informatizzazione DURANTE

Stando alle indicazioni fornite dall'erudito ex Parroco di Bevera don Mario Trivini Bellini l'attuale parrocchiale intitolata a S. GIOVANNI BATTISTA, di cui nell'immagine si pu˛ ammirare il fronte, risalirebbe al XVIII secolo e sarebbe andata a sostituire una pi¨ antica chiesa ormai in degrado. Il Trivini aveva desunto queste poche notizie da un libro di appunti di un antico Rettore, che lui ricordava intitolato "Notizie sulla chiesa di Bevera" e che era conservato nell'annessa sagrestia ma che and˛ poi perduto in modo abbastanza indecifrabile. Questa chiesa, eretta proprio all'inizio del borgo e subito prima della deviazione per la frazione di VARASE, sarebbe andata a coprire lo spazio dedicato all'antico cimitero, poi soppresso, del borgo. Si tratta di un edificio semplice e lineare, a pianta rettangolare ed unica navata, con all'interno gli evidenti segnali delle reciproche interferenze tra il tardo-barocco e l'emergente stile neoclassico: la lettura critica dell'edificio Ŕ stata per˛ sempre complicata dal replicarsi di interventi edili e di ristrutturazioni, anche recenti, non sempre progettate o realizzate in sintonia con la linea originaria della fabbrica

FOTOGRAFIA DI GIULIO PANCIROLI