ALPI COZIE

Col nome di Alpes Cottiae si design˛ il tratto della catena alpina dal Monviso al Moncenisio. Presero nome da Cozio, romanizzato in M. Iulius Cottius, piccolo re del tempo di Augusto e forse giÓ governatore per Roma di quel territorio. Il figlio di questo e suo omonimo ricevette dall'Imperatore Claudio il titolo di re (44 d.C.) e i confini del regno vennero estesi. Sull'annessione all'Impero delle Alpi Cozie, stato vassallo sino alla sua morte (58 a.C.) del suo "Prefetto" Marco Giulio Cozio, sotto Nerone (Svetonio, Ner., 18: Aurelio Vittore, Caesar, 5, 2) e sulla costituzione dell'omonima provincia procuratoria di diritto latino (Tac., Ann., 15, 32, 1): Prosopographia Imperii Romani, saec. I, II, III a c. di E. Groag-A. Stein, I, 275 (Cozio) e A. MOMIGLIANO, Nero, in The Cambridge Ancient History, X, Cambridge, 1934, cap.XXII.
Con probabilitÓ suo capoluogo fu SUSA (Segusio)> sotto l'imperatore Diocleziano tutto il versante occidentale di questa Provincia alpina pass˛ a quella delle ALPI MARITTIME nella Diocesi delle Gallie. La provincia delle "Alpi Cozie", limitata al versante orientale, si estese nella pianura sottostante, nella Diocesi d'Italia.