1579-80/ LA GRANDE MORTE NERA
(La peste nella Liguria di Ponente: contagi e pubblici rimedi)

INDICE

INDICE CRONOLOGICO Corrispondenza sull'epidemia di peste fra le autorità competenti

1579, 26 settembre, da Ventimiglia, dagli "Ufficiali di Sanità" al "Residente" di Bordighera
[Al cittadino residente alla Bordigheta] Magnifico Diletto nostro. Hieri comparse da noi M. Antonio Lantero a nome e vicenda delli consoli et università di cotesta villa della Bordighea a chiederne che si potesse sino a novo nostro ordine tenir tutte le porte di essa villa apperte per comodità delli vendemmiatori, con tenirli una guardia alle spese di essi di ditta città, essendosi parsa la ricchiesta honesta vogliamo che, le tenghino dette porte aperte con questo però che per manco spesa et disturbo di essi bordighati si metta uno delli quattro che stano alli confini a essa guardia della porta che sino a quì e stata serrata sino a nostro novo ordine, avertendo che non vogliamo che alcun forastiero s'introdduccesse salvo per quella porta che ordinarette voi, o vostri successori, e dove sta il guardiano deputato . . . Di Vintimiglia li 26 di Settembre 1579" ["Fondo Bono, Ms 1, c. 276 recto"]
Con questo comunicato certamente dirigistico ma di sicuro poco drammatico e coinvolgente gli Ufficiali di Sanità di Ventimiglia iniziarono, per quanto recuperabile, il loro carteggio relativamente all'epidemia di peste esplosa in Liguria nel biennio 1579-80.
Sul male e la sua propagazione si ebbero dati anche antitetici: la pestilenza, gia presente in vari focolai europei, comparve in Italia dapprima a Trento nel 1574, poi nel 1575 a Palermo e Messina ed ancora tra il 1576-7 in varie città del Settentrione per approdare in Liguria (Savignone) solo nel 1578.
Nel Genovesato esplose con particolare violenza tra il 1579 e il 1580 decimando la popolazione della capitale ed imperversò a più riprese, con brevi pause di latenza, sino al 4 novembre 1580: il Ponente Ligure, o meglio il Capitanato Intemelio non venne direttamente colpito e grazie alle precauzioni dell'Ufficio di Sanità ne rimase praticamente immune.
Tuttavia, per quanto riguarda dai dati archivistici, la giurisdizione di Ventimiglia risultò accerchiata dal grande male che da Albenga a Loano si era esteso a Ceriale ed oltre fino a Sanremo per poi comparire violentissimo nel Nizzardo e da questo scivolare subdolamente sino ai rastelli (rastrelli) dei Balzi Rossi.
L'Ufficio di Sanità e i suoi Magistrati zonali dirigevano un vasto sistema di controllo e contatti, tenuti per il mezzo di residenti che, anche nelle località più lontane potevano, su espresso ordine, far disporre dei blocchi, tenuti da guardie armate, appunto i rastelli, controllare i viaggiatori e le loro patenti o autorizzazioni della Sanità, inibire i traffici e bloccare gli scali commerciali.
Ogni precauzione possibile era dettata dagli effetti devastanti di un male di alta mortalità con dolori e patimenti di vario-tipo, vistosamente e terribilmente manifesti nell'esteriorita di una febbre altissima associata a convulsioni e di orribili rigonfiamenti o bubboni sparsi per il corpo: si vocifero che in Genova l'avesse portata, con una borsa piena di panni infetti, un misterioso viaggiatore o che ne fossero stati responsabili gli Spagnoli, reduci dalla Sicilia con Don Giovanni d'Austria, sbarcati a Voltri e con destinazione Milano attraverso la Valle Polcevera (naturalmente la letteratura medica del tempo non rifuggi dalle superstiziose astrazioni teoriche delle perniciose combinazioni astrali, dei venti pestilenziali sino all'abnormità concettuale degli untori che la penna manzoniana riesumò, dalle paure ancestrali degli uomini, in pagine celeberrime per la pestilenza milanese nel 1629-30).
Non fa meraviglia che il primo inter locutore degli Ufficiali intemeli di Sanità fosse il loro residente a Bordighera, che per essere villa marinaresca e approdo per diverse imbarcazioni era sicuramente la piu esposta ad accogliere visitatori infetti.
Tra l'inverno del 1579 e l'estate del 1580 il blocco quasi totale dei contatti con l'esterno, e tra gli stessi luoghi del Capitanato, fini col creare gravi stati di tensione per l'assenza di informazioni o per l'esagerazione di dati in qualche modo pervenuti,;grazie a messi non sempre oggettivi seppur forniti di lecite patenti di viaggio.
Ventimiglia città era in contatto costante coi Signori di Monaco e del Marchesato di Dolceacqua oltre che col Commissario di Sanità di Sanremo ma, spesso, le reciproche informazioni non parvero esaurienti e si fini coll'autoisolarsi all'interno dei reciproci borghi guardati, come in occasione di un assedio, da militi di stanza a porte d'accesso ben determinate.
Egualmente le ville intemelie divennero dei fortilizi, sicuramente inaccessibili per i numerosi sbandati, ma al pari si trasformarono in gigantesche prigioni-lazzareto per i residenti che vi languivano privi di rifornimenti opportuni ed anche timorosi di conservare le antiche attivita. Tale or ganismo profilattico, riesumato anche per la pestilenza del XVII secolo e quasi teorizzato da Matteo Vinzoni quale meccanismo militare prima che sanitario, rese certo immune dal contagio il Capitanato intemelio ma non lo salvaguardo dal degrado, economico-demografico ed urbanistico, dovuto all'abbandono di tante attività ed in parte anche alle spese straordinarie, che suscitarono reiterate la gnanze specie dei'villici cioè dei piu poveri, per mantenerlo efficiente e stipendiare i tanti funzionari e dipendenti dell'Ufficio di Sanità.
[Al Commissario in Camporosso]
Magistrato diletto nostro per qualche rispetto che ci ha movuto e move ci è par so ordinarvi, e cosi vi ordiniamo che non dobiate de qui in anzi sino annovo ordine nostro lassar passare alcuno che venessi diverso le castella dell'Ill.mo Signor di Dolc'acqua né con bolletta né senza, e cosi doverete osservare sino a tanto che si vi dia altro ordine in contrario ... [Gli Ufficiali di Sanità] di Vintimiglia li 9 di ottobre 1579]
Il motivo di questa proibizione di transito nel territorio intemelio dipese da una confusa relazione dell'agente di Vallebo na che avrebbe appreso di un caso mortale ad Apricale.
Per questo gli Ufficiali di Sanità di Ventimiglia chiesero delucidazioni ai Doria di Dolceacqua:
Ill.mo Signore Signor osservantissimo
/ In questo punto che sono hore 24 Incirca ci vien scritto d 'un caso che si dice seguito in vrigale dal nostro agente ina valebona, habbiam tutto subito pensato ragguarvene Vostra Signoria Illustrissima con mandarle copie della lettera ... pregandola a farcine intender il proprio, e senza piu le preghiamo longa e felicissima vita. Di Ventimiglia li 9 di Ottobre 1579
[Ufficiali di Sanità]
Si era già propagato, in funzione degli accadimenti della pestilenza, il sospetto degli untori e se a Genova tre forestieri per tale accusa erano stati arrestati e torturati ma finalmente riconosciuti innocenti, il Duca di Savoja non esitava a procedere ad esecuzioni sommarie.
Quel tizio di Apricale, secondo Girolamo Rossi veniva da Ceriana, sospetto di peste, si era alloggiato ad Apricale, poi con la forza era stato portato a Bajardo e da qui respinto ad Apricale ancora, dove venne giustiziato a furor di popolo: S. V. p. 201) : qualche sospetto cadde persino sul medico Giovanni Lorenzo che venne fermato nella villa di Bordighera e solo dopo un periodo di forzata quarantena venne rilasciato; il fatto di venire da Loano ed Albenga, colpite dalla peste, lo aveva trasformato in un pericoloso sospetto.
[Al Commissario di Sanremo]
Si hebbe l'amorevolissima sua de 6 del presente in risposta della nostra del medemo giorno toccanti il fatto di ... Gio Lorenzo medico venuto ad albenga. In risposta de qual sua non occorre dirle altro salvo che sin qui si sono rittenuti e si rittengono il medesimo Medico e suo suocero con la cominciata guardia e che pure servirA, per dir a V.S. molto ill. e pregiatissima che desideressimo intendere se del loco di loan si e poi inteso che sia seguito altro, poiché quando non si intenda che sia seguito cosa alcuna essendo venuto detto medico da albenga con sua bolletta giustificata di dove come consta per sua certificatione fatta et de forza nelli atti del notario et Cancellario nostro non s'era partito dalla mattina di Settembre in qua et assicurandosi per esser quel bon cittadino et persona che e et che ha de parenti frattelli e sorelle, nipoti e altri in questa città che quando vi fussi malati alcuni non direbbe una cosa per un' altra, e massime con giuramento, desOo dico non tener più dessi dui cittadini guardati con tener loro (e plenar anche ogni ansieta a vicini nostri) in scomodita e di loro famiglie, e perciò la preghiamo che resti servita se ha di detto loco di loan sentito altro a parteciparcene ... [Fondo Bono Ms 1, c. 279-80, data del 9 ottobre 1579 - Gio Lorenzo Medico cittadino quale sta sallariato da qualche mese in qua in detta città (di Albenga), e vene con sua moglie et robe con una boletta di detta città ..., i marinai della nave che lo portò confessarono che a Loano v'erano stati casi di peste e il medico fu sottoposto col suocero, il 6 ottobre 1579, a quarantena per esser stato tre settimane prima a Loano e in una villa di Albenga detta il poggio dove vi era stato un morto sospetto di peste, Ibidem c. 279].
Diletti nostri sono comparsi questa mattina ... Georgio traitello e ... Battista Balauco bandioti della bordigheta, vervone ... esser venuti li bestiami per carricar essi bandite con loro pecorari . . . Inteso esser sopra la bandita della bordigheta duo o tre giorni sono incirca, ci e parso doverli compiacere e percio doveretteno mancar introdurli sopra dette bandite e per maggior cautella havendo loro cani per guardia farete che o vero li amazzino o vero li mandino indietro a case loro per intendendo che debbano trattenerli ei li provvederette sino a nostro ordine di doe guardle a loro Spese accio non habbino a conversar con alcuno ... di Ventimiglia li 19 di Dicembre 1579 [Ufficiali di Sanità - al Delegato di Bordighera - Fondo Bono, Ms 1, c. 291 recto - estremamente danneggiato]
Il rescritto si comprende leggendo di seguito (senza data): (al Commissario di S. Remo? - gli stessi) ... intendiamo che alcuni di mendagia (Mendatica) sono andati et condotti li loro bestiami sopra il paese di Ceriana et in parte infetta, et che quei di ceriana non hanno voluto più lassarli veniresino ad ordine di V.S. Molto Magnifica e pregiatissima e perché doveano venir sopra nostro territorio qualch 'uni di mendaigo con loro bestiami per pascer herbaggi di bandite compre da la comunita predetta che erano qui gionti prima d'havutole nuova da detto Illustrissimo Signore qual pero bestiami et homini si ricettarono et se li fece la guardia poiché non si assicurarno del loro viaggio, dubitando poi di ditta nuova che non possano esser li medemi che andorno sopra dito territorio di ceriana ci è parso pregar con la presente V.S. molto magnifica e pregiatissima ... se sa qualche cosa dei suddeti bestiami a farcelo intendere, e se piu sopradeto paese fussero trattenuti secondo da detto Illustrissimo Signore (di Dolceacqua) ci è fatto intendere acciò che quando questi fossero lì medemi possiamo per bono ispediente trattenerli molto ben custoditi e restretti e quando il contrario non si li dia piu scomodo di quello che il tutto importi (il 25 Dicembre dell'anno si notificò che si trattava di un falso allarme: ma si registravano casi mortali al Poggio di Sanremo e a Taggia).
In genere fu, come accennato, il delegato della Sanità di Bordighera a ricevere maggiori notificazioni, un po' perché era l'unica villa prettamente marinara, un po' perché la più vicina a Sanremo e Taggia dove si vociferava di stragi pestilenziali e un po' perché i Bordigotti non erano alieni, pur di continuare le proprie attivita, a correre qualche rischio di troppo.
In effetti Bordighera costituiva un attracco più facile della sorvegliatissima Ventimiglia e gli Ufficiali di Sanita di questa scrissero a tal proposito al Commissario di Sanremo (7-1-1580, Ibidem, c. 301): . . . pare che tutti gli huomini che vengono alla bordigheta, che pur ne vengono molti e per terra e per mare per quanto ci vien scritto dall'agente nostro in quel loco habbino preso e prendano piu sicurta anzi usino piu insolenza di quello che il dovere importa .....
Si imputava, di seguito ai Bordigotti di fare troppa conversazione coi forestieri e di sottovalutare la pericolosità di un morbo che mieteva per tutta la Liguria e la Provenza (a Genova le vittime si sarebbero alla fine contate a migliaia e che per ora pareva risparmiare il ventimigliese.
In particolare si temevano le iniziative arroganti di un capitano di nave bordigotto di cui agli Ufficiali intemeli era molto spiaciuta la sua insolentia, e quando (il Commissario) si preghi sapere chi è, che non possiamo essendovine almeno tre nominati restano In quel loco barcaroli, e de' quali doi ne sono andati per Riviere et genoa, uno de' quali ancor vi è che s'aspetta se li darebbe a tutto parer nostro quel castigo qui meriterebbe il suo mal procedere ....
In poche parole i Bordigotti, un po' corsari e tanto commercianti, non si tiravano indietro di fronte al pericolo: e proprio mentre un morto di peste alle arene di Mentone e quattro sospetti di infezione fermati dalle guardie ai Balzi Rossi stavano seminando il panico tra gli Ufficiali (31-XII-1579), Ibidem, c. 299-300 recto-verso).
D'altronde l'isolamento in cui, ai tempi della grande peste, si trovavano le ville e la città, in pratica senza contatti se non per il tramite di messi patentati, aveva penalizzato enormemente Bordighera, più delle altre ville, perchè marinara e quindi bisognosa di contatti commerciali, ed infatti al Commissario di Sanità gli Ufficiali intemeli scrissero il 1 novembre del 1579: Magistrato diletto nostro/ Perché intendiamo che costì alla Bordigheta vi siano qualche maladi che per esser poveri mancano di chiamar il medico per non poter spendere perciò sarete contento far domandar li consoli ei imponerli che vadino atorno visitando li malatti e che li facino intendere che domandino il medico poiché esso é salariato ... (Ibidem, c. 289).
Miseria e mancanza di un medico residente e anche l'ignoranza avevano reso i Bordigotti disposti a tutto, sicuramente esacerbati contro una Ventimiglia che sentivano lontana e forse a torto indifferente.
Gli Ufficiali intemeli si mostrarono nelle ville, per quanto è recuperabile, solo il 15 Gennaio 1580 onde esaminare personalmente la situazione (come da lettera al Marchese di Dolceacqua, Ibidem, c. 302-3).
Nel frattempo gli Ufficiali della Sanità del Capitanato di Ventimiglia si sentivano sollevati perché, come risulta da una lettera al Signore di Monaco, (Ibidem, c. 303, stessa data in Fondo Bono, ms. 1 in Aprosiana ) avevano i contatti con Genova: . . . arrivò hieri qui Agostino sperone venuto da Genova partito di la alli 12 dal quale havemo inteso che le cose della mala sanita di detta città s'andava no raffrenando . . . .
Dello stesso tenore ma più estesa l'informazione per i Doria di Dolceacqua: ... noi le facciamo sapere come heire giunse a buon salvamento qua Agostino sperone et insieme la barca di Stefano rainero con un'altra barca di Sestri carica di grano . . . (Ibidem, stessa data, c. 302 verso).
Era però già arrivata da Genova un'altra barca: ... capitò sopra questa nostra piaggia domenica passata con un suo Leudo patron bartomelino verde di San Pier d 'A rena venuto da detto luoco dal quale et fico nostro capitano havemo inteso che a bocca et per lettere scritte dal magnifico Luca Grimaldi il bianchino al magni le cose della mala sanitA di Genova s'andavano quietando scrivendo detto Luca una sua di 6 che il giorno avanti et la notte appresso non erano morti piu di 14 persone dentro la città ... (Ibidem, 14-1-1580, c. 302).
Le notizie su Genova saranno spesso controverse, ma quello che qui interessa e l'operato di Agostino Sperone e Stefano Rainero.
Secondo il Lanteri (Discorso storico cit. cap. IV, ripreso dal Rossi (S. V., p. 202) si sarebbe trattato di un'operazione unilaterale di pura assistenza di Ventimiglia per l'infetta Genova, mentre la logica (anche per il fatto che gli Ufficiali Intemeli nella loro corrispondenza parevano troppo ansiosi per quella spedizione) lascia intravedere l'ipotesi di un soccorso maturato per la necessità di procurarsi il grano ormai carente in tutto il territorio intemelio (come da corrispondenza in Fondo Bono, Ms. 1, c. 276-321 passim).
Ed infatti il donativo intemelio fu di prodotti locali, senza cenno alle granaglie che il Capitanato non produceva a sufficienza e di cui era debitore ad altri siti del Dominio. Si legga comunque quanto'scrisse Gerolamo Lanteri (Ibidem) e si riconoscerà, pur nella tortuosità delle espressioni, che la missione di Agostino Sperone valse anche da contatto con Genova, tanto odiata un tempo quanto ora agognata, e che il bordigotto patron Rainero, non si sa perché taciuto dal Rossi, fu il vero condottiero della spedizione, probabilmente scelto per la perizia e forse destinato a riportare a Ventimiglia non solo lo Sperone ma anche qualche favore di Genova, tenendosi bene affiancata una nave di Sestri carica di grano: ... Nel 1579 essendo nella città di Genova successa la peste, il Parlamento di Ventimiglia ordinò di mandare un presente alla Signoria Illustrissima qual non fosse di meno valore di scutti 300, e percio si ellessero sei ufficiali della città, e delle ville per dover mandare detto presente, e fu elletto Sindaco il Magnifico Agostino Sperone per doverlo portare e furono:
Barili 150 di ficchi belli
Barili 20 di Damaschine
Barili 30 di Moscatello
Cipolle 2500
Agli Teste num. 150
Undici sacchi di amandorle
e Spicco
con una lettera del tenore seguente
"Eccellentissimi ed Illustrissimi Signori Padroni Collendissimi Se per offrirstici pronti a sopportar qualsivoglia martirio fossimo stati in parte a mitigare lo sdegno Divino, accio la città e suo dominio restasse libero, dal male contagioso non e dubbio nessuno, conforme a quanto siamo tenuti, che paterissimo con li effetti stessi ogni pena, e tormento, come con l'avviso sentimo cruccio e dispiacere grandissimo non mancando noi continuamente di pregar Nostro Signore Iddio a divertir l 'ira sua da noi facendo cessare queste male influenze, e per mostrare e fare in parte conoscere di questo nostro comune a Vostre Signorie Illustrissime l 'afflizione dell'animo suo e del dispiacere che patisce continuamente del male che siegue in questa cittd, non avendo altro mezzo di farle maggior dimostrazione, ci è parso bene inviarle qualche rinfrescamenti che nascono in queste nostre parti, e secondo le poche facoltà sue, e per tale effetto esso Comune ha deputato noi infrascritti Offiziali per la provigione d'essi al che avendo provisto per quanto a noi e stato possibile rispetto alla sterilità del paese avemo detti rinfrescamenti tali e quali sono caricati sopra la barca di Patrone Stefano Rainero della Bordighera, per inviarle a Vostre Signorie Illustrissime, li quali sebbene saranno pochi, e di niun concetto appo di quelli, si degneranno con nulla manco colla loro solita generosità accettarli e con essi per compi mento la buona disposizione di detto commune facendosi scudo di quelle belle parole, A GRAN SIGNORE Picciol PRESENTE BASTA.
Potranno dunque ordinare che sijno ricuperati da detto Patrone conforme a quanto vederanno denotato cosa per cosa nell'inclusa parcella, e baciando umilmente le mani di Vostre Signorie Illustrissime gli preghiamo ogni compita felicità. Di XXmiglia li 15 Dicembre 1579
Risposta
Alli Molto Magnifici Diletti nostri sindaci della città di Ventimiglia e Comunità Doge e Governatori della Republica di Genova / Non bisognava che ci mandasse cosa alcuna, per dimostrare il buon 'animo che cotesti cittadini, e tutti gli huomini del Contado hanno verso la Republica, perche prima d'ora eravamo certi della buona mente e della devozione di tutti loro, nondimeno cisono state carissime quelle frutta che ci avete mandato ricevute in conformitd della lista inclusa nelle Vostre Lettere perche nelle dette frutte mandate abbiamo conosciuto l'affezione e l'amorevolezza di tutti voi, della quale in ogni tempo, e occasione tenemmo quella grata memoria, che si convene siccome più largamente vi dirà il Nobile Agostino Sperone da voi mandato, il quale siccome con noi ha fatto l'offizio che si conviene a buono e amorevole cittadino, per noi e per questa città e Contado, cosi compierd in significare l 'animo nostro pronto a tutti li commodi, e favori che giustamente si potranno fare e percid a lui se ne rimettiamo. Genova li 8 Gennaro 1580 . . .
[con l 'appunto seriore, tali documenti ... si trovano nell'archivio della Comune ....
La peste avrebbe squassato Genova sino all'Ottobre del 1580 (D. Cambiaso, La peste in Val Polcevera negli anni 1579-80 in Giorn. St. e Lett. della Liguria).
Verso la fine del febbraio 1580 la peste risfiorò le ville orientali di Ventimiglia con un caso mortale al Poggio di Sanremo:
... habbiamo inteso che Giacomo Capoduro arrivato che fu al Poggio assai presto si morite di peste essendosi attaccato d'esso male in questo modo, ma prima le diremo che costui era un capraro et al principio che si scoperse la peste in detto luogo del poggio dove allhora lui dimorava fu ritornato nel territorio di San Remo et in quel luogo dopo haver fatto due quarantene fu introdotto et sempre stato et praticato trattenendosi in casa d'un chiamato Giovanni Pesante che gli fu sicurtà che non andarebbe nel detto luogo del Poggio, la qual cosa non ha osservato ma andato occultamente e per vie indirette a parlare alla sua filia (.2) come fu scritto per l'antecedente nostra et ritornato subito si senti doler la testa, con la sopragionta dell'enfiatura alla coscia, n che da detto Giovanni pesante padrone della casa fu fatto noticia al Magnifico Comissario et da lui fatto vedere il patiente fu trovato che il suo male era contagioso, et tutto subito fu mandato via nel detto del poggio dove arrivato poco dopo morse, fu brusciata stanza della casa dove questo tale dormiva e tutte quelle cose che in quella si trovavano et detto Giovanni col restante della sua famiglia s'e ritirato in una sua villa in campagna vivendo ocn grandissimo sospetto . . . [Gli Ufficiali di Sanita al Signor di Monaco, da Ventimiglia, li 26-II-1580 in Fondo Bono, Ms 1, c. 319 recto-verso]
Oltre questa data non si hanno notizie dirette dagli Ufficiali di Sanita ma e certo che la peste, che aveva colpito Costarainera, Oneglia e la Provenza e stava falcidiando Genova, continuando a ri sparmiare Ventimiglia e ville in pratica le assediava, isolandole dal mondo e acuendo un grave stato di malessere che a quanto risulta dalle due seguenti lettere del Signore di Monaco dovette perdurare sino all'estate di quell'anno:
Magnifici Signori. Per la brieve vostra di S (.2) - di questo ho visto l'avviso, ch'avete havuto dal vostro Comissario che resiede alla bordighera, qualmente in Tenda et alla Briga siano seguiti casi di peste, la qual nova mi ha dato quel sentimento che potete considerare, et con tutto che io speri, che forse tal nova non possa esser vera, tuttavia io ne sto con molto affanno, et mi farete piacer grande, sapendone [diY il proprio, a darmine aviso, ringratiandovi della diligen tia usate in ragguagliarmi di quanto e a vostra notitia [...1Dio da mal viguardi. Da Monaco alli 6 diAprile 1580. [Siate conltenti di far haver l'alligato piego a gio: agostino monto[gliol importandomi che egli sicuramente, et fedelmente l'habbia A piaceri vostri Honorato grimaldo
C.B.A. Fondo Bono, Ms. 1, c. 411-13, la 412 solo recto, la 413 solo verso indirizzata Alli Magnifici Uffitiali di Sanita di Vintimiglia / A / Vintimiglia - 412 mutilo sul lato sinistro.
Magnifici, Per una mia di 3 di questo vi scrissi, come mi ritrovavo alcune vostre lettere, alle quali non risposi allhora per la fretta, con che vi diedi l'avviso di quella gondola carrica di robbe per portar a Taggia prese a Nizza; et hora havevo avuto, et alle altre che ho ricevu to dappoffaro con questa l'effetto dicendovi che dalli 28 del passato in qua mi trovo le seguenti vostre cio e di 28 di maggio prossimo passato, del primo, 3. 4 et 7 delpresente, le quali tutte contengano nove delle cose della sanita, quali mi sono sempre grate; et dell'amorevolezza, et buona nuova circa in ragguagliarmi, vi ne ringratio. Per quella delprimo di questo ho visto quanto mi repplicate di quel francese che comparse alla madonna di buon viaggio; nel qual proposito mi dic[ol [calpitando similpersone discaminate, mi occorre, che voi debbiate incaminarli, et consignarli alla guardia di mentone, ricercando di saper sopra questo il parer mio, vi rispondo che io mi ne rimetto a voi; et che li pigliate quella provisione che vi parerà piu espediente, non mancaro di dirvi, che par dura cosa levar il fastidio da se, e appoggiarlo al compagno, piaccia a nostro Domine dio, che non capitino simili occasioni perchè [comel voi dite non possano se non apportar noia, et fastidio per non tacervi il mio concetto, io sarei di parere che quando pur [capitilno tali per[sonel discaminate senza bollette, che voi non le lasciate altramente passare nella e per la via ordinaria, ne. tampoco per vie indirette, ma farle tornare indietro, perchè venendo senza bollette in questi tempi certa cosa, e, che non vengano per ben nissuno; pero com 'ho detto di sopra, io mi rimetto a quello che voi giudicarete più opportuno; Mi sarà caro sapere da voi se havete poi inteso altro di quel che si è detto esser seguito in Oneglia, e se sia così in effetto, il che Dio non voglia. Delle cose di Nizza non posso in effetti dirvi ben il proprio come passano, parlandosine variamente, tuttavia si intende da più relationi, che non li sia di peggio; et che dentro la città il mal vada allentando, ma che fuori alle trabache faccia pur progresso, et sperano con l'aggiuto di Nostro Signore di nettarsi presto; che così piaccia a sua divina maesta farline gratia liberandola affatto, et guardar tutti li altri luochi, che sono sani da questo et ogni altro sinistro; Nostro Signore da mal vi guardi et dia in tutto ogni contento.
Da Monaco alli 8 di giugno 1580.
Sarete contenti di far haver l'acclusa a Gio. Agostino Montoglio.
A piaceri vostri Honorato Grimaldo

C.B.A. *, Fondo Bono, Ms 1, c. 408 recto - ultime righe autografe - danni per umidità e funghi.
Dal Signore di Monaco ricaviamo (è l'ultimo documento noto in ordine cro nologico sulla peste del 1579-80) lo stato di angoscia in cui Ventimiglia e le sue otto ville dovettero permanere di sicuro sino all'estate di quell'anno. L'obbligato immobilismo sociale ed economico può spiegare molte cose: il degrado del quartiere Lago di Ventimiglia per esempio, notoriamente il più comodo ma anche il meno salubre!
Degrado dovuto all'assenza delle necessarie manutenzioni: come si vedrà di seguito in dettaglio, la città di Ventimiglia, che aveva urgenza di pronti restauri alle muraglie, al complesso urbano e all'intiero sistema idrico del Roia, non realizzò varie opere pubbliche e fu colpita da un consistente flusso emigratorio. II fenomeno egualmente si manifestò nelle ville, che l'assenza di provvisioni ed interventi invano richiesti finirono col lasciare prostrate e forse compatte nella convinzione che tutto, o quasi, fosse fatto per il Capoluogo: dove peraltro poco e anche difficoltosamente si riusciva a realizzare!
* C.B.A. = Civica Biblioteca Aprosiana di Ventimiglia da cui oltre gli inediti provengono parte delle immagine storiche .