informatizz. a cura di di B. Durante

Bartolomeo de Las Casas (1474 1566), detto anche l'"apostolo degli indios" (che qui vediamo riprodotto da un ritratto custodito alla Biblioteca Colombiana di Siviglia) fu figlio di un ricco proprietario spagnolo di piantagioni nei Caraibi. Rimasto colpito dalle durissime condizioni di vita e lavoro degli amerindiani schiavizzati si fece sacerdote per meglio assumerne le difese. Convinto che la "colonizzazione deve servire pi¨ agli infedeli che ai principi cristiani" esperiment˛ un particolare sistema di colonizzazione e civilizzazione degli indigeni ed al proposito ottenne nel 1520 un territorio di costa di 250 leghe, ma non ottenne i risultati attesi. Decise allora di difenedere gli Indios come predicatore e divenuto vescovo di Chiapas nel 1544 intensific˛ questa sua opera ottenendo per˛ l'odio dei latifondisti spagnoli. Nonostante l'appoggio del papa fu costretto a ritornare in patria e discolparsi, con successo, da gravi accuse di eresia. Per l'etÓ avanzata e le malattie non torn˛ po¨ in America ma continu˛ a difendere la causa degli Amerindiani al punto estremo che consigli˛ poi la tratta dei negri ritenendo che, per la loro robustezza, fossero meglio idonei degli Indios a sopportare il massacrante lavoro delle coltivazioni americani. Successivamente si opentý aspramente di questa sua affermazione sostenendo pubblicamente che la "cattivitÓ dei negri Ŕ ingiusta tanto quanto quella degli indiani"