , Giovanni Battista & Bottaro, Giuseppe, 1675
Dezza, Massimiliano<1628-1704>," 2: Orationi del padre Massimiliano Deza lucchese. Della congregazione della Santissima Madre di Dio. ...", In Genoua: Tiboldi , Giovanni Battista & Bottaro, Giuseppe, 1675
Bidermann, Jakob <1577-1639>," Iacobi Bidermani e Societate Iesu Vtopia seu sales musici, quibus ludicra mixtim, et seria litterarie ac festiue denarrantur", Genuae: Tiboldi , Giovanni Battista, 1666
Soprani, Raffaello," Le vite de pittori scoltori, et architetti genouesi. E de' forastieri, che in Genoua operarono. Con alcuni ritratti degli stessi. Opera postuma, dell'illustrissimo signor Rafaele Soprani nobile genouese. Aggiontaui la vita dell'autore per opera di Gio. Nicolo Cauana patritio genouese ...", In Genoua: Giuseppe Bottaro & Giovanni Battista Tiboldi C., 1674
Compiano, Nicolo Maria," Vita del B. Pellegrino Laziosi dell'ordine de serui di Maria Vergine descritta breuemente dal Reu. D. Nicolo Maria Compiano", In Genoua: Bottaro, Giuseppe & Tiboldi , Giovanni Battista, 1674
Pomey, Francois Antoine <1619-1673>," Candidatus rhetoricae, seu Aphthonii progymnasmata, in meliorem formam, usumque redacta. Auctore P. Francisco Pomey, e Societate Iesu", Genuae: Bottari, Giuseppe Tiboldi , Giovanni Battista, 1670
Genova ," Criminalium iurium serenissimae reipublicae Genuensis, libri duo", Genuae: Tiboldi , Giovanni Battista, 1669


Leoni, Giovanni Domenico <1622-1671>," Breue ristretto della vita merauigliosa della gloriosissima sposa di Christo Rosa di Santa Maria da Lima ... Cauato da' processi fatti ... Dal p. maestro Gio. Domenico Domenico Lioni ..", In Roma: Tinassi, Nicolo Angelo, 1671
Leoni, Giovanni Domenico <1622-1671>," L' arca nouella panegirico sagro detto per le glorie del sepolcro del patriarca S. Domenico nella sua chiesa di Bologna del P. maestro F. Gio. Domenico Lioni fiorentino fiorentino predicatore della Quaresima in quella chiesa l'anno 1669. Con l'aggiunta di tre discorsi accademici del medesimo autore, e la tauola delle cose notabili. ...", In Bologna: Ferroni, Giovanni Battista, 1669
Leoni, Giovanni Domenico <1622-1671>," Breue ristretto della vita merauigliosa della venerabil serua di Dio suor Rosa di s. Maria da Lima ... Cauato da' processi fatti per la sua canonizazione dal p. maestro f. Giov. Domenico Lioni ..", In Roma: Tinassi, Nicolo Angelo, 1665
Lioni, Domenico >," Thomistica mathesis vel philosophicum antelucanum. F. Dominici Lionij Florentini ..", Florentiae: Insegna della Stella , 1660
Leoni, Giovanni Domenico <1622-1671>," Nouus areopagus, siue De laudibus Florentinae vniersitatis. Oratio ad patres theologos, pro electione noui decani, habita 16. Kalen. Nouembr. 1658. ... a reu. adm. P.F. Ioanne Dominico Leonio Flor. ord. Praed. ..", Florentiae: Insegna della Stella , 1609 [i.e. 1659]


Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de<1615-1650>," I due fiori monastici Girolamo, e Sauino raccolti, accoppiati, et descritti da Gio. Pietro de' Crescenzi Romani nobile piacentino", In Venetia: Guerigli, 1639
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," Anfiteatro romano nel quale con le memorie de' grandi si rappilogano in parte l'origine, & le grandezze de' primi potentati di Europa ... Parte prima. Da Gio. Pietro de Crescenzi Romano...", In Milano: Malatesta, Giovanni Battista & Malatesta, Giulio Cesare
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de<1615-1650>," Il nobile romano, o' sia trattato di nobilta, libri due di Gio: Pietro de' Crescenzj Romani ...", In Bologna: Ruvinetti, LodovicoPisarri, Antonio eredi, 1693
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," Eusebio cremonese, ouero della vita e progressi de' monaci Gieronimiani. Compendioso estratto dal Presidio romano di Gio. Pietro de' Crescenzi Romani nob. piacentino, nell'Accademia de' gli Adaggiati di Rimini, il Solitario ..", Cremona: Zanni, Giovanni Pietro, 1645
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," 1: Parte prima nella quale con uarie osseruazioni specolatiue, e politiche sono intrecciate le glorie di piu di quattro mila casati nobilissimi d'Europa: oltre i uari successi di fortuna,", In Bologna per Nicolo Tebaldini", 1639
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," Il Nobile romano o' sia Trattato di nobilta libri due di Gio. Pietro de' Crescenzj Romani nobile Piacentino, ampliato con molte aggionte dal conte di Guardamiglio ...", In Bologna", 1694
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," Il nobile romano o sia Trattato di nobilta / Pietro de' Crescenzi Romani", Bologna", 1972
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," La monarchia di Spagna ouero dell'unione delle corone, e regni dell'augustissima Casa d'Austria. Con parte dei pregi, e meriti della nazione spagnuola, e della regia citta di Milano, e con alcune allianze della nobilta della patria. Di Gio. Pietro Crescenzio Romani ..", In Piacenza: Ardizzoni, Giovanni Antonio, 1650
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," 2: Parte seconda; nella quale, oltra l'origine di molte casate nobilissime ... si ha continuata istoria della nobilta, e Republica veneta ... E con la piu sincera relazione della guerra rinouata in Italia dall\'anno 1635 sin\' a\' giorni presenti", In Bologna per Nicolo Tebaldini", 1642
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," Il Nobile romano o' sia Trattato di nobilta libri due di Gio. Pietro de' Crescenzj Romani nobile Piacentino, ampliato con molte aggionte dal conte di Guardamiglio ...", In Bologna", 1694
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," Presidio romano ouero Della milizia ecclesiastica et delle religioni si caualleresche, come claustrali libri 3. ... Aggiunteui le memorie di molte illustri famiglie, ... di Gio. Pietro de' Crescenzi Romani, nobile piacentino, accademico tra gli Adaggiati di Rimini il Solitario, ... Con l'Arsenale de' religiosi in fine, ..", In Piacenza: Ardizzoni, Giovanni Antonio, 1648
Crescenzi Romani, Giovanni Pietro : de <1615-1650>," Corona della nobilta d'Italia ouero Compendio dell'istorie delle famiglie illustri di Gio. Pietro de' Crescenzi Romani Parte prima [-seconda] ..", In Bologna per Nicolo Tebaldini, NicoloDozza, Evangelista <1.> eredi, 1639-1642


Giovanni Battista Casali risulta anche corrispondente d'Aprosio.
Lorenzo Legati nel contesto della sua corrispondenza con l'Aprosio ai tempi della travagliata stampa de "La Biblioteca Aprosiana" fa cenno dell'opera di un G. B. Casali di Bologna.
In questa occasione si è però verificata una delle mende di correzione dovuta alla negligenza di compositori e revisori della stampa di cui Aprosio apertamente si lamenta nel repertorio dell'Aprosiana opera in effetti non esente da errori di stampa ma di cui era parzialmente responsabile per le continue mutazioni di testo che faceva scrivendo da Ventimiglia, anche in merito all'elenco dei "Fautori".
Così un omonimo di questo personaggio Giovanni Battista Casali un erudito romano che dovrebbe seguire nell'elencazione dei "Fautori" per errore diviene Giovanni Battista Csali non impropriamente qualificato da Aprosio come gentiluomo romano visto che questo autore nelle sue opere, peraltro piuttosto documentate alla C.B.A.
, aggiungeva al proprio nome e cognome la qualificazione di romano.
Fa comunque un certo effetto che uno stampatore di Bologna, che avrebbe dovuto sicuramente comparire in questa pagina perché fu certo un Fautore dell'Aprosio, non sia stato registrato nel gruppo dei Giovanni Battista, seppur dopo Giovanni Battista Daveo, vale a dire Giovanni Battista Ferroni dai cui torchi molte opere son giunte alla Biblioteca d'Aprosio ed in essa tuttora custodite:
"Historie memorabili della citta' di Bologna ristrette da Gasparo Bombaci ... nelle vite di tre huomini illustri Antonio Lamberracci, Nanni Gozzadini, e Galeazzo Mariscotti .. " (In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1666) [12], 376, [15] p. : 1 ritr. ; 4°. Bombaci, Gasparo
"Phoenicis avis figmentorum vindiciae illiusque attributorum possibilium, in aquila verificatio, Ovidii Mont'Albani .. ", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1660 9 p. : 1 ill. ; fol. Montalbani, Ovidio
"[Le preminenze del punto / discorso del Dottor Ovidio Montalbani ... ] " - (in Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1643) 14, [1] p. ; 4°. Montalbani, Ovidio
"Giudicio astrologico intorno alla mutatione de' tempi dell'anno 1641 del Dottor Carlo Guglielmo Ingegneri .. ", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1640 35, [1] p. ; 4°. Ingegneri, Carlo Guglielmo
"Languidezze academiche in morte del Sig. commendatore F. Gio. Bartolotti, primo prencipe et uno de' fondatori dell'Acad.a de gl'Indomiti. / [orazioni funebri di Gio. Battista Capponi, Andrea Barbacci, Gio. Franc. Bonomi, et al.] ", Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1646 [4], 40 p. ; 4°. Capponi, Giovanni Battista ; Barbacci, Andrea ; Bonomi, Giovanni Francesco
"Il pane sovventivo spontenascente succedaneo intero del pane ordinario, overo aumentante l'istesso pane di biade, breve discorso teorico, e prattico del Dottor Ovidio Montalbani .. ", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1648 24 p. ; 4°. Montalbani, Ovidio
"Iuris secunda responsio pro piscatorum societate contra salarolorum artem ... Ovidii Mont'Albani .. ", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1660 [4] c. ; fol. Montalbani, Ovidio
"Iuris responsio pro piscatorum arte contra salarolos circa toninam, vel tuninam ... Ovidii Montalbani .. ", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1660 [4] c. ; fol. Montalbani, Ovidio
"Pro societate aromatariorum con. salarolos. / [Ovidio Montalbani] ", (Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1660) [2] c. ; fol. Montalbani, Ovidio
"D.O.M. Sacro verbi Dei mystagogo ... Fr. Sigismundo bononiensis Capuccinorum ordinis ... / [Ovidio Montalbani] ", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1646 [1] c. ; fol. Montalbani, Ovidio
"D.O.M. Hic sistant quaeque sient mundana systemata ... / [Ovidio Montalbani] ", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1647 [3] c. ; fol. Montalbani, Ovidio
"D.O.M. Corda penetrat silentium ... / Ovidius Montalbanus ", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1648 [1] c. ; fol. Montalbani, Ovidio
"Quae treccoli seu fructaroli volgo dicti semina vendunt, nullatenus spectare ad salarolos, lardarolos ... Decisio ... / [Ovidio Montalbani] ", (Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1660) [2] c. ; fol. Montalbani, Ovidio
"Discorso astrologico delle mutationi de' tempi, e d'altri accidenti dell'anno 1642, di Gio. Antonio Roffeni ", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1641 62, [2] p. ; 4°. Roffeni, Giovanni Antonio
"Resolutio resolutionis in causa collectoris artis salarolum Iulii Ropae cum Constantia Seminum revenditrice, Actii Synceri bononiensis legulei ", (Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1660) [2] c. ; fol. Actius Syncerus
"Uranomia overo Le leggi delle celesti influenze, distinte in quattro trattati dal Dottor Carlo Guglielmo Ingegneri .. ", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1641 [7], 67 p. ; 4°. Ingegneri, Carlo Guglielmo
"Applicazioni astrologiche sopra l'anno 1647 ... di Rainero Ubineti .. ", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni 41 p. ; 4°. Ubineti, Rainero
"Priggionia, e morte di S. Rocco. Oratorio di Filippo Ottani ... recitato nella ... Arciconf. de' SS. Sebastiano, e Rocco nel giorno festivo di detto Santo l'anno 1673. Posto in musica dal Sig. Pietro degli Antonii .." In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni 22, [2] p. : 1 ill. ; 12°. Ottani, Filippo ; Antonii, Pietro : degli
"La scola di Confortaria nel censorato di me Ovidio Montalbani nel primo semestre dell'anno 1647 ..", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1647 [2] c. ; fol. Montalbani, Ovidio
"Motivi per li discorsi ordinarii della scuola dei SS. Confortatori per lo primo semestre dell'anno 1641. / [Giovanni Bartolotti]", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1641 [2] c. ; fol. Bartolotti, Giovanni
"Punti prattici da proporsi dal Maestro censore del primo semestre dell'anno 1642. Giacomo Pistorini Dottore Collegiato alli SS. Discepoli nella Scuola di Conforteria ..", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1642 [2] c. ; fol. Pistorini, Giacomo
"Methodo per gli esercitii della scuola della Conforteria ... ne gli ultimi 3 mesi dell'anno 1642. Essendo censore io Gio. Bartolotti", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1642 [2] c. ; fol. Bartolotti, Giovanni
"Alcuni casi prattici di Confortaria ... ridotti alla teorica ... nel censorato di me Ovidio Mont'Albani l'ultimo semestre dell'anno 1643 ..", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1643 [2] c. ; fol. Montalbani, Ovidio
"Alla Santità di Nostro Signore Papa Alessandro Settimo. Prima Crociata overo lega di militie christiane, segnalate di croce liberatrice del sacro sepolcro di Giesù Christo, e del regno di terra santa. Raccolta da Gio. Francesco Negri Bolognese", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1658 [12], 174, [18] p. ; in fol. Negri, Giovanni Francesco
"L' Arianna epitalamio nelle nozze de gl'illustrissimi signori Co. Ercole Malvezzi e Giulia Bolognini", In Bologna : Presso Gio. Battista Ferroni, 1653 11 p. ; 8°
"L' arca novella panegirico sagro detto per le glorie del sepolcro del Patriarca S. Domenico nella sua chiesa di Bologna dal ... Gio. Domenico Lioni ... predicatore della Quaresima in quella chiesa l'anno 1669 con l'aggiunta di tre discorsi accademici del medesimo autore ..", In Bologna, presso Gio. Battista Ferroni, 1669 36, 106, [2] p. ; 4° Lioni, Giovanni Domenico
"Illustrimo ac eccellent. bononiensium Phil. et Med. collegiorum P.C. ... grati animi monumentum persolvit Laurentius Legatus cremonensis ..", Bononiae : typis Ferronij, 1668 [4] p. ; 8° Legati, Lorenzo
"Ferdinandi 3. Austriaci Caesaris Augustissimi felicissimum totius terrarum orbis auspicatissimum natalem diem Aloysius Leopoldus Turrianus Vallisaxinae ... sudditus, et cliens turrianea gentis gemmata devotionis corolla ad pedes humillime prostratus veneratur ..", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronij, 1642 44, [1] p. : ill. ; 4° Turrianus, Aloysius Leopoldus
"In liberalibus artibus, seu scriptorem bonon. Aliquot elogialia cenotaphia" [Bononiae : typis Jo. Baptistae Ferroni, 1640] [3] c., 1 ritr. ; 4°
"Le comete discorso del Co. Carlo Antonio Manzini ... in occasione della comparsa cometa dell'anno 1664 di decembre, e di gennaio 1665. e di un'altra cometa veduta di aprile 1665 ..", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1665 [22], 104 p. : ill. ; 4°. Manzini, Carlo Antonio
"Illustrissimo Co. Ioanni Carolo Morando solemnis in utroque iure laurea ab ... Carolo Bentivolo ..", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1659 [5] c. ; 8°.
"L' Arcadio liberato, poema heroico del Signor Antonino Merello e Mora con gli argomenti del Conte Lissauro ..", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1660 139 p. ; 12°. Merelli e Mora, Antonio
"Ad V.C. Charisii Thermarii Spadonis ... Distigmaticas animadversiones in Hippocratis oracula a Io. Carolo Lancio Paltronio desumpta responsiones", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronij, 1667 [15], 156 p. ; 12° Lanzi Paltroni, Giovanni Carlo
"Ephemeris lansbergiana ad longitudinem Almae Studiorum Matris Bononiae ad annum 1666. Nuperrime supputata a Geminiano Montanario ... addita in fine ephemeride motus solis eiusdem anni ex tabulis ... D. Io. Dominici Cassini ..", Bononiae : ex typographia Ferroniana XII, 52 p. : ill. ; 4°. Montanari, Geminiano
"Alexandri Magni bononiensis ... Commentariorum una cum quaestionib. in libros Arist. de physico auditu. Tomus primus in quo textus primi libri iuxta ordinem a laureandis servandum dilucide explicantur ..", Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1657 (Bononiae : typis Io. Baptistae Ferronii, 1658) [6], 628, [3] p. : 1 ill. ; 4°. Magni, Alessandro
"Breve descrizione del museo dell'Illustriss. Sig. Cav. Commend. dell'ordine di S. Stefano Ferdinando Cospi ... donato dal medesimo all'Illustriss. Senato, et ora annesso al famoso cimeliarchio del celebre Aldovrandi", In Bologna : presso Gio. Battista Ferroni, 1667 48 p. ; 12°



Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R. P. Joan. Stephani Menochij ... Commentarii totius Sacrae Scripturae, ex optimis quibusque auctoribus collecti", Tomus primus",secundus]: Comba, Francois
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R.p. Io. Stephani Menochij e Societate Iesu, Hieropoliticon siue institutionis politicae e S. Scripturis depromptae, libri tres", Coloniae Aggrippinae: Kinckius, Johann, 1626
"Biblia maxima versionum, ex linguis orientalibus: pluribus sacris ms. codicibus: innumeris fere ss. & veteribus patribus ... cum annotationibus Nicol. de Lyra ... Ioan. Gagnaei ... Guil. Estii ... Ioan. Menochii, & Iacobi Tirini ... additis amplissimis prolegomenis ... authore r. p. Ioanne de La Haye ... omnia nouemdecim voluminibus comprehensa", Lutetiae Parisiorum: Bechet, Denis & Billaine, LouisBertier, AntoinePiget, Simeon, 1660
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Hieropoliticon, siue insitutionis politicae e sacris scripturis depromptae libri tres: auctore P. Io. Steph. Menochio e Societate Iesu", Lugduni: Rouille, Guillaume heritiers Prost, Louis, 1625
Menochio, Giovanni Stefano<1575-1655>," Le stuore ouero Trattenimenti eruditi del padre Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu, tessute di varia eruditione, sacra, morale, e profana, nelle quali si dichiarano molti passi oscuri della Sacra Scrittura, e si risoluono varie questioni amene, e si riferiscono riti antichi, & historie curiose, e profitteuoli. Diuise in sei parti. Parte prima -sesta", In Venetia: Baglioni, Paolo, 1675
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Historia sacra della vita, attioni, dottrina, miracoli, passione, morte, risurrettione, e salita al cielo del nostro Redentore, e Saluatore Giesu Christo. Composta dal p. Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu. Parte prima [-seconda]", In Roma: Manelfi, Manelfo eredi, 1653
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," 1"
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," 2 "
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Le stuore ouero trattenimenti eruditi del padre Gio: Stefano Menochio della Compagnia di Giesu. Tessute di varia eruditione, sacra, morale e profana. Nelle quali si dichiarano molti passi oscuri della Sacra Scrittura, ... Diuise in sei parti. Parte prima (-sesta)", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1678
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," 3"
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," 4"
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," 3"
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Breuis explicatio sensus literalis totius S. Scripturae ex optimis quibusque auuctoribus per epitomen collecta, a R.P. Io. Menochio Soc.tis Iesu theol. doct. Addito textu SS. Bibliorum juxta exemplar Vaticanum et indice paginis singulis aequalis correspondet explicatio", Coloniae Agrippinae: Kinckius, Johann, 1630
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," 2.1: R.P. Ioan. Stephani Menochii ... Breuis explicationis totius S. Scripturae, ex optimis quibusque auctoribus per epitomen collectae, tomus secundus. Continens Prophetas tam maiores quam minores, & Nouum Testamentum. Addito textu SS. Bibliorum iuxta exemplar Vaticanum, & indice. ..", Coloniae Agrippinae: Metternich, Peter, 1630
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," [2.2]: R.P. Io. Stephani Menochii Breuis explicatio sensus literalis in quatuor Euangelia, Acta Apostolorum, Epistolas canonicas, et Apocalypsin. Ex optimis quibusque auctoribus per Epitomen collecta", Coloniae Agrippinae: Metternich, Peter, 1630
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Delle stuore del p. Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu. Tessute di varia eruditione sacra, morale, e profana ...", In Roma: Casoni, Giovanni, 1653
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Historia sacra de gli Atti de gli Apostoli composta dal P. Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu", In Roma: Lazzeri, Ignazio de', 1654
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Economica christiana composta dal padre Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu ..", Venetia: Baba, Francesco, 1656
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R.P. Joan. Sthephani Menochij ... Commentarij totius S. Scripturae, ex optimis quibusque authoribus collecti ... Tomus primus (-secundus)", Lugduni: Comba, Francois, 1697
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Delle stuore del p. Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu, tessute di varia eruditione sacra, morale, e profana. Nelle quali si dichiarano molti passi oscuri della sacra scrittura, e si risoluono varie questioni amene...", In Roma: Casoni, Giovanni, 1653-1654
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," 1"
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R.p. Joannis Stephani Menochii ... Commentarii totius Sacrae Scripturae ex optimis quibusque auctoribus collecti, luculentissimo supplemento locupletati a doctissimo patre Renato Josepho Tournemine atque in tres tomos distributi ... Tomus primus (-tertius)", Bassani sed prostant Venetiis: Remondini, 1771
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R.p. Joannis Stephani Menochii ... Commentarii totius Sacrae Scripturae ex optimis quibusque auctoribus collecti, luculentissimo supplemento locupletati a doctissimo patre Renato Josepho Tournemine ... atque in tres tomos distributi. In hac novissima editione ... Tomus primus (-tertius)", Venetiis: Remondini, 1758
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Stuore del padre Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu tessute di varie eruditioni sacre, morali, e profane ... In questa noua impressione coordinate, e disposte in tre tomi, secondo la mente dell'autore, con l\'aggiunta di vn indice vniuersale, e copioso delle materie piu notabili, oltre quello de' capitoli. ... Tomo primo",terzo", In Roma: Cesaretti, Felice Bussotti, Giovanni Battista, 1689
Menochio, Stefano," Historia Sacra degli atti degli Apostoli composta dal P. Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu", [16], 504: Lazzari, Ignazio, [16] p
"Biblia magna commentariorum literalium. Ioannis Gagnaei, doct. paris. Guillelmi Estij, doct. duacensis, Emmanuelis Sa, Ioannis Menochij, & Iacobi Tirini Societ. Iesu. Adeo erudite & integre sacram scripturam exponentium, vt quae in vno, quoad sensum & varias versiones possent desiderari, in alio reperiantur. Prolegomenis, chronico sacro, indicibus locupletissimis illustrata, & quinque tomis comprehensa. Cura & labore r.p. fr. Ioan. De La Haye ... Tomus primus -5.", Parisijs: Soly, Michel & Guillemot, Mathieu & Bechet, Denis & Bertier, Antoine, 1643
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R.P. Joannis Stephani Menochii ... Commentarii totius Sacrae Scripturae. Ex optimis quibusque auctoribus collecti. Editio novissima diligenter post ultimam Parisiensem recognita, duobus tomis comprehensa, quorum alteri accessit Supplementum ... Tomus primus -secundus", Venetiis: Recurti, Giovanni Battista, 1743
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," De republica Hebraeorum libri octo. Auctore R.P. ioan. Stephano Menochio Societis Ies [|] doctore theologo", Parisiis: Bertier, Antoine, 1648
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R.P. Io. Stephani Menochii ... Commentaria siue Explicationes sensus litteralis totius S. Scripturae, duobus tomis comprehensa. Tomus primus [-secundus] ... Iam denuo ab authore a mendis expurgatum, & multis in locis auctum & locupletatum ..", Antuerpiae", 1679-1678
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Delle stuore del P. Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu, tessute di varia eruditione sacra, morale e profana ... Parte prima (-sesta)", In Roma: Manelfi, Manelfo Casoni, Giovanni Manelfi, Domenico, 1648-1654
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R.p. Joan. Sthephani Menochij ... Commentarij totius S. Scripturae, ex optimis quibusque authoribus collecti ... Tomus primus (-secundus)", Lugduni: Comba, Francois, 1703
"Nouum testamentum vulgatae editionis, Sixti 5. pontificis maximi iussu recognitae, & Clementia 8. auctoritate editae cum selectissimis litteralibus commentariis Ioannis Gagnaei, Emmanuelis Sa, Guilielmi Estii, Ioannis Marianae, Io. Stephani Menochii, Iacobi Tirini, & Iacobi Gordoni, accedunt romanae correctiones, ac lectionum varietates a Francisco Luca Brugensi obseruatae ... Tomus primus (-sextus)", Venetiis: Fenzo, Modesto, 1756-1757
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Menochius Suppletus sive explicatio litteralis in utrumque Testamentum Vetus ac Novum, a p. Joanne Stephano Menochio Societatis Jesu olim elaborata, nunc additis quae deesse videbantur sic completa nihil ut jam desiderari ossit ad accuratam Sacri Textus intelligentiam", Antuerpiae : apud Hierunimus Verdussen, 1678-1679
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Le stuore di Gio. Corona tessute di varia eruditione sacra, morale, e profana. Dedicate all'illustrissimo sig. cauagliere Cassiano Dal Pozzo ..", In Roma: Manelfi, Manelfo, 1646
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Stuore del padre Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu, tessute di varie eruditioni sacre, morali, e profane, ... Tomo primo [-terzo]", In Venezia: Monti, Stefano, 1724
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R.P. Joannis Stephani Menochii doctoris theologi e Societate Jesu Commentarii totius Sacrae Scripturae ex optimis quibusque auctoribus collecti, loculentissimo supplemento locupletati a doctissimo patre Renato Josepho Tournemine ejusdem Soc. Jesu atque in tres tomos distributi", Venetiis Venezia, Tipografia Remondiniana, MDCCLVIII
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Hieropoliticon siue institutionis politicae e Sacris Scripturis depromptae libri tres: auctore p. Io. Steph. Menochio e Societate Iesu", Lugduni: Rouille, Guillaume heritiers Prost, Louis, 1625
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Institutionis oeconomicae ex sacris litteris depromptae libri duo: auctore p. Io. Steph. Menochio e Societate Iesu", Lugduni: Rouille, Guillaume heritiersProst, Andre & Prost, Jacques, 1627
"Biblia sacra vulgatae editionis Sixti 5. pontificis maximi iussu recognita, & Clementis 8. auctoritate edita cum selectissimis litteralibus commentariis Ioannis Gagnaei, Ioannis Maldonati, Emmanuelis Sa, Guilielmi Estii, Ioannis Marianae, Petri Lanselii, Thomae Malvendae, Io. Stephani Menochii, Iacobi Tirini, Iacobi Gordoni, & Iacobi Benigni Bossuet. Accedunt Romanae correctiones, ac lectionum varietates a Francisco Luca Brugensi observatae, ... Tomus primus -vigesimus octavus", Venetiis: Fenzo, Modesto, 1745-1757
Menochio, Giovanni Stefano<1575-1655>," Le Stuore ouero Trattenimenti eruditi del padre Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu, tessute di varia eruditione, sacra, morale, e profana. Nelle quali si dichiarano molti passi oscuri della Sacra Scrittura, e si risoluono varie questioni amene, e si riferiscono riti antichi, & historie curiose, e profitteuoli. Diuise in sei parti. Al ... padre D. Tomaso Retani ...", In Venetia: Baglioni, Paolo, 1662
Menochio, Giovanni Stefano<1575-1655>," Stuore del padre Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu, tessute di varie eruditioni sacre, ...", In Padova: Manfre, GiovanniTipografia del Seminario , 1701
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R. p. Joan. Stephani Menochii ... Commentarii totius s. Scripturae ex optimis quibusque Authoribus collecti / Tomus primus [-secundus]", Lugduni: Valfray, Pierre <2.>
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R. p. Joan. Stephani Menochii ... Commentarii totius s. Scripturae ex optimis quibusque Authoribus collecti / Tomus primus [-secundus]", Luteciae Parisiorum Parisiis: Boudot, Jean veuveVincent, Jacques, 1719
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," R.P. Joannis Stephani Menochii ... Commentarii totius Sacrae Scripturae ex optimis quibusque auctoribus collecti ... Tomus primus -secundus", Venetiis: Recurti, Giovanni Battista, 1722
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Le Stuore di Gio. Corona tessute di varia eruditione sacra, morale, e profana . .", In Roma: Manelfi, Manelfo, 1646-1654
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," [1]" Manelfi, Manelfo
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," 2: Delle stuore del p. Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu, tessute di varia eruditione sacra, morale, e profana. Nelle quali si dichiarano molti passi oscuri della Sacra Scrittura, ... parte seconda", In Roma: Manelfi, Manelfo, 1648
Menochio, Giovanni Stefano <1575-1655>," Historia miscellanea sacra nella quale particolarmente si contengono detti de' santi, varie dottrine morali, e spirituali, & altre breui narrationi ... Raccolta da varii buoni autori dal padre Gio. Stefano Menochio della Compagnia di Giesu. Diuisa in tre parti. ...", In Venetia: Baglioni, Paolo, 1658
Erudito biblico gesuita, nato a Padova nel 1575 scomparso a Roma, il 4 febbraio, 1655. E' entrato nella società dei Gesuiti il 25 maggio 1594. Dopo gli anni usuali di addestramento e di insegnamento i classici, divenne professore di sacre scritture e di teologia morale a Milano.
Fu superiore di Cremona, Milano e Genova, rettore dell'università romana, provinciale delle province di Milano e di Roma, assistente d'Italia.
Il suo primo saggio di esegesi fu uno studio politico-Biblico: "Hieropoliticon, siue insitutionis politicae e sacris scripturis depromptae libri tres: auctore P. Io. Steph. Menochio e Societate Iesu ", 956 pagine (Lione, 1625). Questo libro sulla politica teocratica fu dedicato al cardinale Alessandro Orsini. Una seconda edizione (Colonia, 1826) venne poi dedicata a Ferdinando III. Il poeta Sarbewski di dei gesuiti celebrò questo studio con un' ode (vedi "Lyrica", II, la n. 18).
L'anno successivo prese il via una serie di pubblicazioni che contribuirono a far crescere la fama del Menochio.
La sua chiarezza, brevità ed acume critico le fecero primeggiare: uno dei padri della critica moderna, il Simon, dichiarando di preferire le note di Menochio a quelle del Mariana mise in rilievo la qualità del Menochio di studiare il testo nel relativo originale ed utilizzando nello studio un proprio ampio deposito di conoscenza delle antichità ebree (Sommervogel, "Bibliothèque de la Compagnie de J.", V, IX.)


Bardi, Girolamo medico ligure nato a Rapallo nel 1600, morto nel 1667, corrispondente dell'Aprosio e "Fautore" della sua biblioteca.
Si trovano in Italia di tale autore:
Bardi, Girolamo <1600-1667>" Xauerius peregrinus a' Hieronymo Bardi iatro-theologo pede pari, & impari descriptus", Romae : typis Ignatij de Lazeris, 1659 - [8], 239, [1] p. : ill. calcogr., 1 ritr. ; 8o. - Ritr. calcogr. di S. Francesco Saverio. - Segn.: p4A-P8 - Vignetta calcogr. sul front - Impronta - isu* t.r: t.s, ArQu (3) 1659 (A) Altre localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma - Biblioteca comunale - Citerna - PG
Bardi, Girolamo <1600-1667>, " Hieronymi Bardi D.S. iatro-philo-euchymici Theatrum naturae iatrochymicae rationalis. Opus dogmaticum theorico-practicum ... Ad illustriss. ... Cassianum a Puteo", Romae : formis typographicis HH. Manelphij, 1553 [i.e. 1653] - 16 p. ; 4. - Segn.: A8. - Impronta - a.t. u-ne usx: Deti (3) 1653 (R) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma
Bardi, Girolamo <1600-1667>," Medicus politico catholicus seu Medicinae sacrae tum cognoscendae, tum faciundae idea; Hieronymi Bardi Genuensis...", Genuae : typis Io. Mariae Farroni, 1643 - [22], 387 [i.e. 367, 21] p. ; 8o. - Front. stampato in nero. - Front. stampato in rosso e nero - Le c. Z5-6 segnate 2A1-2 - Marca (Nave: "Flabit et fluent") sul front - Omesse nella numerazione le p. 363-382 - Omesse nella numerazione le p. 365-384 - Segn.: 12ch1 A-Y8Z2, 2ch2, 2A22B12 - Segn.: 12A-Y8Z62B12 - Var.B: 1644 - Impronta - injs o.co ,&6. tevs (3) 1643 (R) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma - Biblioteca nazionale centrale - Firenze - Biblioteca nazionale Braidense - Milano - Biblioteca del Polo di medicina legale, anatomia patologica e storia della medicina dell'Università degli studi di Padova - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma


Bendandi, Girolamo ," Echo in Indomitorum Academia attributas laudes eminentissimo protectori Iulio Sacchetto repetens. Formata a Hieronymo Bendando monacho Casinensi inter Indomitos Assicuratus", Bononiae: Ferroni, Giovanni Battista, 1642
Bendandi, Girolamo ," Panegyricus serenissimae Venetorum reipublicae dictus a Hieronymo Bendando mon.o Casin.i", senza nome, [1610 ca.]
Bendandi, Girolamo ," Platonicus conuiua contra vulgares amantes. D. Hieronymus Bendandus monachus Casinensis sacrae theol. in Archigymnasio Bononiensi professor declamabat", Bononiae: Ferroni, Clemente, 1638
Bendandi, Gerolamo," Panegyiricus serenissimae Venetorum reipublicae dictus a Hieronymo Bendando mon.o Casin.i", Bononiae: Benacci, Vittorio eredi
Bendandi, Girolamo ," Sol seu Panegyrica allusio diuo Benedicto dicta a d. Hieronymo Bendando mon. Casinen. In comitiis generalibus Parmae celebratis", Bononiae: Ferroni, Giovanni Battista, 1640



Bartolommei, Girolamo <1584-1662>, "Tragedie di Girolamo Bartolommei, gia' Smeducci. Ricorrette, ed accresciute", In Firenze: Nesti, Pietro, 1655
"DRAMMI MUSICALI ; testo: Girolamo Bartolommei Smeducci", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
"CERERE RACCONSOLATA : Dramma Musicale", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
"NATALE DI MINERVA : Dramma Musicale", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
"LA GLORIA D'ORFEO : Dramma Musicale", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
"EUFRASIA : Dramma Musicale", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
"IL SACRIFIZIO D'ISAC : Dramma Musicale", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
"L' INNOCENZA DI SUSANNA : Dramma Musicale", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
"L' ANNUNZIAZIONE DELLA B. VERGINE : Dramma Musicale", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
"LA VENDITA DI GIOSEFFO : Dramma Musicale", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
"LE SELVE AD ONORE DI S.ANDREA CORSINI : Dramma Musicale", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
Bartolommei, Girolamo <1584-1662>," Didascalia cioe Dottrina comica libri tre, di Girolamo Bartolommei gia Smeducci", In Firenze", 1661
Bartolommei, Girolamo <1584-1662>," Didascalia cioe' dottrina comica di Girolamo Bartolomei gia Smeducci", Nella stamperia Nuoua, all'insegna della Stella: Insegna della Stella , 1658
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Drammi musicali morali di Girolamo Bartolommei gia Smeducci"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Cerere racconsolata, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Il natale di Minerva, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Perseo trionfante, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Il trionfo di Maggio vincitor della peste, favola musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Amore gastigato, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," La gloria d'Orfeo, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Maddalena al sepolcro, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Eufrasia, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Il figliuolo prodigo, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Il sacrifizio d'Isac, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," L' innocenza di Susanna, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," L' annunziazione della B. Vergine, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," La vendita di Gioseffo, dramma musicale"
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," Le selve ad onore di S. Andrea Corsini, dramma musicale"
[L' Accademia festeggiante nel giorno natalizio del ser.mo Principe Ferdinando di Toscana suo clemen.mo protettore / musica di Martino Bitti]", In Firenze", 1695
Bartolommei, Girolamo <1584-1662>," Drammi musicali morali di Girolamo Bartolommei, gia Smeducci. Parte prima <-seconda>", In Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1656
Bartolommei, Girolamo <1584-1662>," Tragedie di Girolamo Bartolomei", In Roma: Cavalli, Francesco , 1632
Bartolommei, Girolamo <1584-1662>," Ghirlanda di vari fiori in honore del beato seruo di Dio Hippolito Galantini. Offerta di Girolamo Bartolomei", In Firenze: Nesti, Pietro, 1630
"GHIRLANDA DI VARI FIORI ; testo: Girolamo Bartolomei", Firenze: Nesti, Pietro, 1630
Bartolommei, Girolamo <1584-1662>," Dialoghi sacri musicali, intorno a diuersi suggetti, opera nuoua di Girolamo Bartolommei gia Smeducci", In Firenze", 1657
Bartolommei, Girolamo<1584-1662>," L' America poema eroico di Girolamo Bartolomei gia Smeducci. ...", In RomaIn Roma: Grignani, Lodovico, 1650
"DIALOGHI SACRI MUSICALI INTORNO A DIVERSI SUGGETTI ; testo: Girolamo Bartolommei Smeducci", Firenze: Bonardi, Giovanni Antonio, 1657


Fiorentini, Girolamo [1602-1678], " Comoedio-crisis siue theatri contra theatrum censura coelestium, terrestrium, & infernorum linguis, continuatis ab orbe condito saeculis, firmata. Authore Hieronymo Florentinio Lucensi, congregationis Matris Dei clerico regulari", Lugduni: Anisson, Jean, 1675
Fiorentini, Girolamo <1602-1678>," De hominibus dubiis seu De abortivis baptizandis pia prothesis a p. Hieronymo Florentino Congregationis Matris Dei", Venetiis: Piotto, Marcellino, 1760
Fiorentini, Girolamo <1602-1678>," Disputatio de ministrando baptismo humanis foetibus abortiuorum, a patre Hieronymo Florentinio, ... : nunc primum, his nouissimis temporibus, nec antea a theologis...", Lugduni: Chancey, Claude, 1658
Fiorentini, Girolamo <1602-1678>," R. P. Hieronymi Florentinij Lucensis, Congregationis Matris Dei clerici regularis De hominibus dubiis baptizandis pia prothesis. Olim sub Lugdunensi praelo anno 1658. edita, ... Parochis, medicis omnibusque in praxi vtilis & necessaria proponitur", Lugduni: Anisson, Jean & Anisson, Jacques, 1674
Fiorentini, Girolamo <1602-1678>," Disputatio de ministrando baptismo humanis foetibus abortiuorum, patris Hieronymi Florentinii, congregationis Matris Dei clerici regularis ..", Lucae: Paci, Giacinto, 1665
Fiorentini, Girolamo <1602-1678>," Disputatio 2. de baptismo humanis foetibus abortiuis sub conditione ministrando. P. Hieronymi Florentinii congregationis matris Dei clerici regulari", Romae: Ercole, Michele, 1672
Fiorentini, Girolamo <1602-1678>," ... Hieronymi Florentini ... De hominibus dubiis baptizandis pia prothesis", Lugduni", 1674
Fiorentini, Girolamo<1602-1678>," Vita del ven. Padre Gio. Battista Cioni chierico regolare della Congregazione della Madre di Dio descritta dal p. Girolamo Fiorentini ...", In LuccaIn Lucca: Paci, Giacinto & C.
Fiorentini, Girolamo <1602-1678>," R.P. Hieronymi Florentinij Lucensis, ... De hominibus dubiis baptizandis, pia prothesis. Olim sub Lugdunensi praelo anno 1658. edita, a nullo prius asserta, vnica disputatione, nunc tribus superadditis consistens. Quarum tertia argumento desumpto a noua constituzione Alexandri papae 7. de immaculata deiparae conceptione ... Parochis, medicis, omnibusque in praxi vtilis & necessaria proponitur", Lugduni: Anisson, Jean & Anisson, Jacques, 1675


Ghilini, Girolamo," Hieronymi Ghilini patrici Alexandrini Abbatis, ... Practicabiles casuum conscientie resolutiones breuissimis conclusionibus explicatae", Mediolani :apud Philippum Ghisulphium: Ghisolfi, Filippo, 1636
Ghilini, Girolamo," Annali di Alessandria / annotati e documentati da Giovanni Jachino ; editi a cura della Societa di storia della provincia di Alessandria. Vol. 4., disp. 102-105 (fine del vol. 4.)", Alessandria", 1915
"Alcune biografie di medici illustri tratte dai volumi inediti del teatro d'uomini letterati / aperto dall'abate Girolamo Ghilini", Venezia", 1880
Ghilini, Girolamo," Annali di Alessandria. Ouero le cose accadute in essa citta nel suo e circonuicino territorio dall'anno dell'origine sua sino al 1659 ... Con due tauole ... A compiacimento della Patria composti, e publicati da Girolamo Ghilini ...", In Milano: Marelli, Giuseppe , 1666
Ghilini, Girolamo," Teatro d'huomini letterati", Venetia", 1647
Ghilini, Girolamo," 2"
Ghilini, Girolamo," 1"
Ghilini, Girolamo," Teatro d'huomini letterati aperto dall'abbate Girolamo Ghilini academico incognito ..", In Venetia: Guerigli, 1647
Ghilini, Girolamo," Teatro d'huomini letterati aperto dall'abbate Girolamo Ghilini e consacrato alla santita di nostro signore Urbano Ottauo", In Milano: Cerri, Giovanni Battista & Ferrandi, Carlo Ghisolfi, Filippo
Ghilini, Girolamo," Annali di Alessandria / di Girolamo Ghilini ; annotati e documentati da Amilcare Bossola [fino all'epoca quarta e da G. Jachino dall'epoca quarta in avanti] ; editi dalla Societa di storia della provincia di Alessandria", Alessandria



Bassi, Giulio [sec. 17.]," Dell'arimmetica pratica di Giulio Bassi piacentino dottore d'arimmetica, e geometria, libri 7. Nelli quali con grandissima facilita, e breuita s'insegna il vero modo di sciogliere tutte le ragioni mercantili, e de' cambij ... Aggiunteui nel fine breuissime regole per fare i conti delle misure de\' fieni, biade, muraglie, pozzi, terreni, & altre..", In Piacenza: Ardizzoni, Giovanni Antonio, 1645
Bassi, Giulio ," Aritmetica pratica del celebre dottore Giulio Bassi, piacentino. / Opera ... utilissima agl'ingeneri, agrimensori, computisti, banchieri, mercatanti, zecchieri, orefici... Tomo primo [-secondo]", Piacenza: Orcesi, Niccolo & Tedeschi, Giuseppe, 1765
Bassi, Giulio ," Arimmetica, e geometria pratica del dottor Giulio Bassi piacentino. ..", Piacenza: Bazachi, Giovanni <2.>, 1666
Bassi, Giulio ," 1"
Bassi, Giulio ," 2"
Bassi, Giulio ," Abbaco, ovvero Breve compendio d'arimmetica del molt'illustre ed eccell. signor Giulio Bassi, dottore d'arimmetica e geometria piacentino. Opera utile ... non solo a' principianti ma a qualsivoglia mercante", Piacenza: Ghiglioni, Pietro, 1801
Bassi, Giulio Cesare," Rime di varj nobili ingegni raccolte dal dottor Giulio Cesare milanese, per lo solenne ingresso in Milano dell'eminentissimo signor Cardinale Giuseppe Pozzobonelli, Arcivescovo in detta metropoli. L'anno 1774 li 21 giugno", In Milano: Agnelli, Francesco, 1744


Piccolomini, Giulio , "Oratione di Giulio Piccolomini, Rauuiuato Accademico Filomato. Intorno alle grandezza di S. Giouambattista. Recitata dal sig. Camillo Chigi nel duomo di Siena, il secondo giorno della Pentecoste, l'anno 1626", In Siena : appresso 'l Bonetti, 1626 - 24 p. ; 4o. - Emblema calcogr. dell'Accademia dei Ravvivati (?) sul front. - Iniziali e fregi xil. - Segn.: A-C4 - Impronta - a-i- a,e. uo-- dasa (3) 1626 (R) -Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma



Strozzi, Giulio [sec. 17]," Il natal di amore Anacronismo di Giulio Strozzi", Terza impressione", Deuchino
"Il terzo libro delle Opere burlesche aggiunto a quelle di m. Francesco Berni. Di m. Pietro Aretino di m. Ludovico Dolce di m. Frances. Sansovino del sig. Girol. Benivieni del sig. Nicolo' Martelli et di diversi altri autori", In Vsect al Reno [i.e. Roma]: Broedelet, Jacobus, 1726
Strozzi, Giulio ," La Venetia edificata poema eroico di Giulio Strozzi con gli Argomenti del sig. Francesco Cortesi", In VenetiaIn Venetia: Piuti, Girolamo, 1626
Strozzi, Giulio ," Il natal di Amore anacronismo di Giulio Strozzi", In VenetiaIn Venetia: Alberti, Giovanni, 1621
Strozzi, Giulio," La Delia sposa del sole del signor Giulio Strozzi. Drama rappresentato in musica in Genoua l'anno 1645", In Genova
Strozzi, Giulio ," Erotilla tragedia del signor Giulio Strozzi", In RomaIn Roma: Facciotti, Guglielmo, 1616
Strozzi, Giulio ," La Venetia edificata poema eroico di Giulio Strozzi", In Venetia: Ciotti, Giovanni Battista
Strozzi, Giulio ," La finta pazza dramma per musica da rappresentarsi in Firenze, nel Teatro di via del Cocomero, nell'autunno dell'anno 1732 ...", In Firenze", 1732
Strozzi, Giulio ," La finta sauia. Drama di Giulio Strozzi", In Venetia: Leni, Matteo & Vecellio, Giovanni, 1643
Strozzi, Giulio ," La Delia o sia La sera sposa del sole poema dramatico di Giulio Strozzi", In Venetia: Pinelli, Giovanni Pietro, 1639
Strozzi, Giulio ," Il Romolo e'l Remo drama di Giulio Strozzi", In Venetia: Surian, Giovanni Battista, 1645
Strozzi, Giulio ," Il Barbarigo ouero l'amico soleuato di Giulio Strozzi", [1626]
Strozzi, Giulio," Proserpina rapita anatopismo del signor Giulio Strozzi honorato di musica dal sig. Claudio Monteuerde e rappresentato in Venetia ne' fortunatissimi sponsali de gl' illustriss. signori Giustiniana Mozzenigo, e Lorenzo Giustiniani", In Venetia: Deuchino, Evangelista <1593-1631>
"glorie della signora Anna Renzi romana", In Venetia: Surian, Giovanni Battista, 1644
Strozzi, Giulio ," Proserpina rapita drama di Giulio Strozzi. Honorato gia di musica dal Monteuerde", In Venetia: Miloco, Pietro, 1644
Strozzi, Giulio ," La finta pazza dramma del sig. Giulio Strozzi rappresentato in Bologna da' signori Accademici Discordati l'anno 1647. All'illustriss. sig. ... Cornelio Maluasia ..", In Bologna: Dozza eredi, 1647
Strozzi, Giulio ," La finta pazza. Drama di Giulio Strozzi", In Venetia: Surian, Giovanni Battista, 1641
"La primera traduccion italiana del Lazarillo de Tormes por Giulio Strozzi / a cura di! Benito Brancaforte y Charlotte Lang Brancaforte", Ravenna", stampa 1977
Strozzi, Giulio ," I saggi poetici di Giulio Strozzi", Venezia: Alberti, Giovanni, 1621
Strozzi, Giulio ," Il natal di amore. Anacronismo di Giulio Strozzi", In VenetiaIn Venetia: Alberti, Giovanni, 1621
Strozzi, Giulio ," Eseqvie fatte in Venetia dalla Natione fiorentina al Serenissimo d. Cosimo 2. qvarto gran dvca di Toscana il di 23 maggio 1621 / (Givlio Strozzi)", In Venetia: Ciotti, Giovanni Battista
Strozzi, Giulio ," La finta pazza. Drama di Giulio Strozzi", In Venetia: Surian, Giovanni Battista, 1644
Strozzi, Giulio ," La Delia o sia la Sera sposa del Sole drama di Giulio Strozzi", In Venetia: Miloco, Pietro, 1644
Strozzi, Giulio ," Poesie per il Primo libro de' madrigali di Barbara Strozzi / Giulio Strozzi ; a cura di Anna Aurigi", Firenze", [1999]
Strozzi, Giulio ," Il barbarigo ouero l'Amico solleuato poema eroico di Giulio Strozzi", In Venetia: Ginami, 1628
Strozzi, Giulio ," La finta pazza. Drama di Giulio Strozzi", In Venetia: Surian, Giovanni Battista, 1641
Strozzi, Giulio," Il natal di amore anacronismo di Giulio Strozzi", In Venetia: Deuchino, Evangelista <1593-1631>, 1629
Strozzi, Giulio ," il mezzettino di Valbuslecca canzone d'Incerto", In Venetia: Piuti, Girolamo
Strozzi, Giulio ," I cinque fratelli sonetti di Giulio Strozzi honorati di musica dal sig. Claudio Monteverde, e cantati nel real conuito fatto dalla sereniss. repubblica di Venetia nel suo famoso arsenale ...", In Venetia
"La vita di Lazzariglio del Torme / traduzione secentesca di Giulio Strozzi ; a cura di Aldo Ruffinatto", Napoli", 1990
Strozzi, Giulio ," Le Sette giornate nelle quali hebbe Venetia i serenissimi principi d. Ferdinando 2. gran duca di Toscana, e d. Gio. Carlo de' Medici suo fratello. Sonetti di Giulio Strozzi, ... A' quali habbiamo aggiunto nella sua giornata il Buccintoro canto marinaresco, e i cinque fratelli sonetti del medesimo", In Venetia: Deuchino, Evangelista <1593-1631>, 1628
"Esequie fatte in Venetia dalla natione fiorentina al serenissimo d. Cosimo 2. quarto Gran duca di Toscana il di 25 di maggio 1621", In VenetiaIn Venetia: Ciotti, Giovanni Battista
Strozzi, Giulio ," La Venetia edificata. Poema eroico di Giulio Strozzi, con gli argomenti del signor Francesco Cortesi", In Venetia: Pinelli, 1624
Strozzi, Giulio ," La Venetia edificata poema eroico di Giulio Strozzi. Con gli argomenti del sig. Francesco Cortesi", In VenetiaIn Venetia: Pinelli, Antonio
Strozzi, Giulio ," Erotilla di Giulio Strozzi per le nozze de gli eccell.mi principi D. Marcantonio Borghese et D. Camilla Orsina", In VenetiaIn Venetia: Violati, Giacomo, 1615
Strozzi, Giulio ," La finta pazza dramma per musica da rappresentarsi in Pistoja nel Teatro de'ss. Accademici Risvegliati, nell'estate dell'anno 1741 ...", In Firenze
"La Finta pazza, Dramma di Giulio Strozzi in 3 azioni e un prologo ; musica di Francesco Sacrati", Venezia", 1987



Bressiani, Giuseppe [1599-1670]," Rose, e viole della citta di Cremona, che sono papa, cardinali, patriarca ... cremonesi. Raccolte da Giuseppe Bresciani all'illustriss. ... Manfredo Trecchio ... In Cremona : per Gio. Pietro Zanni, 1652", Zanni, Giovanni Pietro
Bressiani, Giuseppe <1599-1670>," Il Collegio dei dottori della citta di Cremona conti, e caualieri, con le loro dignita, e priuilegij, di Gioseppe Bresciani ...", In Cremona: Zanni, Giovanni Pietro, 1652
Bressiani, Giuseppe <1599-1670>," Le generose attioni di Zanino dalla Balla cremonese, opera curiosa di nuovo ristampata", Cremona: Puerone, Paolo, 1666
"Astrea difesa nel felicissimo dottorato nell'vna, e l'altra legge del'eccellentiss. sig. d. Gio. Simone Corradi genouese", In Bologna: Barbieri, Domenico eredi, 1667
Bressiani, Giuseppe <1599-1670>," Le turbulenze di Cremona per l'armi della Francia, Sauoia, e Modena, de gli anni 1647. & 1648. Di Giuseppe Bressiani cittadino cremonese", In Cremona: Zanni, Giovanni Pietro, 1650
Bressiani, Giuseppe <1599-1670>," Corona d'huomini, e donne cremonesi in santita, prelature, e virtudi, insigni, & eminenti. Opera di Gioseffo Bresciano cremonese", In Cremona: Zanni, Bartolomeo & Zanni, Barucino eredi, 1625


Bonafede, Giuseppe [sec. 17]," Il Colombino di Giesu, ouero Vita, virtu, miracoli, e dottrina del b. Gio. Colombino da Siena, ... Libri quattro. Del p. Giuseppe Bonafede lucchese ...", In Roma: Cavalli, Francesco , 1642
Bonafede, Giuseppe ," Il caualiero prodigioso panegirico in honore di S. Pontiano martire ... Del P. Gioseppe Bonafede lucchese della congregatione della Madre di Dio ... All'eminentissimo... cardinale Barberino", In Spoleto: Arnazzini, Gregorio, 1643
Bonafede, Giuseppe ," Le Glorie di Lucca nel Volto Santo Discorso predicabile del P. Gioseffo Bonafede... Detto da lui nell'ottaua della Croce..", In Lucca: Del Giudice, Baldassarre, 1641
Bonafede, Giuseppe ," Il Caualier del Cielo panegirico sacro alle glorie di S. Secondo martire ... del P.F. Giuseppe Bonafede, ..", In Asti: Giangrandi, Giovanni Battista, 1654
Bonafede, Giuseppe ," Il miracolo della manna di s. Nicolao di Bari, cioe eccellenze, virtu, marauiglie, e gloria del pretioso liquore, che dalle sacrate ossa di s. Nicolao scaturisce. Con un compendio della vita, e di tutti gli atti miracolosi di detto santo. Del p. Giuseppe Bonafede ...", In Napoli: Savio, Francesco, 1643
Bonafede, Giuseppe," Atti di S. Nicolao il grande arcivescovo di Mira e protettor di Bari / discorso historico del P. Giuseppe Bonafede. Con un nuouo trattato della miracolosa Manna che dalle sacre sue ossa scaturisce", In Napoli & in Trapani: La Barbera, Giuseppe, 1682
Bonafede, Giuseppe ," Il colombino di Gesu, ovvero Vita, virtu, miracoli, e dottrina del b. Gio. Colombino da Siena ... libri quattro del p. Giuseppe Bonafede ... dove isieme [|]", In Lucca: Frediani, Pellegrino, 1714
Bonafede, Giuseppe ," Il prencipe republicante illustrato sul Tabor discorso predicabile fatto nell'eccellentiss. senato di Lucca il secondo sabbato di quaresima dal p. Gioseffo Bonafede ..", In Lucca: Del Giudice, Baldassarre, 1641
Bonafede, Giuseppe ," All' Immortalita dell'amaranto panegirico nella promotione dell' eminentissimo e reuerendissimo principe, il cardinale Ascanio Filamarino arciuescouo di Napoli. Del P. Giuseppe Bonafede della congregatione Lucchese della Madre di Dio", In Napoli: Savio, Francesco, 1643
Bonafede, Giuseppe ," Introduttione all'amor di Dio. Del p. Giuseppe Bonafede predicator agostiniano ..", In Carmagnola: Colonna, Bernardino, 1651


Laurenzi, Giuseppe [n.1583 a Lucca]," Iosephi Laurentii Lucensis S.T.D. Amalthea onomastica; in qua voces vniversae, abstrusiores, sacrae, profanae, antiquae, antiquatae, vsurpatae, vsurpandae: e Latinis, Latino-Graecis, Latino-Barbaris ... excerptae, et italice interpretatae: cum onomastico italico-latino, ad calcem addito. Opus ab auctore dum viueret diligenter recognitum emendatumque; atque adeo ab ipso in hac editione, tertia parte auctum", Lugduni: Anisson, Laurent, 1664
Laurenzi, Giuseppe," Iosephi Laurentii Lucensis S.T.D. Amalthea onomastica; in qua voces vniuersae, abstrusiores, sacrae, profanae, antiquae ... e Latinis, Latino-Graecis, Latino-barbaris, criticis, antiquarijs, thesauris, lexicis, onomasticis, glossarijs ... excerptae, et Italice interpretatae: cum Onomastico Italico-Latino, ad calcem addito. Opus ab auctore dum viueret, diligenter recognitum, atque adeo ab ipso tertia parte auctum", Venetiis: Baglioni, Paolo, 1673
Laurenzi, Giuseppe ," Iosephi Laurentii Lucensis S.T.D. Amalthea onomastica; in qua voces vniuersae, abstrusiores, sacrae, profanae, antiquae, antiquatae, vsurpatae, vsurpandae; e Latinis, ... lexicis, ... excerptae et Italice interpretatae: cum onomastico Italico-Latino, ad calcem addito. Opus ab auctore dum viueret diligenter recognitum emendatumque; atque adeo ab ipso in hac editione, tertia parte auctum", Lugduni: Anisson, Laurent, 1664
Laurenzi, Giuseppe ," Iosephi Laurentij Lucensis Polymathia: siue variae antiquae eruditionis libri sex. In quibus ritus antiqui, romani, externi, qua sacri, qua profani, qua publici, qua profani, qua publici, qua priuati; sacrificiorum ... Cum indicibus locupletissimis", Lugduni: Anisson, Laurent, 1666
Laurenzi, Giuseppe ," Onomasticum Laurentianum in quo voces selectiores, vsitatiores Italico, Latinae, ad promptius, faciliusque Italico, Latine scribendum, loquendum, ex Amalthea Josephi Laurentii, olim ab auctore ordine classico, nunc alphabetico a' Sebastiano Benedictio Lucensi tyronibus digestum", Lucae: Marescandoli, 1685
Laurenzi, Giuseppe ," Iosephi Laurentii Lucensis S.T.D. Amalthea onomastica in qua voces vniuersae, abstrusiores, sacrae ... e Latinis, Latinograecis, Latinobarbaris ... excerptae Italicae interpretatae, cum Onomastico Italolatino, ad calcem addito ...", Lucae: Del Giudice, Baldassarre, 1640
Laurenzi, Giuseppe ," Onomasticum Laurentianum in quo voces selectiores, vsitatiores Italico-Latinae, ... ex Amalthea Iosephi Laurentii, olim ab auctore ordine classico, nunc alphabetico a Sebastiano Benedicto Lucensi tyronibus digestum", Lucae: Del Giudice, Baldassarre, 1648
Laurenzi, Giuseppe," Onomasticum Laurentianum Italico-Latinum in quo voces selectiores, vsitatiores in classes digestae ad utriusque linguae copiam comparandam ex Amalthea Iosephi Laurentij depromptae", Lucae", 1638
Laurenzi, Giuseppe ," Josephi Laurentii Lucensis S.T.D. Amalthea onomastica; in qua voces universae, abstrusiores, sacrae, profanae, antiquae, usurpatae, usurpandae; e Latinis, Latino-Graecis, Latino-Barbaris ... excerptae, et Italice interpretatae. Cum Onomastico Italico-Latino, ad calcem addito. Opus ab auctore dum viveret, diligenter recognitum, atque adeo ab ipso tertia parte auctum", Venetiis: Baglioni, Paolo, 1708
Laurenzi, Giuseppe ," Institutiones iuris ecclesiastici / Ios. Laurentius", Friburgi Brigosviae", 1908
Laurenzi, Giuseppe ," A sua eccelllenza il signor conte don Antonio Gaddi nella occasione delle faustissime nozze tra la contessa Anna Gaddi di lui figlia e il signor marchese Prospero Romagnoli Pellegrino Zoli D.O.C. l\'opera tradotta di Giuseppe Lorenzi lucchese sugli sponsali e le nozze degli antichi", In Roma: De Romanis
Laurenzi, Giuseppe," Opuscula philologica Iosephi Laurentij Lucensis doc. theol. ad illustrissimum ... D. Fridericum Cornelium cardinalem", Venetijs: Deuchino, Evangelista <1593-1631>, 1630
Laurenzi, Giuseppe," Iosephi Laurentii Lucensis S.T.D. Amalthea onomastica; in qua voces vniuersae, abstrusiores, sacrae, profanae, antiquae ... e Latinis, Latino-graecis, Latino-barbaris... excerptae, et Italice interpretatae. Cum Onomastico Italico-Latino, ad calcem addito. Opus ab auctore dum viueret, diligenter recognitum, atque adeo ab ipso tertia parte auctum", Venetiis: Baglioni, Paolo, 1690
Laurenzi, Giuseppe," Epistolarum centuria prima Iosephi Laurenti doctoris theologi ciuis Lucensis Academici Olimpici. Apud Vicentinos humaniorum publici professoris", Venetijs: Deuchino, Evangelista <1593-1631>, 1622
Laurenzi, Giuseppe ," Iosephi Laurentii Lucensis sac. teolog. doct. Academici Olympici Epistolarum centuria 1", Patauii: ex typographia Cribelliana: Crivellari, Giulio, 1640
Laurenzi, Giuseppe ," Epistolarum centuria 2. Iosephi Laurenti Lucen. theol. doct", Lucae: DelGiudice, Baldassarre, 1638
Laurenzi, Giuseppe ," Polymathiae siue Variae antiquae eruditionis libri duo in quibus ritus antiqui romani externi qua sacri qua profani qua publici qua priuati ... e philosophiae, politicae, philologiae adytis eruuntur. Prouerbijs, historijs, rebusque criticis illustrati enucleantur. Cum indicibus locupletissimis auctore Iosepho Laurentio Lucensi S.T.D", Vicentiae apud haeredes Francisci Grossij: Crivellari, GiulioGrossi, Francesco eredi, 1631-1632
Laurenzi, Giuseppe ," Iosephi Laurentii .. Amalthea onomastica voces vniuersae abstrusiores sacrae, profanae, antiquae, antiquataae ... e Latinis, Latinograecis, Latinobarbaris ... Italice interpretatae ... ordine alphabetico digesta", Lucae", 1640


Su Giacomo Fiorelli scrive il Perini nella sua opera sugli Agostiniani: "Fiorelli Fr. Iacobus, Venetus, S. Theol. Mag., an. 1661, cum esset Baccalaureus, interfuit ut Discretus Provinciae Sardiniae capitulo gen. Romae habito, et ut Definitor Provinciae Venetiarum, iam in S. Theol. Magister, capitulo item gen. pariter Romae an. 1667 celebrato. Interfuit quoque ut Provincialis suae Venetiarum Provinciae, cap. gen. an. 1673, in quibus comitiis propositus fuit atque electus Litterarum revisor. Videtur illum vitam egisse usque ad an. 1685. Publici iuris fecit sequentia, nempe:
1. Detti e fatti memorabili del Senato e Veneti Patrizii., Venezia, presso Combi e La Nau, 1672, in 4°.
2. La Monarchia d'Oriente da Costantino il Grande nell'anno 330 a Costantino Paleologo nel 1453, Venetia, 1674, et iterum ibidem an. 1679, semper in fol. opus admodum rarum.
3. Homo multiplex, sive considerationes de praecipuis statibus vitae ipsius, discursus morales et eruditi, opus italica lingua scriptum et an. 1682 editium.
4. Binae eiusdem epistolae italice ad Antonium Magliabechium. (Cfr. Clar. "Venetorum ad Ant. Magliabechium Epistolae", Florentiae, 1746, T. II, p. 343).
Nelle Biblioteche italiane si son finora reperite le opere:
Fiorelli, Giacomo ," Detti, e fatti memorabili del senato, e patritij Veneti, del P. maestro Giacomo Fiorelli venetiano, ...", Venetia: Combi, Sebastiano & La Nou, Giovanni, 1672
Fiorelli, Giacomo," L' huomo multiplice, ouero, Considerationi de' stati principali della sua vita. Discorsi morali, et eruditi, del padre maestro Giacomo Fiorelli veneto agostiniano. ...", In Venetia", 1682
Fiorelli, Giacomo," La monarchia d'Oriente. Del padre maestro Giacomo Fiorelli veneto agostiniano. Comincia da Costantino 'l grande. Nell'anno. 330. E termina in Constantino paleologo. Nell'anno. 330. E termina in Constantino paleologo. Nell'anno. 1453. ..", In Venetia per Domenico Milocco: Miloco, Domenico, 1679


Raggi, Giacomo, "R.P.F.Iacobi Raggii Genuensis ... De regimine regularium prima centuria in tres partes distributa. In quorum prima incommoda, quae in regularium electionibus oriri possent, nec vsque in hanc diem praelo subiecta, enucleantur: in secunda remedia assignantur: in tertia nonnulla selecta elucidantur", Genuae : ex typographia Benedicti Guaschi, 1653 - [24], 1-363, [9], 365-638, [50] p. ; fol. - it. dell'occhietto: "R.P.F. Iacobi Raggii De regimine regularium. Centuria 1. 2", - Front. della seconda centuria a c. 1 - Marca calcogr. non controllata (Sole che illumina una citta sul mare: "Abscondita in lucem") sul front. - Segn.: [*]4 2*4-3*4 A-2X4 2Y6 4, "A-2R4 2S" - Impronta - eiia m)um i;am eume (3) 1653 (R) - Altre localizzazioni: Biblioteca dell'Accademia valdarnese del Poggio - Montevarchi - AR - Biblioteca universitaria di Cagliari - Biblioteca nazionale centrale - Firenze - Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma - Biblioteca del Seminario vescovile Barbarigo - Montefiascone - VT


Zanoni, Giacomo <1615-1682>," Istoria botanica di Giacomo Zanoni semplicista, e sopraintendente all'horto publico di Bologna. Nella quale si descriuono alcune piante de gl'antichi, da moderni con altri nomi proposte; e molt\'altre non piu osservate, e da varie reggioni del mondo venute, con le virtu, e qualita della maggior parte di esse, & in figure al viuo rappresentate ...", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1675
Zanoni, Giacomo <1615-1682>," Jacobi Zanonii rariorum stirpium historia ex parte olim edita. Nunc centum plus tabulis ex commentariis auctoris ab ejusdem nepotibus ampliata. Opus universum digessit, latine reddidit, supplevitque Cajetanus Montius ...", Bononiae: Dalla Volpe, Lelio, 1742


Querini, Leonardo, "Vezzi d'Erato poesie liriche di Leonardo Quirini nobile veneto ..", In Vinegia: Hertz, Giovanni Giacomo, 1649
Querini, Leonardo>," Vezzi d'Erato poesie liriche di Leonardo Quirini nobile veneto ..", In Venetia: Hertz, Giovanni Giacomo, 1653


Caracciolo, Lodovico, "Princeps co. Ludouici Caraccioli ad serenissimum principem Odoardum Farnesium ... A primis annis ad vltimam vsque senectutem instituitur princeps, vt iuxta vera politicae praecepta perfectissimam gubernandi methodum teneat ...", Placentiae : apud Io. Antonium Ardizzonum, 1634 (Placentiae : apud Io. Antonium Ardizzonum, 1633) - [38], 627 [i.e. 621], [5] p. : ill. ; fol. - Marca V 165 priva delle iniziali A.V. sul colophon - Precede front. inciso con data 1633 - Segn.: [pi greco]1 [croce]-2[croce]6 A-3F6 [chi]1 - P. 361-366 omesse nella numerazione - Localizzazioni: Biblioteca Trivulziana - Archivio storico civico - Milano - Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III - Napoli - Biblioteca Palatina - Parma


Della Casa, Lodovico," Genoua piangente per la peste. Monodia del padre F. Lodouico Dalla Casa, genouese, agostiniano", In Tortona: Viola, Nicolo & fratelli
Della Casa, Lodovico," Genoua grata, ouero la gratitudine de genouesi verso i defonti. Discorso detto in Genoua, ... dal p. maestro F. Lodouico Dalla Casa, genouese, agostiniano", In Genoua: Franchelli, Antonio Giorgio
Della Casa, Lodovico," Il triregno pontificio, ouero le tre corone. Panegirico nella beatificatione di Pio quinto sommo pontefice. Detto in Genoua, nella chiesa di S. Domenico dal padre maestro Fr. Lodouico Dalla Casa, genouese agostiniano. ...", In Genoua: Franchelli, Antonio Giorgio
Della Casa, Lodovico ," Genoua piangente per la peste. Monodia d'Egidio Crudellio padouano. Al signor Francesco Viglioni cittadino di Genoua", In Milano, et in Ancona: Serafini, Francesco, 1666
Della Casa, Lodovico," Pompe sagre della religione agostiniana nella solennita di S. Tomaso da Villanoua arciuescouo di Valenza dell'anno 1666", In Roma: Stamperia Camerale , 1666
VEDI BIBLIOGRAFIA RAPPORTI L. DELLA CASA - A. APROSIO


Casali, Ludovico, "Vita, morte, e miracoli del glorioso San. Geminiano ... Nuouamente composta dal Reuer ... Lodouico Casali ..", In Modana : Appresso Giulian Cassiani, 1633 - [20], 94, [2] p. ; 4. - Croce4, croce6, A-M4. - Impronta - 34r- 6766 m.n- biti (3) 1633 (A) - Altra localizzazione: Biblioteca Estense Universitaria - Modena


Sesti, Ludovico, " Vita del venerabile seruo di Dio F. Angelo Orsucci dell'ordine de'predicatori Scritta dal padre maestro F. Lodouico Sesti. Dedicata all'eminentiss. e reuerendiss. sig. Cardinale Francesco Bonuisi", In Lucca : appresso Iacinto Paci, 1682 - 16, 194, 2 p. ; 4o - Stemma calcogr. sul front. . Iniziali e fregi xilogr. . Segn.: croce8 A-M8 N10 - Impronta - a-io 4.re o,te Rela (3) 1682 (R) Altre localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale - Firenze - Biblioteca statale del Monumento nazionale di Casamari - Veroli - FR - Biblioteca comunale Labronica Francesco Domenico Guerrazzi - Livorno


Tingoli, Lodovico <1602-1669>," Delle poesie liriche del sig. Lodouico Tingoli dedicate all'eminentissimo, e reuerendissimo signore il sig. cardinale Federico Sforza", In Rimino: Simbeni, 1673
Tingoli, Lodovico <1602-1669>," I cigni del Rubicone, poesie liriche de gl'illustriss. signori Lodovico Tingoli, e Filippo Marcheselli da Rimino, date alle stampe da D. Girolamo Auanzolini", In Bologna: Monti, Giacomo, 1673
Tingoli, Lodovico <1602-1669>," All'eminen.mo e gloriosiss.mo ... il signor cardinale Mazzarino per la pace delle due corone applauso poetico di Lodovico Tingoli", In Rimino: Simbeni, Simbene, 1659


Adriani, Lorenzo,"Viennae arctissima obsidione liberatae libata felicitas ad illustriss. atque excellentiss. dd. vexilliferum, ac Decem Viros Reipublicae Lucensis / [authore Laurentio Adrianio]", Lucae: Paci, Giacinto, 1683


Broecke, Pieter Adrian : van [sec. 17.]," Petri Adriani Vandenbroecke Belgae a Tenaramonda Epistolarum libri tres illustriss. et clariss. viro Francesco Redio patricio Aretino dicati. Opus posthumum editore Laurentio Adrianio", Lucae: Paci, Giacinto, 1684
Broecke, Pieter Adrian : van," Vita beatissimi patris Hieronymi heroico, elegiaco, alioque carmine expressa; tribus, & viginti elogijs illustrata. Elegiarum libri duo. Syluarum liber unus. Authore Petro Adriano van den Broecke Flandro-Belga ...", Bononiae", 1646
Broecke, Pieter Adrian : van ," Petri Adriani vanden Broecke BelgW0 1q a Teneramonda, et ciuis Pisani publici eloquentiae prof... Poemata olim seorsim per Italiam edita nunc simul comprehensa heroica, elegiae, et alia", Pisis", 1660
Broecke, Pieter Adrian : van ," Petri Adriani vanden Broecke Belgae a' Tenaramonda ... Poemata. Editio altera longe auctior", Lucae: Paci, Giacinto, 1673
Broecke, Pieter Adrian : van ," Petri Adriani Vandenbroecke Belgae a Tenaramonda Epistolarum libri tres illustriss. et clariss. viro Francesco Redio patricio Aretino dicati. Opus posthumum editore Laurentio Adrianio", Lucae: Paci, Giacinto, 1684
Broecke, Pieter Adrian : van ," Virgo assumpta bifariam considerata vt terris excedit, vt superis domina infertur: & aliqua de rebus Pisanis a Petro Adriano van Broecke Belga publico eloquentiae professore Pisis ... Camillo Campiglia ... dicata. Ioannes Paulus GUalandius ... Pisis dixit", Lucae: Paci, Giacinto & C., 1657


Longo, Lorenzo[1603-1669>] di lui nel "Veratro II" si legge una lirica elogiativa latina a riguardo dell'Aprosio e del suo lavoro.
L'SBN segnale le seguenti sue opere:
Longo, Lorenzo," Laurentii Longi Parmensis ... Tabulae salutares sacramentorum, ad eorundem administrationem, ac susceptionem, indulgentiarum consecutionem, ... Opus theologicum, canonicum, ethicum, animarum pastoribus ... Accesserunt chronologicae ciuitatum, quarum praesulibus inscribuntur tabulae ...", Placentiae: Ardizzoni, Antonio, 1651
Longo, Lorenzo <1603-1669>," Gli effetti di amore, fauola pastorale del mol. ill. & ecc. sig. Lorenzo Longo. ...", In Venetia: Ginami, Marco, 1626
Longo, Lorenzo <1603-1669>," Armamentarium Eucharisticum opus morale, confessarijs, & concionatoribus accomodatun Auctore ADM. R. Patre D. Laurentio Longo parmensi...", Placentiae", [1670?]
Malvezzi, Virgilio <1595-1654>," Il ritratto del priuato politico christiano estratto dall'originale d'alcune attioni del conte duca di S. Lucar, e scritto alla cattolica maesta di Filippo 4. il grande del marchese Virgilio Maluezzi ..", In Venetia: Sarzina, Giacomo <1.>, 1635
Longo, Lorenzo <1603-1669>," Summa Laur. Longi Parmensis doct. Theologi congr. som. Tabulae theologicae, canonicae, morales, de sacramentis, de indulgentijs, & de censuris ecclesiasticis generalem, ac specialem doctrinam parochis, confessarijs secularibus, ac regularibus ... Cum indice totius operis copiosissimo", Placentiae: Sirena, Stefano
Longo, Lorenzo <1603-1669>," Soteria Laurentii Longi C.R.C.S. ad illustrissimum dominum Ferdinandum Tassum. Rogerii comitis F. supremum cursorum augustissimi Ferdinandi 3. caesaris praefectum", Venetiis: Leni, Matteo & Vecellio, Giovanni, 1644
Longo, Lorenzo <1603-1669>," Trionfo della catholica religione per la Sacra Real Maesta di Christina Alessandra Regina di Suetia; Encomio estratto dal poema di ... Lorenzo Longo ..", Piacenza: Stamperia Camerale , 1657
Longo, Lorenzo <1603-1669>," Laurentii Longi C.R.C.S. Soteria hoc est pro Salute carmina ad Aedem Salutis Venetijs nuper extructam contexta cum notis historicis, ac chronologicis Ingoni Taurelli doct. Parmen. atque iconib. Petri Vecchij P.V. serenissimo duci Francisco Ericio principi Venetiarum. D.D.D", Venetiis: Leni, Matteo & Vecellio, Giovanni, 1644
Longo, Lorenzo<1603-1669>," Soteria Laurentii Longi C.R.C.S. ad illustrissimum dominum Ferdinandum Tassum. Rogerii comitis F. Supremum Cursorum augustissimi Ferdinandi 3. Caesaris praefectum", Venetiis: Baglioni, Paolo, 1644
Longo, Lorenzo <1603-1669>," La fede del libero arbitrio, e della grazia divina depurata dalle opinioni, e l' ortodossia delle opinioni purgate dalle imposture esposta dal padre Lorenzo Longo sacerdote dell'oratorio in piu' lettere ad un amico. Lettera prima in cui si", In Padova: Comino, Giuseppe, 1742


Scoto, Lorenzo," Il Gelone fauola pastorale di D. Lorenzo Scoto abbate commend. & signore di Chesery. Con le allegorie dell'abbate Castiglioni. ... Aggiuntoui in fine una lettera discorsiua del medesimo autore concernente il genere drammatico", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1656
Marino, Giovambattista," L' Adone : poema / del cavalier Marino ; con gli argomenti del conte Fortuniano Sanvitale e l'allegorie di don Lorenzo Scoto", Firenze", 1886
Marino, Giovambattista," L' Adone poema del Caualier Marino. Con argomenti del conte Fortuniano Sanuitale. Et l'allegorie di don Lorenzo Scoto. Aggiuntoui la tauola delle cose notabili", In Torino", [1623?]
Marino, Giovambattista," L' Adone, poema del caualier Marino. Con gli argomenti del conte Fortuniano Sanuitale, et l'allegorie di don Lorenzo Scoto", In Venetia: Sarzina, Giacomo <1.>, 1623
Marino, Giovambattista", L' Adone, poema del caualier Marino, con gli argomenti del conte Fortuniano Sanuitale. Et l'allegorie di don Lorenzo Scoto", In VenetiaIn Venetia: Sarzina, Giacomo <1.>, 1626
Marino, Giovambattista," L' Adone, poema del caualier Marino. Alla maesta' christianissima di Lodouico il decimoterzo, re di Francia, & di Nauarra. Con gli argomenti del conte Fortuniano Sanuitale, et l'allegorie di don Lorenzo Scoto", In Parigi: Varennes, Olivier : de, 1623
Marino, Giovambattista," L' Adone / poema del cavalier Giambattista Marino ; con gli argomenti di Fortuniano Sanvitale e le allegorie di Don Lorenzo Scoto", Nuova edizione completa
Scoto, Lorenzo ," La visione idilio sacro nel martirio di S. Cristina vergine di D. Lorenzo Scoto abbate commend. & sig. di Chesery. A madama reale Christiana di Francia ..", In Torino: Sinibaldo, Giovanni, 1658
Marino, Giovambattista," L' Adone, poema del cavalier Marino: con gli Argomenti del conte Fortuniano Sanvitale, e l'Allegorie di don Lorenzo Scoto. Aggiontovi la tavola delle cose notabili, con le Lettere del medesimo cavaliere. Volume primo [-secondo]", In Amsterdamo", 1679
Marino, Giovambattista," L' Adone, poema del cavalier Marino: con gli Argomenti del conte Fortuniano Sanvitale, e l'Allegorie di don Lorenzo Scoto. Aggiontovi la tavola delle cose notabili, con le Lettere del medesimo cavaliere. Volume primo [-secondo]", In Amsterdamo", 1680
Scoto, Lorenzo ," La fenice di Don Lorenzo Scoto al molto ill.o & r.mo monsig. Giacomo vesc. di Vercelli", In Torino: Cavalleri, Giovanni Francesco, 1614
Marino, Giovambattista," L' Adone poema del c. Marino con gli argomenti del conte Sanuitale, & l'allegorie di don Lorenzo Scoto. Aggiuntoui la vita dell'autore con alcune sue lettere facete, & la tauola delle cose notabili", In Parigi: Sonnius, Michel <4.>, 1627
Marino, Giovambattista," Adone : poema / del cavalier Marino ; con gli argomenti del conte Fortuniano Sanvitale ; e l'allegorie di don Lorenzo Scoto", Firenze", stampa 1895
Marino, Giovambattista," L' Adone, poema heroico del c. Marino, con gli argomenti del conte Sanvitale e l'allegorie di don Lorenzo Scoto. Aggiuntovi la tavola delle cose notabili. Di nuovo ricorretto e di figure ornatto |. Tomo 1. -4.", In Amsterdam et in Parigi: Jolly, Thomas Elzevier, Daniel, 1678
Marino, Giovambattista," L' Adone poema del caualier Marino con gli argomenti del conte Fortuniano Sanuitale et l'allegorie di don Lorenzo Scoto", In Venetia: Sarzina, Giacomo <1.>
Marino, Giovambattista," L' Adone poema del C. Marino con gli argomenti del Conte Sanvitale, et l'allegorie di Don Lorenzo Scoto. Aggiuntovi la Vita dell'autore con alcune sue lettere facete, et la Tavola delle cose notabili", In Torino: Tarino, Giovanni Domenico eredi, 1627
Marino, Giovambattista," L' Adone poema del cavallier Marino, con gli argomenti del conte Fortuniano Sanvitale: e l'allegorie di don Lorenzo Scoto", Amsterdam [i.e. Leida]: Matthysz, Severyn <1643-1672>, 1651


Morozzo, Luigi Francesco ," Breue racconto della vita, e morte di madama reale Francesca di Borbone, ... dell'abbate Luiggi Francesco Morozzo, ..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1664
Tesauro, Emanuele," Dell'arte delle lettere missiue del conte, e caualier Gran Croce D. Emanuele Tesauro patritio torinese vindicata dall'obliuione, et dedicata al serenissimo principe di Piemonte dal conte, e caualiere D. Luigi Francesco Morozzo ...", Venetia: Baglioni, Paolo, 1674
Tesauro, Emanuele," Dell'arte delle lettere missiue del conte, e caualier Gran Croce d. Emanuele Tesauro patritio torinese vindicata dall'obliuione, et dedicata al serenissimo principe di Piemonte dal conte, e caualiere d. Luigi Francesco Morozzo ...", Venetia: Baglioni, Paolo, 1681
Morozzo, Luigi Francesco ," L' elettione reprouata di Saule primo re d'Israelle. Dell'abbate Luiggi Francesco Morozzo ..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1662
Tesauro, Emanuele," Dell'arte delle lettere missiue del conte, e caualier Gran Croce D. Emanuele Tesauro patricio torinese vindicata dall'obliuione e dedicata al serenissimo principe di Piemonte dal conte, e caualiere D. Luigi Francesco Morozzo ..", In Bologna, & in Parma: Rosati, Galeazzo, 1676
Morozzo, Luigi Francesco ," Il ministero salutare di Giuseppe patriarca, e vice-re d'Egitto, descritto , e dedicato all'A.R. di Carlo Emanuele 2. duca di Sauoia, prencipe di Piemonte, re di Cipro, dall'abbate Luigi Francesco Morozzo ..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1672
Morozzo, Luigi Francesco ," Roboamo mal consigliato, e Geroboamo mal'auueduto. Dedicati all'A. serenissima di Vittorio Francesco Amedeo prencipe di Piemonte, dall'abbate Luigi Francesco Morozzo ..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1668
Tesauro, Emanuele>," L' arte delle lettere missiue del conte d. Emanuele Tesauro. Vindicata dall'obliuione, et dedicata al serenissimo principe di Piemonte dal conte, & caualiere d. Luigi Francesco Morozzo ..", In Torino: Zappata, Bartolomeo, 1674


Matteo Leni, tipografo veneziano del XVII secolo, sue opere reperite nelle biblioteche italiane:
Scotti, Giulio Clemente <1602-1669>," Lucii Cornelii Europaei Monarchia solipsorum. Ad virum clarissimum Leonem Allatium", Venetiis: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1645
Teoli, Bonaventura <1596-1670>," Scotus moralis pro confessariis humili manu expositus, in quo ea, quae subtilis doctor in quatuor sententiarum, & quolibet a sparsim docuit, interrogatorij forma inspiciuntur. Opus omnibus qui saluti animarum consulunt perutile. Auctore adm. R.P. Bonaventura Theulo de Velitris socio, & assistente generali Ordinis Min...", Venetiis: Leni , Matteo, 1652
Bisaccioni, Maiolino," La naue ouero nouelle amorose, e politiche. Del conte Maiolino Bisaccioni ...", In Venetia: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1643
Francescani", Pontificiae constitutiones ad seraphicam religionem spectantes, nunc recens e praescripto reuerendissimi patris p. Ioannis de Neapoli, ... collectae, & accuratius excussae. ...", Venetiis: Leni , Matteo, 1647
Vitalis, Andreas," Tractatulus de Purgatorio S. Patricij Hiberniae seu majoris veterisque Scotiae sanctorum insulae apostoli. Ex Triade thaumaturga R.A.P. Ioannis Colgani ... extractus, compendiatus, & in commodiorem redactus methodum per P. Andream Vitalem ejusdem instituti Hibernum Tuamiensem & s. theologiae lectorem", Venetiis: Leni , Matteo, 1652
Puccinelli, Placido<1609-1685>," Historia di Vgo principe della Toscana. Scritta da D. Placido Puccinelli Pesciatino. Alla sempre inuitta, e gloriosa republica di Lucca", In Venetia: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1643
Chiesa cattolica," Epistole, et euangeli, che si leggono tutto l'anno alle messe, secondo l'vso della S. Romana Chiesa; & ordine del messale riformato. Tradotti in lingua toscana dal m.r.p.m. Remigio Fiorentino ..", In Venetia: Leni , Matteo, 1647
Berardi, Francesco," Assertiones Philosophicae illustriss. ac reuerendiss. d.d. Scipioni ex comit. Ilcii, archiepiscopo Pisano, ... dicatae, ac publicae discussioni propositae a Francisco Berardi Seminarij Patriarchalis Cler. alumno. Auspicijs pp. Congreg. Somaschae", Venetiis: Leni , Matteo, 1652
Birago Avogadro, Giovanni Battista ," Mercurio veridico, ouero Annali vniuersali d'Europa del dottor Giouan Battista Birago Auogaro, ..", In Venetia: Leni , Matteo, 1648
Pontoli, Giovanni ," Christo addolorato, ouero Sermoni della passione di n.s. Giesu Christo. Opera utilissima ad ogni stato di persone ... Del padre Giouanni Pontoli da Parma dell' ordine de' Minori Osseruanti Riformati ..", In Venetia: Leni , Matteo, 1652
Strozzi, Giulio ," La finta sauia. Drama di Giulio Strozzi", In Venetia: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1643
Bisaccioni, Maiolino," Ercole in Lidia dramma del signor conte Maiolino Bisaccioni ... . Rappresentata nel teatro Nouissimo nell'anno 1645", In Venetia: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1645
Birago Avogadro, Giovanni Battista ," Mercurio veridico, ouero Annali Vniuersali d'Europa del dottor Giouan Battista Birago Avogaro, cappellano di San Giouanni Hierosolimitano, ..", In Venetia: Leni , Matteo, 1648
Bisaccioni, Maiolino," 2: Delle nouelle amorose, e politiche. Del conte Maiolino Bisaccioni. Parte seconda", In Venetia: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1643
Samuel : Marochitanus," De erroribus Iudaeorum Raby Samuelis, opus aureum. Hebraeorum olim odio fere suppressum, & annos vltra ducentos occultatum. Nuper a Hieronymo Moratino philosofo, ac medico Veneto, studio Pietatis erutum. Ad illustrissimum, & excellentissimum D.D. Ioannem Franciscum Barbadicum senatorem Venetum praestantissimum", VenetiisImpressum Venetijs: Leni , Matteo, 1655
"1", In Venetia: Leni , Matteo, 1647
Aprosio, Angelico>," Del Veratro apologia di Sapricio Saprici per risposta alla seconda censura dell'Adone del cavalier Marino, fatta dal cavalier Tommaso Stigliani, parte prima -seconda ...", In Venetia: Leni , Matteo, 1645-1647
Mocenigo, Pietro ," Assertionum dialecticarum libri sex, in sem. patriarchali Venetiarum publicae discussioni propositi a' Petro Mocenico praeside R.P.D. Paulo Gregorio De Ferrarijs cler. reg. Congr. de Somascha philosophiae, ac sacrae thologiae professore", Venetijs: Leni , Matteo, 1651
Rodiseo, Guarino ," Gli amanti consolati comedia di Guarino Rodiseo. All'illustrissimo signor Tomaso Mocenico ..", In Venetia: Leni , Matteo, 1648
Pontoli, Giovanni ," Christo addolorato, ouero sermoni della passione di n. s. Giesu Christo. Opera vtilissima ad ogni stato di persone ... Del padre Giovanni Pontoli da Parma, dell'ordine de' Minori Osseruanti Riformati ..", In Venetia: Leni , Matteo, 1652
Bisaccioni, Maiolino," L' isola, ouero Successi fauolosi del conte Maiolino Bisaccioni, gentil'huomo della camera del re christianissimo, e suo caualiere ...", In Venetia: Leni , Matteo, 1648
Minato, Nicolo ," Xerse drama permusica nel teatro a SS. Gio. e Paolo perl'anno 1654. Dedicato all'illustrissimosignor marchese Cornelio Bentivoglio", In Venetia : per Matteo Leni ..., 1654", Leni , Matteo
Abati, Antonio," Delle frascherie di Antonio Abati fasci tre", In Venetia: Leni , Matteo, 1651
"2" In Venetia: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1645
Chevreau, Urbain <1613-1701>," Le Tauole della fortuna del signor di Cheureo. Diuise in tre libri. ...", In Venetia: Leni , Matteo, 1649
Scotti, Giulio Clemente <1602-1669>," Lucii Cornelii Europ aei Monarchia Solipsorum. Ad virum clarissimum Leonem Allatium", Venetiis: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1645
Ridolfi, Carlo <1594-1658>," Vita di Paolo Caliari veronese celebre pittore, descritta dal caualier Carlo Ridolfi ...", In Venetia: Leni , Matteo, 1646
Errico, Scipione," Delle guerre di Parnaso di Scipione Herrico libri 4. All'illustriss. e reuerendiss. sig. il sig. abbate Annibale Bentiuoglio", In Venetia: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1643
Errico, Scipione," La Deidamia. Poema drammatico di Scipione Herrico. Da rappresentarsi nel teatro nouissimo nell'anno 1644. All'illustrissimo signore il signor Aluise da Mosto ...", In Venetia: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1644
Biagino, Giasone," Gl' incantesmi della bellezza capriccio accademico di Giasone Biagino ..", In Venetia: Leni , Matteo, 1652
Torelli, Giacomo," Apparati scenici per lo teatro nouissimo di Venetia. Nell'anno 1644 d'inuentione e cura di Iacomo Torelli da Fano ..", In Venetia: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni
Tofi, Stefano," Trattato dell'indulgenza plenaria concessa dalla bocca di Giesu Christo alla cappella di Santa Maria degli Angeli d'Assisi. A prieghi del P. S. Francesco, & intercessione della Vergine santissima detta communemente il Perdono d\'agosto. Diviso in due parti. ... Composto dal p.f. Stefano Tofi da Bettona ...", In Vrbino: Mazzantini, Marco Antonio Leni , Matteo, 1644 ; e ristamp
Marinelli, Lucrezia ," Holocausto d'amore della vergine Santa Giustina di Lucretia Marinella ..", Venetia: Leni , Matteo, 1648
Dottori, Carlo<1618-1686>," L' asino. Poema Eroicomico d'Iroldo Crotta. Con gli argomenti del Sig. Alessandro Zacco, e le annotazioni del sig. Sertorio Orsato ...", In Venezia: Leni , Matteo, 1652
Vincenti, Giovanni Maria " 1", Presso Matteo Leni: Leni , Matteo
Longo, Lorenzo <1603-1669>," Soteria Laurentii Longi C.R.C.S. ad illustrissimum dominum Ferdinandum Tassum. Rogerii comitis F. supremum cursorum augustissimi Ferdinandi 3. caesaris praefectum", Venetiis: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1644
Bonacina, Martino<1585-1631>," Martini Bonacinae Mediolanensis ... Operum de morali theologia et omnibus conscientiae nodis. Tomus primus <-tertius>", Venetiis: Leni , Matteo, 1659
Scotti, Giulio Clemente <1602-1669>," Lucii Cornelii Europaei Monarchia solipsorum. Ad virum clarissimus Leonem Allatium", Venetiis: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1645
Longo, Lorenzo <1603-1669>," Laurentii Longi C.R.C.S. Soteria hoc est pro Salute carmina ad Aedem Salutis Venetijs nuper extructam contexta cum notis historicis, ac chronologicis Ingoni Taurelli doct. Parmen. atque iconib. Petri Vecchij P.V. serenissimo duci Francisco Ericio principi Venetiarum. D.D.D", Venetiis: Leni , Matteo & Vecellio, Giovanni, 1644


Minacci, Pietro Francesco [sec. 17]," Il pazzo per gelosia secondo scherzo dramatico in due personaggi. Di Pietro Francesco Minacci fiorentino, accademico Apatista; e dall'autore dedicato all'illustriss. .. Gio. Vincenzo Saluiati", In Roma: Tizzoni, Francesco, 1687
Minacci, Pietro Francesco ," Le cadute auuenturose ouero la S. Teresa opera sagra, e scenica di Pietro Francescesco Minacci fiorentino accademico Apatista", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1683
Minacci, Pietro Francesco ," La finta serua scherzo comico di Pietro Francesco Minacci fiorentino. Accademico Apatista. Dedicata all'illustrissimo ... Francesco Felini ..", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1683
Minacci, Pietro Francesco ," Le cadute auuenturose, ouero La S. Teresa opera sagra, e scenica di Pietro Francesco Minacci fiorentino Accademico Apatista", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>
Minacci, Pietro Francesco ," Il Bernardone comedia di Pietro Francesco Minacci fiorentino. Accademico Apatista. All'illustrissimo ... Maffeo Barberini ..", In Roma: Ercole, Michele Leone, Francesco, 1675
Minacci, Pietro Francesco ," La finta serua scherzo comico di Pietro Francesco Minacci fiorentino. Accademico Apatista. Dedicata all'illustrissimo signore Francesco Felini ..", In Roma: Ercole, Michele Leone, Francesco
Tonduzzi, Giulio Cesare," Historie di Faenza fatica di Giulio Cesare Tonduzzi publicate doppo la di lui morte da Girolamo Minacci nipote, & herede dell'autore ..", In Faenza: Zarafagli, Giuseppe, 1675


Borgo, Pietro Battista [m. 1649]," Petri Baptistae Burgi Genuensis De bello Suecico commentarii, quibus Gustaui Adolphi, Suecorum regis, in Germaniam expeditio usq ad ipsius mortem comprehenditur", Leodii: Edelmann, Heinrich, 1639
Borgo, Pietro Battista ," *Petri Baptistae Burgi ... De bello suecico commentarij : Quibus Gostaui Adulphi Suecorum regis in Germaniam expeditio usque ad ipsius mortem comprehenditur", Leodii", 1633
Borgo, Pietro Battista ," Innocentio decimo, pontifici optimo maximo, de summo eius pontificatu, Petri Baptistae Burgi gratulatio, spes, & vota publica", Romae: Manelfi, Manelfo, 1644
Graswinckel, Theodor<1600-1666>," Thod. J.F. Graswinckeli: I.c. Maris liberi vindiciae: adversus Petrum Baptistam Burgum Ligustici maritimi dominii assertorem", Hagae-Comitum: Vlacq, Adriaen, 1652
Senckenberg, Heinrich Christian von <1704-1768>," Imperii Germanici Ius ac Possessio in Genua Ligustica eiusque ditionibus a primis originibus usque huc repetita ac vindicata fide monimentorum tum impressorum ... coronidis vice iunximus 1) Petri Baptistae Burgi de Dominio reipublicae Genuensis in Mari liguistico ..., 2)Anonymi Dissertationem de rescindendo contractu Finariensi ... 3) Andreae de Andreis ejusdem argumenti libellum", Hanoverae: Forster, Nikolaus Erben & Sohn <1732-1774>, 1751
Borgo, Pietro Battista," De dignitate Genuensis reipublicae disceptatio / Petrus Baptista Burgus F. ", Genuae: Farroni, Giovanni Maria
Borgo, Pietro Battista ," Petri Baptistae Burgi Genuensis Mars Sueco-Germanicus, sive Rerum a Ferdinando Imp. & Gustavo Adolpho sueciae Rege gestarum Libri tres. Quibus belli Sueco-Germanici initia, progressus, & adhuc pendentes exitus ... Et appositis ad marginem notis ...", Coloniae Agrippinae: Binghio, Andrea, Anno 1644
Borgo, Pietro Battista ," Petri Baptistae Burgi Genuensis De bello Suecico commentarii, quibus Gustavi Adolphi, Suecorum regis, in Germaniam expeditio, usque ad ipsius mortem comprehenditur", Leodii i.e. Amsterdam: Elzevier, Lodewijk <3. ; Amsterdam ; 1638-1669>, 1643
Borgo, Pietro Battista," De dominio ser.mae Genuensis reip. in mari ligustico libri. 2", Romae: Marciani, Domenico
Borgo, Pietro Battista ," Petri Baptistae Burgi Genuensis De bello Suecico commentarij quibus Gostaui Adulphi Suecorum regis in Germaniam expeditio usque ad ipsius mortem comprehenditur ..", Leodij: Edelmann, Heinrich, 1633


Pietro Calenzano, tipografo genovese del XVII secolo, sue opere reperite nelle biblioteche italiane:
Spinola, Stefano," De libera, et prudenti agibilium electione in moralibus Opusculum. Autore D. Stephano Spinula congregationis Somaschae", Genuae: Calenzano , Pier Giovanni, 1648
Arcadio, Alessandro," Compilationi medicinali, sopra del contaggio; d'Alessandro Arcadio medico, filosofo ...", In Tortona: Calenzano , Pietro Giovanni & Viola, Eliseo compagni, 1632
Della Torre, Raffaele <1579-1667>," Tractatus de cambiis auctore Raphaele de Turri", Genuae: Calenzano , Pier Giovanni
Aresi, Paolo <1574-1644>," De' caualieri della gran croce. Sermone di monsignor Paolo Aresi vescouo di Tortona fatto in lode di ventitre martiri del Giappone, seguaci del Serafico Padre San Francesco, fra Min. Osservanti. Nella Chiesa di S. Maria delle Gratie in Voghera, con occasione della festa, che si celebro de gl\'istessi Beati, il giorno 17. di Settembre del 1628", in Tortona: Calenzano , Pietro Giovanni & Viola, Eliseo compagni, 1628
Aresi, Paolo <1574-1644>," La perfetta oratrice, sermone di Monsignor Paolo Aresi vescovo di Tortona. Fatto da lui in lode della beata Rita, con occasione della festa che della sua beatificatione si celebro nella Chiesa della Ss.ma Trinita, de' padri agostiniani dell'istessa citta, la domenica terza doppo Pasqua, l\'anno del Signore 1629", in Tortona: Calenzano , Pietro Giovanni & Viola, Eliseo compagni, 1629
Rossotti, Andrea," Axiomata sacrae et verae philosophiae diuinae scripturae sanctorum patrum sententijs, et doctorum dictis illustrata. Per D. Andream Rossottum ..", Genuae: Calenzano , Pier Giovanni, 1660
Capriata, Pietro Giovanni ," [1!: Libri dodici. Ne' quali si contengono tutti i mouimenti d'arme successi in Italia dal 1613 fino al 1634", In Genoua: Calenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, 1638
Imperial, Pedro Juan," Sermon en alabanca de el beato padre Francisco de Borja ... predicole ... Pedro Ioan Imperial ...", En Genoua: Calenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, 1637
Giancardo, Giuliano," Citta sacra della madre di Dio, nella quale si vedono divote gare, e spirituali competenze fra li alassini d'innalzare tempij sacri, e di far risplendere le glorie di Maria Vergine Sacratissima in piu chiese, & oratorij che son nel circuito, e monticello d\'Alassio. Composta dal molto reu. prete Giuliano Giancardo dell\'istesso luogo & hora da suo nepote Giuliano", In Genoua: Farroni, Giovanni MariaCalenzano , Pier Giovanni, [1637]
"Breue compendio della vita del glorioso capitano di Christo, difensore, et ampliatore della sua fede. Santo Ignatio di Loiola", In Tortona: Calenzano , Pier Giovanni, 1634
Cella, Stefano ," Heropastorimagica fauola di Stefano Cella dottor medico. All'Illustrissimo, e Reuerendissimo Monsignor Paolo Aresi Vescouo di Tortona", In Tortona: Calenzano , Giovanni Pietro , [1634]
Vullietus, Ioannes Nicolaus," Oratio in aduentu perillustris, ac reuerendiss. domini, domini don Cosmi Dossenii, Ecclesiae Dertonensis episcopi nuper creati. A Ioanne Nicolao Vulieto Vercellensi in in lucem edita", Dertonae: Calenzano , Pier Giovanni, 1612
Melazzo," Statuta oppidi Meladii", Aquis: Calenzano , Pier Giovanni, 1622
Brignole Sale, Anton Giulio <1605-1665>," La Colonna per l'anime del purgatorio spiegata da Antonio Giulio Brignole Sale. ...", In Genoua: Calenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, 1635
Urbanus," Decretum vt omnes regularium superiores suos subditos, & religiosos persaepe commoneant de iniuncta omnibus obseruantia, & executione Apostolicarum constitutionum, & decretorum ad officium Sanctissimae Inquisitionis aduersus haereticam prauitatem pertinentium nuper editum. A Sanctissimo D.N.D. Urbano diuina prouidentia Papa Octauo ... Cui addita fuit Constitutio SS.D.N. Alexandri Diuina prouidentia Papae 7. ...", Romae deinde Genuae: Calenzano , Pier Giovanni, 1663
Trimarchi, Girolamo ," Fratris Hieronymi Trimarchi ... Disputationes in libros Aristotelis meteororum. Opus non solum philosophiae studiosis, sed etiam professoribus apprime vtile", GenuaeGenuae: Calenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, 1637
Peri, Giovanni Domenico ," Il negotiante di Gio. Domenico Peri Genouese", In Genoua: Calenzano , Pier Giovanni, 1638
Pio, Giovanni Michele ," 2: Seconda parte. Oue compendiosamente si tratta dei generali, arciuescoui, vescoui, maestri di sacro palazzo, scrittori, & altri degni personaggi, dell'ordine de' predicatori. ... Con due copiose tauole, l'vna delle persone, l'altra delle materie, contenute nell'opera", In Pauia In Tortona: Rossi, Giovanni Battista Ardizzoni, GiacomoViola, Nicolo Calenzano , Pier Giovanni, 1613
Genova," Statutorum ciuilium serenissimae reipublicae Genuensis libri sex", Genuae: Calenzano , Pier Giovanni, 1663
Fransone, Agostino," Nobilta di Genoua di Agostino Fransone del fu Tomaso nobile genouese all'ill.mo & ecc.mo signor prencipe Doria", In Genoua: Calenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, 1636
Bistagno," Statuta loci Bistagni", Aquis, In Acqui: Calenzano , Pier Giovanni, 1620
De Marini, Girolamo," Genua, siue Dominii, gubernationis, potentiae, dignitatis, serenissimae Reipublicae Genuensis. Compendiaria descriptio. Auctore Hieronymo de Marinis patritio Genuensi", Genuae: Calenzano , Pier Giovanni, 1666
Alberti, Giovanni Battista," De vita, et rebus gestis S. Maioli abbatis Cluniacensis. Libri tres. Historice, & dogmatice scripti. A Io. Baptista Alberto C.R. Congregationis Somaschensis", Genuae: Calenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, 1638
Bado, Sebastiano ," Anastasis corticis peruuiae, seu chinae chinae defensio, Sebastiani Badi Genuensis ... contra ventilationes Ioannis Iacobi Chifletii, gemitusque Vopisci Fortunati Plempii, ... Opus in tres libros distinctum, & in eis documenta medicinae, & philosophiae", Genuae: Calenzano , Pier Giovanni, 1663
Giancardo, Giuliano," Giardino sacro dedicato alla Santissima Vergine del suffragio in Alassio ... Composto dal M.r. prete Giuliano Giancardo; & hora accresciuto, e dato in luce da suo nepote Giuliano, per deuotione del popolo alassino, e d'ogni fedel christiano", In Genoua: Calenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, 1637
Roseo, Camillo," Camilli Rosei Annonensis epistolarum laconicarum libri nouem", Dertonae: Calenzano , Pier Giovanni, 1617
Francisco : de Santa Maria <1567-1649>," Riforma de' Scalzi di nostra Signora del Carmine dell'osseruanza primitiua fatta da santa Teresa di Giesu ... Scritta dal M.R. padre fr. Francesco di santa Maria ... Tradotta dalla lingua castigliana in quest\'italiana dal padre fra Gasparo di S. Michele ... Tomo primo", In Genoua: Calenzano , Pier Giovanni, 1654
Aresi, Paolo <1574-1644>," Le rose giapponesi, sermone di monsignor Paolo Aresi vescovo di Tortona. Della bellezza di tre martiri del Giappone religiosi della Compagnia di Giesu. Fatto in Castelnuovo nell\'occasione della festa, che ivi si celebro de gl'istessi beati Martiri li 6 di febraro 1628", In Tortona: Calenzano , Pietro Giovanni & Viola, Eliseo compagni, 1628
Aresi, Paolo <1574-1644>," Le palme giapponesi, sermone di monsignor Paolo Aresi vescovo di Tortona. delle vittorie di ventitre martiri del Giappone, seguaci del serafico padre San Francesco fra min. osservanti. Fatto da lui nella Chiesa della pace in Castelnuouo, con occasione della festa, che si celebro de gl\'istessi Beati li. 5 febraro 1628", In Tortona: Calenzano , Pietro Giovanni & Viola, Eliseo compagni, 1628
San Salvatore Monferrato," Statuta oppidi S.Saluatoris ducatus Montisferrati", Aquis: Calenzano , Pier Giovanni, 1621
Brignole Sale, Anton Giulio <1605-1665>," Maria Maddalena peccatrice, e conuertita. Di Antongiulio Brignole Sale. ..", In Genoua: Calenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, e Gio. Maria Farroni
Spinola, Stefano ," Nouissima philosophia summulas, logicam, et libros Physicorum, De coelo, De generatione, et corruptione, De metheoris, De anima, & Metaphysicorum complectens. Auctore D. Stephano Spinula congregationis Somaschae ..", Genuae: Calenzano , Pier Giovanni, 1651
Molo, Guglielmo," La presa, et morte dell'amor proprio. Opera utile ad ogni stato di persone, nella quale si scorge quanto con il suo disordine ei sia dannoso alle menti poco accorte, & suegliate. Del molto R. Sig. Guglielmo Molo, di Sac. Theol...", Nuouamente posto in luce dal reu. Antonio Zuccarelli Sacerdote Tortonese: Calenzano , Pier Giovanni
Della Torre, Raffaele <1579-1667>," Restaurandae antiquae iurisprudentiae conatus Raphaelis De Turri", Genuae: Calenzano , Pier Giovanni, 1666
Terziari francescani secolari," Regola del terz' ordine de penitenti, del serafico padre S. Francisco. Doue si tratta dell'origine, progresso ordinationi, e prerogatiue di quello, raccolte delle croniche franciscane, e dalle regole spagnole e francese. A seruitio de fratelli della Congregatione di Genoua ...", In Genoua: Calenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, 1635
Capriata, Pietro Giovanni ," Dell'historia di Pietro Giouanni Capriata", In Genoua: Farroni, Giovanni Maria & Pesagno, Nicolo & Barbieri, Pier FrancescoDe Vincenti, Giovanni AmbrosioCalenzano , Pier Giovanni & Farroni, Giovanni Maria, 1638-1663


Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Vita di S. Raimondo Palmerio. Uno de' fiori eletti del campo di Piacenza tratto da gli altri fiori, ouero vite de' santi, e beati della detta citta descritte dal sig. Pietromaria Campi canonico della cattedrale di essa", [S.l.", 1618?]
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Relatio ad fel. record. Gregorium pp. 15. per Petrum Mariam Campum canonicum Plcentinum. Super processu, et causa canonizationis, seu beatificationis Gregorii papae 10. patria Placentini. Transmissa ann. 1622. die 10. Martij. Quae deinceps ab eodem pont. Gregorio 15. remissa Sacrae Congregationi Rituum, examinanda; a S.D.N. Vrbano octauo ...", Placentiae et iterum Florentiae: Pignoni, Zanobi, 1624
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Gregorij 10. ex familia Vicecomitum Placentina pont. max. vita a Petro Maria Campio Palcentino canonico italice descripta et a Sylvestro Petrasancta Societatis Iesu, , latine reddita", Romae: Corbelletti eredi, 1655
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Relatio ad sanctissimum D.N. Gregorium PP. 15. per Petrum Mariam Campum canonicum Placentinum. Super processu, et causa canonizationis, seu beatificationis, Gregorii papae 10. transmissa ann. 1622. die 10. martij. Quae deinceps ab eodem S. D. N. remissa fuit sacrae congragationi rituum examinanda", Placentiae: Ardizzoni, GiacomoBazachi, Alessandro <1.>, 1622
Pico, Ranuccio <1568-1644>," Dauide glorioso del dottore Ranuccio Pico segretario dell'altezza ser.ma di Parma", In Roma: Zannetti, Bartolomeo erede, 1631
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Vita di s. Antonino martire, protettore di Piacenza, vno de santi soldati thebei, scelta da diuersi luoghi e con breuita descritta da Pietro Maria Campi, piacentino, canonico nella chiesa collegiata d\'esso Santo, nella quale anche si toccano i fatti piu principali d\'alcuni altri santi c'hanno i corpi e le reliquie loro in detta chiesa", In Piacenza: Bazachi, Giovanni <1.>, 1603 Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Insignium gestorum s. Antonini martyris Placentiae tutelaris aliorumq. sanctorum, quorum sacra pignora in eiusdem diui martyrys celeberrimo templo asseruantur, et precipuorum ipsius templi ornamentorum, ac priuilegiorum. Series breuiter descripta, et ex veteribus monumentis deprompta a Petro Maria Campo Placentino eiusdem insignis templi canonico", Placentiae: Bazachi, Giovanni <1.>, 1603
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Vita di S. Franca vergine, e badessa dell'Ordine Cistercense, vno de' fiori eletti del campo di Piacenza, tratto da gli altri fiori ... Descritte dal signor Pietro Maria Campi ...", In Piacenza: Bazachi, Alessandro <1.>
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," 1: Dell'historia ecclesiastica di Piacenza di Pietro Maria Campi ... E nel fine l'historia antichissima, ne mai piu vscita in luce della fondazione della Citta stessa di Tito Omusio Piacentino, con un registro de' priuilegi, bolle & altre scritture latine citate in quet'opera, ... Parte prima. All'altezza serenissima di Ranuccio Farnese ...", In Piacenza: Bazachi, Giovanni <1.>, 1651
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," 2: Dell'historia ecclesiastica di Piacenza di Pietro Maria Campi ... E nel fine vn'apologia del medesimo autore per l'innocente, e santa vita del B. Gregorio papa 10. piacentino, e la vita latina antichissima dello stesso pontefice non piu vscita in luce, con un registro de\' priuilegi, bolle, & altre scritture latine citate in quest\'opera, ... Parte seconda", In Piacenza : per Giouanni Bazachi stampatore camerale, 1651
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," 3: Dell'historia ecclesiastica di Piacenza di Pietro Maria Campi canonico di quella cattedrale; parte terza; nella quale ... si toccano incidentemente, e secondo la serie de gli anni (come anche ne gli altri due volumi gia stampati) le medesime particolarita d\'altre chiese, ... E nel fine l\'historia vera circa l\'origine, e nascita di Cristoforo Colombo piacentino scopritore del Nuouo Mondo; con vn registro de\' priuilegi, bolle & altre scritture latine citate in quest'opera ... All\'altezza serenissima di Violante Margherita di Sauoia ...", Piacenza: Bazachi, Giovanni <1.>, 1662.
Campi, Pietro Maria<1569-1649>," Dell'historia ecclesiastica in Piacenza ... nella quale si spiegano le attioni de' santi ... et insieme le varie donationi et gratie riportate da' sommi pontefici ... e si fa anche mentione di molte famiglie, huomini illust ri ... con l'origine de' nomi de' villaggi ...", In Piacenza: Bazachi, Giovanni <1.>, 1651-1662
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Dell'historia ecclesiastica di Piacenza / [Pier Maria Campi] ; coordinatore editoriale Sandro Molinari", Piacenza", stampa 1995
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Dell'historia ecclesiastica di Piacenza, di Pietro Maria Campi, canonico piacentino; nella quale si spiegano le attioni de' santi, de' beati, e de' vescoui della citta di Piacenza, e l'antichissima immunita e giurisditione di quella Chiesa, con le fondationi di molti luoghi sacri, et insieme le varie donationi e gratie riportate da' sommi pontefici, imperadori, re e principi; e si fa anche mentione di molte famiglie, huomini illustri e maggiori successi d'Italia; con l'origine de& altre scritture latine citate in quest'opera ... Parte prima [-terza]" In Piacenza: Bazachi, Giovanni <2.>, 1651-1662
Campi, Pietro Maria <1569-1649>," Vita di s. Corrado eremita, vno de' fiori eletti del campo di Piacenza. Tratto da gli altri Fiori ouero Vite de' santi e beati di detta citta descritte dal sig. Pietromaria Campi ...", In Piacenza: Bazachi, Alessandro <1.>Bazachi, Giovanni <1.> eredi


Trichet Du Fresne, Raphael<1611-1661>," Briefue histoire de l'institution des ordres religieux. Auec les figures de leurs habits, grauees sur le cuire par Odoart Fialetti, bolognois / Du Fresne]", A Paris: Menier, Adrien, 1658
Leonardo : da Vinci," Trattato della pittura di Lionardo da Vinci nuovamente dato in luce con la vita dell'istesso autore scritta da Rafaelle du Fresne. Si sono aggiunti i tre libri della pittura, ed il trattato della statua di Leon Battista Alberti con la vita del medesimo", In Bologna: Istituto delle scienze, 1786
Seguin, Pierre," Selecta numismata antiqua, ex museo Petri Seguini ... Editio altera emendatior ... cui accesserunt. 1. Ralph. Tricheti du Fresne ... De nummo Catanensi. 2. P. Seguini ... De nummo Britannico ...", Lutetiae Parisiorom: Jombert, Jean, 1684
Trichet Du Fresne, Raphael <1611-1661>," Catalogus librorum bibliothecae Raphaelis Tricheti du Fresne", Parisiis: Trichet Du Fresne, Raphael veuve & fils, 1662
Leonardo : da Vinci," Trattato della pittura di Lionardo da Vinci nuovamente dato in luce, colla vita dell'istesso autore, scritta da Rafaelle Du Fresne. Si sono giunti i tre libri della Pittura, ed il trattato della Statua di Leon Battista Alberti, colla Vi ta del medesimo", In Napoli: nella stamperia di Francesco Ricciardo: Ricciardo, Francesco, 1733
Leonardo : da Vinci," Trattato della pittura di Lionardo da Vinci, nouamente dato in luce, con la vita dell'istesso autore, scritta da Rafaelle Du Fresne. Si sono giunti i tre libri della pittura, & il trattato della statua di Leon Battista Alberti, con la vita del medesimo", In Parigi: Langlois, Jacques <1.>, 1651
Alberti, Leon Battista," Della architettura della pittura e della statua di Leonbatista Alberti Traduzione di Cosimo Bartoli gentiluomo ed accademico fiorentino", In Bologna: Dalla Volpe, Petronio, Istituto delle scienze, 1782
Leonardo : da Vinci," Trattato della pittura nuovamente dato in luce con la vita dell'istesso autore scritta da Rafaelle du Fresne. Si sono aggiunti i tre libri della Pittura e il Trattato della Pittura e il Trattato della statua di Leon Battista Alberti ...", Bologna: Istituto delle scienze, 1786
Trichet du Fresne, Raphaël nato nel 1611 a Bordeaux, Francia e morto nel 1661 a Parigi, Francia. Primo editore del trattato del Leonardo sulla pittura in 1651. Trichet du Fresne era il figlio dell'avvocato Pierre (1586/7-ca. 1649). Ha studiato al Collège de Guyenne, Parigi. Approfondita la sua preparazione a Roma verso il 1630 tornato a Parigi nel 1640 si pose al servizio del Cardinale Richelieu e divenne lettore dei testi per autorizzazione ufficiale. Entrò in contatto con Nicolas Poussin: tornò a Roma nel 1644 ed in funzione delle pressioni di Poussin e dell'ambasciatore francese a Venezia, Des Hameaux del M.. Trichet editò il trattato di Leonardo sulla pittura, che già era circolato nella forma del manoscritto, in 1651. Il suo "Trattato" racchiude una biografia iniziale di Leonardo e di Alberti ed ha contenuto una lista dei libri all'estremità, formante la prima bibliografia critica della letteratura di arte. Nell'anno seguente, Trichet come bibliotecario e curatore di arte si mise al servizio della regina Christina della Svezia a Stoccolma. Quando la regina nel 1654 abdicò ed emigrò in Italia, Trichet la seguì a Roma. Si recò quindi a Parigi presso il bibliotecario Nicolas Fouquet: infine collaborò con Jean-Baptiste Colbert. Trichet realizzò una biblioteca personale di più di 1400 volumi, che fu acquistata da Fouquet per San-Mandé e successivamente da Colbert per il Bibliothèque Royale (Bibliothèque Nationale).


Chiaramonti, Scipione<1565-1652>," Opus Scipionis Claramontis Caesenatis de vniuerso", Coloniae Agrippinae", 1644
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Delle scene, e teatri opera postuma del fu signor caualiere Scipione Chiaramonti da Cesena", In Cesena: Verdoni, 1675
Chiaramonti, Scipione<1565-1652>," Antitycho Scipionis Claramontii Caesenatis in quo contra Tychonem Brahe, & nonnullos alios rationibus eorum ex opticis, & geometricis principijs solutis demonstratur cometas esse sublunares non coelestes. Operis distributio post praefationem ponitur. ...", Venetiis: Deuchino, Evangelista <1593-1631>, 1621
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Scipionis Claramontii caesenatis De sede sublunari cometarum Opuscula tria, in supplementum Anti-Tychonis cedentia ...", Amstelodami: Jansson, Jan <1. ; 1608-1665>, 1636
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Deffensio Scipionis Claramontij Caesenatis ab oppugnationibus Fortunij Liceti ..", Caesenae: Neri, Carlo, 1644
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Scipionis Claramontij Caesenatis In Aristotelem de iride, de corona, de parelijs, et virgis commentaria", Venetijs: Banca, Scipione, 1668
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Caesenae historia authore Scipione Claramontio ab initio ciuitatis ad haec tempora in qua totius interdum Italiae uniuerse fere semper prouincie communis status describitur ..", Caesenae: Neri, Carlo, 1641
"Poesie per le faustissime nozze di sua eccellenza donna Teresa Barberini con sua eccellenza don Scipione Chiaramonti", Spoleto: Saccoccia, Simone, 1807
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Notae. Scipionis Claramontii Caaesenatis. In moralem suam semeiotiken, seu De signis. Quibus multa loca excusi operis ad fidem exemplaris restituuntur", CesenaeCesenae", 1625
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Scipionis Claramontii Caesenatis De coniectandis cuiusque moribus et latitantibus animi affectibus libri decem. Opus novi argumenti & incomparabile, cura H. Conringii recensitum", Helmestadii", 1665
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Philosophia naturalis methodo resolutiua tradita de principijs, & communibus affectionibus rerum naturalium. libri vndecim. Scipionis Claramontii caesenatis. ...", Venetiis: Banca, Scipione, 1668
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Scipionis Claramontis Caesenatis De vniuerso ad eminentissimum et reuerendissimum principem Carolum S.R.E. cardinalem Rossettum ..", Coloniae Agrippinae: Kalckhoven, Jost, 1644
Chiaramonti, Scipione Maria," In causa Imolen. legati responsum iuris pro veritate. Domini Scipionis Mariae de Claramontibus Caesenaten. advocati", Caesenae: Montaletti, Domenico Maria, 1703
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Discorso della cometa pogonare dell'anno 1618. Di Scipione Chiaramonti ... Aggiuntaui la risposta della cometa prossima antecedente dell'istesso", In Venetia: Farri, Pietro, 1619
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Difesa di Scipione Chiaramonti da Cesena al suo antiticone, e Libro delle tre nuoue stelle dall'oppositioni dell'autore de' due massimi sistemi tolemaico, e copernicano. Nella quale si sostiene, che la nuoua stella del 72. non fu celeste: si difende Arist. ne' suoi principali dogmi del cielo, si rifiutano i principij della nuoua filosofia, e l'addotto in difesa, e proua del sistema copernicano ...", In Firenze: Landini, Giovanni Battista, 1633
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Philosophia naturalis methodo resolutiua tradita de principijs, & communibus affectionibus rerum naturalium libri undecim. Scipionis Claramontii Caesenatis. ..", Caesenae: Neri, 1652
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," De tribus nouis stellis quae annis 1572. 1600. 1604. comparuere libri tres Scipionis Claramontij ... in quibus demonstratur rationibus, ex parallaxi praesertim ductis stellas eas fuisse sublunares, & non caelestes aduersus Tychonem, Gemmam, Mestlinum, Digesseum, Hagecium, Santucium, Keplerum, aliosq. plures quorum rationes in contrarium adducte soluuntur. ..", Caesenae: Neri, Giuseppe, 1628
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Defensio Scipionis Claramontii Caesenatis ab oppugnationibus Fortunii Liceti...", Caesenae: Neri, 1644
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Castigatio examinis Scipionis Claramontij in secundam decadem Io. Camilli Gloriosi auctore eodem Io. Camillo Glorioso. Ad Illustrissimum virum Ferdinandum Branciam", Neapoli: Scoriggio, Lazzaro, 1637
Chiaramonti, Scipione<1565-1652>," Apologia Scipionis Claramontii Caesenatis. Pro Antitychone suo aduersus Hyperaspistem Ioannis Kepleri confirmatur in hoc opere, rationibus ex parallaxi praesertim ductis, contrarijsque omnibus reiectis, cometas sublunares esse non coelestes ...", Venetiis: Deuchino, Evangelista <1593-1631>, 1626
Chiaramonti, Scipione <1565-1652>," Scipionis Claramontii, cesenatis ... Caesenae urbis historiarum ab initio civitatis ad annum MDCXL. Libri sexdecim, una cum duplici illarum apparatu in quibus totius interdum Italiae ...", lugduni Batavorum: Aa, Pieter van der <1. ; 1682-1730>, [1640]


Sigismondo : di S.Silverio<1647-1719>," Tirocinio spirituale overo brevi direzioni, ed ammaestramenti, per chi desidera incamminarsi alla perfezione. Proposti dal padre Sigismondo di S. Silverio fiorentino...", Venezia: Taglini, Niccolo, 1698
Sigismondo : di S.Silverio <1647-1719>," Vita di s. Andrea Corsini fiorentino, carmelitano, vescovo di Fiesole raccolta da' processi fatti per la sua canonizzazione, e da molti approvati autori, dal p. Sigismondo di s. Silverio, assistente de' cherici regolari poveri della Madre di Dio delle scuole pie, esaminator sinodale dell\'arcivescovado di Fiorenza, e vescovado di Fiesole, e consult. del S. Ufizio", In Firenze", 1683
Sigismondo : di S.Silverio<1647-1719>," Bibliotheca Medicea, a Sigismundo Regulo a S. Syluerio Florentino, ex clericis regularibus ... rescripta & celebrata: ad Cosmum Tertium magnum Etruriae ducem sextum", Lugduni", 1673
Sigismondo : di S.Silverio <1647-1719>," Tirocinio spirituale ouero breui direzioni, & ammaestramenti per chidesidera incamminarsi alla perfezione. Proposti dal p. Sigismondo regolo di S. Silverio fiorentino ...", In Firenze: Insegna della Stella
Sigismondo : di S.Silverio<1647-1719>," Orazioni panegiriche del padre Sigismondo di s. Silverio fiorentino ...", In Firenze", 1679
Sigismondo : di S.Silverio <1647-1719>," Sigismundi a Sancto Silverio ... Graecae, et latinae linguae orthographicae obsseruationes, Adjectis etiam Italicae, Hispanicae, Gallicae, aliarumque Linguarum interdum Obseruationibus", Romae: Ercole, Domenico Antonio, 1709
Sigismondo : di S.Silverio <1647-1719>," Sigismundi a S. Siluerio ... Obseruationes De latini Sermonis Puritate, Elegantia, 6 Ornatu", Romae: Ercole, Domenico Antonio, 1706
Sigismondo : di S.Silverio <1647-1719>," Praelusiones poeticae Sigismundi a S. Sylverio Florentini Cl. Reg. Paup. Matris Dei scholarum piarum ..", Florentiae: Vangelisti, Vincenzo, 1683
Sigismondo : di S.Silverio <1647-1719>," Orazioni panegiriche del padre Sigismondo di S. Silverio fiorentino. ... qualificatore del S. Uffitio di Firenze ..", Venetia: Bosio, Antonio, 1682
Carlo : di Sant'Antonio da Padova <1621-1695>," Caroli a S. Antonio Patavino Anconitani ex cler. Reg. Paup. Matris Dei Scholarum Piarum De arte epigrammatica sive de ratione epigrammatis rite conficiendi libellus post Coloniensem editionem auctus, & in meliorem formam redactus", Florentiae: Cocchini, Giuseppe, 1673
Sigismondo : di S.Silverio <1647-1719>," Festivo applauso per la solenne incoronazione della sereniss. principessa Violante Beatrice di Baviera sposa del serenissimo Ferdinando principe di Toscana cantato da Sigismondo di S. Silverio ...", In Firenze
Sigismondo : di S.Silverio<1647-1719>," Festiuo applauso per la solenne incoronazione della sereniss. Principessa Violante Beatrice di Bauiera sposa del serenissimo Ferdinando di toscana Cantata da Sigismondo di S. Siluerio ....", In Firenze: Matini, Piero


Bovio della Torre, Vincenzo," Vincentius Bovius De Turri a Ripalta Montisferrati ut J.U. pro-doctor renuntiaretur publice disputabat in Regio Taurinensi Archigymnasio anno aerae vulgaris 1765., die 10. Julii, hora 5. pomeridiana", Taurini: Mairesse
Della Torre, Giovanni Bartolomeo," Joannes Bartholomaeus a Turri a Ripalta Montisferrati ut j.u. pro-doctor renunciaretur publice disputabat in Regio Taurinensi Archigymnasio anno salutis 1771. die 20. Junii hora sexta pomeridiana", Augustae Taurinorum: Fontana, Domenico Amedeo
Bovio della Torre, Vincenzo," Vincentius Bovius de Turri a Ripalta Montisferrati ad j.u. lauream assequendam publice disputabat anno a partu Virginis 1766., die prima Julii, hora 6. pomeridiana", Augustae Taurinorum: Mairesse
Della Torre, Giovanni Bartolomeo," Joannes Bartholomaeus a Turri a Ripalta Montisferrati ut j.u. doctor renunciaretur in Regio Scientiarum Athenaeo anno Domini 1772. die 7. Maii, hora 5. pomeridiana", Taurini: Soffietti, Ignazio
Bovio della Torre, Luigi," Prolyta Aloysius Bovio de Turri a Ripalta Aquensis regii provinciarum collegii convict. regius ad lauream physico-medicam anno 1791. die 7. maii hora 2. pomerid", Taurini: Mairesse, Francesco Antonio


Pepe, Stefano [fl.1613-1664]," De' sermoni del padre D. Stefano Pepe chierico regolare. Sopra le figure del Purgatorio dell'antico, e nuouo Testamento: Detti da lui nella Capella di N.S. Papa Vrbano 8. in S.Andrea della Valle di Roma. Parte prima <-seconda>", In Venetia: Turrini, 1644
Pepe, Stefano," Le battaglie degli agonizzanti del padre D. Stefano Pepe chierico regolare. Mostrate a que' secoli dal gran Simeone Stilita", In Genova: Calenzani, Pietro Giovanni, 1651
Pepe, Stefano ," Le figure del purgatorio sermoni. Del R. P. D. Stefano Pepe chierico regolare detti da lui nella cappella ... Parte prima (- )", In Modona: Cassiani, Giuliano
Pepe, Stefano ," De' sermoni del padre d. Stefano Pepe Chierico Regolare, sopra le figure del Purgatorio dell'Antico, e nuouo Testamento. Detti da lui nella capella di n.s. papa Vrbano 8. in S. Andrea della Valle di Roma parte prima [-terza]", In Venetia: Turrini, 1662-1665
Pepe, Stefano ," Le marauiglie operate da Dio, per intercessione del b. Gaetano Tiene fondatore de Cherici Regol. scritte dal padre d. Stefano Pepe della medesima Religione ..", In Roma: Lazzari, Ignazio, 1657
Pepe, Stefano ," Quaresimale del padre d. Stefano Pepe cherico regolare. Dedicato all'illustrissimo signore Cristoforo Cenci", In Roma: Coligni, Tommaso, 1658
Pepe, Stefano," Vita del b. Gaetano Tiene fondatore della religione de' Cherici Regolari, scritta dal p.d. Stefano Pepe della medesima religione, all'eminentiss. ... card. Cesare Fachenetti vescouo di Spoleti", In Roma: Lazzari, Ignazio, 1657
Pepe, Stefano ," Vita della B. Chiara degli Agolanti, ariminese, fondatrice delle suore de gli Angeli. Scritta dal P.D. Stefano Pepe chierico regolare", In Monaco", 1661
Pepe, Stefano ," Le battaglie de gli agonizzanti del padre d. Stefano Pepe chierico regolare. Mostrate a que' secoli dal gran Simeone Stilita. Con nuoue aggionte nel fine", In Venetia: Tomasini, Cristoforo, 1652
Pepe, Stefano ," De' sermoni del padre d. Stefano Pepe Chierico Regolare, sopra le figure dell'antico, e nuouo testamento: detti da lui nella Cappella di N.S. Papa Urbano 8. in S. Andrea della Valle di Roma. ...", In Bologna: Ferroni, Giovanni Battista, 1662
Pepe, Stefano," Oratione detta dal padre D. Stefano Pepe de' Cherici Regolari nella morte d'Annibale d'Afflitto arciuescouo di Reggio auuenuta il Giouedi Santo dell'anno 1638", In Napoli: Beltrano, Ottavio, 1638
Pepe, Stefano ," Le Battaglie de gli Agonizzanti del padre d. Stefano Pepe chierico regolare, mostrate a que' secoli dal gran Simeone Stilita", In Genoua: Calenzani, Pietro Giovanni, 1651
Pepe, Stefano ," Sacri privilegi della citta di Messina, oratione sopra la lettera che scrisse Maria Vergine ai Messinesi. Detta dal padre d. Stefano Pepe de Chierici Regolari. Nel duomo di Messina", In Messina: Brea, Pietro eredi, 1648
Pepe, Stefano ," Le leggi nuzziali date da genitori a Sara di Tobia scritte dal padre Don Stefano Pepe Chierico Regolare", In Venetia: Tomasini, Cristoforo, 1655
Pepe, Stefano ," De' sermoni del padre don Stefano Pepe chierico regolare. Sopra le figure del Purgatorio. Detti da lui nella cappella di n.s. papa Vrbano 8. in S. Andrea della Valle d", In MilanoIn Milano: Gariboldi, Dionisio, 1644
Pepe, Stefano ," De' sermoni del padre d. Stefano Pepe chierico regolare sopra le figure del Purgatorio dell'antico, e nuouo testamento: detti da lui nella cappella di n.s. papa Vrbano 8. in S. Andrea della Valle di Roma. Parte prima ... Con la tauola de\' sermoni, e delle cose piu notabili", In Milano", 1651
Pepe, Stefano ," De' sermoni del padre d. Stefano Pepe chierico regolare. Sopra le figure del Purgatorio dell'Antico, e nuouo Testamento. Detti da lui nella capella di n.s. papa Vrbano 8. in S. Andrea della Valle di Roma parte prima -seconda]", Turrini
Pepe, Stefano ," Le battaglie degli agonizzanti del padre D. Stefano Pepe chierico regolare. Mostrate a que' secoli dal gran Simeone Stilita. Dedicate all'illustrissimo ... conte Filippo d'Aglie", In Genova: Calenzani, Pietro Giovanni, 1651
Pepe, Stefano ," De'sermoni del padre don Stefano Pepe chierico regolare sopra le figure del Purgatorio. Detti da lui nella cappella di nostro signore Papa Urbano 8. in s. Andrea della Valle di Roma. Parte prima (-seconda)", In Napoli", 1643
Pepe, Stefano ,"2," Nucci, Matteo
Pepe, Stefano," Quaresimale del padre D. Stefano Pepe chierico regolare con tre copiosissime tauole; la prima de gl'argomenti delle prediche; la seconda delle cose notabili, e la terza della Sacra Scrittura", In Venetia: Storti, Francesco, 1658


Cantiano, Stefano Antonio," Il giudice spassionato oratione detta nel duomo di Milano nell'aprirsi i tribunali adi 5. nouembre 1665. Da Stefano Antonio Cantiano sacerd. oblato ...", In Milano: Monza, Lodovico


Pallavicino, Tobia [fl.1654]," Degli amori fatali di Clidamante, et Erinta. Libri sei, parte prima. Descritti da Tobia Pallauicino, e da lui dedicati al signor Gio. Ambrosio de Marini", In Genoua: Guasco, Benedetto, 1653
Pallavicino, Tobia ," Degli amori di Clidamante, et Erinta libri sei, descritti da Tobia Pallauicino. ...", In Venetia: Storti, Francesco <1. ; ca. 1649-1661>, 1654


Costantini, Toldo [n. 1530 ca.]," Il giudicio estremo poema sacro del molto ill.re e r.mo sig'. Toldo Costantini prot.rio apostolico, etc. composto ad imitatione di Dante Alighieri con l'aggiunta di quei canti, che mancauano al compimento di quello: con gli argomenti a ciaschedun canto: con l\'annotazioni al primo, e secondo; e 3o e con una piena dichiarazione delle uoci piu oscure ...", In Padoa: Frambotto, Paolo, 1648
Costantini, Toldo ," Il giudicio estremo poema di Toldo Costantini ... ad imitatione di Dante ...", In Padoa: Frambotto, Paolo, 1642
Costantini, Toldo ," Giudicio estremo poema sacro del molto Il.re e R.mo Sig'. Toldo Costantini Prot.rio apostolico, et c. composto ad imitazione di Dante Alighieri ricorretto abbellito & accresciuto dall'istesso autore ..", Terza impressione.",In Padoa, In Padova: Sardi, Sebastiano, 1651
Costantini, Toldo >," La metamorfosi della Brenta, & del Bacchiglione di Toldo Costantini. Dedicata all'illustriss. ... Giuseppe D'Acquauiua ... Aggiuntaui anche per lo stesso effetto una Oratione funebre del medesimo autore, recitata nell\'essequie della M. ill. ... Isabella Minucci Polcinica, ..", In Ferrara: Baldini, Vittorio, 1603


Oderico, Tommaso [m. 1657]," Discorsi meteorologici et astrologici sopra la cometa apparsa nel fine dell'anno milleseicento cinquantadue ... di Tomaso Oderico gentilhuomo genouese. ..", In GenouaIn Genoua: Guasco, Benedetto, 1654


Spinola Marmi, Tommaso [fl. 1646], "Anatomia dell'inuidia; trattenimento estiuo di Tomaso Spinola Marmi. .." In Venetia : appresso Gio. Giacomo Hertz, 1646 - [24], 168 p. - ill. calcogr., 1 ritr. : 12o. - Marca (veliero) sul front. - Ritr. dell'A., di G. Pecini, alla c. 8. - Segn.: 12A-G12 - Impronta - heta a.ua a.t- dapr (3) 1646 (R) - Altre localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma


Contarini, Vettor," Primitie academiche di Vettor Contarini nobile veneto", In Venetia : appresso li Guerigli, 1644 - 176 p. ; 4. - Impronta - i)m- 10o- uiua deef (3) 1644 (R) - Altra localizzazione: Biblioteca nazionale centrale - Firenze


Berdini, Vincenzo [m. 1643]," Historia dell'antica, e moderna Palestina, descritta in tre parti. Dal R.P.F. Vincenzo Berdini min. oss. mentre era commissario generale di Terra Santa. Nella quale si ha particolare descrittione de' luoghi piu singolari del sito, qualita di essi, ... & altri successi notabili. Opera vtile, e necessaria non solo a professori di antichita, ... ma anco alli predica", In Venetia: Surian, Giovanni Battista, 1642
Berdini, Vincenzo >," 2: La Palestina antica, e' moderna descritta dal P.F. Vincenzo Berdini da Sartiano ... parte seconda. In cui si tratta de' misterii oprati da Christo nostro Signore, incominciando dall'incarnatione sino all'vniuersale giudicio. ..", In Venetia", 1642 Berdini, Vincenzo ," 3: La Palestina antica, e moderna esser giuridicamente posseduta da' padri minori osseruanti. Dimostra con theologiche, morali, e religiose congruenze. Il P.F. Vincenzo Berdini ... In questa terza parte. ..", In Venetia", 1642
Berdini, Vincenzo ," Centuria terza, de' casi seguiti intorno a' precetti politici, e militari appartenenti al prencipe guerriero, capitani generali, e soldatesca; cauati dalla Scrittura Sacra. Per il m. r. p. f. Vincentio Berdini da Sarteano ...", In Siena", 1634
Berdini, Vincenzo ," Centuria prima libro secondo delle questioni politiche, e morali. Con gl'oracoli della Scrittura Sacra. Del M.R.P.F. Vincentio Berdini da Sarteano ...", In SienaIn Siena", 1638
Berdini, Vincenzo," Centuria prima libro primo delle quest. politiche. E morali. Con gl'oracoli della Scrittura sacra. Del M.R.P.F. Vincenzio Berdini da Sartiano ...", In Firenze", 1637
Berdini, Vincenzo," Centuria prima libro terzo delle questioni politiche, e morali, con gl'oracoli della Scrittura Sacra, del M.R.P.F. Vincentio Berdini da Sarteano ...", In Siena", 1639
Berdini, Vincenzo," Centuria prima libro quarto. E fine delle cento questioni politiche, e morali, e molto piu curiose dell'altre, del primo del secondo, e terzo libro. Per il P.Fr. Vincentio Berdini da Sarteano ...", In Siena", 1640
Berdini, Vincenzo ," Centuria prima libro primo - secondo delle Quest. politiche e morali. Con gl'Oracoli della Scrittura Sacra. Del m.r.p. f. Vincenzio Berdini ...", In Firenze, In Siena", 1737
Berdini, Vincenzo ," Antitodo spirituale, contro la peste, e flagelli mandati da Dio, diuiso in tre parte. 1 Nell'esercitij spirituali, per ciaschedun giorno della settimana, 2 Nella meditazione del santiss. nome di Giesu 3 Nella meditazione del gloriosiss. rosario. ... e composti dall'autore, a benefitio vniuersale. / Vincentio Berdini da Sarteano", In Siena", 1630


Lupi, Vincenzo," Votum M.R.D. Vincentii Lupi I.C. redditum illustriss., et excellentiss. Coleggio Camerali Sereniss. Reipublicae Genuae in causa Ianuen. immunitatis, sive manutentionis privileggiorum inter M. B", Genuae : ex typographia Antonij Scionici, in Vico Fili, 1722 - 14 p. ; fol. - Impronta - uii- *-e, u-in r.us (3) 1722 (R) - Altre localizzazioni: Biblioteca dell'Istituto di storia del diritto medievale e moderno della Facoltà di giurisprudenza dell'Università degli studi di Milano


Lazarini Spiritus "[annota il Perini nella sua silloge]" natione Italus, Patria Perusinus, Alumnus Provinciae Spoletanae, Filius Coenobii Perusini, vixit Saeculo 17. S. Theologiae Magister, vir bonitate, praestantiaque ingenii nulli secundus, et devotionis erga B. Virginem Mariam vivum exemplar, praelo typographico evulgavit:
"Sacrum bilancium cenceptionis B. V. Mariae intactae Virginitatis foecundae, maternitatis immaculatae, nec non roboris pacifici et bellici. Belluni 1640." [P. 502] "Vitam F. Gratiae de Catharo conversi in lingua Italica sub hoc titulo: Le glorie del gratia da Catharo converso Agostiniano. Venetiis per Baba 1643, in 8." Augustinus Oldoinus in Atheneo Ligustico, pag. 309. Perusiae 1678. Christianus Jöcher in universali Lexico Eruditorum, tomo III, col. 2324. Lipsiae 1750. Dominicus Antonius Gandolfus in dissertatione historica de 200 Scriptoribus Augustinianis pag. 377. Romae 1704.


Il 1088 può essere accolto come data convenzionale per indicare il periodo in cui inizia a Bologna un insegnamento libero e indipendente dalle scuole ecclesiastiche.
Intorno alla fine del secolo XI infatti a Bologna
maestri di grammatica, di retorica e di logica iniziano a studiare il diritto.
La prima figura di cui parla la tradizione è quella di Pepone, che raccolse e commentò i testi legislativi romani già codificati da Giustiniano. Ma se su Pepone la storiografia sa poco, più sicure sono le notizie su "Irnerius" o "Wernerius": la sua attività di ordinatore del materiale giuridico romano supera i confini di Bologna e si estende a una vasta zona dell'Italia centro-settentrionale.
Il metodo di Irnerio rappresenta una svolta nella storia degli studi di diritto, anche se ormai non siamo più sicuri che egli sia stato il vero autore di tutte le opere che nel passato gli sono state attribuite, come le "Questiones de Iuris Subtilitatibus" e la "Summa codicis".
Due secoli dopo di lui Odofredo affermò che Irnerio fu il primo che, "studiando per sé" trasmise al tempo stesso le sue ricerche attraverso l' insegnamento.
lrnerio fu maestro della glossa, o commento.
Forse non fu il primo a scrivere glosse, ma certamente coloro che liberamente seguivano le sue lezioni, annotavano sui margini dei testi antichi le interpretazioni che udivano dalla voce del maestro.
La biografia di Irnerio è molto scarna, ma i posteri lo chiamarono "lucerna iuris" e con lui assistiamo a una identificazione del diritto come disciplina autonoma, studiata con metodi rigorosi.
La libera attività di insegnamento cui si dedicava Irnerio fu riconosciuta, si dice, da Matilde di Canossa, che governava in nome di Enrico V.
Ciò che pare certo è che Irnerio svolse attività giudiziaria per Matilde, come attestano molti "placita" , cioè documenti circa un giudizio reso dal monarca o da un suo rappresentante. In questi testi appare sovente il nome di Irnerio la cui esistenza storica potrebbe dunque essere comprovata da documenti.


Folli, Francesco nato a Poppi <1623-1685>," Stadera medica nella quale oltre la medicina infusoria, ed altre nouita si bilanciano le ragioni fauoreuoli, e le contrarie alla trasfusion del sangue gia inuentata da Francesco Folli, et ora dal medesimo descritta ..", In Firenze ; alla Condotta : ad istanza di Gio. Filippo Cocchi, 1680 - [16], 217, [7] p. ; 80. Note Generali: Iniziali, testate, finalini e fregi xil. Segn.: 8A-O8 - Impronta - ;em- e;a; e.r- ilMa (3) 1680 (R) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale - Firenze - Biblioteca comunale Labronica Francesco Domenico Guerrazzi - Livorno - Biblioteca del Polo di medicina legale, anatomia patologica e storia della medicina dell'Universita' degli studi di Padova - Biblioteca di lettere e filosofia dell'Universita' degli studi di Firenze
Folli, Francesco <1623-1685>,"Recreatio physica, in qua de sanguinis, & omnium viuentium vniuersali analogica circulatione differitur. Auctore Francisco Follio .. ", Florentiae : ex typogr. S. M. D. in platea S. Apollinaris, 1665 - 12], 168 p. ; 80. - Iniziali e fregi xil. - Segn.: [ast]8(-[ast]1.8) A-K8 L4 - Impronta - usui e.a- n,q; exce (3) 1665 (R) - Localizzazioni: Biblioteca di lettere e filosofia dell'Universita' degli studi di Firenze - Biblioteca nazionale centrale - Firenze
"Folli, Francesco" <1623-1685> Dialogo intorno alla cultura della vite di Francesco Folli da Poppi ..", In Firenze : all'insegna della Stella, 1670 - [12], 79, [3] p. ; 8o. - Cors. ; rom. ; gr. . Iniziali xil. . Segn.: 2 A-E8 F6 - Impronta - lise tor- nole saEv (3) 1670 (A) - Localizzazioni:Biblioteca internazionale La Vigna - Vicenza - Bibilioteca Aprosiana di Ventimiglia (IM)


Chioma, Felice, "Applausi di trionfo alle glorie quirine, celebrati dalle muse nel lieto coro di Parnaso nella partenza dell'illustrissimo, & eccellentissimo sig. Giovanni Quirini podesta, e capitanio, dal suo felicissimo reggimento di Truigi, diretti all'illustrissimo signor Donato Rubini suocero di quell'eccellenza dalla diuotione di f. Felice Chioma da Treuigi agostiniano", In Treuigi : appresso Francesco Righettini, 1657 - [14] c. ; fol. - Marca (corona) in front Segn.: A6 B8. - Impronta - erro i-o- i.E. InPR (C) 1657 (R) Localizzazioni: Biblioteca comunale - Treviso - Biblioteca Aprosiana di Ventimiglia (IM)
"Applausi d'allegrezza celebrati dal monastero di santa Margarita di Treuigi, nell'ingresso alla visita generale, fatta dal reuerendiss. p. maestro Pietro Lanfranconi anconitano, ... espressi dalla diuota penna di f. Felice Chioma treuigiano", In Treuigi : per Francesco Righettini, 1663 - 36 p. ; 4o. - Fregi xil. - Front. e testo in cornice - Segn.: A-C4 D6. Localizzazioni: Biblioteca comunale - Treviso - Biblioteca Aprosiana di Ventimiglia (IM)


Aicardi, Filippo," Scuola della salute cioe instruttione del vero christiano facile, curiosa, e molto utile a tutti i fedeli ... dal R.P. Filippo Aicardi di Camporosso composta a' modo di salmo .." In Genova : nella stamperia di Benedetto Guasco [10], 110, 16 p 8° [unico esemplare noto reperito in Biblioteca Aprosiana di Ventimiglia (IM)] Ventriglia, Flavio [ "Lettere in latino indirizzate rispettivamente a P. Angelico Aprosio di Ventimiglia, a P. Tomaso del Bene, al P. Eliseo Danza e al P. Giovanni Francesco Andreolo". La prima porta in fine la data del 1648. Le altre 1652.].[1652] [9] c. ; fol. [unico esemplare noto reperito in Biblioteca Aprosiana di Ventimiglia (IM)]


De Franchi, Francesco," Avellino illustrato da' santi, e da' santuarj opera del p. Francesco de' Franchi ... ove si toccano varieta di eventi in piu provincie del regno, e di altre regioni .." In Napoli: Raillard, Giacomo, 1709
De Franchi, Francesco," Parenesi di Francesco De' Franchi al dottor Capriata. Con vna lettera informatiua del conte d. Emanuele Tesauro ... , L'anno del signore 1668" - 163, [5] p., [1] c. di tav. ripieg. ; 12o - Cors. ; rom. - Fregio xil. sul front. - Iniz. xil - A c. F8r: Lettera informativa del conte don Emanuele Tesauro, . - Segn.: A-Goo - Ultime 2 c. bianche - Impronta - m-a- a-i: ilne eude (3) 1668 (A) - Localizzazioni: Biblioteca Palatina - Parma - Biblioteca Reale - Torino - Biblioteca storica della Provincia di Torino - Biblioteca dell'Accademia delle scienze
De Franchi, Francesco," Avellino illustrato da'santi e da'santuari : con breve notizia de'Stati vari di Avellino ... / del sig. Francesco De'Franchi", Napoli", 1709
De Franchi, Francesco," Avellino illustrato da'santi e da'santuari : con una breve notizia de'Stati varj d'Avellino ... / di F. De'Franchi", Napoli", 1709
De Franchi, Francesco," Avellino illustrato da santi e da santuari ; Brieve notizia de stati vari d'Avellino : aggiunta per appagamento di studioso", [In Napoli", 1709]
De Franchi, Francesco," Brieve notizia de stati varj d'Avellino : aggiunta per appagamento de studiosi", Napoli", 1709


Donnoli, Francesco Alfonso [Montalcino 1636-1724]," Francisci Alfonsi de Donnolis ... Bellum civile medicum prolusio", Patavii", 1705
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," Francisci Alfonsi de Donnolis ... De ijs, qui semel in die cibum capiunt. Liber. in quo demonstratur quibus corporibus, talis viuendi ratio possit esse idonea. Ad serenissimum Cosmum tertium magnum Aetruriae ducem", Venetiis: Miloco, Benedetto , 1674
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," Francisci Alfonsi de Donnolis patritii Ilcinensis De iis, qui semel in die cibum capiunt. Liber. In quo demonstratur quibus corporibus, talis viuendi ratio possit esse idonea. ...", Venetiis: Miloco, Benedetto , 1674
Camposampiero, Alvise Antonio ," Al serenissimo Silvestro Valiero. Gli accademici Ricovrati", In Bologna", 1695
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," Poesie liriche di Francesco Alfonso Donnoli gentiluomo Montalcinese ...", In Venetia: Miloco, Benedetto , 1681
"Giugurta rama [|] per musica da rappresentarsi nel teatro di Sant'Angelo, l'anno 1686. Consacrato all'eccellenza del signor Co. Claudio di S. Olo ..", In Venetia: Nicolini, Francesco, 1686
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," Il Giobbe toscano di Francesco Alfonso Donnoli gentiluomo Mont'Alcinese, lettore di Padova", In Venezia", 1708
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," L' indole accresciuta nella gloria delle azzioni in sua eccell. il signor Niccolo Delfini fatto degnamente dal ... Conseglio di Venetia per merito procur.or di S. Marco. Panegirico. Francesco Alfonso Donnoli", In Padova: Penada, 1706
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," All'altezza serenissima di Ferdinando de Medici gran prencipe di Toscana nel viaggio intrapreso d'Italia: passando l'Altezza Sua per Padoua, incaminata per Venetia. Oda Francesco Alfonso Donnoli", In Padoua: Pasquati
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," All'illustrissimo, et eccellentissimo signore il signore Alesandro Molino capitano di Padova. In ossequio delle mie profondissime obligationi oda Francesco Alfonso Donnoli", [Padova: senza nome, 1694?]
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," Il medico pratico cioe Della vita attiua, con la quale puo regolarsi ogni medico, che intende professar medicina pratica ... Utile a chi ha bisogno di valersi de' medici. Di Francesco Alfonso Donnoli ..", In Venetia", 1666
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," Raccolta de priuilegi, e regali fatti da imperadori, re, arciduchi d'Austria, & altri prencipi concessi alla famiglia illustrissima de'signori conti Ricchieri nobili di Pordenone, ... composta da Coridamo Silino, dedicata all'illustriss. ... Battista Nani ..", In Vdine: Schiratti, 1676
Donnoli, Francesco Alfonso <1636-1724>," Poesie liriche di Francesco Alfonso Donnoli gentil'vomo montalcinese. All'eminentiss.mo e reuerendiss.mo principe il signor cardinale Giouanni Delfino patriarca d'Aquileia, &c", Venetia", 1669


Febei, Francesco Maria <1616-1680>,"De origine et progressu celebritatis anni iubilei Franc. Maria Phoebeus ... imminente anno iubilei 1675", Romae: Stamperia Camerale
Santa Sede : Sacra romana rota," Acta canonizationis s. Petri de Alcantara et s. Mariae Magdalenae de Pazzis a Dominico Cappello collecta ... Accessit Dissertatio ... Francisci Mariae Phoebei ... in qua multa super canonizatione sanctorum sacrae & antiquae eruditionis plena traduntur ...", Romae: Di Falco, Fabio, 1669
Febei, Francesco Maria <1616-1680>,"De identitate cathedrae in qua sanctus Petrus Romae primum sedit et de antiquitate & praestantia solemnitatis cathedrae romanae dissertatio / Franciscus Maria Phoebeus ", Romae", 1666
Febei, Francesco Maria <1616-1680>,"De identitate cathedrae in qua sanctus Petrus Romae primum sedit. Et de antiquitate, & praestantia solemnitatis cathedrae Romanae dissertatio / Franciscus Maria Phoebeus P.F.," Romae : sumptibus Gregorij, & Ioannis de Andreolis, 1666 (Romae : typis Iacobi Dragondelli, 1666)"


Giovanni Cottunio (Aprosio ne testimonia la conoscenza personale a p. 201 del suo repertorio biblioteconomico)pensatore scolastico padovano morto nel 1658, celebre soprattutto per un grande trattato di psicologia razionale il " De triplici statu animae rationalis ": anche per le polemiche che suscitò quest'opera si veda Leen Spruit, "Species intelligibilis" (Leiden, 1996), II, 327.
Ecco l'elenco delle sue opere rinvenute nelle biblioteche italiane:
Cottunio, Giovanni ," Commentarii lucidissimi in tres Aristotelis libros de anima, vna cum quaestionibus: et plurimorum contextuum ex graeco fonte correctior, aut synceriori versione, Io. Cottunio equite philosophiae, medicinae, et s. theol. doct. et in Patauina academia philosopho primo, serenissimo, et reuerendissimo Guidobaldo Thun, celsissimo s.r.i. principi, Salisburgensi archiepiscopo, &c. humiliter consecrati", Patauii: Cadorin, Matteo, detto Bolzetta, 1657
Cottunio, Giovanni ," Commentarii lucidissimi in octo libros Aristotelis De physico auditu una cum quaestionibus auctore Ioanne Cottunio Veriensi ...", Patauij: Pasquati, Giovanni Battista Frambotto, Paolo, 1648
Cottunio, Giovanni ," Manuale scholasticum de vitiis, et peccatis, in quo quicquid per latissima scholasticorum uolumina sparsum, et controuersum de ea materia reperitur, strictim ac delucide explicatur: ... auctore Io. Cottunio phil. med. et S. theol. D. equ. aur. S. Georg. ..", Patauij: Crivellari, Giulio, 1635
Cottunio, Giovanni ," De conficiendo epigrammate liber unus. Auctore Ioanne Cottunio", Bononiae: Tebaldini, Nicolo, 1630
Cottunio, Giovanni ," De conficiendo epigrammate liber vnus. In quo non modo methodus pangendi omne epigrammatis genus, sed complura etiam alia, cum ad poesim ipsam, tum ad dicendi facultatem spectantia, strictim ac dilucide aperiuntur. Auctore Io. Cottunio philos. medic. ..", senza nome, [1632]
Cottunio, Giovanni ," Compendiosa logica in vsum scholarium auctore Ioann. Cottunio Veriensi philosoph. medic. & in sacr. theol. d. equiteque aureato s. Georgij ..", Patauii", 1669
Cottunio, Giovanni ," De triplici statu animae rationalis ad aures, ac tenorem Aristotelis, veraeque philosophie, hoc est, de ea, vt oritur, vt in corpore degit, vt post corporis interitum agit ... auctore Ioanne Cottunio veriensi ...", PatauiiPatauii: Pasquati, Giovanni Battista, 1645
Cottunio, Giovanni ," Commentarii Ioannis Cottunii equ. & in Patauina Academia philosophi primi in quatuor libros Aristot. de celo, una cum questionibus, illustriss.mis et excellentiss.mis Ciuranis oblati, dicatique", Patauii: Luciani, Pietro, 1653
Cottunio, Giovanni ," De conficiendo epigrammate liber unus ... / Auctore Io. Cottunio", Bononiae", 1632
Cottunio, Giovanni ," Oratio academica de vera nobilitate: habita a Io. Cottunio in Academia Ricouratorum ad ... Aloysium Valaressum ... . Patauii : ex typographia Pauli Frambotti, 1638", Frambotto, Paolo
Cottunio, Giovanni ," Oratio academica de formis rerumpublicarum: habita in inclyta Ricouratorum Academiae a Jo. Cottunio ad illustrissimum D. Bertucium Ciuranum ..", Patauii: Frambotto, Paolo, 1638
Cottunio, Giovanni ," Oratio liminaris, habita a perill. et excellentiss. D. Io. Cottunio Veriensi ..", Patauii: Frambotto, Paolo, 1638
Cottunio, Giovanni ," Ioannis Cottunii Orationes tres. Quarum duae sunt academicae, vna, de formis rerum publicarum, altera, de vera nobilitate, tertia vero est liminaris ad philosophiam", [Padova?", 1638]
Cottunio, Giovanni ," Lectiones Ioannis Cottunii Veriensis. Doctoris philos. ... ab eodem in celeberrimae Bononiensis Academiae magno auditorio publice habitae, anno salutis 1630. In primum Aristotelis librum De meteoris, ... vna cum quaestionibus hac tempestaete agitari solitis. Collectae, et editae ab Innocentio Cremonio nobili Regiensi", Bononiae: Tebaldini, Nicolo, 1631
Cottunio, Giovanni ," De triplici statu animae rationalis ad aures, ac tenorem Aristotelis, veraeque philosoph., hoc est, de ea, vt oritur, vt in corpore degit, vt post corporis interitum agit ... Auctore Ioanne Cottunio ..", Bononiae: Mascheroni, Girolamo, 1628


Degli Effetti, Antonio ," Studiolo di pittura nella galleria della ricchezza in casa dell'abbate Antonio Degl'Effetti e discorso del medesimo", In Roma: Molo, Giovanni Battista, alla Maddalena
Degli Effetti, Antonio ," Theses philosophicas eminentissimo principi S.R.E. card. vicecancell. Francisco Barberino dum in Collegio Romano philosophica laurea donaretur Antonius de Effectis D.D", Romae: Corbelletti, Francesco eredi, 1637
Degli Effetti, Antonio," De' borghi di Roma e luoghi conuicini al Soratte con la vita di S. Nonnoso abbate e Teuere nauigabile discorso d'Antonio Degli Effetti", In Roma: Tinassi, Nicolo Angelo, 1675
Degli Effetti, Antonio ," Memorie di S. Nonnoso abbate del Soratte e de luoghi conuicini, e loro pertinenze, e libro primo De borghi di Roma. Discorso d'Antonio degl'Effetti", In Roma: Tinassi, Nicolo Angelo, 1675


Caimo, Giacomo<1609-1679>, "Jacobi Cajmi Utjnensis Lucubrationes variae De dotibus, & dotium iure. Diuisione fructuum inter maritum, & vxorem. Formula aquiliana ... Tomus 1", Patauii : [Roberto Meietti] : typis Io. Baptistae Pasquati, 1654 (Patauii : typis Io. Baptistae Pasquati, typographi dd. iuristarum, 1663) - [28], 479, [37] p., [1] c. di tav. : ritr. ; fol - Nome dell'editore ricavato dalla marca (Z582) sul front. - Nella c. di tav. ritr. dell'A. - Fregi e iniziali ornate xil. - Segn.: [ast]2 a-f2 A-2R4 2S2 2T-3E4 3F2 3G-3P4, <2>a-g2 h4 - Impronta - r-n- .335 e-uo miQu (3) 1654 (R) Marca editoriale: Due galli, uno dei quali becca chicchi di granturco, al centro la pianta con le pannocchie. Motto: "Non comedetis fruges mendacii" - Localizzazioni: Biblioteca del Dipartimento di scienze giuridiche Antonio Cicu dell'Università degli studi di Bologna - Bologna - Biblioteca nazionale centrale - Firenze - Biblioteca Estense Universitaria - Modena - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma
Caimo, Giacomo <1609-1679>,"De iure belli. Dissertatio Iacobi Caimi Vtinensis. Accessit eiusdem Epistola gratulatoria ad summum pontificem Clementem 9", Patauij : typis Petri Mariae Frambotti, 1678 -83, 13 p. ; 8o. - arca (Minerva, iniziali 'PMF') sul front. - Cors. ; rom. - Segn.: A-F8 - Iniziali e fregi xil -Impronta - D.VS e-ue u-re coct (3) 1678 (A)- Localizzazioni: Biblioteca del Seminario maggiore - Padova - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma TO0469 - Biblioteca della Fondazione Luigi Firpo. Centro di studi sul pensiero politico - Torino
"Contributo per Frà Ambrogio Landucci e Frà Giuseppe Eusani, sacristi pontifici" (comprende l'edizione di 12 lettere dl primo, per il periodo 1652-1664, e del secondo per il periodo tra gli anni 1667 - 1680) = saggio di Gian Luigi Bruzzone in "Analecta Augustiniana", 1997, 60, 173-206


Bosca, Pietro Paolo (bibliotecario all'Ambrosiana) <1632-1699>," Petri Pauli Boschae bibliothecarii, ... De origine, et statu bibliothecae Ambrosianae hemidecas. Ad eminentissimum principem S. R. E. cardinalem Federicum Borromaeum .. ", Mediolani: Monza, Lodovico, 1672
Bosca, Pietro Paolo<1632-1699>," Decadis quartae historiarum mediolanensis ecclesiae siue de pontificatu Gasparis vicecomitis libri duo ... ab auctore Petro Paulo Bosca ...", Maediolani: Vigoni, Francesco, 1682
Bosca, Pietro Paolo <1632-1699>," Martyrologium Mediolanensis ecclesiae cum notationibus illustriss. ... Federico Cacciae ... archiepiscopo Mediolani Petrus Paulus Bosca auctor ..", Mediolani: Tipografia arcivescovile , 1695
Bosca, Pietro Paolo <1632-1699>," Decadis quatrae historiarum Mediolanensis Ecclesiae siue de pontificatu Gasparis Vicecomitis libri duo ... Ab auctore Petro Paulo Bosca ..", Mediolani: Vigoni, Francesco, 1682
Bosca, Pietro Paolo <1632-1699>," De serpente aeneo Ambrosianae basilicae Mediolani micrologus. Auctore Petro Paulo Bosca ex sodalitio sacerdotum Oblatorum s. th. d. & Bibliothecae Ambrosianae praefecto. Ad illustriss. et excellentiss. d. d. Antonium Borromaeum, comitem Aronae..", Mediolani: Vigone, Francesco, 1675


Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a' piu notabili euenti nelle cose del mondo, per l'anno 1669. Discorso astrologico di d. Antonio Carneuale da Rauenna. ..." In Firenze : per Francesco Onofri, 1669
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a i piu notabili euenti nelle cose del mondo, per l'anno bisestile 1652. Discorso astrologico di D. Antonio Carneuale di Rauenna. ...", In Bologna: Zenero, Carlo, 1652
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a i piu notabili euenti nelle cose del mondo per l'anno 1653. Discorso astrologico di D. Antonio Carneuale da Rauenna", In Bologna: Zenero, Carlo, 1652
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a' piu notabili euenti nelle cose del mondo per l'anno 1655. Discorso astrologico di D. Antonio Carnouale da Rauenna. All'illustriss. .. Francesco Bibboni ...", In Firenze: Onofri, Francesco, 1655
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a i piu notabili eventi nelle cose del mondo per l'anno 1654 ...", Firenze", 1654
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle, intorno a i piu notabili euenti nelle cose del mondo per l'anno 1650. Discorso astrologico del P.D. Antonio Carneuale della Congregazione del Buon Giesu di Rauenna. All'eminentiss. e reuerendiss. principe il sig. cardina Cybo della prouincia di Romagna, & Essarcato di Rauenna de latere legato",In Bologna: Zenero, Carlo, 1650
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a'piu notabili euenti nelle cose del mondo per l'anno 1675. Discorso astrologico di D. Antonio Carneuali da Rauenna. Consecrati all'illustrissimo, ... signor marchese Guido Rangoni ...",In Venetia: Miloco, Benedetto , 1675
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a'piu notabili euenti nelle cose del mondo. Per l'anno bisestile 1676. Discorso astrologico di D. Antonio Carneuali da Rauenna. Consecrati all'illustrissimo, ... signor Giorgio Priuli, dell'illustriss. ... Aluise Priuli procurator, figlio",In Venetia: Miloco, Benedetto , 1676
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a' piu notabili euenti nelle cose del mondo, per l'anno bisestile 1656. Discorso astrologico di D. Antonio Carneuale da Rauenna. Alla maesta serenissima di Cristina regina di Suezia, &c",In Firenze: Onofri, Francesco, 1656
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a' piu notabili euenti nelle cose del mondo, per l'anno 1657. Discorso astrologico di D. Antonio Carneuale da Rauenna. All'eminentissimo e reuerendissimo card. Ottauio Acquauiua d'Aragona, della prouincia di Romagna, & esarcato di Rauenna de latere legato",In Firenze: Onofri, Francesco, 1657
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle Intorno a' piu notabili euenti nelle cose del mondo. per l'anno 1677 discorso astrologico di D. Antonio Carnevali da Ravenna. Consecrati al Molto illustre, & Eccellentissimo Signore Gio. Alvise Antonii",In Venetia: Hertz, 1677
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a' piu notabili euenti nelle cose del mondo per l'anno 1661. Discorso astrologico di d. Antonio Carnevale da Ravenna. ...", In Firenze: Onofri, Francesco, 1661
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a' piu notabili euenti nelle cose del mondo, per l'anno 1658. Discorso astrologico di D. Antonio Carneuale da Rauenna. All'eminentissimo ... card. Antonio Barberini",In Firenze: Onofri, Francesco, 1658
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a' piu notabili euenti nelle cose del mondo per l'anno 1662. Discorso astrologico di d. Antonio Carneuale da Ravenna. ...", In Firenze: Onofri, Francesco, 1662
Carnevale, Antonio <1611-1678>," Gli arcani delle stelle intorno a i piu notabili euenti nelle cose del mondo, per l'anno 1651. Discorso astrologico del P.D. Antonio Carneuale ... All'amplissimo senato della serenissima Republica di Lucca",In Bologna: Zenero, Carlo, 1650.
Seguono i volumi dello stesso autore tuttora custoditi alla C.B.A.:
"Gli arcani delle stelle intorno ai piu' notabili eventi nelle cose del mondo, per l'anno bisestile 1652. Discorso astrologico di D. Antonio Carnevale di Ravenna .." In Bologna : per Carlo Zenero, 1652 [16], 108 p. ; 4°.
"Il dispiegamento delle stelle circa a i piu' notabili eventi nelle cose del mondo per l'anno bisestile 1648. Discorso astrologico del P. Antonio Carnevale ..", In Bologna : per Carlo Zenero, 1648 63, [1] p. ; 4°.
"Gli arcani delle stelle intorno ai piu' notabili eventi nelle cose del mondo, per l'anno 1651. Discorso astrologico del P.D. Antonio Carnevale ..", In Bologna : per Carlo Zenero, 1650 [4], 112 p. ; 4°.
"Gli arcani delle stelle, intorno a i piu' notabili eventi nelle cose del mondo per l'anno 1650. Discorso astrologico del P.D. Antonio Carnevale .." In Bologna : per Carlo Zenero, 1650 95, [1] p. ; 4°.
"Gli arcani delle stelle intorno a i più notabili eventi nelle cose del mondo per l'anno 1653. Discorso astrologico di D. Antonio Carnevale ..", In Bologna : per Carlo Zenero, 1652 [45], 80 p., [1] tav. ripieg.


Carpani, Giuseppe giurista ,"Institutionum Iuris Ciuilis breuis dilucidatio a Iosepho Carpano romano I.U.D. Sedis Apostolicae Protonotario, et in romana Uniuersitate primario iuris professore emerito in gratiam romanae iuuentutis elaborata anno christiano 1690", Romae: Lazzari, Francesco, 1691
Carpani, Giuseppe ,"Fasti legales Romanae academiae intrecciatorum in quibus post indicem vniuersalem omnium academicorum, qui domesticas lectiones vtriusque iuris acceperunt a Iosepho Carpano ..."
Carpani, Giuseppe ,"Institutionum iuris canonici breuiarium a Iosepho Carpano ... in gratiam Romanae iuuentutis elucubratum eidemque pariter directum anno christiano 1691. Additis fastis legalibus Romanae academiae Intrecciatorum", Romae: Lazzari, Francesco, 1692
Carpani, Giuseppe ,"Institutionum Iuris Ciuilis breuis dilucidatio / a Iosepho Carpano romano I.U.D. Sedis Apostolicae Protonotario et in Romanam Uniuersitate Primario Iuris Ciuilis Professore Emerito. In Gratiam Romanae Iuuentutis elaborata Anno Christiano 1690", Roma", 1691


Cenni, Giacomo Maria <1651-1692> "Della vita di Gaio Cilnio Mecenate caualiere romano descritta, ed illustrata dal dottor Giacomo Maria Cenni. Libri due. ..", In Roma : per Francesco de' Lazari, figl. d'Ign., 1684 - [24], 239, [1] p. ; 8o. - Occhietto sulla prima c - Segn.: 12 A-P8. - Impronta - a.ta t-he a-G. piri (3) 1684 (A) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma


Belli, Francesco <1577-1644>,"Accidenti di Cloramindo principe della Ghenuria, descritti in otto libri. Da Francesco Belli. Con la tauola del contenuto nell'opera", In Venetia: Bertano, Giovanni, 1639
Belli, Francesco <1577-1644>,"Rime nelle sontuose nozze de gli illustrissimi signori il signor conte Ascanio de Valmarana, signor d'Erenfels ... Capitanio di Trieste, ... e la sig. ra contessa Anna Thiene. Dedicate all'illustrissimo ... Alfonso della Queua Y Benauides, del consiglio di sua Maesta Catholica, et ambasciatore presso la Serenissima Republica di Venetia", In Vicenza: Amadio, Domenico, 1611
Belli, Francesco<1577-1644>,"Nella rinnouazione dell'accademia de gl'Incogniti. Eretta in casa dell'illustriss. sig. Gio. Francesco Loredano. Canzone di d. Francesco Belli accademico", In Venetia: Sarzina, Giacomo <1.>, 1632
Belli, Francesco <1577-1644>,"Osseruazioni nel viaggio di d. Francesco Belli", In Venetia: Pinelli, Giovanni Pietro, 1632
Belli, Francesco <1577-1644>,"Essequie del redentore sacra rappresentatione di D. Francesco Belli. All'illustriss. sign. Gio. Francesco Loredano", In Venetia: Ginami, Marco, 1633


Bentivoglio, Carlo <1615-1661>," Compendio della vita della B. Elena Dall'Olio vergine, maritata, e vedoua, epilogato dal c. Carlo del co. Costante Bentiuogli", In Bologna: Pisarri, Antonio eredi, 1693
Bentivoglio, Carlo <1615-1661>," Il Mida dramma musicale del sig. Giulio Contralbo. All'illustr.mo ... Co. Odoardo Pepoli", In Bologna: Dozza eredi, 1647
Bentivoglio, Carlo <1615-1661>," Il Corindo fauola boschereccia rappresentata in musica nella villa di Pratolino", In Firenze: Vangelisti, Vincenzo, 1680


Benzoni, Giuseppe," Gratulatio habita Romae in Collegio Clementino Illustriss. ... D. Io. Thomae Mallonio Episcopo Bellunen. ... cum primum Sibinicensis Antistes ab Vrbano VIII ... inauguratus est. Cui etiam Musae Bellunen. applauserunt ... a Iosepho Benzono eiusdem olim Collegij Conuict.", Venetiis : Ex Typographia Pinelliana, 1628 - 84 p., 1 c. ; 4o. - Impronta - u-i- noi- i-e- niRo (3) 1628 (Q) - Localizzazioni: Biblioteca civica - Belluno


Protetta dal cardinale Giulio Rospigliosi, poi Clemente IX, nella Roma barocca della Controriforma, sotto la vigile regia dei Gesuiti, fiorì l’Accademia degli Infecondi che promosse un teatro edificante e “popolare” e commedie con musica inneggianti alle vittorie della cristianità. Il poema eroicomico giocoso "Il Meo Patacca ovvero Roma in feste ne i trionfi di Vienna" fu stampato nel 1695. L’autore era Giuseppe Berneri (Roma 1637 - 1701), segretario della Accademia degli Infecondi e membro di quella degli Intrecciati, noto per versi latini e per un teatro devozionale, sacro e morale, andato in scena all’Oratorio San Filippo Neri e a Palazzo Borghese a porto di Ripetta. Le ottave dei dodici canti del poema eroicomico in romanesco " Meo Patacca" narrano le imprese di uno sbirro, o “bullo”, che arringa il popolo per sostenere la guerra contro i Turchi che assediano Vienna. Meo ha come antagonista Marco Pepe, un antieroe, un bullo a chiacchiere. Alla notizia della vittoria (1683), Meo devolve le somme raccolte per festeggiare. Roma è un tripudio di banchetti e di filate di carri allegorici. Ne fanno le spese i “provinciali”, presi a bastonate e i negozi del ghetto, saccheggiati. Genere tipico del barocco, " Il Meo Patacca" è dissacrazione e ribaltamento degli eroi della grande tradizione epica. Trae lontane origini ed si apparenta con "La secchia rapita" di Alessandro Tassoni, con " Scherno degli dei" di Francesco Bracciolini, con L’Eneide travestita di Giambattista Lalli, con il " Cunto de li cunti" di Giambattista Basile, con " Il Malmantile racquistato" di Lorenzo Lippi, con " Il catorcio d’Anghiari" di Federico Nomi, con " Il torracchione desolato" di Bartolomeo Corsini. Nel gusto barocco di Berneri le metafore classiche per annotare i passaggi temporali (come dal giorno alla notte o dalla notte al giorno) sono spogliate dei paludamenti mitologici e abbassate dal cielo alla terra, dagli dei ai “pizzicaroli”. Anche Boiardo aveva intessuto l’" Orlando innamorato" di forti reagenti comici, inaspettati. Berneri non era plebeo e mescolava il dialetto dei personaggi, utilizzando le risorse della manipolazione linguistica del romanesco. Oltre ai due strati dialettali (romanesco delle persone colte e quello del volgo “incoltissimo”) Berneri inserì varianti, come il giudaico-romanesco, il romanesco toscaneggiante e il pedantesco. Grande sfarfallìo di ottave, per la descrizione giocosa, fastosa e ammirata di piazza Navona e per le raffinate scoperte di folklore romano.
Segue qui l'elenco delle opere del Berneri reperite nelle pubbliche biblioteche italiane:
Berneri, Giuseppe," Tutti vn ramo han di pazzia, drama recitatiuo ideale, del signor Giuseppe Berneri romano", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1687
Berneri, Giuseppe," Tutti un ramo han di pazzia, drama recitativo ideale, del Signor Giuseppe Berneri romano", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1687
Berneri, Giuseppe," Santa Dimpina principessa d'Irlanda tragedia sacra del Signor Giuseppe Berneri", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1687
Berneri, Giuseppe," L' onesta riconosciuta in Genuefa che fu poi santa di questo nome. Opera sacra scenica del signor Giuseppe Berneri romano", In Bologna: Longhi
Berneri, Giuseppe," Il *pentimento glorioso d'Egidio, che fu poi religioso domenicano di gran fama e bonta : Drama recitativo / Giuseppe Berneri ... ; Con gl'Intermezzi di N. N", In Roma", 1682
Berneri, Giuseppe," Il Meo Patacca, ouero Roma in feste ne i trionfi di Vienna. Poema giocoso nel linguaggio romanesco, di Giuseppe Berneri romano Accademico Infecondo ..", In Roma a spese di Pietro Leone Libraro in Parione all'insegna di San Giouanni di Dio: Leone, PietroCampana, Marco Antonio & Campana, Orazio, 1695
Berneri, Giuseppe," Il Meo Patacca o vero Roma in feste nei trionfi di Vienna poema giocoso nel linguaggio romanesco di Giuseppe Berneri romano accademico infecondo", In Roma: Contedini, Lino, 1823
Berneri, Giuseppe," Amor vuo' coraggio comedia di Giuseppe Berneri romano", In Bologna: Longhi, 1701
Berneri, Giuseppe," La felicita ricercata opera drammatica ideale. Di Giuseppe Berneri romano. Accademico Infecondo. Recitata in roma nel collegio Clementino l'anno 1673. Dedicata all' illustriss. ... Giacomo de'Franchi ..", In Roma: Tizzoni, Francesco, 1673
Berneri, Giuseppe," Intermedio nuouo da recitarsi in qualsiuoglia comedia, o ricreazione. Del signor Giuseppe Berneri", In Ronciglione: Menichelli, Giacomo Leone, Francesco, 1701
Berneri, Giuseppe," L' onesta riconosciuta in Genuefa che fu poi santa di questo nome. Opera sacra scenica del signor Giuseppe Berneri romano", In Bologna: Longhi, 1693
Berneri, Giuseppe," Il valor combattuto dalla forza dell'oggetto opera scenica di Giuseppe Berneri romano. Recitato in Roma", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1687
Berneri, Giuseppe," La verita conosciuta drama morale di Giuseppe Berneri romano recitata in Roma l'anno 1678 ...", In Roma: per Michele Ercole ...: Ercole, Michele, 1678
Berneri, Giuseppe," Le spose del cielo opera scenica morale di Giuseppe Berneri romano", In Bologna: Longhi
Berneri, Giuseppe," La innocenza ben consigliata, dramma morale del signor Gioseppe Berneri", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>
Berneri, Giuseppe," La verita conosciuta drama morale di Giuseppe Berneri romano recitato in Roma l'anno 1676. Dedicato all'illustr.ma ... principessa Chigi", In Roma: Ercole, Michele, 1676
Berneri, Giuseppe," La conuersione di S. Agostino opera scenica del signor Giuseppe Berneri romano", In Bologna: Longhi, 1687
Berneri, Giuseppe," I sensi disingannati dalla raggione drama morale recitatiuo del signor Giuseppe Berneri romano", In Oruieto", 1681
Berneri, Giuseppe," L' onore perseguitato drama morale recitatiuo di Giuseppe Berneri romano. Dedicato all'illustriss, ... Marc'Antonio Borghese", In Ronciglione [Roma]: Leone, Francesco, 1678
Berneri, Giuseppe," Il Meo Patacca, ouero Roma in feste ne i trionfi di Vienna. Poema giocoso nel linguaggio romanesco, di Giuseppe Berneri romano Accademico Infecondo. Dedicato all'illustriss. ... D. Clemente Domenico Rospigliosi", In Roma: Campana, Marco Antonio & Campana, Orazio, 1695
Berneri, Giuseppe," S. Rosa di Lima opera sagra scenica di Giuseppe Berneri romano, dedicata all'illustriss. ... sor Maria Alessandra Colonna, ..", In Ronciglione si vendono in Roma: Leone, Francesco, 1674
Berneri, Giuseppe," La Susanna vergine, e martire opera sacra di Giuseppe Berneri dedicata alla ... signora D. Bianca Innocenza Faueri ..", In Roma: Ercole, Michele Leone, Francesco, 1675
Berneri, Giuseppe," Le spose del cielo opera scenica morale di Giuseppe Berneri romano. Dedicata alla molto illustre sig. la signora Antonia Felice Beltrami", In Roma per Gio. Francesco Buagni: Leone, FrancescoBuagni, Giovanni Francesco, 1694
Berneri, Giuseppe," S. Rosa di Lima, opera sacra scenica del signor Giuseppe Berneri romano", In Roma: Komarek, PaoloLeone, Pietro, 1711
Berneri, Giuseppe," Tutti cercano fortuna drama recitatiuo ideale di Giuseppe Berneri romano. Rappresentato in Roma l'anno 1679", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1687
Berneri, Giuseppe," L' onore perseguitato drama morale recitatiuo di Giuseppe Berneri romano", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1686
Berneri, Giuseppe," Amor non vuol rispetto. Opera scenica di Gioseppe Berneri", In Bologna: Longhi, 1694
Berneri, Giuseppe," *Tutti un ramo han di pazzia. Drama recitatiuo ideale Del signor Giuseppe Berneri", Roma", 1680
Berneri, Giuseppe," Tutti vn ramo han di pazzia, drama recitatiuo ideale, del signor Giuseppe Berneri romano", In Roma: Leone, Francesco Tizzoni, Francesco, 1680
Berneri, Giuseppe," Li sacri eroi del Giappone tragedia sacra del sig; Giuseppe Berneri romano", In Roma: Leone, FrancescoTizzoni, Francesco, 1683
Berneri, Giuseppe," Santa Dimpina principessa d'Irlanda tragedia sacra del sig. Giuseppe Berneri romano. Dedicata all'illustrissima ... marchesa Ortentia Biscia del Drago", In Roma: Ercole, Michele Leone, Francesco, 1675
Berneri, Giuseppe," Le spose del cielo opera scenica morale di Giuseppe Berneri romano. Dedicata alla molto illustre ... Antonia Felice Beltrami", In Ronciglione: Menichelli, GiacomoLeone, Francesco, 1675
Berneri, Giuseppe," Il valor combattivo dalla forza dell'oggetto opera scenica di Giuseppe Berneri romano, recitata in Roma", In Bologna: Longhi, Giuseppe <1.>, 1687
Berneri, Giuseppe," Il Meo Patacca ovvero Roma in feste nei trionfi di Vienna. Poema giocoso nel linguaggio romanesco di Giuseppe Berneri ..", Roma: Giunchi & Mordacchini, 1825


Antero Maria : da san Bonaventura <1620-1686>,"Ponderationes in Psalmos, iuxta multiplicem diuinarum scripturarum sensum. In qibus praecipue' ad mores informandos plurimi conceptus efformantur, eximiorum authorum sententiis a propriis fontibus haustis roborati: ... per R.P. Anterum Mariam a S. Bonauentura Ordinis Discalceatorum S. Augustini. In tres diuisae tomos, quorum primum quadraginta psalmos, secundus sexaginta-quinque, tertius vero quadraginta-quinque complectitur. Tomus primus -tertius", Lugudni: Arnaud, Laurent & Borde, Pierre, 1673
Antero Maria : da san Bonaventura <1620-1686>,"Apostolorum acta iuxta multiplices diuinarum scripturarum sensus, priscorumque patrum interpretationes elucidata, ac sedulis virtutum, scientiarumque cultoribus, in primis ecclesiasticis praeconibus a p. Antero Maria de s. Bonauentura Genuensi ... quemadmodum, & indicibus ad conciones, caeterasque tractationes necessariis, copiose instructum", Genuae: Franchelli, Antonio Giorgio <2.>, 1681
Antero Maria : da san Bonaventura <1620-1686>,"Lazzeretti della citta, e riviere di Genova del 1656, e 57 opera del p. Antero Maria da S. Bonavventura ... fedelmente ridotta a maggior brevita, e moglior ordine. Divisa in tre parti ... . Aggiuntovi in fine un breve ristretto della vita, e virtu dell'autore", In Genova: Franchelli, Giovanni Battista, 1744
Antero Maria : da san Bonaventura <1620-1686>,"Discorsi quaresimali del R.P. Antero Maria da S. Bonauentura Scalzo Agostiniano", In Genova: Pelizza, Giacomo Antonio
Antero Maria : da san Bonaventura <1620-1686>,"Suegliatoio de' sfaccendati, e stimolo d'affaccendati per ben'impiegare il tempo, resultanti da prattiche meditationi, fondate in vere ragioni, autorita di Sacre Scritture, sentenze de' Padri, e familiari similitudini. Opera del p. Antero Maria da s. Bonauentura Scalzo Agostiniano. ...", In Genoua: Franchelli, Antonio Giorgio <2.>, 1679
Antero Maria : da san Bonaventura <1620-1686>,"Li lazaretti della citta', e riuiere di Genoua del 1657. Ne quali oltre a successi particolari del contagio si narrano l'opere virtuose di quelli che sacrificorno se stessi alla salute del prossimo, e si danno le regole di ben gouernare vn popolo flagellato dalla peste. Descritti dal R.P. Antero Maria da S. Bonauentura ..", In Genoua: Calenzani, Pietro Giovanni & Meschini, Francesco, 1658
Antero Maria : da san Bonaventura <1620-1686>,"Auri, gemmarumque mystica fodina, siue Charitatis congregatio a d. nostro Iesu Christo fundata, atque saluberrimis regulis communita, ex qua quelibet personarum classis qualiter diuina hac in virtute perficiatur, vbertim adinueniet opus omnigena eruditione, ... a p. Antero Maria de s. Bonauentura Genuensi, Ordinis discalceatorum D. Augustini, sacrarum litteraru", Genuae: Franchelli, Antonio Giorgio, 1677
Micconi Fr. Anterus a S. Bonaventura "[scrive il Perini nella sua silloge sugli scrittori agostiniani]" regenerationis fonte Io. Baptista vocatus, Segeste Figuliorum die 8 septembris 1620 ortum habuit. Genuae in nostrorum Discalceatorum coenobio S. Nicolai an. 1634 solemnibus se votis obstrigens, totum se dedit piae praedicationi et studio; quamobrem et egregius verbi Dei praeco et S. Theolog. Lector merito evasit. Ita fere in omni scientiarum genere, ac praesertim in sacris litteris instructus, ad maiores religiosorum ascendit honores. Fuit igitur novitiorum magister, plurimorum suae Congregationis conventuum prior, eiusdem Congregationis Discalceatorum definitor Generalis, ac tandem Generalis Commissarius. Obiit die 7 iulii 1686. (Cfr. Tani, p. 67; Ossinger, p. 588, et Lanteri, "Postr. Saec. Sex.", T. III, 436, nec non Oldoinus in "Atheneo Ligustico" (1680) p. 40; Giustiniani, p. 84, et Hurter, "Nomenclator Lit.", T. IV, col. 144). Typis tradidit
: 1. Li Lazaretti della città e riviere di Genova del 1567, ne' quali oltre i successi particolari del contagio si narrano l'opere virtuose di quelli che sacrificarono se stessi alla salute del popolo, e si vedono le regole del bel governare un popolo flagellato dalla peste . Genova, Calenzani e Meschia, 1658, in 4°. Item Genova, Tip. Franchelli, 1744, in 4°
. 2. Svegliatoio de' sfaccendati e stimolo d'affaccendati per ben impiegare il tempo, con pratiche meditazioni, sentenze de' Santi Padri e similitudini . In Genova, Typ. Franchelli, 1679, in 8°.
3. Ponderationes in Psalmos iuxta multiplicem divinarum scripturarum sensum . Lugduni Laur. Arnaud et Petr. Borde, 1673, 3 vol. in fol., et Genuae, 1681, in fol
. 4. Auri gemmarumque Mystica fodina sive charitatis congregatio a Iesu Christo fundata, atque saluberrimis regulis munita. Opus omnigena eruditione . Genuae, Typ. Franchelli, 1677, in fol.
5. Apostolorum Acta iuxta multiplices Divinarum Scripturarum sensus, ipsorumque Patrum interpretatione elucidata . Genuae, Typ. Franchelli, 1681, et ibidem 1684 semper in fol. (Cfr. Bocca, "Catal." IX, n. 66).
6. Discorsi quaresimali , Genova, Typ. Pelizza, 1683, in 8°.
7. Vita B. Clarae de Montefalco in suo opere Ponderationes in Psalmos , Lugduni, apud Arnaud et Borde, 1673, p. 261 et seq.


Dionisio : da Genova <1636-1695>," Bibliotheca scriptorum ordinis Minorum S. Francisci Capuccinorum a fratre Dionysio Genuensi eiusdem ordinis professore contexta, illustriorumque virorum elogijs adornata ... Cui accedit cathalogus omnium prouinciarum, conuentuum, missionum, ac religiosorum, qui sunt in vnaquaque prouincia; prout numerabantur anno 1678 ..", Genuae: Franchelli, Antonio Giorgio <2.>, 1680
Toselli, Floriano <1699-1768>," Bibliotheca scriptorum Ordinis minorum S. Francisci Capuccinorum retexta & extensa a f. Bernardo a Bononia ... quae prius fuerat a p. Dionysio Genuensi ejusdem Ordinis concionatore contexta ..", Venetiis: Coleti, Sebastiano, 1747
Dionisio : da Genova <1636-1695>," Vicarius prouincialis expensus et iuxta strictioris, & regularis obseruantiae iura dilucidatus per f. Dionysium a Ianua", Genuae: De Vincenti, Giovanni Ambrosio, 1664
Dionisio : da Genova <1636-1695>," Bibliotheca scriptorum ordinis minorum S. Francisci Capucinorum a Fr. Dionysio Genvensi ... contexta", Genvae: Scionico, Giovanni Battista, 1691


Libelli, Giacinto [ -1684: "Maestro del Sacro palazzo" di cui Aprosio parla a p. 318 del suo repertorio]," Fr. Hyacinthus Dei, & apostolicae Sedis gratia archiepiscopus Auenionensis. Dilectissimis in Christo filijs clero, & populo ciuitatis, ac prouinciae Auenionis", , 1673 - 4 c. ; 2 - Tit. dell'intit. - In calce al testo: "Dat. Romae eo ipso die quo pallium accepimus Februarij anno 1673" - Segn.: A4 - Iniziale xil. - Impronta - o-n- i-o- s.em a-u- (C) 1673 (Q) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma
Libelli, Giacinto < -1684>, "De indemostrabilitate immortalitatis animorum. Votum reuerendissimi patris fr. Hyacinthi Libelli sacri palatij apostolici magistri" - , c. 1665 - 121-127, 1 ; 4 - Frammento di ed. non identificata - Tit. corr.: "Clara lux animarum" Segn.: Q4 - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma (1 frammento)



























In questo passo P. F. Minozzi cita, entro una sua lettera, Johann von Wowern, anche se in una forma grafica antiquaria: in effetti sull'esatto nome di questo poligrafo, filologo e storico nato ad Amburgo nel 1574 non tutti i repertori concordano di modo che si trovano anche forme come Ioannes Wower oppure quali Ioannes a Wower od ancora Joan. A Wower.
Come però si evince dalla lettera minozziana registrata da A. Aprosio sembrerebbe che, anche in forza del titolo di una sua opera di indubbio richiamo, Johann von Wowern (usiamo questo termine in omaggio al Servizio Bibliotecario Nazionale) la reputazione principale fosse quello di essere un esperto di "Polimatia" dal greco "Polymathia".
In effetti Clemente Alessandrino riporta un passo di Eraclito, sulla cui autenticità non esiste concordanza fra gli studiosi, ove compare il termine filosofia con la specificazione che “è necessario che i filosofi siano indagatori di molte cose” sì che parrebbe come per Eraclito la filosofia si dovesse prioritariamente identificare con la polimatia (il sapere molte cose): per oggettività bisogna comunque ricordare che in altro passo sulla cui autenticità non sussitono dubbi lo stesso autore si sia ricreduto annotando che "la polimatia non insegna l’intelligenza".
Per quanto sia termine disusato ed ormai bandito da tanti vocabolari italiani la Polimatia o Polimazia ha attraverso i secoli costituito un caso nel mondo della speculazione.
A livello puramente filologico il Battaglia, sotto voce annota"Complesso di molte conoscenze su argomenti svariati e senza sistematicità; erudizione poco organica: in particolare nella terminologia kantiana, le acquisizioni razionali distinte dalla conoscenza dei fatti storici" [(dal Battaglia si ricava anche l'evoluzione etimologica del termine che sarebbe giunto in latino e quindi in italiano dal termine greco "polumatheia" a sua volta elaborato da un "polumathes" in italiano polimate vale a dire, definizione sempre tratta dal Battaglia "Che possiede una vasta dottrina o un'erudizione sterminata" con il termine greco coniato dalla fusione di "polùs" (= molto) con il verbo "manthano" (= imparo)]
La graduale evoluzione negativa dell'accezione polimatia si può scoprire nel pensiero di Giovanni Gentile che scrisse: "Il sapere concepito come materia d'insegnamento si rifrange e disperde, percché dà luogo all'erudizione, alla polimazia, che non è sapere" (in "Sommario di Pedagogia, Bari, 1923, II, p. 99).
Questa evoluzione sostanzialmente negativa della polimatiae quindi del polimate cioè di rudizione ed erudito data però dal XIX secolo: dal XVII secolo a gran parte del XVIII essere erudito e/o polimate era espressione di uno sforzo immane che elevava qualsiasi studioso ai limiti della assoluta priorità intellettuale.
Minozzi ed Aprosio erano con orgoglio eruditi e/o polimati" ed in ciò risultavano confortati da una tradizione letteraria pregressa quanto importante.
Per esempio Marco Mantova Benavides scrisse prima di von Wowern un'opera dal titolo "M. Mantuae Benauidii ... Polymathia. Hoc est disciplina multi iuga, nunc primum in studiosorum gratiam aedita" , Venetiis : Ioan. Gryphius excudebat, 1558 [di cui si conserva un esemplare presso la Biblioteca universitaria di Padova (dello stesso autore è poi nota una riedizione quale "M. Mantuae Benauidii ... Polymathia, hoc est disciplina multiiuga, primum in studiosorum gratiam aedita", Venetiis : apud Io. Franciscum Camocium, 1559. di cui si conserva un esemplare presso la Biblioteca civica Giovanni Battista Adriani di Cherasco)].
La Polimatia di Johann von Wowern è peraltro citata con reverenza intellettuale nella lettera del Minozzi ad Aprosio ed il fatto di possederne un esemplare (quasi nell'accezione di enciclopedia) aveva una spiccata valenza positiva: del lavoro di Johann von Wowern sono sparsi esemplari un pò in tutta Europa ed in Italia, al momento attuale delle investigazioni del Servizio Bibliotecario Nazionale, si segnalano in Italia:
1 - Wowern, Johann : von, "Joan. a Wower De Polymathia tractatio: integri operis de studiis veterum apospasmation... Editio nova, cum praefatione m. Jacobi Thomasii. Accesserunt praeterea autoris vita & elogia: in polymathiam item tabellae synopticae, cum indice rerum ac verborum", Pubblicazione: Lipsiae : sumptibus Laurentii Sigismundi Corneri bibliop. : literis Christiani Michaelis, 1665 (un esemplare in Biblioteca d'arte del Museo civico Correr - Venezia)
2 - Wowern, Johann : von," De polymathia tractatio. Integri operis de studiis veterum, apospasmation", Amburgo : ex Biblipolio Frobeniano, 1603 (esempalri in Biblioteca nazionale centrale - Firenze - - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma)
Tenendo conto del fatto che la lettera del Minozzi data del 1632 è sicuro che egli, da vero bibliofilo e/o bibliomane, possedeva l'"editio princeps" dello stampatore amburghese Frobenius (in effetti la British Library come data di stampa segnala il 1604 contro il 1603 del S.B.N.: stando però all'elenco degli scritti di Johann von Wowern nella vita scrittane da Henning Witte si deduce che la data esatta è da identificarsi nel 1604).
L'opera di Johann von Wowern non fu però spregiata per lungo tempo e la troviamo in riedizione abbastanza tarde:
1 - Joan. A Wower, " De Polymathia Tractatio : Integri Operis De Studiis Veterum Apospasmátion ... : Accesserunt praeterea Autoris Vita & Elogia: In Polymathiam item Tabellae Synopticae, cum Indice rerum ac verborum", ...Editio Nova", Lipsiae : Cörnerus, 1665
2 - Wower, Joannes a, of Hamburg, "De Polymathia Tractatio, cum praefatione Jacobi Thomasii: accesserunt praeterea autoris vita et elogia in Polymathiam; item tabellae tres", in : Gronovius (J.), "Thesaurus Graecarum Antiquitatum, etc.", Vol. 10. 1698, etc. fol.
A questo punto viene però da interrograsi sulla personalità di questo teorico dell' erudizione quale fu Johann von Wowern anche se Deitz, Luc ne ha scritto di recente in "Ioannes Wower of Hamburg, Philologist and Polymath. A Preliminary Sketch of his Life and Works", in "Journal of the Warburg and Courtauld Institutes" 58 (1995) 132-151.
Per rimanere nel campo dell'antiquariato librario giunge ancora assai utile l'opera di
Henning Witte," Memoriae philosophorum, oratorum, poetarum, historicorum et philologorum nostri seculi clarissimorum renovatae decas prima (- nona)", Königsberg , Frankfurt

: Hallervord, 1677-1679 - 2 volume ove si legge da p.79 a p. 83 una:
"VITA VIRI NOBILISSIMI AMPLISSIMIQUE IOAN. WOWERI, Serenissimi Holsatiae Principis Consiliariigravissimi, Polyhistoris longe celeberrimi, paucis descripta
IOANNES WOWERIUS natus est Hamburgi honestis Parentibus VI. Eidus Martii Anno Christi M DC LXXIV. Puer prima literarum stipendia in schola patria fecit, quam tunc magnâ cum laude Vir eruitissimus WERNERUS ROLEVINCIUS moderabatur. Annum agens XIIX. a patre Leydam ablegatur, ubi quinque solidos annos permansit., sectatus amoena literarum. et antiquitatis studia. Coluit ibi coniunctionem gratiae cum Clementissimis Viris IANO GRUTERO I. C. DOUSIS, VULCANIO, MERULA, HEINSIO, MEURSIO, SCRIVERIO, BLLENBURGIO, et quem pimo locon nominare debui, magno SCALIGERO, cui etiam impurissimum scriptorem purissimae latinitatis dedicavit. Inde in Galliam profectus familiariter innotuit Viris summis CLAUDIO. PUTEANO, FRANCISCO PYTHAEO, IACOBO BONGARSIO, PETRO. DANIELI, ISAACO. CASAUBONO, DOMINICO BAUDIO, THEODORO MARCILIO, et admodum reverendo viro GUITTARDO RATAEO, Episcopo Mompeliensi, cui Sidonium. Apollinarem inscripsit. Postea iter in Italiam capessit, illicque biennium exegit, propter excellentis ingeniii dotes principibus, Cardinalibus, et Rotae auditoribus admodum carus et aestimatus, quorum operâ etiam saepe numero ad ipsum Pontificem romanum aditus ei patuit, qui benigne hominem amplexus est, honestoque stipendio alere voluit: cuius preces praetextu adversae valetudinis blandâ aversatione sapienter repulit. Ex longa peregrinatione domum redux ea studia, quae iuvenis tractaverat, studiose recoluit, publicavitque Minutium Felicem, Firmicum, Panegyricum ad Regem Daniae, Apuleium , Notas Epidicticas in Tertullianum librum de Umbra et Poly. mathiam opus operosissimum, et quo ad eruderandum animum ab inscitiae vepretis a multisretro annis nullum prodiit utilius. Non longo post intervallo a generoso Comite Frisiae ENNONE ad Munus consiliarii honeste evocatur; cuius nomine quoque pro pacificatione Embdana, hagam Comitis legationem suscepit. Deinde propter crebras eruptiones Embdensium cum iunioribus Comitibus in Holsatiam ad illustrissimum Principem IOHANNEM ADOLPHUM mittitur, quem unico congressu, suadelâ suâ et doctissimis moribus ita totum cepit, ut antequam ab illo discederet, se valedicturum Comiti Embdano, et ipsi operam daturum sub iuramento compulsus fuerit promittere. Ornatur igitur a praedicto Principe titulo consiliarii, nihilque magni momenti geritur, cui non sagax ille et prudens temporum observator, adhiberetur. Meruit etiam hâc suâ diligentiâ praefecturam arcis Gottorpianae (splendidae imprimis dignitatis ista est administratio, nec ni si nobilissimis Holsatiae datur) quam cum laudabiliter pertres annos administrasset, incidit in morbum lenrum ac gravem, qui eum quottidie erogavit, et sensim contabefecit. Sentiens igitur sibi adesse fatalem et suam horam, accersiri iussit sacerdotem, factiaque rite exomologesi, et sacro viatico suscepto, placide et leniter exspiravit. Anno Christi M DC CXII. III. Kal. Aprilis, aetaris suae XXXIIX. non sine illustrissimi Principis sui desiderio, cuius iussu Sleswigae in templo maionri honorificentissime tumulatus est. Ipsius monumento ipse voluit ut haec saltem verba inscriberentur:

HIC. SITA. SUNT. OSSA. IOANNIS. WOWERI
Ad Virum inclutum, IOANNEM WOWERIUM.
MArte, WOWERI, cadentem te Minerva arcto sinu
Ex cipit, novemque Musae mollibus dein tegunt
Faxscis, charisque melle Gnydio os rude imbuit:
Hic erit nobis alumnus singularis, hic erit
Mysta rarus, quique centum praestet unicus vices.
Sic Athena, Gratiaeque, sic Monetae pignora
Ominabantur, recenti plus quam onustae gaudio.
Et quidem huic et hisfuisti deditus tenerrime
Per decem decemque brumas. Verum ut inquies Honos
Visus est aplam tibi, utque visa Maiestas palam est;
Gemmeo splendore captus et pompa aurea,
Deseris rupem gemellam, deseris fantes Equi,
Despicisque cum Cleanthe lene Chrysippilatus.
Ergo te Aula multa honorat, multa adorat, ac sui
Histrionicam favoris explicat larvam, haud minus
Sic tamen statae iuventae floremasculo interis;
Teque nulla honorat Aula, nulla adorat amplius:
Sola WOWERI, Tonantis gnata, solae Hiantiae
Virgines, solae cliente Cypridos, te haud deserunt
Mortuum; sui ast amoris, ast honoris pristini
Testimonium inclitum Hebes collocarunt atriis;
Heic ubi inter Eruditos lucefulg ebis bona,
Quam diu exercebit Aula pristinam histrionicam.
IANUS GRUTERUS IC. et Profess. Heidelberg.

EPITAPHIUM
Clarus IOANNES WOWERUS conditus urna hac
Ingenii claris doctibus ecce iacet.
Et qui illustris IOANNIS consultor ADOLPHI
PRINCIPIS eloquia, consilioque fuit.
Cuius in illius Scriptis monumenta supersunt
Viva, cui debent mundus et aula decus
I. ARCERIUS.
SCRIPTA
C. Sidonii apollinaris Opera cum notis: Paris. 1598. et Hanoviae 1617. in 8.
Petronius Arbiter cum notis: ibid. in 8. 1629. et Helenop. 1610. in 8.
Notae Epidicticae in Q. Septimi Tertulliani Opera. Francof. 1603. 1612. in 8.
Iulius Firmicus de errore profanarum Religionum, cum notis: ibid. 1603. in 8.
De Polymathia tractatio: Hamburgi 1604. in 4. Lips 1665. in 8. conf. de hocce scripto celeberrimos Viros, Thomasium, de Plagio literario §. 593. 594. et Placcium in Catalogo Pseudonymorum §. 893.
Apuleii Opera emendata et aucta: Francof. 1605. in 12.
De cognitione veterum novi orbis: ibidem in 8.
Dies aestiva, sive de Umbra paegnion: Francof. 1610. in 8. Oxon 1636. in 12.
Panegyricus Christiano IV. Daniae Regi dictus cum Maiestati eius Senatus Populusque Hamburgensis Homagium praestaret: Hamb 1613. in 8.
Syntagma de Graeca et. Latina bibliorum interpretatione, edente Geverh. Elmenhorstio: ibid. 1618. in 8. et una cum Briani Waltonis dissertatione de linguis Orientalibus: Oaventriae 1658. in 12.
Epistolarum. Centuriae. duae: Hamb 1619. in 8.
Marci Minutii Felicis Octavius, Caecilius Cyprianus de Idolorum Vanitare, et Iulius Firmicus de profana ac vera Religione, cum notis: Lugd. Bat. 1645 in 12".

































Così vicino al Minozzi il curioso Angelico Aprosio non poteva non raccogliere qualche esemplare poetico della produzione ancor più bizzarra dell'enigmatico poeta friulano
Ludovico Leporeo.
Nel fondo antico della Biblioteca intemelia non a caso tuttora si custodiscono del Leporeo due opere:
1 - "Centena distica, dactylica, hexametrica, rithmica, alphabetica, vocalia, consonantialia, similaria. Leporeamba Luduvico Leporeo inventore Latiis liceis dicata", Romae : typis Dominici Manelphis, 1652. - [1], 8 ; 4°
2 - "Encomium romanum pamphilicum hexametricum, distichum, dactylicum, rhitmicum similare. Ludovico Leporeo inventore, Innocentio decimo Pontefice optimo maximo sedente. Anno pontificatus octavo", Romae : typis Jacobi Phaei, 1652. - [3] c. ; 4°. (Frontespizio illustrato )
Si tratta solo di una parte della vasta
produzione del Leporeo.
E' forse meno noto che di questo autore, indubbiamente complesse e fuori dei paradigmi istituzionali dell'accademismo, Aprosio si sia valso in un
passo
della "Grillaia", utilizzando espressioni lusinghiere: laddove invece nulla in merito si legge nel più tardo repertorio biblioteconomico forse sulla scia di quella dispersione dell'effimera fama del Leporeo destinata ad estinguersi celermente dopo la sua morte.
Ecco qui di seguito l'elenco delle opere del Leporeo al momento individuate, nelle altre biblioteche italiane, sulla nase delle investigazioni portate innanzi per la compilazione del "Sistema Bibliotecario Nazionale":
Leporeo, Lodovico," Museo aristoteleo di Lodouico Leporeo all'ill.mo sig.re il sig.r Giouanni Castelletto ...", In Roma : appresso Pietro Saluione, 1628 - 106, 2 p. ; 4° - Segn.: \A!4B-N4O" - Front. calcogr. - Impronta - cec- o.e, a,e, DiPe (7) 1628 (A) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma
Leporeo, Lodovico," Villa Borghese di Lodouico Leporeo. All'illustriss. & reuerendiss. signore cardinale padrone ", (In Roma : nella stamparia della R. Camera Apostolica, 1628) - 12 c. ; 8° - Segn.: A\1" - Impronta - a.a; e.de o.o, L'Po (C) 1628 (R) - Localizzazioni: Biblioteca statale del Monumento nazionale di Montecassino - Cassino - FR - Biblioteca civica di storia dell'arte Luigi Poletti - Modena - Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma
Horatius Flaccus, Quintus," Arte poetica di Q. Horatio Flacco tradotta da Lodouico Leporeo dedicata al molto illustre signore il sig. Vincenzo Costaguta ", - In Roma : per Francesco Corbelletti, 1630 - 24 p. ; 8o - Marca (Aquila con saette tra gli artigli: "Amica numinis et luminis") - Segn.: A\1" - Impronta - i-he o,a; e.ro PeDa (3) 1630 (R) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma
Leporeo, Lodovico," Decadario trimetro di Lodouico Leporeo dedicato al molto ill.re sig. Gregorio Amiani", In Roma : appresso Francesco Corbelletti - 67, 1 p. ; 8o - Data della pref.: 1634 - Segn.: A-C8D\10 - Front. calcogr. - Impronta - i-uo i.uo a.ua ChOn (3) 1634 (Q) - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma
Leporeo, Lodovico," Centuria di Lepore ambi alfabetici, lirici, satirici, faceti, decasillabi, duodecasillabi, tredecasillabi, vnisoni, trisoni, quadrisoni, cinquisoni, sestisoni, canzonieri, equidistanti, trimembri, similitudinarij, irrepetiti di Ludouico Leporeo al molt'illustre sig. il signor Girolamo Desiderii ", In Bologna : per Carlo Zenero, 1652 - 109,[3] p. ; 16 - ult. c. bianca - Segn.: A-G8 - Impronta - l'i- a?a, o.co VoSc (3) 1652 (R) - Localizzazioni: Biblioteca universitaria di Bologna
Leporeo, Lodovico," Raccolta di ingegnose, vaghe, e varie compositioni del signor Ludouico Leporeo di nuouo ristampate, e ricorrette, e cauate da manoscrirti \|!, e date in luce da Gioseppe San-Germano Coruo libraro a Pasquino. Per frutto, e diletto de' Virtuosi. Dedicate all'illustrissimo signore Giouanni Michele Torre ", In Roma : a spese di Giuseppe San-Germano Coruo, 1698 - 8, 124, 56, 40, 32 p. ; 4o - Tit. dell'occhietto: Poesie del signor Ludouico Leporeo - Seguono con proprio occhietto rispettivamente alle c. a1 e "A1: "Leporeambi nominali di Lodouico Leporeo alle dame et accademie italiane" e "Duoedecadario bisdecadario, tredecadario, endecasillabo, duodecasillabo, distico, alternante, ... leporeambo trisono irripetito" - Segn.: p4A-O4P6a-g4,"a-d4f4,"A-D4 - Impronta - a-on o.io i.i, ChEs (3) 1698 (R) - [Variante del titolo] "Poesie del signor Ludouico Leporeo" - [Variante del titolo] "Leporeambi nominali di Lodouico Leporeo alle dame et accademie italiane" - [Variante del titolo] "Duodecadario bisdecadario, tredecadario, endecasillabo, duodecasillabo, distico, ... leporeambo trisono irripetito di Ludouico Leporeo" - Localizzazioni: Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma - Biblioteca statale Antonio Baldini - Roma
Leporeo, Lodovico," Centuria di Leporeambi alfabetici, lirici, satirici, faceti, decasillabi, endecasillabi, duodecasillabi, tredecasillabi ... similitudinarij, irrepetiti. Di Lodouico Leporeo ... ", In Bologna : Per Carlo Zenero, 1652 - 109 [i.e. 91], [1] p. ; 16 - Segn.: A-E8 G6 - Impronta - eli- a?a, o.co VoSc (3) 1652 (R) - Localizzazioni: Biblioteca Estense Universitaria - Modena
Leporeo, Lodovico," Centuria di Leporeambi alfabetici, lirici, satirici faceti, decasillabi, endecasillabi, duodecasillabi, tredecasillabi, vnioni, trifoni, quadrifoni, cinquifoni, sestioni, canzonieri, equidistanti, trimembri, similitudinarij, irripetiti. Di Lodouico Leporeo ... ", In Roma : appresso l'herede del Grignani, 1651 - 104 p. ; 16o - Segn.: A-F8 G4 - Front. entro cornice xil - Impronta - dili o.i, a.a, DeFr (3) 1651 (R) - Localizzazioni: RM0280 - Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma Codice identificativo: IT\ICCU\RMLE\028995
Leporeo, Lodovico," Leporeambi nominali. Di Ludouico Leporeo. Alle dame & academie italiane", In Bracciano : per Andrea Fei stampatore ducale, 1641 - 110, 2 p. ; 4° - Segn.: [A!-O4 - Front. in cornice xil. - Impronta - o,li o.o; e.se NoEd (3) 1641 (R) - Localizzazioni: Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma
Leporeo, Lodovico,"Leporeambi nominali di Lodouico Leporeo alle dame et alle Accademie italiane", Pubblicazione: , [17. sec.] - 56 ; 40 ; 32 p. ; 4 - 3 pt. ciascuna con propria pag. e segn - pt. 3 con proprio front. - Segn.: a-g4; a-f4; A-D4 - Impronta - i.it i.it o.to SoCo (3) 0000 (Q) - Localizzazioni: Biblioteca universitaria di Bologna
Leporeo, Lodovico," Fascio primo di varie compositioni del signor Ludouico Leporeo con l'aggiunta alle gia' stampate d'altre cauate da manoscritti, raccolte, e date in luce da Giuseppe Coruo ... ", In Roma : ad istanza di Giuseppe Coruo Libraro : appresso Gio. Battista Bussotti, 1682 - [8], 124, 56, 40, 32 p. ; 4o - Fregio xil. sul front - Tit. dell'occhietto: "Poesie del signor Ludouico Leporeo" - Iniziano con proprio occhietto rispettivamente alle c.a1 e 2/A1: "Leporeambi nominali di Lodouico Leporeo alle dame et accademie italiane" e "Duodecadario bisdecadario, tredecadario, endecasillabo, ... di Ludouico Leporeo - Segn.: [pi greco]4 A-O4 P6 a-g4, 2/a-f4, 2/A-D4 - Iniz. xil. - Impronta - neon o.io i.i, ChEs (3) 1682 (R) - [Variante del titolo] "Poesie del signor Ludouico Leporeo" - [Variante del titolo] "Leporeambi nominali di Lodouico Leporeo alle dame et accademie italiane" - [Variante del titolo] "Duodecadario bisdecadario, tredecadario, endecasillabo, duodecasillabo, distico, ... leporeambo trisono irripetito di Ludouico Leporeo" - Localizzazioni: Biblioteca nazionale Sagarriga Visconti-Volpi - Bari - Biblioteca Estense Universitaria - Modena - Biblioteca comunale Paroniana - Rieti - Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II - Roma























Martin Becan (più diffusamente col nome latinizzato di "Martinus Becanus"), di cui Aprosio parla a p. 249 della sua "Bibliotheca Aprosiana") fu controversista ben noto con altri illustri autori: il Becanus nato a Hilvarenbeck, nel Brabante, Olanda, il 6 gennaio, 1563 si spense carico di gloria a Vienna, il 24 gennaio, 1624. Entrò nella Compagnia dei Gesuiti il 22 marzo 1583, insegnò teologia per ventidue anni a Wuerzburg, Mainz e Vienna e fu confessore dell'imperatore Ferdinando II dal 1620 fino al periodo della sua morte. Fu autore di importanti scritti polemistici principalmente avverso Calvino, Lutero e gli Anabattisti: l'essenza del suo pensiero fu concentrata nel volume "Manuale Controversarium" di cui furono fatte ripetute ristampe (ancora nel XVIII secolo come quella proposta in questa immagine). In tale lavoro egli difese il sacramento dell' Eucarestia ed il principio dell' infallibilità della Chiesa: tuttavia merita di esser qui riproposto in originale dal testo menzionato quanto l'autore scrisse -e che certamente fu noto ad Aprosio- in merito a possibili casi di
Tolleranza da parte dei Principi Cattolici verso gli Eretici nei loro Domini
ed ancora di
Tolleranza da parte dei Principi Cattolici verso i Giudei nei loro Domini .
Sul personaggio vedi Sommervogel, "Bibliothèque de la Compagnie il de Jésus" (I, colonna 1091-1111). Il suo lavoro teologico principale fu la "Summa Theologiae Scholasticae" (4 volumi in quarto, Mainz, 1612) ma qui di seguito per completezza di informazione si elencano tutte le opere del Becan rinvenute nelle biblioteche italiane:
Becanus, Martinus ," Opuscula theologica R.P. Martini Becani Societatis Iesu ... Aliquot tractatibus posthumis aucta & duobus tomis comprehensa. Cum indicibus opusculorum, capitum quaestionum, & materiarum locupletissimis", Parisiis: Guillemot, Mathieu veuve & Guillemot, Mathieu <2.>, 1633
Becanus, Martinus," Compendium manualis controuersiarum huius temporis, de fide ac religione R.P.Martini Becani Societatis Iesu theologi. Ab eodem authore depromptum opus utilissimum", Lione", 1673
Becanus, Martinus," R.P. Martini Becani Societatis Iesu Theologi ... Theologiae Scholasticae, Pars Secunda, In duos Tomos distincta ..", Milano", 1617
"1.: Tomus Prior, Ad Perillustrem, ac Reuerendiss. P.P. Ioannem Mariam Florenum ..", 1617
Becanus, Martinus ," R.P. Martini Becani Societatis Iesu theologi in archiepiscopali Academia Moguntina olim professoris, Theologiae scholasticae ...", Parisiis
"2.3", Parisiis
Becanus, Martinus," Opuscula theologica R.P. Martini Becani ... Cum nouis indicibus opusculorum capitum, quaestionum, et materiarum locupletissimis", Parisiis: Petit-Pas, Jean, 1642
Becanus, Martinus," Rev. patris Martini Becani e Societate Jesu Theologia dogmatica sive manuale controversiarum in VI. libros distributum quibus controversiae de fide breviter dilucidantur", Colonia
Becanus, Martinus ," Compendium manualis controuersiarum huius temporis, de fide, ac religione., r.p. Martini Becani, Societatis Jesu theologi, ab eodem authore depromptum ...", Lugduni: Certe, Jean, 1673
Becanus, Martinus ," r.p. Martini Becani Societatis Iesu theologi, Thelogiae scholasticae", Parisiis
Becanus, Martinus ," R.P. Martini Becani Societatis Iesu theologi in archiepiscopali Academia Moguntina olim professoris, Theologiae scholasticae ...", Parisiis
"3.2", Parisiis", 1629
Becanus, Martinus," R.P. Martini Becani Societatis Iesu theologiae manuale controversiarum huius temporis in quinque libros distributum ...", Coloniae Agrippinae", 1660
Becanus, Martinus," Opuscula theologica R.P. Martini Becani Societatis Iesu theologi doctissimi ... Aliquot tractatibus posthumis aucta & duobus tomis comprehensa. Cum indicibus opusculorum, capitum, quaestionum, & materiarum locupletissimi. Pars prior", Parisiis: Petit-Pas, Jean, 1633
Becanus, Martinus ,"Compendium manualis controuersiarum huius temporis de fide, ac religione. Authore Martino Becano Societ. Iesu theologo", Venetiis: Baglioni, Paolo, 1643
Becanus, Martinus ," Opuscula theologica R.P. Martini Becani Societatis Iesu theologi doctissimi, in Academia Moguntina professoris ordinarij. Cum nouis indicibus opusculorum ... locupletissimis", Parisiis: Guillemot, Mathieu, 1642
Becanus, Martinus ," Summae Theologiae scholasticae de Sacramentis tractatus 2. partis tertiae; r.p. Martini Becani Societatis Iesu ... Opus omnibus Theologis, Confessoribus, & iusdicentibus, tam in foro externo, quam interno, admodum vtile, & necessarium ...- Mediolani : apud haer. Pacifici Pontij, & Ioann. Bapt. Piccaleum, impressores archiepiscopales, 1630", Da Ponte, Pacifico erede & Piccaglia, Giovanni Battista
"2.2.1 : Partis secundae. Tomi posterioris. Tractatus primus : de fide, spe, et charitate", Parisiis", 1620
Becanus, Martinus ," Compendium manualis controuersiarum huius temporis, De fide, ac religione. R.P. Martini Becani, Societatis Iesu theologi ab eodem authore depromptum. Opus vtilissimum, quo resectis ambagibus, veritas catholica perspicue proponitur; & aduersaria falsitas nitide, ac valide euertitur", Lugduni: Pillehotte, Petrus, 1636
Becanus, Martinus ," Summa theologiae scholasticae, r.p. Martini Becani societatis Issu... Pars secunda. Tomi posterioris tractatus primus. De fide, spe, & charitate. Cum indice quaestionum & rerum locupletissimo", Lugduni: Pillehotte, Antoine, 1621
Becanus, Martinus ," Summa theologiae scholasticae r.p. Martini Becani, Societatis Iesu. Pars secunda. Tomi posterioris tractatus primus: de fide, spe, & charitate. Cum indice quaestionum & rerum locupletissimo", Perisiis: Jost, Jean, 1631
Becanus, Martinus ," R.P. Martini Becani Societatis Iesu theologi Theologiae scholasticae", Parisiis
Becanus, Martinus ," Epistola Martini Becani Societas Iesu theologi ad D. Dauidem Pareum theologum Heidelbergensem. De actis colloquiorum Suualbacensium, & de fide haereticis seruanda", Moguntiae: Albin, Johann, 1619
Becanus, Martinus ,"Analogia veteris ac noui Testamenti in qua primum status veteris, deinde consensus, proportio, & conspiratio illius cum novo explicatur opus Rev. patris Martini Becani ...", Venetiis: Pavini, Alvise, 1710
Becanus, Martinus ,"Summa theologica R. P. Martini Becani Societatis Iesu theologi ... Tractatu posthumo de Iustitia ac Iure aucta ac locupletata", Parisiis : Sumptibus Ioannis Iost, via Iacobaea, sub signo sancti Spiritus, 1634", Jost, Jean
"3.1", Parisiis", 1622
Becanus, Martinus ,"Duellum Martini Becani, Societatis Iesu theologi, cum Guilielmo Tooker, Anglicanae theologiae professore, & decano Ecclesiae Lichefeldensis. De Primatu regis Angliae", Moguntiae: Albin, Johann, 1612























Un giorno un apprezzato Accademico che però nulla o quasi sapeva dell'Aprosio dimensionandone la portata ridusse alla realizzazione della Biblioteca Intemelia la sua portata: ciò, cui il menzionato personaggio giunse non sapendo in fondo altro che dire, è vero ma solo se si coniuga la Biblioteca coi repertori aprosiani, quelli editi ed inediti, e si accetta il principio, già enunciato seppur con minor veemenza polemica della mia da una delle più accreditate studiose di Aprosio cioè ANTONIETTA IDA FONTANA attuale direttrice della BIBLIOTECA NAZIONALE DI FIRENZE, che se si sondasse realmente l'Aprosio edito ed inedito in un "lavoro -contro l'uso corrente e modaiolo- non fatto di tanti fumosi convegni e milioni di parole al vento ma di tante letture e di altrettanta faticosa operosità" la visione italiana e non del barocco potrebbe dover esser rivista, specie in rapporto alla letteratura dei minori che è poi strettamente intersecata, in totale sinergia, con quella dei grandi.























Giovanni Bardi Conte di Vernio (Firenze 1534 - Roma 1612) e menzionato da Aprosio nella Sferza Poetica a p. 17, per ragioni squisitamente letterarie, oltre che squisito studioso del costume fiorentino come nel caso del "giuoco del calcio antico" fu promotore dal 1579 al 1592 della Camerata che porta il suo nome e sensibile teorizzatore delle istanze del nuovo stile monodico, fu in stretti rapporti di stima e amicizia con Giulio Caccini, cui indirizzò un celebre ‘Discorso [...] sopra la musica antica e ‘l cantar bene’. L’interesse di Bardi si rivolgeva soprattutto ad un ideale di poesia cantata, nel quale il canto si conformasse a tutti i valori poetici, piuttosto che a musiche strumentali o a musiche che trattassero anche le voci come strumenti, i più duttili e perfetti. Di qui l’ammirazione di Bardi per Dante, cui il dono dell’ispirazione poetica aveva concesso di essere interprete delle armonie universali; e si spiega così la scelta di un canto dell’Inferno fatta da Vincenzo Galilei in uno dei due tentativi nei quali egli cercò di applicare alla musica sacra (le ‘Lamentazioni’ di Geremia) e alla non sacra (il ‘Canto del Conte Ugolino’) le sue idee di riforma musicale.
Sulla fine del XVI secolo a Firenze nasce il melodramma, come logica conclusione dell’importanza che è sempre stata data al rapporto fra musica e parola e del complesso lavoro teorico di un gruppo di uomini di cultura, musicisti e letterati, che si riunivano in una specie di circolo, noto sotto il nome di Camerata Musicale Fiorentina appunto presso il conte Giovanni Bardi di Vernio [e per questo detta meglio Camerata de' Bardi] fino al 1592 (quando questi si trasferì a Roma) e poi presso un altro mecenate fiorentino, Jacopo Corsi. Ricordiamo fra i più attivi: Vincenzo Galilei, teorico e musicista, padre di Galileo; Piero Strozzi, madrigalista; Giulio Caccini e Jacopo Peri, musicisti; Laura Guidiccioni, poetessa, e il suo amico Emilio de’ Cavalieri. Essi studiavano l’antica tragedia greca, che ritenevano interamente musicato, tentando di creare un’analoga forma teatrale, in un’unione totale di parole, musica e visione. Dopo varie esecuzioni all’interno del circolo, si giunse alla fondamentale rappresentazione dell’Euridice su testo di Ottavio Rinuccini, musicata da Jacopo Peri, il 6 ottobre 1600, in occasione delle nozze per procura di Maria de’ Medici (figlia del granduca Francesco I) con il re di Francia Enrico IV. Il successo fu enorme, decretato da un pubblico colto che assisteva per la prima volta, stupefatto, a un simile esperimento.
Opere di Giovanni Bardi riscontrate nell'SBN (un esemplare in CBA):
Bardi, Giovanni, Discorso sopra il giuoco del calcio fiorentino. Del Puro Accademico Alterato. Al sereniss. gran duca di Toscana suo signore, In Firenze, In Firenze: Giunta, Bernardo <1.> eredi, 1580 Bardi, Giovanni, Discorso sopra 'l giuoco del calcio fiorentino / del Puro accademico alterato, Modena, 1974
Bardi, Giovanni, Della imp. Villa Adriana e di altre sontuosissime gia adiacenti alla citta di Tivoli descrizione di Giovanni de' conti Bardi, antico accademico della Crusca, Firenze: Magheri, Giuseppe, 1825
Bardi, Giovanni, Discorso sopra il giuoco del calcio fiorentino del sig. Giouanni de Bardi de' Conti di Vernio nell'Accademia degli Alterati il Puro: da lui gia scritto al serenissimo D , Ed ora nuouamente stampato coll'Aggiunta de' Capitoli del medesimo giuoco: Capponi, Orazio, e dedicato al se
Bardi, Giovanni, Discorso sopra'l giuoco del calcio fiorentino. Del Puro Accademico Alterato, In Firenze: Giunta, Cosimo, 1615
Bardi, Giovanni, Ristretto delle grandeze di Roma al tempo della repub. e de gl'imperadori. Tratto con breue e distinto modo dal Lipsio e altri autori antichi. Dell'Incruscato Academico , In Roma: Bonfadino, BartolomeoRuffinelli, Giovanni Angelo, 1600
Bardi, Giovanni, Eorum quae vehuntur in aquis experimenta a Ioanne Bardio Florentino ad Archimedis trutinam examinata. 9. Kalend. Iul. anno Domini 1614, Romae: Zannetti, Bartolomeo, 1614
Bardi, Giovanni, Discorso sul calcio fiorentino d'onde si ha l'origine del calcio in generale / [Giovanni de' Bardi]. S'aggiungono in quest'impressione i capitoli e pianta del calcio di , Coltellini, Marco
Bardi, Giovanni, Discorso sopra il giuoco del calcio fiorentino del sig. Giouanni de Bardi de' conti di Vernio ... da lui gia scritto al Serenissimo gran duca Francesco. Ed ora nuouamen , In Firenze: Insegna della Stella , 1673