cultura barocca
informatizzazione a c. di B. Durante

SHAGY E' QUELLO CHE SI SUOLE DEFINIRE UN CANE METICCIO, INCROCIO -FORSE NON CASUALE- DI UN BUON CANE DA CACCIA (IL POINTER) CON UN ALTRO TIPO DI CANE PIU' ROBUSTO E PIU' ADATTO ALLA CACCIA AL CINGHIALE. SHAGY E' UN ANIMALE SOLIDO, DI OLTRE 30 KG. DI PESO, ASSOLUTAMENTE OBBEDIENTE E DOCILE VERSO L'UOMO QUANTO VIVACE E CORAGGIOSISSIMO, IDEALE PER LA CACCIA ALLE GRANDI PREDE DEI CACCIATORI DELL'ARCO STORICO LIGURE-PROVENZALE. ABBANDONATO (PER MOTIVI IMPRECISABILI, FORSE SOLO PER L'UMANA STUPIDITA' O MAGARI PERCHE' FERITO, ED IN QUESTO CASO SI DEVE MENZIONARE L'UMANA CATTIVERIA) E' SOPRAVVISSUTO IN UN CANILE (IL CANILE DI VENTIMIGLIA INVERO MIRABILMENTE GESTITO NONOSTANTE LE TANTE DIFFICOLTA' CHE COMPORTA L'ACCUDIRE AD UN NUMERO SEMPRE CRESCENTE DI ANIMALI MENO FORTUNATI ) FINO A CONQUISTARSI, CON L'INCREDIBILE AFFETTO CHE SA DARE, LA FAMIGLIA CHE LO HA FORTEMENTE VOLUTO ED A DAR GRANDI ESEMPI DI DISINTERESSATO AMORE COME NEL CASO DI QUESTA GATTINA SALVATA ALLA MORTE E DA LUI ACCUDITA QUASI COME UN PADRE UN ESEMPIO, FORSE, PER TANTI UOMINI CHE VIVONO NELL'INDIFFERENZA E NEL RIFIUTO DI QUANTI SONO DIVERSI DA LORO